Sottoporre i cani ad una dieta sana con prodotti industriali; è possibile?

10/mar/2017 17.14.35 Pet Shop Store Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 30 giorni fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Non sono poche le persone che, convinte di fare il bene del proprio cane, evitano qualunque mangime industriale, optando per un'alimentazione casalinga. In realtà, oltre al fatto che esistono aziende in grado di proporre cibo biologicamente appropriato, come le crocchette Orijen per cani, spesso non si ha un'idea molto chiara di cosa sia un'alimentazione casalinga. 

Molti, infatti, confondono quest'ultima con gli avanzi provenienti dalla tavola; un metodo che ha come unica giustificazione il risparmio di tempo e denaro, ma non la salute dell'animale. Una scelta simile, infatti, potrebbe ridurre notevolmente l'aspettativa di vita di un cane

cibo biologicamente appropriato, come le crocchette Orijen per cani

È sufficiente rivolgersi ad un veterinario per comprendere come una dieta casalinga debba basarsi su cibo preparato esclusivamente per il cane e non, genericamente, per l'essere umano. Niente carne cotta, ricca di spezie e sale, niente pesce fritto, niente cibi eccessivamente grassi. Inoltre, il rischio di scegliere una dieta casalinga è quello di somministrare all'animale una quantità di cibo eccessiva. 

In linea di massima, un esemplare adulto in buona salute dovrebbe assumere 30/40 grammi di cibo umido per chilo di peso. Si tratta solo di un'indicazione, in quanto ogni esemplare ha il proprio metabolismo e, pertanto, occorrerebbe adattare le quantità di cibo alla singola situazione, e allo stile di vita dell'animale. Perché la dieta casalinga possa dirsi completa, dovrà prevedere le giuste percentuali di carne, di pasta e riso (in quantità limitate) e di verdure. Inoltre, è necessario preparare i diversi ingredienti in modo da favorire la digestione, evitando quelli potenzialmente dannosi per la salute. In alcuni casi è opportuno integrare la dieta con semi e olio di girasole, perfetti nel fornire acidi grassi essenziali. Da quanto indicato finora, emerge come una dieta casalinga richieda, a chi decide di adottarla, volontà, tempo, attenzione alla qualità degli ingredienti e la considerazione di altri aspetti non sempre facili da valutare. 

Se i vantaggi sono rappresentati dalla scelta in prima persona degli ingredienti e dall'assenza di conservanti e di additivi, non mancano dei punti negativi. Alimentazione casalinga significa cucinare per il proprio cane tutti i giorni ,e utilizzare tagli di carne di buona qualità (risparmiare vorrebbe dire unicamente offrire scarti di carne pieni di grassi e di cartilagine). 

A rendere non sempre consigliabile la dieta casalinga è anche il fatto che numerosi padroni non hanno una conoscenza sufficiente degli alimenti dannosi per l'organismo del cane. 

Tra questi ultimi rientrano, in base a quanto detto in precedenza, gli avanzi provenienti dalla tavola (indipendentemente dalla natura e dal genere). 

Sughi, ragù e fritti devono assolutamente essere banditi, in quanto completamente al di fuori dal concetto di alimentazione adatta all'animale a quattro zampe. 

Un alimento vietatissimo è anche il cioccolato; tanto amato dall'uomo, rappresenta un vero e proprio veleno per i cani. 

I legumi, in generale, provocano flatulenza, mentre le patate non sono consigliate in quanto eccessivamente ricche di amidi (dovrebbero essere inserite nella dieta solamente in presenza di particolari condizioni). Altrettanto pericolosi sono aglio e cipolla, in quanto rischiano di sviluppare una forma di anemia molto grave. Anche funghi, uvetta e dolci (questi ultimi possono portare il cane a dover fare i conti con il diabete mellito) sono off-limit. Un altro rischio è quello di non riuscire a valutare perfettamente le quantità di cibo da preparare; questo potrebbe portare, soprattutto nei primi tempi, o nei mesi caldi, a sprecare degli alimenti facilmente deperibili. 

Chi non dispone del tempo necessario per garantire la massima qualità del cibo al proprio cane, ha l'opportunità di optare per del cibo biologicamente appropriato. Affidandosi ai croccantini Orijen si avrà la certezza di assicurare al proprio cane una dieta sana, equilibrata, estremamente naturale e di alta qualità. 

Un aspetto al quale l'azienda attribuisce un'importanza cruciale è la freschezza delle carni utilizzate. Avere a disposizione pollame, carni rosse, pesce e uova assolutamente freschi è uno dei fondamenti per ottenere alimenti biologicamente appropriati di elevata qualità. 

Solo un ingrediente fresco può garantire il giusto apporto di proteine e grassi e, allo stesso tempo, regalare degli aromi che permettono alle crocchette di risultare particolarmente appetibili. Questo significa non aver bisogno di ricorrere ad alcun appetizzante come accade, invece, nel caso di cibo industriale di bassa qualità. 

Non sono solamente carne e uova ad essere freschi, ma anche la frutta e la verdura presenti nelle formulazioni. 

Acquistare crocchette per cani Orijen vuol dire fornire al proprio cane ingredienti certificati adatti al consumo umano, e assoluta assenza di conservanti.

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl