4 idee originali per una gita fuori porta a Milano

26/feb/2017 15.45.52 Red Valentina Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 3 mesi fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Vi proponiamo quattro diverse destinazioni per concedervi una gita fuori porta con partenza da Milano, assolutamente originale e che saprà emozionarvi

 

La maggior parte dei turisti che arriva a Milano, magari nell’arco di un week-end, concentra la sua attenzione sulle bellezze artistiche meneghine più conosciute: il Duomo, il Castello, la Pinacoteca di Brera i Navigli e la nuova Darsena.  Avendo però più tempo a disposizione, Milano può essere un ottimo punto di partenza per delle gite fuori porta davvero interessanti ed originali e che vi lasceranno senza dubbio un ottimo ricordo.

Spesso infatti non è necessario spingersi molto lontano per concedersi una giornata di relax e come spesso succede, per trovare posti splendidi è sufficiente spostarsi di pochi chilometri.

 

La prima idea per una gita fuori porta, partendo da Milano è forse anche la più suggestiva: un viaggio panoramico a bordo del celebre trenino delle ferrovie retiche, il trenino rosso del Bernina, che parte da Tirano fino ad arrivare 2.253 metri del passo del Bernina per scendere sino ai circa 1800 metri di St. Moritz. Lo spettacolo di cui si potrà godere durante la salita vi lascerà mozzafiato e, magari dopo un delizioso pranzo a St. Moritz, potrete approfittarne per visitare il Museo Segantini, che ospita l’assoluto capolavoro di Giovanni Segantini, "Il Trittico delle Alpi".

 

Se invece siete appassionati di musica e melodie, un’ottima destinazione da raggiungere è Cremona città della musica, di grandi liutai e di grandi musicisti, ma anche culla di grandi pittori come Giulio, Vincenzo e Antonio Campi e della gola, con il torrone e la mostarda. 
Adagiata sulle rive del Po, Cremona è una città dalla doppia anima: strettamente legata alla sua storia passata, con un centro storico intatto e, allo stesso tempo, incredibilmente internazionale, grazie alla sua straordinaria tradizione musicale, con persone che arrivano da tutto il mondo per poter suonare o studiare in questo centro nevralgico dal sapore antico. E capita spesso di sentire la musica mentre si è a passeggio, musica proveniente dalle abitazioni di studenti delle scuole musicali e dalle botteghe dei liutai.

 

Un’altra interessante gita fuori porta da Milano proposta da è quella che vede come destinazione Padova.

Una città che "spritza": questo è Padova. Culla delle arti, come la chiama Shakespeare nel La bisbetica domata, è da sempre città viva, simpatica e... frizzante. Ma soprattutto giovane: sì perché a Padova, tra uno spritz e l'altro, si frequenta l'Università, quella in cui Galileo insegnò per un decennio, quella dove si è laureata la prima donna della storia, quella dove ancora oggi c'è, omaggio alla scienza e al desiderio di conoscenza, il più antico teatro anatomico in legno, perfettamente conservato! Una città che ti accoglie chioccia sotto i suoi portici, tanti, lunghi, ininterrotti, che ti conducono da una parte all'altra e non te ne accorgi, preso come sei a guardarti intorno: una piazza, i Signori, un'altra, le Erbe, un cantone, al Gallo, un caffè, il Pedrocchi, che una volta non chiudeva mai le porte! E poi il ghetto, la basilica del Santo, che protegge e veglia su tutti, il Prato della Valle, che di erba non ne ha! Ma Padova è per noi, soprattutto, Giotto. Padova è gli Scrovegni, è quella rivoluzione dell'arte che si opera, come un miracolo, all'inizio del Trecento. E non lo lascia più. Il battistero, l'oratorio di San Giorgio, il palazzo della Ragione: il nostro viaggio sarà come un'immersione dentro quella nuova lingua, parlata per la prima volta dopo l'antichità in modo così semplice e chiaro, così comprensibile a tutti.

 

Altro centro bellissimo da raggiungere, partendo da Milano è Mantova. Il punto migliore per osservarla è quello dei laghi che la circondano, frutto dell'opera sapiente dell'uomo che ha saputo convogliare le acque del Mincio. Dall'acqua si possono cogliere in tutta la loro bellezza le architetture del Palazzo Ducale, una vera e propria città nella città, le case-torri medioevali e la mole della cupola della Basilica di San'Andrea, capolavoro di Filippo Juvarra.

Potreste dividere la giornata visitando la mattina la Camera degli Sposi nel Castello di San Giorgio, riaperta due anni fa dopo i danni del terremoto, in un nuovo allestimento ricco di opere d'arte; e poi l'appartamento privato di Isabella d'Este con il suo studiolo.

Dopo aver gustato le prelibatezze locali, lasciatevi incantare dal Teatro Bibiena, una raffinata e sfavillante sala teatrale Rococò, giunta miracolosamente intatta ai nostri occhi. Non mancate poi di visitare il magnifico Palazzo Te, capolavoro manierista di Giulio Romano, luogo di svago e delizia costruito per il figlio di Isabella d'Este, il duca di Mantova Federico II, con gli splendidi affreschi delle storie di Psiche, la Sala dei Cavalli e l'incredibile Sala dei Giganti, una meravigliosa scenografia che coinvolge il visitatore in uno degli episodi più drammatici della mitologia greco-romana. E l'incanto

 

Queste sono soltanto alcune delle tante destinazioni possibili per una gita fuori porta da Milano. Mi Guidi ad esempio sul suo portale (http://www.miguidi.it) offre queste e tantissime altre idee originali per apprezzare al meglio e da un punto di vista differente le bellezze meneghine e dei suoi dintorni. 

 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl