Comunicati.net - Comunicati pubblicati - Hobby e Tempo Libero Comunicati.net - Comunicati pubblicati - Hobby e Tempo Libero Sun, 20 May 2018 15:59:46 +0200 Zend_Feed_Writer 1.12.20 (http://framework.zend.com) http://comunicati.net/comunicati/hobby_e_tempo_libero/1 Una piacevole serata al PalaPizza di Frattamaggiore Thu, 17 May 2018 12:33:06 +0200 http://comunicati.net/comunicati/hobby_e_tempo_libero/cucina/479668.html http://comunicati.net/comunicati/hobby_e_tempo_libero/cucina/479668.html Miss Italia 71a edizione Miss Italia 71a edizione  

 Arte e gastronomia, il successo portante per Enrico Di Pietro

 Ha ottenuto un meritato successo, il maestro pizzaiolo Enrico Di Pietro, che ha voluto presentare ai mass media dell’informazione, ad esponenti di spicco del settore dell’alimentazione ed alle autorità cittadine di Frattamaggiore, il ristrutturato “PalaPizza”, in via Vittoria, n. 36, a Frattamaggiore, dove dal 2009, ha scelto di porre la sede della propria attività lavorativa che lo ha portato al ,successo già anni addietro, quando si è trasferito da Napoli sua città originaria. La  prima soddisfazione per Enrico è quella che, nato con questa passione per la pizza, acquisita già nel grembo materno ed espressa immediatamente sin dai suoi primi anni di vita nel ristorante del papà, dopo anni di intenso lavoro e con tanto impegno, non solo è riuscito a realizzare numerosi successi con tanti trofei vinti in competizioni nei vari campionati di pizza, ma quella di poter abbellire quella prestigiosa sede di palazzo del Vicario (fine XVI secolo), uno degli storici stabili, vanto delle belle arti che Frattamaggiore possiede, creando in questa struttura la possibilità per lui dapprima ed ora anche per il figlio Claudio, che lo segue con passione nella professione di pizzaiolo, di poter accogliere i suoi avventori ed offrire loro un sempre migliore servizio, accompagnato da ospitalità e gusto. Per realizzare un evento di tale importanza, che ha dato vita a qualcosa di veramente originale e spettacolare nelle varie visioni che vanno dalla location alla qualità dei prodotti culinari che Di Pietro offre alla sua clientela, c’era bisogno di qualcuno veramente esperto e valido del mondo della comunicazione nel territorio campano, ma riconosciuto tale anche oltre i nostri confini regionali, ed ecco l’impegno della “BC Communication Services Srl” della quale è titolare la giornalista Brunella Cimadomo che con la sua grande professionalità si è consolidata nel garantire successi a coloro che si rivolgono al suo operato.

Anche in questa occasione, infatti, si è riscontrata una affluenza di giornalisti e professionisti altamente qualificati del settore, che intervenendo alla serata hanno promosso la struttura dando merito all’iniziativa creata dalla Cimadomo e concordemente messa in atto da Di Pietro, con la collaborazione nella scelta dei palazzi, affidata a Francesco Montanaro, di realizzare nel Palazzo della Pizza la kermesse dal titolo: “Quattro Pizze per quattro Palazzi”. Una manifestazione che come affermato dal sindaco di Frattamaggiore “Ha unito utile a dilettevole, da un lato la rivitalizzazione dei palazzi storici che rappresentano la storia della città e delle nostre tradizioni, da un altro lato c’è la piacevole tradizione della pizza, ed avere come minimo comune denominatore un alimento così famoso, ma soprattutto così gustoso, che ci permette di ricordare la nostra storia, sicuramente è una cosa piacevole e che può giovare a tutti. Oltretutto il fatto che questo imprenditore non è frattese, ma di adozione sta a significare che lo abbiamo accolto bene e che la nostra cittadina gli è piaciuta così tanto da valorizzarla”.

 

Dopo l’introduzione all’evento con il saluto portato da Brunella Cimadomo e Enrico Di Pietro, le motivazioni tema della serata, sono state oggetto di intervento del prof. Francesco Montanaro presidente dell’Istituto di Studi Atellani, di Vincenzo Peretti direttore del Consorzio del Provolone del Monaco Dop, che ha voluto per l’occasione consegnare un attestato “Premio Fedeltà” firmato personalmente con l’interesse della stampa e di tanti fotografi come Gennaro D’Aria, meglio conosciuto come ‘O Masto d’ ‘a Pizza, che con i suoi scatti ha immortalato i vari momenti della serata e ci ha offerto gratuitamente anche alcune delle foto che pubblichiamo, e del sindaco di Frattamaggiore Marco Antonio Del Prete. Mentre i primi due interventi sono stati di grande interesse per il lato gastronomico che ha interessato le quattro pizze presentate in abbinamento ad altrettanti palazzi storici che la città possiede, il primo cittadino frattese ha evidenziato l’importanza dell’iniziativa che ha accomunato arte, storia e buon cibo che Frattamaggiore vanta e che promuove interesse turistico, un interesse che deve  sempre più aumentare, magari con altre iniziative come questa dato che ci sono a Fratta altri palazzi storici ed altre bellezze che, anche loro, meritano una promozione. Le quattro pizze create per la serata, con i nomi di quattro monumenti importanti del paese, alle quali sono stati abbinati come farcitura prodotti tipici delle varie epoche storiche di questi palazzi, sono state realizzate con i latticini Iovine ed accompagnate dalla nuova birra Peroni Cruda e sono state alternate da varie specialità gastronomiche che la pizzeria in oggetto è solita offrire ai suoi clienti. La denominazione delle pizze, per le quali Di Pietro ha espresso nelle interviste fattegli una altissima competenza e conoscenza delle materie prime utilizzate, con anche la loro storia e il loro perfetto abbinamento nella gastronomia che lo portano ad essere tanto apprezzato da tutti, è: “Pizza del Vicario” a base di nzogna e pepe (una sugna di particolare qualità e gusto che Di Pietro ricerca nell’ambito di pregiate produzioni super selezionate che trovano vita nel casertano), “Pizza del Vescovo” (palazzo settecentesco), con pomodorino giallo e provolone del Monaco Dop, “Pizza del Cannavaro” con farina di canapa, (un prodotto quello della canapa del quale Frattamaggiore detiene meriti di alta produzione, e come affermato dal sindaco va dato merito a Di Pietro di promuoverla anche attraverso la gastronomia) salsiccia di maialino nero casertano e provola di Agerola e “Pizza del Borghese” (palazzo del novecento), una sfoglia di pizza con impasto, doppia cottura con aggiunta di bocconcini di bufala, pomodoro ciliegino basilico e parmigiano. La chiusura della luculliana cena, prioritariamente a base di pizze, è stata onorata con successo dal particolare dolce, anch’esso creativo, del maestro pizzaiolo Enrico Di Pietro.

Giuseppe De Girolamo

 

]]>
Saga Dawa: la ricorrenza più significativa del Tibet sbarca anche a Trieste Wed, 16 May 2018 21:13:27 +0200 http://comunicati.net/comunicati/hobby_e_tempo_libero/varie/479609.html http://comunicati.net/comunicati/hobby_e_tempo_libero/varie/479609.html Centro Buddhista Tibetano Sakya “Künga Chöling Centro Buddhista Tibetano Sakya “Künga Chöling

Venerdì 25 maggio 2018, grazie al Centro Buddhista Tibetano Sakya “Künga Chöling” di Trieste, impegnato nella pratica e diffusione del Buddhismo Mahayana, la festa buddhista “Saga Dawa”, ovvero una delle ricorrenze più significative del Tibet, sbarca anche a Trieste, offrendo una irripetibile occasione di arricchimento culturale e spirituale.


Durante il "Saga Dawa" vengono celebrati i tre momenti più importanti della vita di Buddha: la Nascita, il raggiungimento del Nirvana cioè l’Illuminazione ed il Parinirvāṇa, ovvero la morte del suo corpo mortale.

 

Inoltre, nella tradizione, Buddha, all'avvicinarsi della cessazione della sua esistenza, riferì a uno dei suoi discepoli di continuare a seguire gli insegnamenti sull'essere compassionevole e gentile. Per questo motivo, l’evento si qualifica come occasione di riflessione sul tema della Pace con ani Sherab Choden (Malvina Savio).  Per ravvivare la serata, seguirà un momento musicale offerto dal Sakya Music Dharma Friends, coordinato da Giorgio Blasco che eseguirà musiche ispirate alle atmosfere degli altipiani asiatici.

 

Parteciperà anche il tenore Giuseppe Botta e la soprano Elisabetta Richter che eseguiranno un Duo di Ferdinando Carulli, Canzoni Napoletane e Canti Catalani di Garcia Lorca.

 

L’ingresso, dalle ore 17:00 c/o Sala “Primo Rovis” della Pro Senectute (Via Ginnastica, 47 �“ Trieste), è aperto a tutti coloro che desiderano avvicinarsi al Buddhismo e/o  conoscere un interessante spaccato della cultura tibetana.

 

Inoltre, per chi volesse immergersi in modo più approfondito in questa festa, può partecipare alle preghiere organizzate presso il Centro Buddhista Tibetano Sakya (Via Marconi �“Trieste) alle ore 19:00, durante la giornata di mercoledì 23 maggio 2018.

 

Per informazioni e prenotazioni, è possibile telefonare al numero: 040571048 o scrivere a: sakyatrieste@gmail.com. Oppure, è possibile visitare il sito: www.sakyatrieste.it


Il Centro Buddhista Tibetano Sakya “Künga Chöling” sostiene, inoltre, importanti iniziative solidali per salvaguardare il patrimonio del popolo tibetano. 

 

 


]]>
CS EpicTour App Mon, 14 May 2018 14:27:11 +0200 http://comunicati.net/comunicati/hobby_e_tempo_libero/varie/479203.html http://comunicati.net/comunicati/hobby_e_tempo_libero/varie/479203.html EpicTour EpicTour Buon giorno,
alleghiamo quanto in oggetto. 
Cordiali Saluti 
 

COMUNICATO STAMPA

“EPICTOUR APP: IL PATRIMONIO CULTURALE ITALIANO… VIRALE COME NON MAI”

L’applicazione che ti sfiderà a scalare la classifica attraverso quesiti, prove creative fotografiche e geolocalizzate, facendoti vincere epici viaggi, scaricabile sugli store di Apple e Android dal 14 maggio.

Bologna, 14 maggio: “In quante contrade è divisa Siena? In quale regione si trova il borgo di Gromo? Quale paese ospita il Volo dell’Angelo?”. EpicTourun gioco limpido e libero, semplice nei meccanismi, al contempo creativo e approfondito nei contenuti. Più di 2000 domande di vario genere e livello, che andranno ad abbracciare il patrimonio artistico, storico e culturale italiano. Non ci sono solo domande a risposta aperta o multipla ma anche 300 prove creative fotografiche nelle quali entrerà in gioco la parte artistica dei giocatori e 400 sfide geolocalizzate presso zone monumentali, castelli e centri storici. Viene chiesto per esempio di fare un selfie con la stessa espressione che aveva Alessandro Volta quando ha inventato la pila o di scrivere su un foglio -e poi fotografarlo- quale tipo di pittura suscita personalmente maggior stupore.  Epictour permette ai giocatori di misurare e "coltivare" la propria sensibilità per il bello che li circonda, in tutte le sue forme. In palio due viaggi epici per due persone ciascuno.

 

Lo smartphone e la tecnologia della geolocalizzazione divengono dunque strumenti imprescindibili per apprezzare i monumenti e la cultura di cui possiamo godere in ogni città d’Italia, ma anche per coltivare la propria creatività da qualsiasi luogo ci si connetta, anche da casa propria. I giocatori di EpicTour non hanno fretta, se non di testare le proprie conoscenze ed affinare le proprie abilità, divertendosi. Sanno di partecipare ad una vera e propria futuristica caccia al tesoro nella quale si possono vincere splendidi viaggi. 

 

«Lo scopo iniziale», ci racconta Emiliano Neri - tra gli ideatori del progetto, skipper e vigile del fuoco volontario - «era di creare un gioco, che avrebbe avuto un rilievo anche a livello internazionale. Incredibilmente l'Italia possiede circa la metà del patrimonio artistico culturale mondiale, è quindi il luogo ideale per il lancio di EpicTour. La civiltà italica ha una storia importantissima che rischia di essere dimenticata, travolta dai ritmi che il tempo che viviamo ci impone e che potrebbe minarne le radici. Con EpicTour abbiamo la presunzione e la speranza di dare un piccolo contributo per difendere la nostra ricchezza culturale». 

«Abbiamo l'obiettivo di coinvolgere un grande numero di italiani», prosegue l’altra mente del progetto Bruno Taglione - speaker radiofonico e amante della storia medievale -, «per poi esportare EpicTour in tutti gli altri stati e continenti, fino a quando non diverrà un gioco globale che potrà dar vita ad una comunità consapevole e partecipe dell'ambiente che la circonda. In questa ottica di globalità, noi creatori di EpicTour abbiamo deciso di premiare il vincitore facendogli scoprire il resto del mondo. Per questo concorso inaugurale il viaggio in palio è un tour di 11 giorni nella mistica India del Nord».

 

EpicTour affronta molto eticamente il trattamento dei dati personali degli utenti, avvalendosi dell'utilizzo di geolocalizzazioni dinamiche all'interno del gioco e non conservando dati personali sensibili, se non per gli adempimenti di legge. Nonostante la tendenza odierna a conservare i dati sensibili per poi rivenderli, gli utenti EpicTour non avranno preoccupazioni riguardo alla sicurezza della loro privacy e potranno così godersi questo "epico viaggio" attorno alle bellezze del loro paese.

 

EpicTour è disponibile sia nelle versioni iOS e Android. Il costo dell'applicazione è 1,19 euro, ma è possibile provare gratuitamente l’applicazione prima di decidere se continuare a giocare e partecipare al concorso. Una volta acquistata l’applicazione EpicTour l’utente potrà giocare senza che gli venga richiesto o addebitato nessun costo per tutta la durata del concorso.

Per info e regolamento del concorso su: https://www.epictourapp.com/regolamento.

 

Ufficio stampa

Emiliano Neri

Tel. 320 0888414

emiliano@epictourapp.com

info@epictourapp.com

https://www.epictourapp.com

https://youtu.be/eHcV6BcZ_so


]]>
EPICTOUR APP: IL PATRIMONIO CULTURALE ITALIANO… VIRALE COME NON MAI Mon, 14 May 2018 14:23:43 +0200 http://comunicati.net/comunicati/hobby_e_tempo_libero/varie/479165.html http://comunicati.net/comunicati/hobby_e_tempo_libero/varie/479165.html EpicTour EpicTour

L’applicazione che ti sfiderà a scalare la classifica attraverso quesiti, prove creative fotografiche e geolocalizzate, facendoti vincere epici viaggi, scaricabile sugli store di Apple e Android dal 14 maggio.

Bologna, 14 maggio: “In quante contrade è divisa Siena? In quale regione si trova il borgo di Gromo? Quale paese ospita il Volo dell’Angelo?”. EpicTourun gioco limpido e libero, semplice nei meccanismi, al contempo creativo e approfondito nei contenuti. Più di 2000 domande di vario genere e livello, che andranno ad abbracciare il patrimonio artistico, storico e culturale italiano. Non ci sono solo domande a risposta aperta o multipla ma anche 300 prove creative fotografiche nelle quali entrerà in gioco la parte artistica dei giocatori e 400 sfide geolocalizzate presso zone monumentali, castelli e centri storici. Viene chiesto per esempio di fare un selfie con la stessa espressione che aveva Alessandro Volta quando ha inventato la pila o di scrivere su un foglio -e poi fotografarlo- quale tipo di pittura suscita personalmente maggior stupore.  Epictour permette ai giocatori di misurare e "coltivare" la propria sensibilità per il bello che li circonda, in tutte le sue forme. In palio due viaggi epici per due persone ciascuno.

 

Lo smartphone e la tecnologia della geolocalizzazione divengono dunque strumenti imprescindibili per apprezzare i monumenti e la cultura di cui possiamo godere in ogni città d’Italia, ma anche per coltivare la propria creatività da qualsiasi luogo ci si connetta, anche da casa propria. I giocatori di EpicTour non hanno fretta, se non di testare le proprie conoscenze ed affinare le proprie abilità, divertendosi. Sanno di partecipare ad una vera e propria futuristica caccia al tesoro nella quale si possono vincere splendidi viaggi. 

 

«Lo scopo iniziale», ci racconta Emiliano Neri - tra gli ideatori del progetto, skipper e vigile del fuoco volontario - «era di creare un gioco, che avrebbe avuto un rilievo anche a livello internazionale. Incredibilmente l'Italia possiede circa la metà del patrimonio artistico culturale mondiale, è quindi il luogo ideale per il lancio di EpicTour. La civiltà italica ha una storia importantissima che rischia di essere dimenticata, travolta dai ritmi che il tempo che viviamo ci impone e che potrebbe minarne le radici. Con EpicTour abbiamo la presunzione e la speranza di dare un piccolo contributo per difendere la nostra ricchezza culturale». 

«Abbiamo l'obiettivo di coinvolgere un grande numero di italiani», prosegue l’altra mente del progetto Bruno Taglione - speaker radiofonico e amante della storia medievale -, «per poi esportare EpicTour in tutti gli altri stati e continenti, fino a quando non diverrà un gioco globale che potrà dar vita ad una comunità consapevole e partecipe dell'ambiente che la circonda. In questa ottica di globalità, noi creatori di EpicTour abbiamo deciso di premiare il vincitore facendogli scoprire il resto del mondo. Per questo concorso inaugurale il viaggio in palio è un tour di 11 giorni nella mistica India del Nord».

 

EpicTour affronta molto eticamente il trattamento dei dati personali degli utenti, avvalendosi dell'utilizzo di geolocalizzazioni dinamiche all'interno del gioco e non conservando dati personali sensibili, se non per gli adempimenti di legge. Nonostante la tendenza odierna a conservare i dati sensibili per poi rivenderli, gli utenti EpicTour non avranno preoccupazioni riguardo alla sicurezza della loro privacy e potranno così godersi questo "epico viaggio" attorno alle bellezze del loro paese.

 

EpicTour è disponibile sia nelle versioni iOS e Android. Il costo dell'applicazione è 1,19 euro, ma è possibile provare gratuitamente l’applicazione prima di decidere se continuare a giocare e partecipare al concorso. Una volta acquistata l’applicazione EpicTour l’utente potrà giocare senza che gli venga richiesto o addebitato nessun costo per tutta la durata del concorso.

Per info e regolamento del concorso su: https://www.epictourapp.com/regolamento.

 

Ufficio stampa

Emiliano Neri

Tel. 320 0888414

emiliano@epictourapp.com

info@epictourapp.com


https://www.epictourapp.com

<!-- /* Font Definitions */ @font-face {font-family:Arial; panose-1:2 11 6 4 2 2 2 2 2 4; mso-font-charset:0; mso-generic-font-family:auto; mso-font-pitch:variable; mso-font-signature:3 0 0 0 1 0;} @font-face {font-family:"MS 明朝"; panose-1:0 0 0 0 0 0 0 0 0 0; mso-font-charset:128; mso-generic-font-family:roman; mso-font-format:other; mso-font-pitch:fixed; mso-font-signature:1 134676480 16 0 131072 0;} @font-face {font-family:"Cambria Math"; panose-1:2 4 5 3 5 4 6 3 2 4; mso-font-charset:0; mso-generic-font-family:auto; mso-font-pitch:variable; mso-font-signature:3 0 0 0 1 0;} @font-face {font-family:Cambria; panose-1:2 4 5 3 5 4 6 3 2 4; mso-font-charset:0; mso-generic-font-family:auto; mso-font-pitch:variable; mso-font-signature:3 0 0 0 1 0;} /* Style Definitions */ p.MsoNormal, li.MsoNormal, div.MsoNormal {mso-style-unhide:no; mso-style-qformat:yes; mso-style-parent:""; margin:0cm; margin-bottom:.0001pt; mso-pagination:widow-orphan; font-size:12.0pt; font-family:Cambria; mso-ascii-font-family:Cambria; mso-ascii-theme-font:minor-latin; mso-fareast-font-family:"MS 明朝"; mso-fareast-theme-font:minor-fareast; mso-hansi-font-family:Cambria; mso-hansi-theme-font:minor-latin; mso-bidi-font-family:"Times New Roman"; mso-bidi-theme-font:minor-bidi;} a:link, span.MsoHyperlink {mso-style-priority:99; color:blue; text-decoration:underline; text-underline:single;} a:visited, span.MsoHyperlinkFollowed {mso-style-noshow:yes; mso-style-priority:99; color:purple; mso-themecolor:followedhyperlink; text-decoration:underline; text-underline:single;} .MsoChpDefault {mso-style-type:export-only; mso-default-props:yes; font-family:Cambria; mso-ascii-font-family:Cambria; mso-ascii-theme-font:minor-latin; mso-fareast-font-family:"MS 明朝"; mso-fareast-theme-font:minor-fareast; mso-hansi-font-family:Cambria; mso-hansi-theme-font:minor-latin; mso-bidi-font-family:"Times New Roman"; mso-bidi-theme-font:minor-bidi;} @page WordSection1 {size:612.0pt 792.0pt; margin:70.85pt 2.0cm 2.0cm 2.0cm; mso-header-margin:36.0pt; mso-footer-margin:36.0pt; mso-paper-source:0;} div.WordSection1 {page:WordSection1;} -->

https://youtu.be/eHcV6BcZ_so

]]>
Comunicato CLEAN UP THE AIR Thu, 10 May 2018 17:18:18 +0200 http://comunicati.net/comunicati/hobby_e_tempo_libero/varie/478864.html http://comunicati.net/comunicati/hobby_e_tempo_libero/varie/478864.html Clean Up the Air Clean Up the Air Clorofilla ff: parte da Bologna l'edizione 2018 del festival Thu, 10 May 2018 10:34:51 +0200 http://comunicati.net/comunicati/hobby_e_tempo_libero/varie/478813.html http://comunicati.net/comunicati/hobby_e_tempo_libero/varie/478813.html clorofilla film festival clorofilla film festival

PER REDAZIONE SPETTACOLI

Si invia comunicato sulle proiezioni a Bologna del Clorofilla film festival.
Vi preghiamo di dare la notizia.

Cordiali saluti,

simonetta grechi

cell. 339.1201079

 

 

Grosseto, 10 maggio 2018                                                             Comunicato stampa

 

CLOROFILLA: PARTE DA BOLOGNA L’EDIZIONE 2018  DEL FESTIVAL PROMOSSO DA LEGAMBIENTE

 

Riparte da Bologna la diciassettesima edizione del Clorofilla film festival, promosso da Legambiente, con una rassegna che prende il via oggi, giovedì 10 maggio, e proseguirà fino al 31 di questo mese.

Clorofilla DOC è nato per volontà dell’associazione Ca’ Bura Onlus, Legambiente Emilia-Romagna Onlus e Oasi dei Saperi: quattro serate nello spazio dell’Associazione Ca’ Bura all’interno del Parco dei Giardini a Corticella (Bologna).

Le proiezioni, a cadenza settimanale, riguarderanno alcuni documentari a tema ambientale che hanno partecipato all’edizione 2017 del festival: si parlerà di orti urbani con “Ci vuole un fiore” di Vincenzo Notaro (10 maggio), di agricoltura e di scelte di vita sostenibili in “Con i piedi per terra” di Andrea Pierdicca (17 maggio) e di energie con “L’occasione bruciata. Quando la bioenergia fallisce” di Luca Bonaccorsi e Alessandro De Pascale (24 maggio).

L’ultima serata del 31 maggio è dedicata al primo documentario del concorso 2018 con “The harvest” di Andrea Paco Mariani, un docu-musical sul caporalato nell’agropontino.

Le proiezioni sono a ingresso gratuito. Info: https://www.legambiente.emiliaromagna.it/

 

 

Descrizione: Descrizione: Bannerino sito

 

Clorofilla film festival - loc. Enaoli - 58100 Rispescia -GR-

tel. 0564-48771 sito internet: www.festambiente.it - e.mail: cinema@festambiente.it 

************************************************** 
P
 Before printing think about environment 
Ai sensi del Decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 - "Codice in materia di protezione dei dati personali", si precisa che le informazioni contenute in questo messaggio e negli eventuali allegati sono riservate e per uso esclusivo del destinatario.
Persone diverse dallo stesso non possono copiare o distribuire il messaggio a terzi.
Chiunque riceva questo messaggio per errore, è pregato di distruggerlo e di informare immediatamente il mittente 
************************************
This email and the information it contains are confidential and intended solely for the exclusive use of the individual to whom it is addressed. If you are not the intended recipient, this email should not be copied, forwarded, or printed for any purpose, or the contents
disclosed to any other person. If you have received this email in error, please notify to  the sender and then delete the email.

 

]]>
IV Concorso Fotografico "Ri-Scatti - IN PRIMO PIANO" Tue, 08 May 2018 18:49:43 +0200 http://comunicati.net/comunicati/hobby_e_tempo_libero/varie/478471.html http://comunicati.net/comunicati/hobby_e_tempo_libero/varie/478471.html Associazione Corda in Accordo Onlus Associazione Corda in Accordo Onlus Il 10 maggio alle ore 20.00 scadono i termini di presentazione delle foto per il IV Concorso Fotografico "Ri-Scatti" indetto dall'Associazione Corda in Accordo Onlus  che ha come tema “In Primo Piano”.

Il concorso, che ha il patrocinio del Comune di Salerno, chiede di cogliere aspetti del tema  sia nell’accezione puramente tecnica di un'inquadratura che stringe fermamente su una persona o un oggetto in particolare che come metafora di ciò che è importante per ciascuno di noi. Ogni lavoro dovrà essere accompagnato da un breve commento sul tema proposto. 

La partecipazione al concorso è gratuita per i giovani fino a 23 anni che concorreranno per la categoria speciale “Primi Scatti” che prevede un Premio Speciale per il Primo Classificato. Dai 23 anni in su l’iscrizione è di € 10,00 e sono ammessi tutti i fotografi professionisti e non e gli amanti della fotografia senza limiti di età.

A tutti i partecipanti sarà consegnato un Attestato di Partecipazione.

Questi i premi della categoria generale: 

1° classificato premio di € 200;

2° classificato premio di € 100;

3° classificato smart box valido per due persone.

 

Le fotografie, a colori o in bianco e nero, possono essere scattate da cellulari, tablet o simili e non dovranno aver subito ritocchi significativi come fotomontaggi o alterazioni della realtà ripresa. Ogni partecipante può inviare una foto inedita in formato cartaceo, ovvero carta opaca o lucida, di dimensioni di 25cmx37cm a 254dpi. I commenti scritti unitamente al nome dell’autore dovranno limitarsi a un massimo di 20 righe ovvero 250 parole totali per ciascuna foto, dovranno avere la funzione didascalica di spiegazione della foto presentata, rispetto al tema proposto. Come le fotografie, i testi dovranno essere inediti e ideati dal partecipante al concorso.

 

Per visionare il regolamento completo http://www.cordainaccordo.it/4--concorso-ri-scatti.html

Per info:  cordainaccordo@gmail.com

347.6060829

335.1327051

]]>
Migliori casino online certificati in Italia Mon, 07 May 2018 18:32:02 +0200 http://comunicati.net/comunicati/hobby_e_tempo_libero/varie/478340.html http://comunicati.net/comunicati/hobby_e_tempo_libero/varie/478340.html casinoautorizzati casinoautorizzati

Si allunga la lista dei casinò online certificati aams. Se sono certificati dalla Amministrazione Autonoma dei Monopoli di Stato italiano state sereni: sono tutti legali, onesti e sicuri.
Noi abbiamo però i nostri casino online certificati aams del cuore. Sono quelli che non ci hanno mai deluso, che hanno sempre saputo stupirci con nuovi giochi, nuove versioni, tantissimi bonus sempre diversi e molti ricchi. Bonus al primo deposito, bonus senza deposito, bonus sulle versioni flash o riservati ai giocatori vip, sempre chiaramente descritti e soprattutto facilmente ottenibili. I migliori casino online certificati aams preferiti sono sempre aggiornati con nuovi giochi e collaborano con le maggiori software house del mondo. I casino online certificati aams migliori del web ci supportano in ogni modo, attraverso il loro servizio di assistenza online disponibile e preparato, con le sezioni del sito dedicate alle spiegazioni e alle istruzioni, con la versione for fun dei giochi che ci permette di giocare senza soldi veri. I casino online offrono sia le slot machine che anche i giochi live, con le belle croupier dal vivo in carne ed ossa proiettate nelle nostre case da web cam sofisticatissime.

Qui trovi una lista dei migliori casino online autorizzati in Itaiia  tutti certificati aams in Italia.

William Hill: non possiamo che iniziare da lui. Tradizione e storia del gioco si sposano con le più sofisticate tecnologie informatiche del web. La software house di riferimento è Playtech, la versione live della roulette insuperabile per fascino e competenza delle croupier. 

Titanbet: al pari di William Hill in tutto, magari l'atmosfera è meno ricercata e patinata, ma l'ambiente più sobrio è una precisa scelta della casa, per molti versi condivisibile. Tra i casino online  certificati quello con l'assistenza al giocatore più completa per forma e sostanza. Anche per Titanbet Playtech ha messo a punto giochi perfetti, comprese le tanto attese slot machine.
Betway: tra i casino certificati online l'unico ad avvalersi della tecnologia informatica di Microgaming, software house rivale di Playtech. I suoi giochi sono perciò insuperabili nella grafica, nei suoni e negli effetti speciali. La sua lobby, sullo sfondo di una Venezia notturna, ci apre le porte delle mille e una notte dei casino online certificati.
888: chiudiamo la lista dei nostri casino online certificati aams del cuore con 888. La sala da gioco virtuale più sbarazzina, giovane e innovativa di tutte. I suoi giochi 888 se li inventa da solo e i suoi tecnici informatici lavorano bene se hanno inventato la versione live dei giochi ora disponibile un poco ovunque nei migliori casino sul web. Giochi visti in tv,The Money Drop con 1.000.000 di euro in palio, il Gioco dei Pacchi e le fantastiche slot machine. 888 offre anche il 888 club un programma di accumulo punti con in palio gettoni d'oro
Payout elevatissimi e controllaticome previsto dalla normativa AAMS che rende ogni sessione di gioco online molto soddisfacente ed entusiasmante, non solo per lo spettacolo, ma anche per quanto si vince!


]]>
festival olistica sulla luna Mon, 07 May 2018 17:35:57 +0200 http://comunicati.net/comunicati/hobby_e_tempo_libero/varie/478334.html http://comunicati.net/comunicati/hobby_e_tempo_libero/varie/478334.html Gayayoga Gayayoga Sabato 12 e domenica 13 maggio si terrà il primo Festival Olistica sulla Luna,
dedicato all'arte ed al benessere naturale a 360°, al Borgo dei Semplici, immerso nelle colline della Toscana, ma a due passi dalla Romagna si terrà infatti a Santa Sofia Marecchia (Ar).

Dalla mattina del sabato alla sera della domenica un ricco programma che spazia dallo yoga ai massaggi al teatro , tutto ad offerta libera consapevole, con docenti dell'Università Popolare Maitri di cui è Presidente Vittoria Fornari , scrittori come l’autore fantasy Lucio Molinari e la partecipazione del gruppo bolognese Gayayoga, coordinato dall'attrice e yogini Gaia Chon.

Per avere ulteriori informazioni si consiglia di visitare le pagine Fb Borgo dei Semplici e Gayayoga


Due giorni rilassati ricchi di incontri ed esperienze tra antiche pietre, in una cornice naturale selvaggia e incontaminata.
Ingresso libero
Il tema del festival è la sintonia con la Natura: rispetto di tutti gli esseri nelle loro differenze, condivisione di momenti di gioia spensierata, alimentazione consapevole e la scoperta di uno stile di Vita Naturale.
Saranno presenti filosofi, artisti, naturopati, scrittori che terranno incontri e presentazioni. Yoga, campane tibetane, massaggi benessere, workshop teatrali e camminate nel verde !

Ingresso libero al festival e al programma ,
offerta libera e consapevole ai trattamenti individuali.
La cucina dell'agriturismo sarà aperta e fumante per pranzi cene e spuntini !!

IL PROGRAMMA :
sabato 12
ore 10 - Cerchio dell’incontro - tradizione celtica di buona energia !!
ore 11 - Yoga Family - giochiamo con le posizioni yoga ispirate alla natura ed agli animali-per grandi e piccini con Gaia Chon
ore 15 - incontrare un Albero nel Bosco Magico con Vittoria Fornari
ore 16 - Pittura istintiva con Vittoria Fornari
ore 17 - Meditazione Sonora con Davide Chon
ore 18 - Express Yourself : impara ad incontrare ed esprimere tutte le parti di te attraverso esercizi di teatro olistico a cura di Gaia Chon

domenica 13
ore 10 - Yoga con Vittoria Fornari
ore 11 - Buone Vibre - brevi esercizi sonori di concentrazione e rilassamento con il supporto di campane tibetane ed altri strumenti
ore 15 - Coloriamo il mandala con Lorena Garotti
ore 17 - Lucio Molinari presenta il suo ultimo libro "Emit Lear: Cronache di Avitalys"
ore 18 - Cerchio degli arrivederci - tradizione celtica !!

]]>
Come preparare i sott'oli pugliesi Mon, 07 May 2018 16:42:03 +0200 http://comunicati.net/comunicati/hobby_e_tempo_libero/cucina/478320.html http://comunicati.net/comunicati/hobby_e_tempo_libero/cucina/478320.html marketing-seo.it marketing-seo.it Quando si decide di fare una conserva di verdure sott’olio l’elemento più importante è, appunto, un olio di qualità come lo sono quelli pugliesi, ancor meglio se viene acquistato direttamente in frantoio dopo la spremitura e imbottigliatura, perché si ha certezza della provenienza e della qualità.

L’olio pregiato di frantoio è alla base per una perfetta conservazione delle verdure, nonché protagonista delle ricette di tradizione pugliese più conosciute al mondo.

Sono diverse le verdure che possono essere conservate sott’olio, di seguito ve ne proponiamo alcune.

Le melenzane sott’olio

Le melanzane sott’olio sono il contorno di tante portate come antipasti, primi e secondi, solitamente vengono raccolte in estate ma consumate spesso durante il periodo invernale.

Per realizzare le melenzane sott’olio in casa dovete sbucciarle e affettarle e disporle a strani, condendole con aglio, mentuccia e sale, poi si devono spremere per bene facendo uscire l’acqua amara che contengono al loro interno.

Quando le melanzane pressate e spremute hanno assunto una colorazione molto bianca, allora si può dire che sono pronte per il passaggio successivo.

Dopo averle fatte riposare, si possono conservare nei vasetti, per insaporirle si aggiunge peperoncino fresco e origano e si ricopre tutto con l’olio fino all’orlo.

I vasetti devono rimanere aperti fin quando le melanzane non avranno eliminato le bolle d’aria, e poi dovranno essere chiusi ermeticamente; prima di assaggiarle far passare qualche mese.

Peperoni sott’olio

Prendere del prezzemolo e dell’aglio e tritarli in modo grossolano; lavare i peperoni ed eliminare i semi, poi tagliarli in senso verticale, lo spessore va scelto in base al gusto personale.

Mettete l’aceto in una pentola e salatelo e fate cuocere fino ad ebollizione per circa 10 minuti, poi scolate con cura le verdure e mettetele ad asciugare su un panno asciutto finché non si raffreddano.

Dopo che si saranno asciugati riporli in vasetti a strati, alternando ai peperoni uno strato di capperi, pezzi di acciuga, aglio, prezzemolo tritato e basilico, alla fine riempire con l’olio fino all’orlo e aspettare qualche giorno prima di consumarli.

I vasetti vanno chiusi ermeticamente in modo da non far entrare aria e vanno tenuto in un luogo asciutto e riparato.

I peperoni sott’olio possono essere consumati, così come le melenzane, durante aperitivi o come antipasto; se non avete tempo di prepararli in casa, c’è un sito che si occupa di vendita online sott'oli pugliesi, vengono proposte le melanzane, i peperoni e altri ortaggi sott’olio.

All’interno del sito trovate tantissimi prodotti tipici della regione Puglia, tutti di qualità superiore, non mancano vini, paté, ripieni, sughi, prodotti da forno, essiccati e molto altro per gustare l’essenza della vera cucina pugliese.

Il successo dei sott’oli pugliesi sta nella genuinità dei prodotti utilizzati, partendo dagli ortaggi fino all’olio extra vergine di oliva pugliese, famoso per essere uno dei migliori nel mondo.

I sott’oli sono anche un ottimo contorno, vengono utilizzati spesso per accompagnare secondi piatti a base di carne rossa e bianca; inoltre, alcuni ristoranti e locande li propongono anche sul pane per fare delle bruschette sfiziose e gustose, diverse dalle classiche con il pane e pomodoro.

]]>
Seminario "LA VALIGIA DEGLI ATTREZZI" Sun, 06 May 2018 20:10:51 +0200 http://comunicati.net/comunicati/hobby_e_tempo_libero/varie/478209.html http://comunicati.net/comunicati/hobby_e_tempo_libero/varie/478209.html Centro Method Centro Method  

Tecniche e Strumenti in Mediazione Familiare

 

I conflitti negati o non elaborati conducono spesso a conflitti “mascherati” che si esprimono in modo sotterraneo, attraverso comportamenti passivo – aggressivi, di svalorizzazione dell’altro, di sarcasmo, di disconferma. Tutto ricade poi sui figli, che vengono coinvolti in alleanze collusive e disturbate e si trasformano in antidepressivi, in ostaggi, in partner sostitutivi.

La coppia in separazione ha quasi sempre necessità di un’opera di Mediazione che aiuti le parti a guardare più lontano, senza negare le sofferenze e, al tempo stesso, dando valore alla componente creativa del conflitto.

Durante il seminario saranno proposti strumenti efficaci per lavorare nella Mediazione Familiare.

Sono stati riconosciuti 6 crediti AIMS per Mediatori Familiari.

 

Informazioni:

Il seminario si svolgerà venerdì 11 maggio dalle ore 15 alle ore 19, presso l’Istituto

“CENTRO METHOD” in via Sandro Pertini, 16 56035 Perignano (PI). Il costo è di

30 euro. Per iscrizioni e ulteriori informazioni: tel. 0587 617027 - centromethodnews@gmail.com

 

]]>
Seminario "LA VALIGIA DEGLI ATTREZZI" Sun, 06 May 2018 20:10:26 +0200 http://comunicati.net/comunicati/hobby_e_tempo_libero/varie/478208.html http://comunicati.net/comunicati/hobby_e_tempo_libero/varie/478208.html Centro Method Centro Method  

Tecniche e Strumenti in Mediazione Familiare

 

I conflitti negati o non elaborati conducono spesso a conflitti “mascherati” che si esprimono in modo sotterraneo, attraverso comportamenti passivo – aggressivi, di svalorizzazione dell’altro, di sarcasmo, di disconferma. Tutto ricade poi sui figli, che vengono coinvolti in alleanze collusive e disturbate e si trasformano in antidepressivi, in ostaggi, in partner sostitutivi.

La coppia in separazione ha quasi sempre necessità di un’opera di Mediazione che aiuti le parti a guardare più lontano, senza negare le sofferenze e, al tempo stesso, dando valore alla componente creativa del conflitto.

Durante il seminario saranno proposti strumenti efficaci per lavorare nella Mediazione Familiare.

Sono stati riconosciuti 6 crediti AIMS per Mediatori Familiari.

 

Informazioni:

Il seminario si svolgerà venerdì 11 maggio dalle ore 15 alle ore 19, presso l’Istituto

“CENTRO METHOD” in via Sandro Pertini, 16 56035 Perignano (PI). Il costo è di

30 euro. Per iscrizioni e ulteriori informazioni: tel. 0587 617027 - centromethodnews@gmail.com

 

 

]]>
Seminario "LA VALIGIA DEGLI ATTREZZI" Sun, 06 May 2018 20:10:06 +0200 http://comunicati.net/comunicati/hobby_e_tempo_libero/varie/478207.html http://comunicati.net/comunicati/hobby_e_tempo_libero/varie/478207.html Centro Method Centro Method Tecniche e Strumenti in Mediazione Familiare

 

I conflitti negati o non elaborati conducono spesso a conflitti “mascherati” che si esprimono in modo sotterraneo, attraverso comportamenti passivo – aggressivi, di svalorizzazione dell’altro, di sarcasmo, di disconferma. Tutto ricade poi sui figli, che vengono coinvolti in alleanze collusive e disturbate e si trasformano in antidepressivi, in ostaggi, in partner sostitutivi.

La coppia in separazione ha quasi sempre necessità di un’opera di Mediazione che aiuti le parti a guardare più lontano, senza negare le sofferenze e, al tempo stesso, dando valore alla componente creativa del conflitto.

Durante il seminario saranno proposti strumenti efficaci per lavorare nella Mediazione Familiare.

Sono stati riconosciuti 6 crediti AIMS per Mediatori Familiari.

 

Informazioni:

Il seminario si svolgerà venerdì 11 maggio dalle ore 15 alle ore 19, presso l’Istituto

“CENTRO METHOD” in via Sandro Pertini, 16 56035 Perignano (PI). Il costo è di

30 euro. Per iscrizioni e ulteriori informazioni: tel. 0587 617027 - centromethodnews@gmail.com

]]>
Casino online Autorizzati AAMS in Italia Sun, 06 May 2018 18:55:01 +0200 http://comunicati.net/comunicati/hobby_e_tempo_libero/varie/478205.html http://comunicati.net/comunicati/hobby_e_tempo_libero/varie/478205.html casinoautorizzati casinoautorizzati
Giocare d'azzardo online può portare con sé alcuni rischi per i players e per questo motivo è fondamentale scegliere di giocare nei casino online autorizzati AAMS. AAMS garantisce infatti il gioco sicuro e legale per i giocatori che si collegano dal territorio italiano. Solo in questo modo sei sicuro e vivere le emozioni del gioco del casino sino in fondo e senza preoccupazioni.

Cosa sono i casino online autorizzati?


Quando si sente parlare di casino online autorizzati si intende solo e soltanto una cosa: un sito, di casino online, legalmente riconosciuto. In Italia l’ente che rende un casino online legalmente riconosciuto e autorizzato si chiama AAMS. La normativa AAMS contiene i parametri che i casino online devono rispettare in Italia per essere legali. Ottenere una autorizzazione e successivamente la certificazione dall'AAMS rende un sito di gaming online assolutamente sicuro. Da quando sono state rilasciate le prime licenze nel 2012 la passione degli italiani per il gioco ha continuato a crescere e nel 2016 la spesa nei casino online legali AAMS in Italia ha superato il miliardo. Per questo, se desiderare giocare alla roulette piuttosto che alle slot machine, è sempre meglio farlo su un sito di casino certificato e sicuro, dato che i casino non autorizzati sono non solo pericolosi, ma sono anche perseguibili legalmente.

I casino stranieri sono illegali?



Per essere legale, un casino online italiano deve avere la licenza concessa dall'AAMS, non significa che quelli stranieri non lo siano. Infatti anche un casino straniero può ricevere autorizzazione AAMS. Tuttavia, un casino con una licenza per operare ad esempio in UK senza la licenza specifica per l’Italia (quindi la licenza AAMS) non opera legalmente nel territorio italiano.

Infatti, abbiamo parlato delle regole vigenti per il nostro Paese ma, nulla osta che anche casino stranieri siano legali in altri territori. La sola differenza sta nel fatto che l'ente erogatore del riconoscimento non è l’AAMS.

Naturalmente, dato che si tratta di mettere in gioco dei soldi reali, è bene controllare che si tratti di siti legali per le autorità del Paese che li ospita, perché, proprio come accade in Italia, anche negli altri Paesi ci sono delle normative in merito al gioco autorizzato e sicuro. Per questo è fondamentale sapere quale ente eroga la licenza per il paese di riferimento.

Perché scegliere un casino online legale?



La domanda ha una sola, semplice, risposta: la sicurezza per il giocatore. Ogni casino online richiede l'apertura di un conto di gioco che, solitamente, è collegato a un carta. Per questo motivo entrano in ballo soldi veri, che si giocano e si vincano. A questo punto la domanda sorge spontanea: non volete che i vostri soldi siano assolutamente al sicuro? La risposta è scontata ed è positiva: per questo motivo è necessario scegliere un casino online legale.

Inoltre, nei casino legali vengono monitorati i payout cioè quanto i casino restituiscono ai giocatori in vincite. Questo garantisce che il gioco sia onesto.

A cosa si può giocare in un casino online legale?



C'è chi cerca le emozioni del gioco in una sala e chi decide di farlo online. Cosa cambia? Che in un casino vero e proprio ci si deve andare, mentre in un casino legale online si può giocare comodamente seduti in poltrona, nel proprio salotto. Ma a quali giochi si può giocare in un casino online legale? La risposta è semplice: a quasi tutti quelli che si giocano nei casino fisici: roulette, blackjack, baccarat, poker nelle versioni anche con live dealer. Sono inoltre disponibili videopoker e slot machine. Tutti i giochi sono sicuri e affidabili e una scossa di adrenalina assicurata!


]]>
Gran fervore ha suscitato InFermento Fri, 04 May 2018 19:35:01 +0200 http://comunicati.net/comunicati/hobby_e_tempo_libero/cucina/478138.html http://comunicati.net/comunicati/hobby_e_tempo_libero/cucina/478138.html Miss Italia 71a edizione Miss Italia 71a edizione I mass media, attratti dall’originale e propositiva struttura

Ha riscontrato grande interesse per la stampa, l’attraente locale “InFermento” recentemente aperto a Nocera inferiore, in via Vescovado18, che ha voluto, dopo qualche mese di successi concretizzati, presentarsi ai mass media con una cena, denominata “Serata clou di Cultura e Gastronomia”, per pubblicizzare le sue concrete realtà che l’hanno già portato ad essere uno dei più gettonati locali dell’agro nocerino sarnese e di tutta la provincia salernitana, ma anche più ampiamente campana. Questa nuova ed innovativa location InFermento, punto di riferimento per chi ama qualcosa di diverso ed al tempo stesso tradizionale nei prodotti che offre, quasi tutti della nostra Campania Felix, serviti in una ambientazione che anch’essa tocca il moderno, conservando l’antico e storico spirito campano, raggiunge menti e sensi dei frequentatori, tanto da farlo emergere, in soli pochi mesi, a struttura amata da un pubblico che spazia da elementi più giovanili a senior, riunendo tutti in un piacevole ed unico desiderio di riscoprire le proprie terre, le proprie origini, i propri gusti e sapori, per conservarli e espanderne la loro reale bontà. Il suddetto locale, vanta come Direttore del servizio di sala il maître Dario Duro, Vice Presidente della sezione Napoli dell’Associazione Maître Italiani Ristoranti e Alberghi, e che ha quindi scelto come suoi collaboratori uno staff di ottima professionalità.

Il pomeriggio vissuto dagli invitati alla kermesse, è iniziato con una descrizione dei prodotti di eccellenza della Campania che questo locale utilizza, fatta dagli stessi produttori: Caseificio Roberta – Fisciano SA; Caseificio Aurora - Sant’Egidio del Monte Albino SA; Pastificio Del Prete - Cesa CE; Sorrentino Salumi Italiani - Pagani SA; Sa Lu Pesca SRL Gruppo Rea 8 (Ref. Emanuele Sansone); Linea Verde di Giulio Contento – Nocera Inferiore SA; D&G Food Service distribuzione ortofrutta – Volla NA; Pomodori San Marzano Solania Srl – San Valentino Torio SA; Aziende vinicole: Azienda Vinicola Castelle – Castelvenere BN; Giuseppa Filadoro Az. Agricola - Lapio AV; Tenuta Macellaro - Postiglione SA; Cardosa - Castel San Lorenzo SA; Azienda Votino Srl – Bonea BN; Regina Viarum Sas - Falciano del Massico CE; Mièr Vini - Taurasi AV; Az. Agricola Adelina Molettieri – Montemarano AV; Caffè Toraldo; Pasticceria Carrelli – Pagani SA; Il Bosco degli 0Alburni, Marroni IGP di Roccadaspide aromatizzati – Sicignano; Distilleria Russo – Mercato San Severino SA; Baroneserio Srls Cantine – Siano SA.

E’ seguito un momento di incontro con la stampa, con la presentazione della struttura fatta dagli stessi titolari e conduttori, per poi passare alla cena nel corso della quale i giornalisti e pochi altri invitati hanno potuto degustare i deliziosi piatti elaborati dallo chef della struttura Angelo Arrichiello.

 InFermento, sorge nel Palazzo Milano situato nel borgo vescovile di Nocera Inferiore, un borgo storicamente importante ed il titolare di questo Palazzo Nicola Milano, ci dice: “è qui che abbiamo impiantato una nuova attività. Il motore portante di questo nuovo tipo di ristorazione è il promuovere le eccellenze del nostro territorio perché molte volte si tende ad elogiare e lodare tutto quello che giunge qui da terre che sono oltre il fiume Garigliano, vini francesi, piemontesi e toscani, dando poca importanza invece alle nostre eccellenze. InFermento, nasce proprio per promuovere quello che abbiamo di buono sul nostro territorio e lo fa partendo dal mattino con una serie di caffè alquanto speciali dall’espresso al molecolare, accompagnati magari da dolci della casa, per continuare nel pomeriggio ed a sera offrendo prodotti della nostra salumeria che vanta, ovviamente, salumi tipici e formaggi nostrani ed ottimi vini campani, continuando poi la sera con il nostro Bistrot. Il nostro intento non è quello di creare semplicemente una ristorazione, ma più che altro attirare la clientela divenendo un punto di aggregazione. Quindi iniziare con un calice di vino, che accompagni uno stuzzichino, per giungere al momento cena con lo chef napoletano Angelo Arrichiello che propone un suo menù.

Questo locale InFermento, è composto da una caffetteria nella parte d’ingresso, con un attiguo salotto per soddisfare una tranquilla e rilassante degustazione, prosegue con la salumeria dove è ben visibile in una vetrinetta l’ampia esposizione di salumi e formaggi, continuando con una cantinetta con esposizione di vini d’alta qualità e una serie di sale dove l’avventore può godere il piacere di assaporare un pranzo o cena, in pratica una sala è riservata al lounge bar e caffè e due sale sono dedicate al bistrot. In Fermento, nasce nei cellari di Palazzo Milano, rivisitati, ma che riflettono quella che è la struttura originale dei locali d’una volta con pavimenti battuto in cemento, con parti d’epoca con archi e tutto ripreso secondo l’originalità della primaria costruzione, spazi dove abbiamo realizzato il percorso che parte dal bar per raggiungere le due sale adibite a bistrot, una un po’ riservata, idonea anche per eventi privati e l’altra aperta ad accogliere il pubblico, in totale circa 50 coperti. Il locale, è raggiungibile comodamente in auto percorrendo l’autostrada A3 ed uscendo a Nocera Inferiore, oppure percorrendo l’A30 uscendo a Castel San Giorgio, oppure a Nocera-Pagani e comunque raggiungendo poi il non distante centro della cittadina del salernitano. Dal portone centrale di Palazzo Milano si accede a InFermento, che possiede un parcheggio utile ad ospitare 30/40 auto, e che è aperto dalle ore 7:30 alle 23 circa, orario che nelle giornate di sabato o festive si prolunga di qualche ora”.

Lucia Attanasio, contitolare di InFermento soggiunge: “Il nostro obiettivo è quello di rendere questo locale un raccoglitore di tutte le eccellenze campane, intendo dire non solo quelle gastronomiche e culinarie, ma anche a livello artistico e musicale. Infatti stiamo ospitando, tutti i venerdì, musica dal vivo con cantanti e gruppi del territorio e col tempo vogliamo aprire anche più ampiamente ad Arte e Cultura, ospitando altre forme d’arte che siano attori di teatro, scrittori, scultori, maestri di pittura ed altre proposte inerenti al tema. Un vero e proprio raccoglitore, che faccia divenire InFermento, un luogo di spettacolo particolare come vuole il nome, che vuole che sia un fermento a 360 gradi e quindi anche culturale oltre al ricordo della fermentazione del vino dal quale più specificamente trae origine. Il nostro pubblico che ospitiamo, non è ben definito, infatti sono nostri graditi clienti tutti coloro che hanno voglia di riscoprire i sapori dei prodotti che offriamo, dei piatti che proponiamo, delle tradizioni che cerchiamo sempre più di recuperare e mettere in luce, quelle che sono nei nostri ricordi, che proponiamo con passione e con un tocco di originalità. Potremmo definire il nostro cliente, un avventore del gusto e delle tipicità campane in senso lato”.

Nicola continua dicendo: “sin dai miei anni più giovanili mi sono sentito spinto a scoprire punti di ristorazione, non quelli commerciali, ma quelli qualificanti dei prodotti tipici d’Italia ed andando in giro in altre regioni mi sono accorto che tendono a mettere prioritariamente, se non esclusivamente, in attenzione e degustazione i prodotti della propria regione. Di qui, la mia riflessione sulla nostra cucina eccellente, molte volte più ricca di proposte gastronomiche, nostre ed uniche, con prodotti che la Campania possiede in numero maggiore rispetto ad altre zone dello Stivale, che mi ha portato a desiderare la nascita di una struttura rispecchiante la mia volontà di portare, con gusto e cultura dello stesso, in evidenza quanto di meglio la Campania possiede. Il mio lavoro prioritario di medico, specializzato in Endocrinologia, mi porta a girare molto in Campania e quindi visitando le varie provincie, mi sono soffermato in aziende che producono prodotti enogastronomici. Piccole realtà produttive della nostra regione, che offrono prodotti invidiabili per la loro originalità, naturalezza, genuinità, profumi, sapori e gusti inconfondibili ed unici. Visitando, anche appassionatamente, eventi di promozione dei menzionati prodotti, ho scelto le aziende a mio avviso più valide, per promuovere al meglio queste pregevolezze gastronomiche ed ho dato vita, insieme alla mia socia Lucia, a questa realtà di InFermento, che trova spazio in Palazzo Milano, dove da anni sono all’attenzione del pubblico per l’ottima ospitalità che questa struttura è in grado di offrire per eventi vari, da convegni a feste di compleanni , matrimoni ed altro, arricchendolo ulteriormente.

La volontà di realizzazione di InFermento, è stata una combinazione fortuita, nata dal fatto che Lucia venne a Palazzo Milano per un evento, ed all’epoca l’intera struttura era dedicata esclusivamente a questo. Ci siamo poi rivisti altre volte e le dissi che avrei voluto creare uno spazio serale di degustazione per vino accompagnato da qualche stuzzicheria e Lucia mi propose di creare un locale più completo che partisse dal caffè del mattino, fino a sprigionare l’interesse del cliente alle altre ore della giornata. Abbiamo sviluppato l’idea, ampliandola ad un locale che non avesse la semplice gastronomia ed il successo si è subito riscontrato, divenendo un punto di aggregazione che dà la possibilità di gustare, oltre i prodotti campani e l’ottima cucina nostrana, anche della buona musica trasformandolo in un contenitore anche di eventi culturali. Un locale diverso da un ristorante qualsiasi, perché pensato con le finalità di offrire uno street food, piatti semplici non elaborati, quei piatti che sia per la frenetica vita che viviamo, sia per altri motivi, stanno cadendo un po’ nel dimenticatoio e stiamo così recuperando attraverso InFermento quelle tradizioni legate alla cucina nostrana”.

Alla serata sono intervenuti, oltre a numerosi giornalisti, con in primis Salvatore Campitiello Consigliere regionale Ordine Giornalisti Campania, nonchè Presidente “Assostampa Campania - Valle del Sarno”, l’Assessore alla Cultura del Comune di Nocera Inferiore Federica Fortino, il Presidente Associazione Culturale Neos Nuk Eugenio Sangianantoni, che ha presentato le finalità dell’associazione da lui presieduta e la mostra d’arte “Art Vision”, che con l’esposizione nelle varie sale di InFermento delle opere di vari artisti, ha dato il via a “Arte In Fermento” obiettivo dei titolari del locale in oggetto che intendono farlo divenire un polo di promozione culturale, oltre che della gastronomia, unendo a quest’ultima anche altre forme d’arte che le nostre terre vantano. Hanno partecipato all’evento anche il Presidente campano dell’Associazione Internazionale dei Discepoli di Auguste Escoffier Nicola Di Filippo, il Presidente campano dell’Associazione Professionale Cuochi Italiani Arturo Fusco, il Gran Maestro della ristorazione Giuseppe Di Napoli, il tesoriere della sezione Salerno dell’Organizzazione Nazionale Assaggiatori di Vino Massimiliano Cosenza, il Maestro violinista Antonio Ruocco che si è anche esibito allietando la serata fra gradi applausi, ed altri personaggi esperti del settore oltre a numerosi imprenditori di prodotti tipici locali e più ampiamente campani.

Giuseppe De Girolamo

 

]]>
Perchè affidarsi ad una psicologa o ad una psicoterapeuta Fri, 04 May 2018 18:08:07 +0200 http://comunicati.net/comunicati/hobby_e_tempo_libero/varie/478131.html http://comunicati.net/comunicati/hobby_e_tempo_libero/varie/478131.html Romaweblab Romaweblab Nella vita tutti quanti possiamo avere momenti in cui ci sentiamo indifesi, inadeguati, angosciati o ci comportiamo in un modo che non riusciamo a capire e che troviamo preoccupante.
Andare dallo psicologo o da uno psicoterapeuta è però una decisione spesso presa con riluttanza, quasi con vergogna, anche se cercare un aiuto psicologico non è poi tanto diverso dal rivolgersi a un professionista in altri settori come ad esempio rivolgersi ad un meccanica in caso di un guasto della propria auto o rivolgersi ad un elettricista in caso di un guasto elettrico.
Capire che la propria auto ha bisogno di un meccanico è a volte abbastanza semplice mentre capire che è opportuno chiedere una consulenza a uno psicologo o a uno psicoterapeuta non è affatto semplice.
Quali sono le problematiche che dovrebbero spingere una persona a chiedere un consulto psicologico?

Perché andare dallo psicologo o da uno psicoterapeuta?

In termini generali, l’aiuto di uno psicologo va cercato quando si attraversa un periodo di sofferenza psicologica che col tempo non passa o forse peggiora tanto da creare dei blocchi, delle limitazioni nella vita di ogni giorno, sul lavoro, con i familiari o gli amici.
Alcune persone decidono di andare dallo psicologo o da uno psicoterapeuta perché si sentono troppo spesso o da troppo tempo depresse o ansiose o perché sono sempre arrabbiate. Altre hanno bisogno di un sostegno per affrontare una malattia cronica che li ha ormai svuotati d’energia. Altre ancora sono in difficoltà a causa di una separazione, un divorzio o un lutto. O non possono fare a meno di picchiare chi amano o, diversamente, non riescono ad allontanarsi da chi le maltratta e le umilia giorno dopo giorno. O ancora hanno tanta di quella paura, imbarazzo e vergogna di essere criticate dagli altri o di non essere all’altezza che se ne stanno a casa da sole.
In tutti questi casi andare dallo psicologo e chiedere una consulenza psicologica può permettere di fare il punto della situazione, di mettervi un po’ di ordine.

A volte anche pochi incontri riescono a essere d’aiuto, mentre altre situazioni richiedono un percorso di psicoterapia.
Rispetto all’andare dallo psicologo, film e telefilm offrono purtroppo descrizioni macchiettistiche, per cui lo psicologo-psicoterapeuta risolve i problemi quasi per magia in un quarto d’ora oppure costringe il paziente a una decina d’anni di trattamento.
La verità sta nel mezzo e, se da un lato è impossibile che un unico incontro sia risolutivo, dall’altro non è affatto necessario che una psicoterapia sia senza fine: in media, una psicoterapia dura più di un anno ma non è infinita.
Il punto è che ci vuole tempo per capire il problema che causa tanta sofferenza e compromette la qualità della vita, per individuarne il significato e per cambiare il modo di reagire alle situazioni e gestire tensioni, infelicità e insicurezze.
Ci vuole tempo perché, sebbene sia un professionista adeguatamente formato che utilizza metodi e tecniche che la ricerca scientifica ha dimostrato efficaci, lo psicoterapeuta non possiede nessuna verità che, rivelata al paziente, possa miracolosamente guarirlo. Il punto è che non ci sono verità buone per tutti quanti, non ci sono scorciatoie.
Mettere a frutto le risorse che si possiedono, trovare nuovi equilibri per soddisfare i propri bisogni, insomma stare meglio è un obiettivo che si raggiunge in due. È un obiettivo che poggia cioè tanto sulla competenza dello psicoterapeuta quanto sulla personalità di chi si rivolge allo psicoterapeuta, le sue modalità di elaborazione, la sua motivazione al cambiamento, ad abbandonare modi di pensare, di fare esperienza e di comportarsi che non sono adeguati.
Rispetto a tutto ciò, lo psicoterapeuta aiuta il paziente ad aiutarsi. È come un giardiniere che ripulisce il terreno dalle erbacce e fornisce acqua, luce e nutrimento alla pianta: se la pianta cresce, dipenderà dalle cure fornite e dal modo in cui la pianta reagisce.
E qui finisce l’analogia con l’andare dal meccanico proposta all’inizio, perché lo psicoterapeuta, a differenza del meccanico, non opera semplicemente individuando il guasto e riparando il motore. La psicoterapia non è solo applicazione di una tecnica, ma è anche e soprattutto relazione empatica tra esseri umani.

Se pensi di avere un malessere o vuoi semplicemente aumentare la tua autostima puoi rivolgerti alla Dott.ssa Monica Rossotti, psicologa e psicoterapeuta a Roma per un consulto.

]]>
Correre Per Stare Bene - a Treviso uno tra i più importanti Training Consultant Nazionali (18 Maggio) Fri, 27 Apr 2018 09:06:38 +0200 http://comunicati.net/comunicati/hobby_e_tempo_libero/varie/477461.html http://comunicati.net/comunicati/hobby_e_tempo_libero/varie/477461.html Giuliamaria Dotto - Pr, Comunicazione, Eventi Giuliamaria Dotto - Pr, Comunicazione, Eventi Nasce un nuovo progetto a Treviso con lo scopo di esaltare l’importanza dello sport e del benessere, specie di quello dei runners: l’Auditorium Museo di Santa Caterina, venerdì 18 Maggio, accoglierà in una tavola rotonda professionisti sportivi rinomati a livello nazionale, tra cui Fulvio Massini, Training Consultant e autore del libro "Tipi che corrono”. 

L’importanza dell’attività sportiva è sempre associata ad una corretta alimentazione, uno scrupoloso controllo della salute e tanti accorgimenti che rendono lo sport un benessere di mente e corpo. In occasione del Training Camp per Runners organizzato da Farmacia Calmaggiore presso la pista di atletica di Villorba (Treviso - 18 e 19 Maggio), venerdì 18 maggio alle ore 20.30 verrà organizzato presso l’Auditorium Museo di Santa Caterina un evento collaterale aperto al pubblico che permetterà agli ospiti di potersi confrontare con uno tra i più famosi Training Consultant nazionali. 

Organizzato dalla Farmacia Calmaggiore di Treviso, sempre partecipe e attenta all’aspetto sportivo con diverse iniziative nell’ambito, l’evento consentirà agli ospiti di poter assistere ad una tavola rotonda sulla nutrizione e l’allenamento del runner. 

Per l’occasione, a portare il loro contributo professionale nell’ambito, saranno presenti diversi professionisti nel campo tra cui Fulvio Massini, uno dei piú influenti preparatori atletici per il running in Italia che coglierà l’opportunità di presentare alla città il suo nuovo libro “Tipi che corrono”, acquistabile in loco durante la serata grazie alla collaborazione instauratasi tra la Farmacia Calmaggiore e la Libreria Canova di Treviso.

Parte del consiglio direttivo della SINSEB, ovvero sezione nutrizione della società italiana di alimentazione dello sport, Fulvio Massini, che racconta di aver subito “morbo della corsa” già dall’età di 16 anni, è diventato negli anni un professionista rinomato a livello nazionale, qualifica che l’ha portato a diventare, oltre che training consultant, anche autore di diversi libri sul tema dell’allenamento nella corsa. “Andiamo a correre” fu il primo manuale completo per il runner di ogni livello edito da Rizzoli e pubblicato da Massini nel 2012.

Assieme al Professore, a dare il proprio contributo nell’ambito della salute del runner anche Emiliano Benelli, Biologo Nutrizionista Sportivo, Giuseppe Dal Mistro, Medico Fisiatra, Rossano Visentin, Fisioterapista e Leonardo Moretto, Podologo, che si incontreranno in una tavola rotonda moderata dal Dott. Luca Zambon, direttore della Farmacia organizzatrice dell’evento. 

La corsa, se fatta bene, può aiutare ciascuno di noi a stare meglio, migliorando la qualità della vita, aiutandoci a mantenerci vitali e in forma, combattendo lo stress e la sedentarietà della vita moderna.

L’iscrizione all’evento è gratuita, basterà registrarsi al form dedicato nell’evento Facebook Correre Per Stare Bene| La Nutrizione e L'Allenamento del Runner di Farmacia Calmaggiore e Giuliamaria Dotto - pr, comunicazione, eventi. 

Correre Per Stare Bene| La Nutrizione e L'Allenamento del Runner
Venerdì 18 Maggio - ore 20.30 
Auditorium Museo di Santa Caterina - Treviso 

Per maggiori informazioni: 
info@farmaciacalmaggiore.it - 0422 545763 
mail@giuliamariadotto.it - 333 3608020


Ringraziandovi in anticipo per la collaborazione nella comunicazione della notizia, 
Cogliamo l’occasione per inviarvi i nostri più cordiali saluti













2GM srl
Viale Luzzatti, 88 �” 31100 Treviso (TV)
P.IVA e C.F. 04822930261

(+39) 333 3608020
giuliamariadotto.it

        




]]>
Perché il gioco d’azzardo sociale è così popolare e tradizionale stigmatizzato dal gioco d’azzardo online? Tue, 24 Apr 2018 17:47:39 +0200 http://comunicati.net/comunicati/hobby_e_tempo_libero/varie/477138.html http://comunicati.net/comunicati/hobby_e_tempo_libero/varie/477138.html casinosicuri casinosicuri casino online e gioco d'azzardo sociale

 Non si può negare che il gioco d’azzardo sociale è cresciuto in popolarità negli ultimi due anni. Ancora una volta, le piattaforme di social media come Facebook , Google+ e altri hanno sicuramente visto il successo continuo anno dopo anno come siti popolari per le persone a creare profili in. I due settori sembrano andare di pari passo – dopo tutto, a chi non piace usare i social media in questi giorni? Se riesci a sfogliare Facebook e sperimentare un gameplay allo stesso tempo, perché no?

Naturalmente, questo fa sorgere la domanda sul perché il gioco d’azzardo sociale sia molto più popolare oggi rispetto al gioco d’azzardo online tradizionale, che sembra essere stato etichettato con un certo stigma. La risposta a questo può sembrare abbastanza semplice, anche se c’è molto di più rispetto a una semplice risposta standard su una sola riga. Stando così le cose, esamineremo un paio di ragioni per le quali i giochi di gioco sociali hanno visto aumentare la popolarità rispetto ai tradizionali giochi di casino online sicuri
.

Il fattore di rischio diminuito

Forse la più grande differenza tra queste due forme di gioco risiede nel fatto che uno di loro ha un fattore di rischio ridotto – che è il gioco d’azzardo sociale. Questo è principalmente dovuto al fatto che i giochi di casinò social simulano i giochi di gioco dei casinò su piattaforme di social media senza la necessità che i giocatori debbano usare i propri soldi. Nonostante siano generalmente liberi di giocare, hanno lo stesso fascino e le stesse caratteristiche incorporate dei tradizionali giochi da casinò online. In poche parole, non è necessario depositare fondi propri per giocarli. Se accedi ai migliori giochi di slot gratuiti tramite il tuo sito di social media preferito, questo ti dà meno rischi di perdere soldi reali come se fossi su una vera piattaforma di casinò online.

Il fattore sociale

Il fatto che questi giochi si trovino sui siti di social media significa che i giocatori possono socializzare con i loro amici mentre partecipano a giochi di gioco gratuiti. Ora, non stiamo dicendo che questo è impossibile tramite i tradizionali casinò online, perché certamente, puoi avere un sito di casinò aperto e un sito di social media aperto allo stesso tempo. Tuttavia, con i giochi di social media, si ottengono entrambi in uno, il che significa che è possibile comunicare con amici e familiari mentre si girano alcune bobine o si distribuiscono alcune carte. Combina i due, quindi non è necessario avere più finestre aperte sul desktop contemporaneamente.

Perché il gioco di casinò online tradizionale è stigmatizzato?

Sul rovescio della medaglia, il gioco d’azzardo tradizionale dei casinò online ha guadagnato il suo stigma negativo per vari motivi. Sebbene rimanga un passatempo popolare e divertente per molte persone, richiede ai giocatori di utilizzare i propri soldi per giocare. Spesso, questo porta le persone a giocare ai giochi d’azzardo con l’idea che possono depositare denaro, giocare e raddoppiare, triplicare o andare ancora oltre con quei fondi. Questo a volte porta a quei giocatori che diventano dipendenti dai giochi d’azzardo mentre cercano di riconquistare i soldi persi o continuano a migliorare con una vittoria sostanziale. Poiché il social gaming non coinvolge denaro reale, questo non è qualcosa che riguarda questi giocatori.

Inoltre, il gioco d’azzardo tradizionale dei casinò online ha avuto la sua giusta quota di problemi con le persone che non si rendono conto che determinati requisiti devono essere soddisfatti quando si tratta di ritirare le vincite. Questi includono i requisiti di scommessa per i fondi bonus e i giri gratuiti ricevuti. Essenzialmente, queste piattaforme hanno termini e condizioni che, una volta giunto il momento, invocano determinate regole che forse i giocatori non erano a conoscenza prima di depositare e accettare tale bonus. Anche in questo caso, poiché i giochi di gioco sociali in realtà non comportano il tuo denaro, non è possibile che tu possa essere colto da termini e condizioni quando non ci sono soldi veri da prelevare. Ecco perché tendono a incorporare i migliori giochi di slot gratuiti tramite piattaforme di social media – in modo che tu possa giocare senza rischiare i tuoi stessi soldi. In questo caso, puoi comunque goderti i giochi veri e propri, ma non preoccuparti di eventuali potenziali disfunzioni quando si tratta dei tuoi fondi.

]]>
Serata briosa con chef d’eccezione Tue, 24 Apr 2018 06:19:40 +0200 http://comunicati.net/comunicati/hobby_e_tempo_libero/cucina/477068.html http://comunicati.net/comunicati/hobby_e_tempo_libero/cucina/477068.html Miss Italia 71a edizione Miss Italia 71a edizione Al Vomero da “Olio & Pomodoro”, in via Scarlatti

Una iniziativa volta ad accogliere simpaticamente la propria clientela è stata organizzata da Salvatore Grasso, figlio d’Arte (il papà, anche lui Salvatore Grasso, è titolare della non distante centenaria Pizzeria Gorizia a piazza Vanvitelli al Vomero - Napoli). Il giovane Salvatore, comproprietario insieme a tre amici del brand “Olio & Pomodoro”, di concerto con gli altri due soci, ha deciso di realizzare ogni due mesi circa un evento con qualche chef importante e qualche maison di vini prestigiosi come quella che qualche giorno addietro ha ottenuto un gran successo con lo chef Fabrizio Sepe e lo Champagne Boizel. Grasso ha affermato che l’iniziativa messa in atto sta riscuotendo sempre più l’interesse del pubblico d’élite e si è soffermato a dire. “Il nostro brand, vanta già tre anni di successi, sia con questo locale aperto da circa 14 mesi, che con altri due locali uno in Italia ed uno in Francia, in particolare questo di Napoli in via Alessandro Scarlatti, 40, conta 65/70 coperti. Nella serata con Sepe e Boizel, si è voluto fare un gioco a quattro mani tra lo chef e pizzaiolo di Napoli e quello romano con elaborazione di pizze in varie versioni, il risotto cacio e pepe che è stato volutamente stravolto dai gamberi eccellenti del nostro mare di Napoli, il tutto accompagnato da varie tipologie di Campagne”. Sepe ci ha detto che, nonostante la sua giovane età, dopo la scuola alberghiera ha fatto, tante esperienze in giro per l’Italia, a Montalcino in Toscana, Zurigo, Hong Hong: “poi con due amici ho aperto nel 2006, il ristorante -Le tre zucche-, dove ora sono divenuto unico titolare, in via Gugliemo Mengarini, zona Portuense a Roma, che propone una cucina legata al territorio laziale ed accanto ho un bistrot, una bottega con un concept più moderno e semplice, dove vengono venduti sia prodotti al dettaglio che consumazione di piatti tipici sempre legati alla tradizione italiana”

La serata è stata caratterizzata da un menù contaminato da Lazio e Campania con una bella pizza con baccalà alla romana, risotto cacio e pepe con gamberi crudi, lime e menta. Pizza fritta, con spuma di bufala, colatura di alici di Cetara e fiore di zucca per ricordare il fiore di zucca romano ripieno di mozzarella e alici.

Il tutto abbinato alle varie versioni di Champagne, come il Brut Réserve con l’assemblaggio di tre viti, metodo Champenois, un blend di 55% di Pinot nero, 30% di Chardonnay e 15 % di Pinot Meunier, con un affinamento di almeno 36 mesi, fruttato e generoso che con la finezza e purezza delle sue bollicine che lo rende molto godibile ad ogni sorso proposto. O il gustoso, armonioso e fruttato “Blanc de Noirs”, con sboccatura 2016, elaborato unicamente con uve Pinot nero.

Alessandro Palmieri, responsabile rete vendita Italia di “Feudi di San Gregorio” ha presentato il 22enne sommelier, autore di 7 importanti libri di vini, Federico Graziani, Top Wine Manager che si occupa del descrivere i grandi vini distribuiti dall’azienda vinicola irpina e per la serata gli Champagne serviti agli ospiti.

Oltre le particolarità dei prodotti in degustazione, Graziani ha raccontato un po’ la storia della famiglia Boizel, che dalla sua nascita ha prodotto esclusivamente Champagne e gestisce un centinaio di ettari che producono circa un milione di bottiglie di Champagne, con il marchio Boizel, dalle quali ne escono la metà gestite direttamente dalla famiglia.

L’azienda di Champagne “Boizel”, maison fondata nel 1834 a Epernay da una storica famiglia nel cuore di Avenue Champagne, nel territorio della Regione Champagne patrimonio dell’Unesco dal 2015, produce Champagne dai tratti fini ed eleganti per l’aroma, la freschezza, l’accurata scelta delle uve, la raffinata personalità con la potenza ed eleganza che esprimono la tipicità dei grandi Pinot neri, l’invecchiamento nelle cantine, i blend di grandi annate, quelli vinificati in barriques secondo la tradizione del XIX° secolo.

Alla particolare cena hanno partecipato anche i più storici pizzaiuoli di Napoli, con il vertice direttivo dell’associazione “Le Centenarie” rappresentato da Alessandro Condurro, e dai presidente e vice presidente rispettivamente Antonio Starita e Salvatore Grasso senior con le consorti.

Giuseppe De Girolamo

 

]]>
Salone del Mobile e Fuorisalone: l'arredo degli spazi a colpi di erba artificiale Thu, 19 Apr 2018 14:09:51 +0200 http://comunicati.net/comunicati/hobby_e_tempo_libero/varie/476740.html http://comunicati.net/comunicati/hobby_e_tempo_libero/varie/476740.html Erba Sintetica24 Erba Sintetica24 In questi giorni caratterizzati dai vari eventi del Fuorisalone collegati al Salone del Mobile di Milano, l'erba sintetica sta trovando una forte connotazione all'interno di installazioni e spazi urbani creati su misura per l'occasione.  

Sono molte le città e gli stati membri dell’Unione Europea che hanno adottato negli ultimi anni incentivi economici e normative specifiche per supportare una maggiore diffusione del verde in ambito urbano. In particolare per l’utilizzo, come complemento di arredo esterno dell’erba sintetica. Noi del gruppo Stratogreen siamo stati coinvolti in moltissimi progetti di arredo urbano o di recupero di aree dimesse da parte di amministrazione pubbliche.

In moltissimi casi sono menzionate le coperture verdi in erba sintetica diffuse ormai da diversi anni e di  cui molte ricerche hanno messo in luce gli effetti positivi, ed inoltre sono promossi programmi di finanziamento e supporto. Questi programmi soprattutto nel nord Europa hanno prodotto ottimi risultati.

In alcuni casi nell’indicare gli utilizzi di coperture in erba sintetica sono definite anche le caratteristiche tecniche come inclinazione massima, spessore del manto, ecc. necessarie all’ottenimento di finanziamento previsti dalla normativa locale per le coperture verdi.

La Germania è uno dei paesi in cui le politiche locali hanno contribuito maggiormente alla diffusione delle coperture verde, in particolare con l’utilizzo di manti in erba sintetica. I diversi programmi di supporto, attuati da molte città, hanno infatti portato all’inverdimento del 10% dei tetti, con un incremento del 10% su base annua.

Questi programmi prevedono finanziamenti di decine  di euro al metro quadro a seconda del tipo di progetto: residenziale o commerciale.

L’erba sintetica di Stratogreen si è inserita perfettamente in questi progetti data la sua versatilità, flessibilità di utilizzo, assenza di costi di manutenzione e soprattutto nessun aggravio di consumo di risorse pubbliche.

Solo nella area urbana di Dusseldorf sono presenti 730.000 metri quadri di tetti verdi. Di questi, si stima che circa il settanta per cento siano il risultato di strumenti di pianificazione e finanziamenti.

Dagli anni 2000 sono infatti stati stanziati parecchi milioni di euro per favorire le coperture verdi, inserendo tra i materiali di complemento per eccellenza l’erba sintetica.

Negli ultimi anni, inoltre, i programmi di supporto non si limitano più ai giardini privati e al verde pensile, ma coinvolgono anche le facciate verdi, dove l’erba sintetica diventa materiale privilegiato.

Stratogreen ha lanciato da qualche anno una linea di manti in erba sintetica dedicata proprio a questo tipo di interventi architettonici denominata Vertigo.

Stoccarda e Monaco sono state le prime città a incentivare la realizzazione di coperture verdi ed in erba sintetica. In particolare a Monaco di Baviera sono stati realizzati 400.000 metri quadri di coperture verdi tra cui moltissime in erba sintetica.

Per fare un esempio è sufficiente osservare dall’alto i tetti degli edifici della città di Friburgo per notare le moltissime coperture inverdite, in particolare con sistemi in erba sintetica mista a sistemi in erba naturale.

Nella città di Copenhagen vige l’obbligo di inverdire tutte le coperture piane o con inclinazione inferiore al trenta per cento.

Il National Park Board promuove ed incentiva l’integrazione di verde urbano, coperture verdi e facciate verdi, con l’erba sintetica come complemento, nell’area urbana di Singapore, introducendo degli incentivi particolarmente sostanziosi. Stratogreen attraverso la sua consociata nel sud est asiatico è stata coinvolta direttamente, per offrire consulenza e supporto, grazie ai suoi manti perfetti in erba sintetica, studiati appositamente per questo tipo di interventi.

Vai all'articolo completo

]]>