Lavorare negli eSports, alcuni consigli utili

20/gen/2019 18:41:02 marketing-seo.it Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 6 mesi fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Vi piacciono i videogames e vorreste diventare dei gamer professionisti e guadagnare soldi giocando? Poter lavorare facendo quello che più ci appassiona è il sogno di tutti, per chi ama i videogiochi avere modo di dedicargli tutto il tempo e le energie, trasformando una passione in un lavoro è sicuramente un obiettivo importante.

Diventare gamer professionisti e lavorare negli eSports è possibile ma non è facile come molti pensano, il fatto di non avere dei requisiti fisici per competere non vuol dire che l’accesso a queste discipline virtuali sia più facilitato, anzi, il solo talento non è sufficiente, per diventare dei gamer professionisti bisogna lavorare sodo.

Cosa fare per competere professionalmente negli eSport?

Come per tutti i lavori bisogna essere sicuri della scelta che si sta facendo e dalla strada da intraprendere, nel caso degli eSport la prima cosa da fare è scegliere il genere nel quale si vuole competere, come per tutti gli ambiti professionali, anche per gli sport elettronici, ci si deve focalizzare su un settore per il quale si è più predisposti.

Bisogna allenarsi seriamente, cercando di posizionarsi al meglio in tutte le classifiche e aumentando il grado nelle partite “ranked”; utile entrare a far parte di un team, inizialmente può essere un gruppo di amici che gioca a livello amatoriale.

Se si è bravi si può anche venire notati da un altro gruppo che potrebbe chiedere di arruolarsi nella propria squadra, esattamente come avviene nei giochi e negli sport tradizionali.

Dopo essere entrato in qualche gruppo bisogna cercare di farsi notare dalla community come Facebook o Youtube, grazie a queste organizzazioni nascono le Org, società che possono anche tesserare i giocatori, vendere merchandise e lavorare sui social.

Per diventare professionisti bisogna anche iniziare a partecipare ai tornei per conoscere i propri avversari e farsi notare, più importante sarà il torneo e migliore dovrà essere la performance.

Non sapete quale gioco scegliere?

Sulla scena degli eSports ci sono tanti genere e titoli anche molto famosi di cui avrete sicuramente sentito parlare perché presenti anche sulle console come le simulazioni calcistiche PES o FIFA, ma anche i famosi MOBA (League of Legends, DOTA 2), sparatutto come Counter Strike, Call of Duty e Overwatch, strategici come Starcraft e Clash Royale, non mancano i giochi di carte, per citarne un paio Hearthstone e Gwent.

Solitamente i giochi per chi vuole prendere parte agli eSports si giocano su PC, ma esiste una scena competitiva anche su console e sul mondo mobile, quest’ultimi giochi vengono chiamati touch eSport.

Lo scopo in tutti i giochi è comunque quello di scalare le classifiche e farsi notare, se si vuole fare carriera nel mondo degli eSport bisogna essere più che bravi, dei veri professionisti, oltre a poter essere potenzialmente scelti da team famosi, si può diventare anche testimonial del settore per grandi sponsor, un altro ottimo metodo di guadagno.

Ricordate: rendere la vostra passione un lavoro è possibile, basta impegno, costanza e tanto allenamento e prima o poi verrete notati.

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl