Comunicati.net - Comunicati pubblicati - Cucina Comunicati.net - Comunicati pubblicati - Cucina Mon, 22 Oct 2018 14:45:25 +0200 Zend_Feed_Writer 1.12.20 (http://framework.zend.com) http://comunicati.net/comunicati/hobby_e_tempo_libero/cucina/1 MASO THALER A TRIESTE - Cinque annate di Pinot Nero in degustazione Sat, 20 Oct 2018 12:10:30 +0200 http://comunicati.net/comunicati/hobby_e_tempo_libero/cucina/497773.html http://comunicati.net/comunicati/hobby_e_tempo_libero/cucina/497773.html L P R L P R

MASO THALER A TRIESTE - Verticale di Pinot Nero dell'Alto Adige con cinque annate in degustazione e cena in abbinamento.



La cucina triestina si arricchisce dei profumi del Pinot Nero altoatesino grazie a una serata d’eccezione.


Il primo novembre, Enoteca Adriatica organizza, nel ristorante Nuovo Savron di Trieste, la degustazione di una verticale di cinque annate del Pinot Nero Maso Thaler, la pregiata cantina di Montagna (BZ), piccola Mecca del Pinot Nero dell’Alto Adige.


Il produttore illustrerà le caratteristiche di ciascuna annata, mentre si degusteranno i Pinot Nero Maso Thaler, 2015, 201…

per scoprire come le particolarità delle varie annate abbiano influenzato gli aromi del vino.


Al termine della degustazione, verranno servite due specialità degli chef del ristorante Nuovo Savron, che ospita l’evento, e un dessert per concludere in dolcezza.


Quota di partecipazione:  75,00 per persona, € 65,00 prenotando entro il 26 ottobre.

Quota scontata a € 60,00 per soci Touring Club Italiano e Società del Cavatappi Incrociati.


]]>
“Sicurezza alimentare e i millenials di Parma”: incontro il 16 ottobre a Parma Mon, 15 Oct 2018 12:42:46 +0200 http://comunicati.net/comunicati/hobby_e_tempo_libero/cucina/496854.html http://comunicati.net/comunicati/hobby_e_tempo_libero/cucina/496854.html switchup switchup In occasione della Giornata Mondiale dell'Alimentazione, martedì 16 ottobre nell’Aula K12 del Dipartimento di Scienze Economiche e Aziendali dell'Università di Parma si terrà l'incontro "Sicurezza alimentare e i Millenials di Parma”.

Filippo Arfini, docente di Economia Agroalimentare e di Economia della Food Security del Dipartimento di Scienze Economiche e Aziendali dell'Università di Parma, e Nadia Monacelli, Direttore del CUCI-Centro Universitario per la Cooperazione Internazionale, si rivolgeranno agli studenti del corso "Food System" dell'Ateneo di Parma e agli studenti dell'Istituto Tecnico Agrario "Bocchialini" per discutere delle problematiche della sicurezza alimentare e di quanto essa venga percepita da chi è nato tra i primi anni Ottanta e l'anno 2000.

Un incontro che non poteva tenersi che nella località ducale, sede del nuovo corso in “Food System” e da sempre attenta a tematiche sull’alimentazione. D’altronde gastronomia e Parma sono sempre state legate da un filo diretto.

]]>
Corso di avvicinamento al vino a Roma: programma, costi e date Wed, 10 Oct 2018 16:53:38 +0200 http://comunicati.net/comunicati/hobby_e_tempo_libero/cucina/495986.html http://comunicati.net/comunicati/hobby_e_tempo_libero/cucina/495986.html Glu Glu Wine Glu Glu Wine Glu Glu Wine Srl, in partnership con il Touring Club DI Roma e l'Associazione SInopie, organizza un corso di avvicinamento al vino, con una serie di incontri tenuti da docenti di riconosciuta esperienza a livello nazionale ed internazionale. 


Percorso formativo rivolto ad appassionati di #vino e #winelovers tenuto dal Professor Antonio Mazzitelli, sommelier FISAR Nazionale (Federazione Italiana Sommelier Albergatori Ristoratori). La passione per il vino trova spazio in un percorso di conoscenza completa che prevede l’assaggio di due vini a tema alla fine di ogni lezione. Al termine del corso verrà rilasciato un certificato di partecipazione. 

CALENDARIO & MODULI FORMATIVI:
24 OTTOBRE - LA DEGUSTAZIONE ATTRAVERSO I SENSI
31 OTTOBRE - LE VINIFICAZIONI
7 NOVEMBRE - VIAGGIO ATTRAVERSO I VITIGNI ITALIANI
14 NOVEMBRE - VIAGGIO ATTRAVERSO I VITIGNI INTERNAZIONALI
21 NOVEMBRE - TECNICHE DI ABBINAMENTO VINO E CIBO 


QUOTA DI ISCRIZIONE: 
€ 180,00 per i soci del Touring Club Italiano, i soci dell'Associazione Culturale Sinopie e gli utenti Glu Glu Wine - eventi vino, birra, visite in cantina, web tv - € 210,00 per i non soci
Sarà possibile iscriversi al corso anche in modalità e-learning e in diretta tramite streaming (il kit di bottiglie inviato a casa sarà lo stesso kit degustato durante il corso in sede).

INFO e PRENOTAZIONI:
Punto Touring Roma
tel. 06-36005281
e-mail: libreria.ptroma@touringclub.it

]]>
Gas Furnace Market Share, Industry Growth, Trend, Size, Statistics, and 2018 to 2025 Forecast Report Mon, 01 Oct 2018 13:07:25 +0200 http://comunicati.net/comunicati/hobby_e_tempo_libero/cucina/494163.html http://comunicati.net/comunicati/hobby_e_tempo_libero/cucina/494163.html Market Research Era Market Research Era Gas Furnace Market Research Report 2018 is segmented based on component, platform, industry vertical, and geography. On the basis of components, the market is divided. Size, Share, Trend and Growth. Restrains the market growth.

Get Sample Copy of this Report - https://www.orianresearch.com/request-sample/645857

Gas Furnace market 2018 research provides a basic overview of the industry including definitions, classifications, applications and industry chain structure. The Global Gas Furnace market analysis is provided for the international markets including development trends, competitive landscape analysis, and key regions development status. Development policies and plans are discussed as well as manufacturing processes and cost structures are also analyzed. This report also states import / export consumption, supply and demand figures, cost, price, revenue and gross margins.

Global Gas Furnace 2018 Market Research Report is spread across 120 pages and provides exclusive vital statistics, data, information, trends and competitive landscape in this sector.

Inquire more or share questions if any before the purchase on this report @ https://www.orianresearch.com/enquiry-before-buying/645857

Global Gas Furnace market competition by top manufacturers, with production, price, revenue (value) and market share for each manufacturer; the TOP PLAYERS including

·         Trane

·         Concord

·         Carrier

·         Bryant

·         Amana

·         Goodman

·         Coleman

·         American Standard

·         Rheem

·         Lennox

·         York

·         Kelvinator

·         ...

The global report will be published on the Global Gas Furnace market providing information as a company profile, product picture and specification, capacity, production, price, cost, revenue and contact information. Upstream raw materials and equipment and downstream demand analysis is also carried out. The Global Gas Furnace market development and marketing channels are analyzed. Finally, the feasibility of new investment projects are assessed and overall research offered.

With the help of a global market, the Global Gas Furnace market is a key source of information on the state of the industry.

Order a copy of Global Gas Furnace Market Report 2018 @ https://www.orianresearch.com/checkout/645857

Market Size Split by Type

·         Single-stage Gas Furnaces

·         Two-stage Gas Furnaces 

Market Size Split by Application

·         Home Use

·         Business Use

Table of Contents:

Global Gas Furnace Market Research Report 2018

1. Gas Furnace

2. Global Gas Furnace Production

3. Market Size by Manufacturers

4. Gas Furnace Production by Regions

5. Gas Furnace Consumption by Regions

6 .Market Size by Type

7. Market Size by Application

8. Manufacturers Profiles

9. Production Forecasts

10. Consumption Forecast

11. Upstream, Industry Chain and Downstream Customers Analysis

12. Opportunities & Challenges, Threat and Affecting Factors

13. Key Findings

14. Appendix

Author List
Disclosure Section
Research Methodology
Data Source

About Us:

Orian Research is one of the most comprehensive collections of market intelligence reports on the World Wide Web. Our Repository Reports of Over 500,000+ industry and country research reports from over 100 top publishers. We continuously update our repository so as to provide our clients with easy access to the world's most complete and current database of expert insights on global industries, companies, and products. We also specialize in custom research in situations where our syndicated research offerings do not meet the specific requirements of our esteemed clients.

Contact Us:

Ruwin Mendez

Vice President - Global Sales & Partner Relations

Orian Research Consultants c

US:   +1 (832) 380-8827 | UK: +44 0161-818-8027

Email: info@orianresearch.com 

Website: www.orianresearch.com/  

Follow Us on LinkedIn: https://www.linkedin.com/company-beta/13281002/

 

]]>
Asia Pacific will lead the Eco Fibres Market during the forecast period 2018 - 2023 Mon, 01 Oct 2018 09:14:57 +0200 http://comunicati.net/comunicati/hobby_e_tempo_libero/cucina/494071.html http://comunicati.net/comunicati/hobby_e_tempo_libero/cucina/494071.html IndustryARC IndustryARC According to IndustryARC, titled "Eco Fiber MarketBy Type (Natural Fibers, Regenerated Fibers, Recycled Fibers and Others); By Application (Textiles, Household & Furnishings, Industrial, Medical & Others); By Geography-Forecast (2018-2023) ", the market is driven by growing environmental concerns.

Asia Pacific will lead the Eco Fibres Market during the forecast period. This growth can be attributed to rapid industrialization and government policies about textile trade activities. Growing population along with rise in living standards have driven the demand for eco fibres in the region. China is the largest market in terms of eco friendly fabrics in the world. Growth of the online fashion industry, growing disposable income along with development of high quality innovative fabrics are the factors which drive the demand for eco fibres in China. In North America, the increasing demand for cotton blends for garments will result in the advancements in fabrics, which will drive the growth of eco friendly textiles in the region.

Eco Fibres Market Analysis done in the full Report:

The textiles segment leads the eco fibres market in the forecast period. This factor is due to growing demand for bio based alternatives such as bamboo, linen, hemp, and tencel in clothing sector. Growing number of retail outlets in countries such as India and China is another factor that propels the market growth.

Eco Fibres Market Factors Mentioned in the Full Report:

  • Growth of the textile industry drives the demand for the eco fibre in the forecast period.
  • Growth in medical applications due to technological advancements will drive the demand for eco clothing.
  • Production of eco friendly products such as bamboo fibres and organic cotton has spurred the growth of the eco fibres.
  • Growth of healthcare industry due to increasing awareness about hospital related diseases will drive the demand for the eco textile.

Request for table of contents of the Eco Fibres Market Research report by providing your details in the below link:

https://industryarc.com/Report/15169/eco-fibres-market.html

Key Players of the Eco Fibres Market

Lenzing AG (Austria), Grasim Industries Limited (India), Teijin Ltd. (Japan), and US Fibres (U.S.) are the key players of the eo fibres market. Lenzing AG provides cellulose fibres and plastic polymer products. Grasim Industries Limited provides viscose staple fibre, chemicals, cement, and textiles. Viscose staple fibre is a biodegradable fibre that is used in apparels, home textiles, and dress materials. Teijin Ltd manufactures advanced fibres, composites, polymer products, and fibre. US Fibres provides polyester staple fibre products.

Eco Fibres Market is segmented as below:

The rapid growth of the textile industry will propel the demand for eco fibres market.

A. Eco Fibres Market By Type
1. Natural Fibres
1.1. Protein Fibres
1.2. Cellulose Fibers
1.3. Others
2. Regenerated Fibers
2.1. Regenerated FibersFrom Cellulose
2.2. Regenerated FibersFrom Protein
3. Recycled Fibers
4. Others

B. Eco Fibres Market By Application
1. Textiles
2. Household & Furnishings
3. Industrial
4. Medical
5. Others

C. Eco Fibres Market By Geography(15+ countries)
D. Eco Fibres Market Entropy
E. Company Profiles
1. Aditya Birla Management Corporation Pvt. Ltd
2. Ananafit
3. Aquafil S.P.A.
4. Bcomp Ltd.
5. ChangshuLifengLinen&Cotton Weaving Co. Ltd
6. David C. Poole Company, Inc.
7. E. I. Du Pont De Nemours And Company
8. Ecofibre Ltd.
9.Ecofibre Industries Operations
10. Ecological Fibers Inc.
11. EnkevBv
12. Envirotextiles. Llc
13. Esprit Global
14. European Association For The Trade In Jute And Related Products
15. European Industrial Hemp Association
16. Flexform Technologies
17. Foss Manufacturing Company, Llc.
18. Greenfibres
19. HayleysFibers
20. Hubei Jinhaniang

What can you expect from the Eco Fibres Market Research Report?

The Eco Fibres Market Report is Prepared with the Main Agenda to Covers the following 20 points:

1. Market Size by Product Categories
2. Market Trends
3. Manufacturer Landscape
4. Distributor Landscape
5. Pricing Analysis
6. Top 10 End User Analysis
7. Product Benchmarking
8. Product Developments
9. Mergers & Acquisition Analysis
10. Patent Analysis
11. Demand Analysis (By Revenue & Volume)
12. Country Level Analysis (15+)
13. Competitor Analysis
14. Market Shares Analysis
15. Value Chain Analysis
16. Supply Chain Analysis
17. Strategic Analysis
18. Current and Future Market Landscape Analysis
19. Opportunity Analysis
20. Revenue and Volume Analysis

Media Contact:
Mr. Venkat Reddy
Sales Manager
Email 1: sales@industryarc.com
Or Email 2: venkat@industryarc.com
Contact Sales: + 1-614-588-8538 (Ext-101)

About IndustryARC:

IndustryARC is a Research and Consulting Firm that publishes more than 500 reports annually, in various industries such as Agriculture, Automotive, Automation & Instrumentation, Chemicals and Materials, Energy and Power, Electronics, Food & Beverages, Information Technology, Life sciences & Healthcare.
IndustryARC primarily focuses on Cutting Edge Technologies and Newer Applications in a Market. Our Custom Research Services are designed to provide insights into the global supply-demand gap of markets. Our strong team of analysts enables us to meet the client's needs at speed with a variety of options for your business.
We look forward to the client's needs, stay ahead in the market, become the top competitor and get real-time recommendations on business strategies and deals. Contact us to find out how we can help you today.

]]>
Nonantola: arrivano sabato gli “Oscar” del vino cooperativo Thu, 27 Sep 2018 13:04:16 +0200 http://comunicati.net/comunicati/hobby_e_tempo_libero/cucina/493396.html http://comunicati.net/comunicati/hobby_e_tempo_libero/cucina/493396.html Skema Skema È sabato (29 settembre), durante la 20^ rassegna del mosto cotto “Sòghi, Saba, Savòr”, il giorno della consegna dei 10 “Oscar” assegnati, quest’anno, dal premio dedicato alla memoria del fondatore del movimento cooperativo vitivinicolo italiano, Gino Friedmann. In corsa a Nonantola 43 etichette nate tra filari e cantine della cooperazione tricolore

 

Nonantola (MO), 27settembre 2018 – La cerimonia è in programma nel pomeriggio di sabato (ore 16.00) nel “Palazzo della Partecipanza Agraria - Sala dei Giuristi”. Solo allora si saprà quali saranno i 10 vini in grado di aggiudicarsi i riconoscimenti assegnati nella sesta edizione della manifestazione "Gran Premio Nazionale Vino della Cooperazione - Gino Friedmann”. Evento organizzato dall’associazione culturale “ÆMILIA Storie di territori e di comunità” e dedicata al fondatore del movimento cooperativo vitivinicolo italiano. 

 

In corsa per gli “Oscar”, , sono 43 etichette, presentate da 9 differenti produttori: Cantine di Carpi e Sorbara,CaviroCevicoRiunite CIVSanta CroceTerra di BrisghellaValtidone, per l’Emilia Romagna, Valpolicella Negrar del Veneto e Tollo dall’Abruzzo. Valutati con degustazioni alla cieca, seguendo parametri quali tipicità, classicità, stile, rapporto qualità prezzo, da una giuria di esperti diretta da una delle firme del giornalismo enogastronomico, Giorgio Melandri e composta da Leila Salimbeni (Spirito Divino), Adriano Rioli (AIS Modena), Michele Palermo e Antonio Previdi (Slow Food).

 

Novità di questa edizione della manifestazione, patrocinata da comune di Nonantola, Partecipanza Agraria di Nonantola, AIS Emilia, associazione culturale “La Clessidra”, è un programma di eventi più articolato, rispetto agli scorsi anni. Al termine di premiazione e dibattito sui vini cooperativi a cui parteciperanno tra gli altri il sindaco Federica Nannetti, Agostino Marini di Ais Modena e il giornalista Giorgio Melandri, ci sarà occasione di degustare i vini vincitori, guidati dallo chef Paolo Reggiani, sommelier AIS, insegnante di enologia, vicepresidente del “Consorzio Modena a Tavola” e vincitore dell’edizione 2015/2016 alla trasmissione televisiva “La prova del Cuoco“.

 

Spazio anche per la tavola con la presentazione della ristampa del libro di Pamela Tavernari, “Ricette e segreti: il registro cinquecentesco di Andrea Della Cappellina e la salciccia gialla di Modena”. Insaccato protagonista anche delle degustazioni offerte da chef Reggiani.

]]>
Autumn special sale-70%OFF Women Fashion Dresses for Sale at Jollyhers Thu, 27 Sep 2018 10:06:37 +0200 http://comunicati.net/comunicati/hobby_e_tempo_libero/cucina/493348.html http://comunicati.net/comunicati/hobby_e_tempo_libero/cucina/493348.html jollyhersblog jollyhersblog I called 911. There are generally more Asian gamblers in Vegas Women Fashion Dress for Sale because of the Chinese New Year, and it means increased traffic at high limit baccarat tables. For example, one reason for the Keystone Pipeline was so that oil from Canada could be transported cheaper than by rail or truck through the.

The years, I been a couple different places. Teachers have had to act as guidance counselors, encouraging the children to vent about their loss. Though he has served as an assistant with the program for all but one of his 13 years at the school, Monday was his first time leading the team as the head coach, and the theme of the day was simple speed..

She contrasted her daughter outlook and accomplishments with that of Bennett and his attitude. He demands absolute perfection and delivers it. Extended stay hotels are gaining in popularity and recognition by the day. While other students chose their favourite celebrities, she chose the plight of those living with HIV infection and AIDS..

TRAVERSE CITY The El Galeon Andalucia from St. WonderLab, a private 501(c)(3) non profit organization, is an award winning science museum located at 308 W. Designed for children age 2 to 6, it bars even frightening cartoons. The letter, which ran Wednesday in newspapers across the country, called on the fast food giant to abandon toy giveaways with Happy Meals and to retire Ronald McDonald, described as an icon recognizable as Santa Claus.

Gives us an extra set of eyes, Noble County Prosecutor Eric Blackman said. The North Pinellas Fire Explorer Post 969 was established on September 9, 1998. Tread lightly and don't wake the gods.. Adams has pledged to donate full patent licensing rights to any state or national government that needs to manufacture the product to save human lives in the aftermath of a nuclear accident, disaster, act of war or act of terrorism.

As the school's reputation for academics and sports grew, Rodano said the music program was in "stand by.". They stopped brief rents so there would be no scoldings at home. Java is a "simple, object oriented, distributed, interpreted, robust, secure, architecture neutral, portable, high performance, multithreaded, and dynamic language," as Sun's documentation succinctly buzzifies it.

Open an account overseas Switzerland used to be notorious as a safe place for criminals (and others) to cash. Multiculturalism leads to communitarianism, even if people are of the same race, and communitarianism leads to the destruction of social cohesion, which leads to hatred and violence.

October Special! Offer 70%OFF Fashion women fall dresses at Jollyhers! Extra 10%OFF(Code "CART10")on $109+ Orders is also available!

Visit Jollyhers to find Women Dresses、Women Tops/Bottoms、Kids Wears with free shipping.Snap on https://www.jollyhers.com/women-dresses

]]>
«Taste the Landscape» arte e natura fioriscono in cucina Thu, 06 Sep 2018 15:08:25 +0200 http://comunicati.net/comunicati/hobby_e_tempo_libero/cucina/490814.html http://comunicati.net/comunicati/hobby_e_tempo_libero/cucina/490814.html Redaclem Redaclem In degustazione per i Maestri del Paesaggio 2018  gli esclusivi Green food & Green cocktail creati dagli studenti di iSchool.

Dal 6 al 23 settembre, a Bergamo, l’atmosfera si tinge di verde e la natura conquista la vista, il cuore e il palato. I Maestri del Paesaggio (www.imaestridelpaesaggio.it) portano in città le espressioni più interessanti del landscaping internazionale, accompagnate da «Taste the landscape», l’outdoor d’eccellenza nato dall’incontro tra la maestria enogastronomica del ristorante didattico Taste di iSchool, la creatività della 255 Raw Gallery, le intuizioni dell’artista Federica Giudici e la magia della botanica. 

Nel cuore di Bergamo bassa, a Palazzo Zanchi, in via Torquato Tasso 49, sarà possibile ammirare le opere realizzate dall’artista Ferica Giudici, degustando i  «Green cocktail» e assaporando i «Green food» che gli studenti di iSchool ideeranno ispirandosi alla mostra. Un incontro, quello tra l’arte e la cucina, che trae origine dall’esperienza della residenza d’artista svoltasi nei mesi di marzo e aprile 2018 negli spazi della 255 Raw Gallery di via Tasso. Qui, ha ricreato un “atelier temporaneo”, sviluppando un percorso creativo denonimato “Plant Landscape”: linee espressive personali hanno dato vita a opere che nei colori, nelle atmosfere e nei dettagli si sono ispirate al focus 2018 de I Maestri del Paesaggio.

Così, le proposte culinarie degli studenti di iSchool guarderanno alle green vibes con finger food a base di avocado, peperone jalapeno, basilico ed erbe aromatiche con rivisitazioni natural style di intramontabili cocktail. Gli ingredienti principali dei celebri moscow mule, mojito e spritz, infatti, lasceranno il posto a liquori dal cuore green come la Chartreuse verde e il St. Germain. Il primo, un liquore alle erbe potente e unico, prodotto dai monaci certosini di Grenoble distillando un macerato di ben 130 erbe e piante officinali, il secondo, un liquore francesce a base di sambuco, dolcemente fruttato e profumatissimo, realizzato con la raccolta a mano dei fiori macerati e distillati secondo un processo che è ancora oggi un segreto di famiglia.

Ingredienti eccellenti che daranno un tocco ancora più affascinante alla prestigiosa manifestazione che dal  2011 richiama a Bergamo i migliori progettisti del paesaggio, grazie all’organizzazione dell’Associazione Arketipos insieme al Comune di Bergamo con il sostegno di Regione Lombardia, Fondazione Lombardia per l’Ambiente, Camera di Commercio, Università degli Studi di Bergamo, Consolato Paesi Bassi in Italia, Fondazione ISB e Parco dei  Colli di Bergamo.

«I suggestivi richiami naturali del paesaggio e l’espressività dell’arte di Federica Giudici guideranno le creazioni degli studenti di iSchool che si cimenteranno nella creazione di piatti e drink dal gusto unico. A ogni assaggio si potrà cogliere l’incontro armonioso tra discipline diverse ma tutte egualmente basate su studio, passione, rigore, originalità e ispirazione. Il risultato sarà un’esperienza indimenticabile sia per i visitatori che per i nostri studenti che, mettendo alla prova le loro capacità in un contesto d’eccellenza come I Maestri del Paesaggio, potranno godere di una straordinaria occasione di crescita e formazione sia personale che professionale» - dichiara Valentina Fibbi, titolare insieme a Francesco Malcangi dell’istituto scolastico di Bergamo iSchool.

L’appuntamento, gratuito previa prenotazione tramite la sezione dedicata a Taste the Landscape sul sito www.imaestridelpaesaggio.it, si svolgerà giovedì 13, venerdì 14, sabato 15, mercoledì 19, giovedì 20 e venerdì 21 settembre dalle 18 alle 21.

Per informazioni: sito http://taste.ischool.bg.it/  tel. +39 329 575 9160

]]>
Acqua Bracca partner di Bolle&Sapori “Aspettando il Festival di Franciacorta” Wed, 05 Sep 2018 14:06:09 +0200 http://comunicati.net/comunicati/hobby_e_tempo_libero/cucina/490633.html http://comunicati.net/comunicati/hobby_e_tempo_libero/cucina/490633.html Redaclem Redaclem Venerdì 7 settembre, dalle 18 alle 24, ritorna a Bergamo “Aspettando il Festival di Franciacorta” nello storico e scenografico Quadriportico del Sentierone che farà da cornice ad una raffinata serata con piatti d’autore abbinati al Franciacorta.

Una grande festa sotto le stelle all’insegna del gusto, che vedrà impegnati Chef famosi ed emergenti di Bergamo e provincia che proporranno al pubblico le loro creazioni. Nei Banchi d’assaggio saranno messe in degustazione varie tipologie di Franciacorta: un’occasione unica per conoscere da vicino i produttori e per degustarne i vini sotto la loro guida competente. Il tutto accompagnato da uno straordinario sottofondo musicale.

GLI CHEF E I LORO PIATTI D’AUTORE: Ezio Gritti | Ristorante Ezio Gritti | Bergamo Ezio’s burger; Tommaso Spagnolo | Noi Restaurant | Bergamo Quaglia con patata affumicata di Martinengo e scalogno croccante; Gustavo Vandsberg | Ristorante Gu | Bergamo SAKE TEMAKI (cono di alga nori con riso sushi, sesamo, salmone cotto e chutney di arance e wakame) e MAGURO TEMAKI (cono di alga nori con riso sushi, sesamo, tartare di tonno, salsa sumiso e cipolla croccante); Francesca Pasinelli e Stefano Schininà | Ristorante Al Castello | Cividate al Piano (BG) Cena Estiva di una volta; Alan Foglieni | One Love Restaurant | Bergamo Finger Food Experience; Tania Duci | Ristorante 4Pis | Colere (BG) Fagottino al mirtillo con funghi porcini e crema delicata al Parmigiano Reggiano; Cristian Fagone | Ristorante Impronte | Bergamo Carpaccio di fassona piemontese maionese di ostriche con salicornia e foglia di ostrica; Ivano Gelsomino | Selva di Gelso Trattoria Gastronomica | Selva di Clusone (BG) Millefoglie di vitello tonnato cialda di grano arso con emulsione al miso bianco e polvere di capperi; Stefano Zanda | Burro Restaurant | Alzano Lombardo (BG) Millefoglie di trota salmonata al dragoncello, cialda di segale e cereali con verdurine in carpione e aiolì Luca Carrara | De Gusto Birra e Cucina | Bergamo Degusto l’orto; Vittorio Fusari | Balzer | Bergamo Zuppa di legumi, riso nero con crostacei e frutti di mare.

 

 

CHEF OSPITE Maurizio Iacobone | Ristorante Spazioforme Parmigiano Reggiano | Fico Bologna Risotto al Franciacorta mantecato direttamente in una Forma di Parmigiano Reggiano con stagionatura di oltre 50 mesi, servita prima con scagliatura.

4 CONDOTTE SLOW FOOD che presenteranno il loro presidi: Bergamo, Valli Orobiche, Bassa Bergamasca, Iseo Oglio e Franciacorta.

LE 39 CANTINE DI FRANCIACORTA PRESENTI che con le loro bollicine renderanno frizzante questa serata sotto il cielo stellato di Bergamo:

1701,   ABRAMI ELISABETTA, AZIENDA   AGRICOLA FRATELLI BERLUCCHI, BARONE   PIZZINI, BERLUCCHI GUIDO, BIONDELLI, BOSIO, CAMILUCCI, CASTELLO   BONOMI TENUTE IN FRANCIACORTA, CAMOSSI, CASTELVEDER, CLARABELLA, COLLINE   DELLA STELLA DI ANDREA ARICI, CORTE AURA, CORTE FUSIA, FACCOLI LORENZO, FERGHETTINA, GATTI  ENRICO, LA BOSCAIOLA VIGNETI CENCI, LA RICCAFANA DI RICCARDO FRATUS, LA TORRE, MAJOLINI, MASSUSSI LUIGI, MIRABELLA, MONTE  ALTO, MONTE ROSSA, MONZIO COMPAGNONI, MOSNEL, PIAN DEL MAGGIO, RICCI CURBASTRO, RONCO CALINO, SAN CRISTOFORO, TURRA, UGOVEZZOLI,  VEZZOLI GIUSEPPE, VIGNA DORATA, VILLA CRESPIA, VILLA FRANCIACORTA

CALICE DI FRANCIACORTA CON PORTABICCHIERE CON CAUZIONE RITIRABILE ALLE CASSE

ACQUA BRACCA Il gruppo bergamasco Bracca sostiene l’evento donando a tutti gli intervenuti le sue acque purissime, dal 1907 sinonimo di salute e benessere.

Piccola Serata 15,00€ con 3 degustazioni a scelta Serata 25,00€ con 5 degustazioni a scelta Gran Serata 50,00€ con 12 degustazioni a scelta

La prenotazione della serata potrà essere effettuata presso la pasticceria Balzer, on line su shop.balzer.it o www.balzer.it oppure
https://paypal.me/balzereventi/15
https://paypal.me/balzereventi/25
https://paypal.me/balzereventi/50
in alternativa direttamente la sera stessa presso le casse posizionate al quadriportico del Sentierone fino ad esaurimento biglietti.

]]>
Il maître primo elemento della ristorazione Tue, 04 Sep 2018 10:00:16 +0200 http://comunicati.net/comunicati/hobby_e_tempo_libero/cucina/490440.html http://comunicati.net/comunicati/hobby_e_tempo_libero/cucina/490440.html Miss Italia 71a edizione Miss Italia 71a edizione A Chiaiano NA, l’accoglienza prima di tutto

Un pubblico sempre crescente, che chiede una ristorazione di qualità e che gradisce scegliere un locale con una buona accoglienza, ovviamente oltre al buon cibo elemento primario, impone un direttore di sala che ottemperi alle esigenze del cliente. Se si vuol scoprire quanto sia importante un maître qualificato nel servizio di sala, per accompagnare il tutto e far sì che un pranzo possa essere gradito alla meglio, basta recarsi a Chiaiano di Napoli, dove al ristorante “Tenuta Fratoni”, non solo grandi eventi, ma anche la spicciolata viene seguita con grande attenzione da Antonio Scherillo, socio dell’Associazione Maître Italiani Ristoranti & Alberghi. Scherillo, nel suo impegno di lavoro esprime al massimo quelli che sono gli intendimenti della più storica associazione di maîtres, quella dal cravattino d’oro, riconosciuta con decreto del Presidente della Repubblica Italiana e che per 42 anni ha visto nella conduzione della sezione Napoli del sodalizio il Cav. Giuseppe Di Napoli, che per anni ha ricoperto anche importanti incarichi nazionali. Quella sezione AMIRA che ultimamente con il fiduciario Giuseppe Fraia ed il suo vice Dario Duro, in un momento di crisi per tutte le associazioni dell’accoglienza esistenti in Italia, sta raccogliendo successi più di tutte ed è pronta anche con il suo presidente nazionale Valerio Beltrami a tornare agli antichi splendori riproponendo il proprio motto: “Il sorriso non costa niente, ma rende molto”. Quel che occorre per far sentire a proprio agio il cliente sin dall’ingresso nel locale, farlo sentire soddisfatto dall’entrata all’uscita per far sì che possa poi tornare e magari essere anche un passaparola per nuovi clienti. Il Tenuta Fratoni, nato quattro anni addietro, dalla volontà di quattro soci, rappresenta oggi un gran bella realtà ristorativa del napoletano. La grande espressione dell’ottima cucina è assicurata dall’executive chef Giuseppe Spina e dal pastry chef Federico Sorrentino. Questo ristorante è aperto a pranzo e cena, con orari 13,30/15 e 20.00/24, l’intera settima, tranne il martedì che osserva la giornata di riposo settimanale, con le sue due sale, quella inferiore con 90 coperti e quella superiore che ospita altre 120 persone, alle quali si aggiungono due terrazze esterne, un patio ed il giardino che permettono, nei tanti eventi che la struttura ospita, di poter accogliere o salutare al meglio gli ospiti. Scherillo, noto maître Amira che esercita la sua professione da circa 30 anni, ha portato la sua opera ed operatività, oltre che in locali campani, anche in noti ristoranti di Poggi Bonzi e Siena per poi tornare alla struttura dove attualmente dà il suo validissimo contributo dall’ottobre del 2017. Ottimo anche il costo pranzo, che risponde a qualità /prezzo con 35/40€ a persona, escluso beverage. Oltre ad un gruppo di giovani ragazzi che vengono chiamati a supportare il servizio di sala, occasionalmente, a far da spalla a Antonio Scherillo, c’è la valida ed ottima chef de rang Annarita Bucciano (in foto con Scherillo), che con la sua semplicità, carineria, attenzione ai particolari del servizio ed alle necessità o desideri espressi dal cliente, completa la carta vincente di Tenuta Fratoni. Notando oltre il distintivo Amira, anche quello dell’Ais, è stato utile chiedere a Scherillo l’appartenenza all’Associazione Italiana Sommelier e lui ci ha detto, molto modestamente, di essere un’aspirante sommelier. Non è stato necessario del tempo per capire che, forse, è anche solo un aspirante, ma la sua passione e capacità di scelta delle 200 etichette di vino, prevalentemente campane, che formano il patrimonio della cantina del ristorante, tutte scelte da lui personalmente, stanno a significare che oltre la passione esiste anche la grande competenza. Antonio, infatti si fa subito notare offrendo come benvenuto al cliente un flûte di uno dei più prestigiosi spumanti esistenti in commercio, un Franciacorta D.O.C.G. “Boccadoro” dell’azienda agricola Lussignoli di Calino, qualcosa di veramente divino che con i suoi sentori, profumi, gusti ed effervescenza di bollicine, inebria e stimola il cliente a gustare un’ottima cucina accattivante, campana, leggermente rivisitata, per l’appunto quella che propongono Giuseppe Spina e Federico Sorrentino. Un Brut, che con la sua fresca fragranza, ben si adatta a qualsiasi momento ed a tutto pasto, cominciando dall’aperitivo, valorizzando l’elemento primario che con i suoi sapori esalta la qualità e rimanda a sensazioni uniche. Lo speciale Brut, sponsor con le sue bottiglie magnum, in special edition, anche delle vittorie di Marco Pantani, ma al tempo stesso con produzione di bottiglie per scoprire l’istinto, la ragione ed il perfetto connubio tra esse perché la qualità non sia solo per intenditori. Uno spumante rappresentato a Napoli da una grande esperta del settore e giornalista Sabrina Abbrunzo. L’apertura di una bottiglia curata da Scherillo, con il suo bon ton che toglie il tappo con dolcezza e raccoglimento, passando poi all’esame olfattivo dello spumante, come dei vini che serve curandone attentamente la temperatura di servizio, sia nell’apertura che successivamente nel seau à glace, garantiscono anche il miglior accostamento per la scelta del prodotto al piatto servito, per farne esprimere al meglio tutta la sua importanza e gusto. Importante infatti è l’esame olfattivo che il buon maître esercita sul prodotto che serve, come per il fatto che più il piatto è saporito, più lo spumante deve essere deciso. Cosa essenziale è poi l’osservare quante bollicine salgono verso l’alto nel flûte, guardare se sono fini e persistenti che continuano a salire per molto tempo, con evoluzione ed armonia, perché in tal caso, vuol dire che stai servendo un prodotto di qualità. Come anche per i vini costatarne la limpidezza, il colore, la consistenza, l’intensità e complessività, insomma tutta la struttura equilibrata sono cose che, al contrario di Scherillo, non tanti maîtres praticano. Infine l’arricchimento di distillati che questo maître ha creato e l’accurato servizio nel servire gli stessi, decretano fortemente positivo il giudizio complessivo sul ristorante di Chiaiano, così giudicato anche da Di Napoli e Duro (in foto con Antonio Scherillo).

Giuseppe De Girolamo

 

]]>
Alessandro Torcoli conduce Trieste alla scoperta del Bordeaux Tue, 28 Aug 2018 14:21:24 +0200 http://comunicati.net/comunicati/hobby_e_tempo_libero/cucina/489883.html http://comunicati.net/comunicati/hobby_e_tempo_libero/cucina/489883.html L P R L P R

Sarà Alessandro Torcoli �“ esperto sommelier, direttore di Civiltà del Bere, docente in seminari sul vino presso vari istituti di formazione superiore e per ora unico Italiano ammesso fra gli studenti Master of Wine �“ a condurre il 27 settembre a Trieste una serata di degustazione di vini Bordeaux dedicata agli appassionati alla ricerca di una formazione più specifica e professionale.

 

La serata, che prevede la degustazione alla cieca di sette vini dalle principali appellazioni di Bordeaux, sviscerati con la chiarezza e la piacevolezza espositiva che fanno di Torcoli uno dei relatori più stimati e ricercati in Italia, è organizzata da un importatore triestino che �“ cosa curiosa �“ non annovera il Bordeaux fra i vini in cui è specializzato.

 

“Non è una serata organizzata per promuovere i vini che importo, io stesso non so quali vini si degusteranno, conosco solo la provenienza e il livello qualitativo” �“ spiega �“ “È un evento altamente formativo di cui sono il primo fruitore, che interesserà ai veri appassionati e a chi, con il vino, intende lavorare seriamente”. 

 

E poi aggiunge “Non vuole essere un evento esclusivo, anzi: la scelta di chiamare Alessandro Torcoli è stata dettata, oltre che dal desiderio di imparare da uno dei migliori, anche dalla volontà di garantire la fruibilità dell’evento a un pubblico eterogeneo. Allo stesso tempo, occuparsi di un argomento circoscritto (per quanto vasto e affascinante) permette di approfondirlo più che in altre occasioni. La competenza del relatore praticamente non pone limiti a quello che si può imparare”.

 

Alessandro Torcoli guiderà la serata alla scoperta del Bordeaux a Trieste giovedì 27 settembre.

Quota di partecipazione € 160,00 (€ 135,00 fino al 31 agosto).
Informazioni e iscrizioni:

Enoteca Adriatica di Alessio Rozzi
alessio@enotecaadriatica.com

338.421.67.49

]]>
Esaltazione di sapori autentici e nostrani a Il Cormorano Wed, 08 Aug 2018 05:51:34 +0200 http://comunicati.net/comunicati/hobby_e_tempo_libero/cucina/488356.html http://comunicati.net/comunicati/hobby_e_tempo_libero/cucina/488356.html Miss Italia 71a edizione Miss Italia 71a edizione Il ristorante di Agropoli presenta un eccellente nuovo menù

Con un invito rivolto alla stampa specializzata del settore enogastronomico, il ristorante “Il Cormorano” di Agropoli, ha presentato il menù che proporrà alla clientela nel periodo estate/autunno c.a.. All’evento, oltre a qualificati e competenti giornalisti, sono intervenuti anche il Gran Maestro della Ristorazione cav. Giuseppe Di Napoli ed il vice fiduciario della sezione Napoli-Campania dell’Associazione Maître Ristoranti e Alberghi, Dario Duro. Un menù, quello presentato da Il Cormorano, tutto da provare, per gustare i prodotti naturali, sinceri ed autentici in tutto, anche nei sapori realizzati da uno chef modesto, ma con grandi qualità, che afferma: “Non sono ambizioso nel raggiungere le Stelle, ma desidero conquistare, sempre più, i clienti vogliosi del mangiare cibo autentico, con sapori e gusti autentici, cosa che noi in particolare con il nostro territorio ricco di materie prime per elaborarli, possiamo e ci sentiamo in obbligo di offrire”. Situato proprio sul porto di Agropoli, in un palazzo del cinquecento, il ristorante “Il Cormorano”, con la visione sottostante del molo dei pescatori, dominata dalla stupenda visione della montagna sulla quale vive la cittadina cilentana, si impone con una stupenda visione dell’intera Acropolis (città alta) che ha dato il nome ad Agropoli e che domina con la Madonna di Costantinopoli che è la protettrice dei marinai, una delle più belle insenature del golfo cilentano.  Con i suoi circa venti anni di attività ristorativa, avendo aperto Il Cormorano nel ‘2000, il titolare Gianluca Ruocco, ci racconta: ”Con mio padre Giovanni Ruocco, abbiamo aperto questa attività che conduciamo con successi, unitamente a tutta la mia famiglia.  La nostra location è particolarmente gradita alla clientela perché propone il terrazzo del ristorante, fresco anche d’estate perché con tanto verde attorno e la diretta visione di un panorama unico costituito dall’intera visione dell’Acropoli dal basso, e la spiaggia sottostante su uno dei più puliti mari d’Italia, in una zona non contaminata da traffico automobilistico. Una suggestiva visione sia con la luce del giorno che con le fantasmagoriche luci della sera. La bandiera blu che sventola proprio davanti al ristorante che garantisce la qualità delle acque del mare ed anche dei servizi turistici è altra cosa che ci onora insieme alle altre 10 bandiere blu che vanta il Cilento. Il pesce che serviamo ai nostri clienti è di assoluta freschezza e garantito dalle acque incontaminate e pulitissime che abbiamo davanti ai nostri occhi. Il ristorante, aperto mattina e sera, tutti i giorni, con chiusura solo nel periodo invernale il mercoledì per riposo settimanale e in novembre per una decina di giorni di ferie, possiede 45 coperti esterni e 35 nella sala interna, tutta in pietra perché questo palazzo del ‘500 era un posto di vedetta del castello e della torre di San Francesco, quando arrivavano gli assalti dei turchi e le navi con le bandiere li segnalavano e questa vedetta, permetteva a sua volta, la segnalazione al castello che è di fronte”. Nasce spontanea la domanda: quale è il motivo portante della ristorazione che ha spinto questa famiglia ad aprire un ristorante in un posto di tanta bellezza?, Gianluca subito risponde dicendo: “Avevo 19 anni quando su questo terrazzo trovai con il mio papà un nido di cormorani, comunemente visibili nelle loro migrazioni. Due di questi uccelli stavano mangiando, con un pesce in bocca appena sottratto al nostro mare ed io mi espressi dicendo che era bellissimo mangiare del pesce, che più fresco di così non poteva essere gustato in altri luoghi, esprimendo anche il desiderio di realizzare, in questo posto, un ristorante ed il mio papà volle accontentarmi e rinunciando ad un’auto importante o una imbarcazione che lui avrebbe in quel momento forse più certamente gradito acquistare, e così mettemmo su il ristorante con appena cinque tavoli ottenendo poi i successi che hanno portato all’ampliamento, anche perché il Cilento possiede la naturalezza di abbinamento dei tanti prodotti agroalimentari e vinicoli alla bontà del pesce fresco”. Per realizzare successi in un ristorante, però, non bastano solo prodotti eccellenti abbinati a posto e location invidiabile, che Il Cormorano è in grado di offrire anche con la sua perfetta accoglienza che quotidianamente attua attraverso l’operatività di Anna Rita Ingenito, con la sua grande professionalità e signorile modo di porsi alla clientela, ma occorre avere uno chef che porti i clienti a conquistare un cibo che sia di gran gradimento. Rispondendo pienamente a questi obiettivi, lo chef della struttura Pietro Annunziata, ci dice: “Ho 28 anni e la mia passione per la cucina è nata sin dall’età di 8 anni, ed a 18 anni, frequentando il ristorante di un mio parente, quasi per gioco è nato questo trasporto per l’Arte culinaria.  Ho iniziato dapprima preparando gli ingredienti per guarnire le pizze e poi mi ha attratto l’Arte bianca e ho espresso al meglio le mie capacità per alcuni anni. Successivamente, mi ha attirato il desiderio di applicarmi alla cucina e ad un bivio di scelta per approfondire la mia professionalità futura, tra pizzaiuolo o chef, ho optato per la seconda. Quando sono in cucina cerco di riproporre i ricordi dell’infanzia, nel senso che anche una pasta e fagioli come la faceva mia nonna, ma alleggerita è un piatto che segna il successo di uno chef; ad esempio, destrutturandola, scomponendo gli elementi che la costituiscono con l’abbinamento di un pesce, arricchendola con polvere aromatica, roba che costituisce una tecnica innovativa, ma che non stravolge i sapori. Sono in definitiva, per la tradizione innovata, perché prima il ragù, la carne o pesce in molte famiglie si mangiava uno o massimo due giorni a settimana, mentre ora quasi quotidianamente ci vengono proposti piatti con ricette tradizionali d’una volta ed allora occorre per farli gustare, senza gravare sulle diete che ormai quasi tutti fanno, offrirli elaborati con tecniche rispondenti al fabbisogno odierno, cercando di conservare il più possibile i sapori storici del piatto. Approfondisco dunque, la conoscenza delle proprietà dei prodotti che utilizzo per dare spazio ai valori nutrizionali occorrenti oggi senza perdere la saporosità, gustosità, squisitezza, espressività, piacevolezza e mordente che il piatto che presento deve conquistare nel momento che viene assaporato dal cliente. Facendo un esempio, sulla pasta e fagioli che prima trovava l’impego di quel che si aveva a portata di mano, oggi io ne curo la scelta della pasta mista, non utilizzando quella dei pacchi confezionati, ma quella che mi resta come rimasugli dei vari formati di pasta che tengo in linea e dando una cottura che richiedono le varie tipologie, stessa attenzione applico per i fagioli mettendo anche quelli freschi ed almeno tre tipologie (Controne, Borlotto, fagiolini verdi freschi). Occorre oggi per garantire qualità e gusti al cliente, evitare gli sprechi per non avere, come avviene per realizzare i piatti gourmet senza guadare al food cost, che i costi dei piatti determinano poi conti salati o costosissimi, cosa che certo nessuno gradisce. Ho frequentato l’alberghiero di San Marco di Castellabate ed ho lavorato con grandi maestri dell’Arte culinaria che mi hanno dato importanti e validi insegnamenti, come l’executive chef di anni addietro del Jolly hotel di Napoli, ma anche Pasquale Torrente e tre anni fa ho conosciuto, proprio qui a Il Cormorano, lo chef Paolo Barrale del ristorante Marennà a Sorbo Serpico, che mi ha alleggerito la mano in termini di tecniche e cotture e mi ha insegnato a pensare un piatto con un occhio nuovo”.

L’interessante menù, oltre a tante altre proposte, prevede i piatti gustati e apprezzati dai particolari ospiti de Il Cormorano, come per

Entrée : triglia ripiena di ricotta, fritta in tempura, una crocchette di spigola e un’insalata di pomodori.

Antipasto: Una composizione di quattro antipasti costituita da: Un quadrato di tonno, con fagioli di Controne maionese di soia, ed una sfoglia triangolare di cipolla di tropea in agrodolce; Seguendo con una crema di ceci di Cicerale, gamberi rosa e polvere di alghe; Poi ancora, seppie, con crema di zucchine e zucchine fritte sopra; e per concludere il rettangolare piatto, un polpo con peperone arrosto, senape e polvere di olive nere.

1° Primo piatto: Misto di fagioli (con varie tipologie di fagioli bianchi, borlotti e fagiolini), pasta (mista: mafalda, cavatello, pacchero, bucatini e spaghetti) e frutti di mare (cozze e vongole).

2° Primo piatto: Linguina con peperoni arrosto, menta e gamberoni.

Secondo piatto: Pesce spada gratinato, con caponatina in agrodolce e marmellata di fichi bianchi.

Dessert: Profiteroles ripieno di panna, con sopra un cremoso al limone.

Frutta: Macedonia di frutta, con misto di fichi d’india, melone bianco, cocomero, fico, ananas e kiwi.

Per chiudere con: un Tiramisù servito in tazza da caffè.

Giuseppe De Girolamo

]]>
Un nuovo shop online dedicato ai sapori del Cilento Tue, 07 Aug 2018 17:03:04 +0200 http://comunicati.net/comunicati/hobby_e_tempo_libero/cucina/488321.html http://comunicati.net/comunicati/hobby_e_tempo_libero/cucina/488321.html Chiara Sorrentino Chiara Sorrentino Masilicò: questo è il nome del nuovo progetto online dedicato alle eccellenze di quest’area della Campania. Uno shop virtuale nel quale acquistare con un click i più prelibati prodotti tipici del Cilento.

La nuova frontiera del gusto online prende il nome di Masilicò, il nuovo shop online interamente dedicato alla vendita delle eccellenze gastronomiche del Cilento.

La nuova piattaforma nasce con l’obiettivo di rendere disponibili e a portata di click i sapori unici di questa terra, celebre in tutto il mondo per la genuinità e l’incredibile varietà dei suoi prodotti. Lo store digitale è online all’indirizzo www.masilico.com: al suo interno è possibile passare in rassegna il meglio dei sapori del Cilento, attraverso una navigazione suddivisa in diverse categorie. Si va dalla pasta artigianale all’olio extravergine di oliva, passando per le conserve di mare e di terra, i sottoli e i legumi secchi, fino ad arrivare alle confetture, al miele e ai dolci tipici di questa zona.

Attraverso un’interfaccia grafica semplice e pulita, l’utente può ottenere in pochi click dettagliate informazioni su ciascuno dei prodotti in vendita, e completare il proprio ordine online attraverso semplici passaggi. Un design fresco ma al tempo stesso ricercato valorizza l’offerta di prodotti tipici del Cilento disponibili sullo shop, enfatizzando il concetto di artigianalità che è alla base di ogni produzione firmata Masilicò.

Diffondere nel mondo un messaggio culturale prima ancora che alimentare: questa appare essere la mission di Masilicò, azienda che si fa fiera portavoce dei valori che da sempre contraddistinguono la cultura enogastronomica cilentana, basata su concetti cardine tra cui quelli di artigianalità, genuinità, tradizione, rispetto del passato e lavorazione slow.

Un ponte tra il passato e il futuro: è questo lo spirito che anima il progetto Masilicò, una nuova iniziativa che vuole mettere in contatto la più antica tradizione alimentare del Cilento con l’innovazione e la capillarità offerti dal web, uno strumento in grado di portare su qualunque tavola del mondo le eccellenze tipiche di questa parte della Campania. Già dal nome, lo shop online vuole essere un tributo alla cultura cilentana: “masilicoje”, infatti, è il termine dialettale che designa la pianta di basilico, sostantivo a sua volta di origine greca, che sta a indicare una spezia regale, degna cioè del pasto di un re.

Per quanto riguarda i prodotti in vendita, si tratta di vere e proprie specialità tipiche realizzate secondo tecniche lavorative di altissimo livello che si inseriscono a pieno titolo nella tradizione artigianale e contadina di questi luoghi. Con Masilicò si è certi di portare in tavola alimenti di qualità elevatissima, ricercati e difficilmente reperibili nei negozi fisici. L’antica lavorazione della terra viene rispettata in tutti i suoi canoni, seguendo e assecondando i ritmi della natura. Il risultato finale è una produzione di eccellenza, sana e genuina, perfettamente conforme ai dettami della classica dieta mediterranea.

La storia millenaria del Cilento a portata di click: potrebbe essere questa la frase che meglio sintetizza l’esperienza di navigazione offerta da Masilicò; più di un semplice shop online, un viaggio alla scoperta dei sapori più autentici di una terra che ancora oggi rappresenta una sorta di unicum in tutto il mondo.

]]>
Un nuovo shop online dedicato ai sapori del Cilento Tue, 07 Aug 2018 16:59:06 +0200 http://comunicati.net/comunicati/hobby_e_tempo_libero/cucina/488320.html http://comunicati.net/comunicati/hobby_e_tempo_libero/cucina/488320.html Chiara Sorrentino Chiara Sorrentino Masilicò: questo è il nome del nuovo progetto online dedicato alle eccellenze di quest’area della Campania. Uno shop virtuale nel quale acquistare con un click i più prelibati prodotti tipici del Cilento.

La nuova frontiera del gusto online prende il nome di Masilicò, il nuovo shop online interamente dedicato alla vendita delle eccellenze gastronomiche del Cilento.

La nuova piattaforma nasce con l’obiettivo di rendere disponibili e a portata di click i sapori unici di questa terra, celebre in tutto il mondo per la genuinità e l’incredibile varietà dei suoi prodotti. Lo store digitale è online all’indirizzo www.masilico.com: al suo interno è possibile passare in rassegna il meglio dei sapori del Cilento, attraverso una navigazione suddivisa in diverse categorie. Si va dalla pasta artigianale all’olio extravergine di oliva, passando per le conserve di mare e di terra, i sottoli e i legumi secchi, fino ad arrivare alle confetture, al miele e ai dolci tipici di questa zona.

Attraverso un’interfaccia grafica semplice e pulita, l’utente può ottenere in pochi click dettagliate informazioni su ciascuno dei prodotti in vendita, e completare il proprio ordine online attraverso semplici passaggi. Un design fresco ma al tempo stesso ricercato valorizza l’offerta di prodotti tipici del Cilento disponibili sullo shop, enfatizzando il concetto di artigianalità che è alla base di ogni produzione firmata Masilicò.

Diffondere nel mondo un messaggio culturale prima ancora che alimentare: questa appare essere la mission di Masilicò, azienda che si fa fiera portavoce dei valori che da sempre contraddistinguono la cultura enogastronomica cilentana, basata su concetti cardine tra cui quelli di artigianalità, genuinità, tradizione, rispetto del passato e lavorazione slow.

Un ponte tra il passato e il futuro: è questo lo spirito che anima il progetto Masilicò, una nuova iniziativa che vuole mettere in contatto la più antica tradizione alimentare del Cilento con l’innovazione e la capillarità offerti dal web, uno strumento in grado di portare su qualunque tavola del mondo le eccellenze tipiche di questa parte della Campania. Già dal nome, lo shop online vuole essere un tributo alla cultura cilentana: “masilicoje”, infatti, è il termine dialettale che designa la pianta di basilico, sostantivo a sua volta di origine greca, che sta a indicare una spezia regale, degna cioè del pasto di un re.

Per quanto riguarda i prodotti in vendita, si tratta di vere e proprie specialità tipiche realizzate secondo tecniche lavorative di altissimo livello che si inseriscono a pieno titolo nella tradizione artigianale e contadina di questi luoghi. Con Masilicò si è certi di portare in tavola alimenti di qualità elevatissima, ricercati e difficilmente reperibili nei negozi fisici. L’antica lavorazione della terra viene rispettata in tutti i suoi canoni, seguendo e assecondando i ritmi della natura. Il risultato finale è una produzione di eccellenza, sana e genuina, perfettamente conforme ai dettami della classica dieta mediterranea.

La storia millenaria del Cilento a portata di click: potrebbe essere questa la frase che meglio sintetizza l’esperienza di navigazione offerta da Masilicò; più di un semplice shop online, un viaggio alla scoperta dei sapori più autentici di una terra che ancora oggi rappresenta una sorta di unicum in tutto il mondo.

]]>
Un nuovo shop online dedicato ai sapori del Cilento Tue, 07 Aug 2018 16:58:52 +0200 http://comunicati.net/comunicati/hobby_e_tempo_libero/cucina/488319.html http://comunicati.net/comunicati/hobby_e_tempo_libero/cucina/488319.html Chiara Sorrentino Chiara Sorrentino Masilicò: questo è il nome del nuovo progetto online dedicato alle eccellenze di quest’area della Campania. Uno shop virtuale nel quale acquistare con un click i più prelibati prodotti tipici del Cilento.

La nuova frontiera del gusto online prende il nome di Masilicò, il nuovo shop online interamente dedicato alla vendita delle eccellenze gastronomiche del Cilento.

La nuova piattaforma nasce con l’obiettivo di rendere disponibili e a portata di click i sapori unici di questa terra, celebre in tutto il mondo per la genuinità e l’incredibile varietà dei suoi prodotti. Lo store digitale è online all’indirizzo www.masilico.com: al suo interno è possibile passare in rassegna il meglio dei sapori del Cilento, attraverso una navigazione suddivisa in diverse categorie. Si va dalla pasta artigianale all’olio extravergine di oliva, passando per le conserve di mare e di terra, i sottoli e i legumi secchi, fino ad arrivare alle confetture, al miele e ai dolci tipici di questa zona.

Attraverso un’interfaccia grafica semplice e pulita, l’utente può ottenere in pochi click dettagliate informazioni su ciascuno dei prodotti in vendita, e completare il proprio ordine online attraverso semplici passaggi. Un design fresco ma al tempo stesso ricercato valorizza l’offerta di prodotti tipici del Cilento disponibili sullo shop, enfatizzando il concetto di artigianalità che è alla base di ogni produzione firmata Masilicò.

Diffondere nel mondo un messaggio culturale prima ancora che alimentare: questa appare essere la mission di Masilicò, azienda che si fa fiera portavoce dei valori che da sempre contraddistinguono la cultura enogastronomica cilentana, basata su concetti cardine tra cui quelli di artigianalità, genuinità, tradizione, rispetto del passato e lavorazione slow.

Un ponte tra il passato e il futuro: è questo lo spirito che anima il progetto Masilicò, una nuova iniziativa che vuole mettere in contatto la più antica tradizione alimentare del Cilento con l’innovazione e la capillarità offerti dal web, uno strumento in grado di portare su qualunque tavola del mondo le eccellenze tipiche di questa parte della Campania. Già dal nome, lo shop online vuole essere un tributo alla cultura cilentana: “masilicoje”, infatti, è il termine dialettale che designa la pianta di basilico, sostantivo a sua volta di origine greca, che sta a indicare una spezia regale, degna cioè del pasto di un re.

Per quanto riguarda i prodotti in vendita, si tratta di vere e proprie specialità tipiche realizzate secondo tecniche lavorative di altissimo livello che si inseriscono a pieno titolo nella tradizione artigianale e contadina di questi luoghi. Con Masilicò si è certi di portare in tavola alimenti di qualità elevatissima, ricercati e difficilmente reperibili nei negozi fisici. L’antica lavorazione della terra viene rispettata in tutti i suoi canoni, seguendo e assecondando i ritmi della natura. Il risultato finale è una produzione di eccellenza, sana e genuina, perfettamente conforme ai dettami della classica dieta mediterranea.

La storia millenaria del Cilento a portata di click: potrebbe essere questa la frase che meglio sintetizza l’esperienza di navigazione offerta da Masilicò; più di un semplice shop online, un viaggio alla scoperta dei sapori più autentici di una terra che ancora oggi rappresenta una sorta di unicum in tutto il mondo.

]]>
Un nuovo shop online dedicato ai sapori del Cilento Tue, 07 Aug 2018 16:58:33 +0200 http://comunicati.net/comunicati/hobby_e_tempo_libero/cucina/488318.html http://comunicati.net/comunicati/hobby_e_tempo_libero/cucina/488318.html Chiara Sorrentino Chiara Sorrentino Masilicò: questo è il nome del nuovo progetto online dedicato alle eccellenze di quest’area della Campania. Uno shop virtuale nel quale acquistare con un click i più prelibati prodotti tipici del Cilento.

La nuova frontiera del gusto online prende il nome di Masilicò, il nuovo shop online interamente dedicato alla vendita delle eccellenze gastronomiche del Cilento.

La nuova piattaforma nasce con l’obiettivo di rendere disponibili e a portata di click i sapori unici di questa terra, celebre in tutto il mondo per la genuinità e l’incredibile varietà dei suoi prodotti. Lo store digitale è online all’indirizzo www.masilico.com: al suo interno è possibile passare in rassegna il meglio dei sapori del Cilento, attraverso una navigazione suddivisa in diverse categorie. Si va dalla pasta artigianale all’olio extravergine di oliva, passando per le conserve di mare e di terra, i sottoli e i legumi secchi, fino ad arrivare alle confetture, al miele e ai dolci tipici di questa zona.

Attraverso un’interfaccia grafica semplice e pulita, l’utente può ottenere in pochi click dettagliate informazioni su ciascuno dei prodotti in vendita, e completare il proprio ordine online attraverso semplici passaggi. Un design fresco ma al tempo stesso ricercato valorizza l’offerta di prodotti tipici del Cilento disponibili sullo shop, enfatizzando il concetto di artigianalità che è alla base di ogni produzione firmata Masilicò.

Diffondere nel mondo un messaggio culturale prima ancora che alimentare: questa appare essere la mission di Masilicò, azienda che si fa fiera portavoce dei valori che da sempre contraddistinguono la cultura enogastronomica cilentana, basata su concetti cardine tra cui quelli di artigianalità, genuinità, tradizione, rispetto del passato e lavorazione slow.

Un ponte tra il passato e il futuro: è questo lo spirito che anima il progetto Masilicò, una nuova iniziativa che vuole mettere in contatto la più antica tradizione alimentare del Cilento con l’innovazione e la capillarità offerti dal web, uno strumento in grado di portare su qualunque tavola del mondo le eccellenze tipiche di questa parte della Campania. Già dal nome, lo shop online vuole essere un tributo alla cultura cilentana: “masilicoje”, infatti, è il termine dialettale che designa la pianta di basilico, sostantivo a sua volta di origine greca, che sta a indicare una spezia regale, degna cioè del pasto di un re.

Per quanto riguarda i prodotti in vendita, si tratta di vere e proprie specialità tipiche realizzate secondo tecniche lavorative di altissimo livello che si inseriscono a pieno titolo nella tradizione artigianale e contadina di questi luoghi. Con Masilicò si è certi di portare in tavola alimenti di qualità elevatissima, ricercati e difficilmente reperibili nei negozi fisici. L’antica lavorazione della terra viene rispettata in tutti i suoi canoni, seguendo e assecondando i ritmi della natura. Il risultato finale è una produzione di eccellenza, sana e genuina, perfettamente conforme ai dettami della classica dieta mediterranea.

La storia millenaria del Cilento a portata di click: potrebbe essere questa la frase che meglio sintetizza l’esperienza di navigazione offerta da Masilicò; più di un semplice shop online, un viaggio alla scoperta dei sapori più autentici di una terra che ancora oggi rappresenta una sorta di unicum in tutto il mondo.

]]>
Il boom della vendita online di vino italiano Fri, 06 Jul 2018 15:18:50 +0200 http://comunicati.net/comunicati/hobby_e_tempo_libero/cucina/485486.html http://comunicati.net/comunicati/hobby_e_tempo_libero/cucina/485486.html Metalpoint Srls Metalpoint Srls  

Secondo alcuni dati il fatturato delle imprese che si dedicano alla vendita di vino arrivano a toccare la ragguardevole cifra di 10,1 miliardi di euro. Si stima che la vendita online di vini italiani rappresenti il 2% di questo fatturato totale.

Questo successo è dovuto ad alcune aziende che nel corso degli anni si sono dimostrate particolarmente solide ed affidabili, caratteristica molto apprezzata dall’italiano medio ancora poco avvezzo agli acquisti online, e ad alcune start-up innovative che hanno portato una nuova ventata di ottimismo ed innovazione nel settore.

Sul grande potenziale della vendita di vino online hanno messo gli occhi anche diverse importanti cantine come Zenato, celeberrimo produttore di Amarone della Valpolicella, che ha individuato in questo settore la chiave per aumentare ulteriormente le proprie esportazioni. Ma non solo, ormai è possibile acquistare online tantissime tipologie di vini italiani anche tra i più pregiati, tutte le migliori cantine ed aziende produttrici di vino hanno capito che con questo sviluppo tecnologico bisogna evolversi e stare al passo con i tempi sfruttando in questo modo anche i nuovi mezzi per incrementare i propri guadagni.

La vendita di vino italiano verso i mercati esteri rappresenta infatti il 56% del volume d’affari del commercio totale, pari a 5,6 miliardi di euro nel 2016. Gli spumanti, trainati dal prosecco, sono il prodotto più esportato per una cifra record di 1,2 miliardi di euro di vendite. Sarebbe interessante riuscire a vendere questi prodotti all'estero tramite e-commerce, questo darebbe la possibilità a persone di altri stati di acquistare un prodotto che tutto il mondo invidia all'Italia poiché i vini italiani sono tra i più ricercati del mondo. La grande varietà dei vitigni, la bontà del clima e la comprovata maestria nella cura e nella selezione delle uve fanno del Bel Paese una vera e propria terra d'elezione per quello che una volta veniva chiamato il nettare di Bacco., questo porterebbe un forte incremento dei guadagni.

 

 

]]>
Inaugurato a Pianura il ristorante – pizzeria “Mastunicola” Thu, 05 Jul 2018 11:38:10 +0200 http://comunicati.net/comunicati/hobby_e_tempo_libero/cucina/485332.html http://comunicati.net/comunicati/hobby_e_tempo_libero/cucina/485332.html Miss Italia 71a edizione Miss Italia 71a edizione  

Un successo di presenze di giornalisti ed invitati

Si ritiene soddisfatta, per la grande affluenza di giornalisti ed invitati al taglio del nastro di partenza dell’attività, la società costituita da imprenditori napoletani che ha rilevato il già esistente ristorante “Magnifica”, in via in via Pallucci, 160 a Pianura, e dandogli il nome “Mastunicola”,  con Luigi Errico contitolare e ideatore del marchio, ora intende sviluppare questa insegna in franchising, dopo i successi che il Mastunicola spera di ottenere in notorietà con la sua prima sede pilota. Errico ci dice, “Gradiremmo che altri imprenditori volenterosi, pensino di volersi affiliare a noi, anche investendo, per poter raggiungere obiettivi di sviluppo che questo marchio, intende portare avanti con successo sin da questo locale che si inaugura questa sera con la benedizione impartita dal locale Parroco. Parole significative quelle del ministro di Cristo che nella sua omelia ha spronato tutti augurando: - Fa che osservino sempre la giustizia e la carità e così concorrano al bene di tutti, lieti di operare per la crescita della società -.  Il nostro progetto prevede come motto fondamentale l’”Accoglienza”, al di là dei sapori dei nostri piatti che devono essere fondamentali per la scelta degli ingredienti di grande qualità, che possa dar vita ad un piatto unico e singolare, fatto dai nostri chef. Ma l’Accoglienza, è primaria su tutto perché il cliente deve sentirsi a casa, in modo da star bene e meglio gustare quello che proponiamo attraverso i nostri menù o anche che questi chiede di elaborargli secondo suoi gusti, il tutto perché possa portare l’avventore a tornare da Mastunicola. Utilizzeremo materie prime prevalentemente del territorio ed abbiamo aziende che già ci affiancano come il ”molino Caputo”, per i pomodori “La Torrente”, per i latticini l’azienda casearia “La Sorrentina”.  I vini sono una bella realtà del nostro territorio, apprezzati molto anche oltre confine ed anche all’estero, come quelli delle “Cantine Astroni” e cantine “Varchetta” che proporremo, ai nostri clienti, per far sentire il sapore delle nostre uve vinificate con passione da queste aziende. Per meglio lanciare questa struttura ristorativa ci siamo impegnati a farla trovare aperta tutto l’anno, dalle ore 12.00 alle 24.00, con i suoi 150 coperti, anche senza giornata di riposo settimanale, che ovviamente il personale farà a turno. Sono stato da sempre un passionario della pizza e quindi ecco il nome della prima pizza nata nella nostra regione che ho scelto da assegnare a questa attività nascente, con la speranza e l’augurio che possa divenire primo per successi anche il Mastunicola che non è solo pizzeria, ma anche un ristorante con la cucina napoletana, tradizionale campana, per intenderci quella dei Monzù, anche se povera ma molto ricca di sapori, dalla “frittura di paranza”, alla “genovese”, al “polpettone”, alla parmigiana di melanzane ed  al “ragù” classico, quello pippiato, quello che decantava Eduardo de Filippo, sostenendo per questo piatto istituzionale della cucina napoletana: 'O rraù ca me piace a me, m' 'o ffaceva sulo mammà. Abbiamo scelto una location abbastanza pratica, sembra un’oasi felice, sia per il raggiungimento in auto che per il parcheggio delle stesse vetture, che per le ampie sale che ci permetteranno anche di poter organizzare serate di intrattenimento per gli ospiti, con spettacoli mirati, ospitando personaggi che ci daranno la possibilità di essere partecipi alle nostre iniziative”. Fra gli artefici dell’operatività di questo nuovo locale incontriamo il pizzaiolo Salvatore Gamardella, che esercita questo mestiere da 22 anni e che vanta l’apprendimento dagli insegnamenti di grandi maestri in primis dal suo suocero il noto pizzaiuolo Gaetano Esposito. Lo chef della struttura, il 48enne Gennaro Criscuolo, con una esperienza lavorativa di circa 20 anni nel settore sia in Italia che all’estero, il quale rientrato in patria, ci dice: “intendo presentare la cucina tipica napoletana, quella di vecchie tradizioni, dal ragù che cuoce sette/otto ore, alla genovese che richiede circa due giornate di preparazione e tutti quei cibi realizzati con materie povere, ma ricchi di sapori da soddisfare in pieno i gusti dei palati più esigenti”. L’augurio che le aspirazioni del pizzaiolo con il suo aiuto Davide Criscuolo, dello chef con il suo aiuto Roberta Russolillo, del direttore di sala Raffele Chianese, di Alberto Errico segretario di direzione, di Patrizia Guazzo e di Luigi Errico cofondatore di Mastunicola, insieme a tutto il gruppo societario possano realizzarsi per un successo ed una buona immagine del territorio è anche il desiderio che da conterranei e da amanti della nostra Italia ed ancor più della nostra Napoli desideriamo esprimere anche come comunicatori e giornalisti. Una bella serata con la degustazione di varie pizze a cominciare dalle più note come appunto la Mastunicola, la Marinara e la Margherita, mozzarelline, bruschette, friggitoria varia, primi e secondi piatti della tradizione, per terminare con macedonia di frutta di stagione, sfogliatelle, babà ed una torta in tema tagliata dai protagonisti della serata con la loro ospitalità, sono stati i momenti salienti di un’aspirazione a più grandi ed importanti successi per il Mastunicola. A cogliere ed immortalare i momenti clou, non poteva ovviamente mancare O Mast d’a Pizza al secolo Gennaro D’Aria, affiancato da un altro passionario della fotografia Fortunato Alovisi figlio del past president direttore dell’ADA Alberto Alovisi giornalista e direttore della testata “Terroniam”, presente anche lui all’evento con la moglie Elena. Fra i circa cento ospiti della serata, tra i quali tantissimi giornalisti del settore, anche per la presenza di Diego Paura, coordinatore capo delle pagine spettacolo del quotidiano “Roma”, non poteva mancare la partecipazione della consorte Anna Capasso, apprezzatissima attrice- cantante del panorama dei grandi artisti campani.

Giuseppe De Girolamo

 

]]>
Una ricerca dell’Istituto Ixè resa nota dal Gruppo Restalia – The Good Burger (TGB) Wed, 04 Jul 2018 17:03:47 +0200 http://comunicati.net/comunicati/hobby_e_tempo_libero/cucina/485232.html http://comunicati.net/comunicati/hobby_e_tempo_libero/cucina/485232.html Rosa Rosa L’amore per la buona cucina è … soprattutto trattorie, locali tipici, ma anche paninoteche, bar, pasticcerie (il 31% degli italiani li frequentano almeno una volta al mese). Quello che conta sono le materie prime, ben cucinate e digeribili.

Secondo una ricerca dell’Istituto Ixè resa nota da The Good Burger – Gruppo Restalia, questi locali sono frequentati abitualmente da circa 1/6 degli italiani, soprattutto dai giovani - in particolare 18 - 34enni, con un picco tra i 25 - 34 anni – ma negli ultimi anni, la frequentazione abituale si sta anagraficamente amplificando, abbracciando soggetti fino ai 44 anni.

http://www.istitutoixe.it/2018/06/lamore-per-la-buona-cucina-e-trattorie-osterie-e-ristoranti-tipici/

I ristoranti etnici, i pub, le paninoteche e lo street food sono alcune tipologie di ristorazione che, più di altre, sono caratterizzate da una clientela anagraficamente omogenea.

“In fatto di cibo – spiega Margherita Sartorio Mengotti, ad dell’Istituto Ixè - gli italiani sembrano badare più alla sostanza che alla forma: l’81% ritiene che sia fondamentale la qualità delle materie prime usate per comporre ciò che mangia, siano pietanze o panini, mentre l’arte dell’”impiattare” e l’estetica del locale sembrano interessare molto meno. Ma è la relazione positiva, amicale con il gestore il primo criterio con cui scegliere un locale dove mangiare, a dimostrare quanto per noi italiani la tavola si sposi con la socialità, le relazioni umane gradevoli, il relax, l’accoglienza”.

“Se però ci concentriamo su fenomeno al giorno d’oggi largamente diffuso, quello del pranzo fuori casa – continua Margherita Sartorio - si aggiungono altri due fattori: la rapidità del servizio e la leggerezza del pasto. Per questo bar, pub, paninoteche sono frequentate da un target anagraficamente ampio alla ricerca di un pasto veloce e il più possibile sano e digeribile”.

Dati importanti per definire la strategia del Gruppo Restalia, che in Italia conta più di 50 ristoranti con il brand 100 Montaditos e che a Roma, vicino a piazza Barberini, ha aperto il primo The Good Burger (TGB), locale dove si mangiano hamburger soprattutto con carne 100% bovina, cotta sulla piastra al momento e uno speciale pane brevettato, unico in Europa.

La nostra nuova proposta – afferma Andrea Cutispoto, Country Manager Italia – punta a rispettare le esigenze di un cliente sempre più attento alla qualità dei prodotti e alla loro origine. Non vogliamo confonderci con i fast food anche se il menù principale è composto da panini con hamburger serviti con i ritmi adeguati alla vita di oggi”.

TGB porta in Italia una ventata nuova nell’offerta gastronomica nazionale, abbinando i concetti di operatività rapida e self-service alla qualità e ad un ambiente da ristorante con uno stile unico e urbano, diventando così un punto di riferimento per tutti coloro che desiderano mangiare un hamburger di qualità in un ambiente informale, moderno e di tendenza.

 Ne è un esempio “Slim” che, in sole 290 Kcal, combina petto di pollo arrosto, mix di lattuga, cipolla rossa in salamoia, salsa leggera affumicata e funghi saltati. Tutto racchiuso in un delizioso pane di cristallo, tipico della regione di Barcellona, cotto su pietra per ottenere una particolare alveolatura interna e una grande leggerezza e digeribilità. Una proposta gustosa e leggera, per coloro che vogliono mantenersi in forma senza rinunciare al piacere del buon cibo.  

 

 Slim è nato infatti con l'intenzione di creare un piatto sano ma che, allo stesso tempo, risultasse appetitoso. In questo modo, l'etichetta più giovane di Restalia propone quindi il prodotto meno calorico sul mercato, concentrandosi su tutti coloro che vogliono prendersi cura sia della linea che del gusto.  
]]>
Aperitivo con degustazione di hamburger e taglio di capelli, tutto gratis Wed, 04 Jul 2018 16:34:42 +0200 http://comunicati.net/comunicati/hobby_e_tempo_libero/cucina/485227.html http://comunicati.net/comunicati/hobby_e_tempo_libero/cucina/485227.html Rosa Rosa Cibo e hairstyling si incontrano, giovedì 5 luglio, grazie alla collaborazione tra The Good Burger, l’etichetta più giovane di Restalia (Gruppo Spagnolo leader nel settore della ristorazione organizzata) e Machete Barber Shop (https://www.macheteshop.it/). Lo shop di via degli Zingari 18, dalle ore 19 alle 21.30, aprirà le porte ai propri clienti offrendo hamburger, appetizers e tagli gratuiti, il tutto accompagnato da un’ottima musica.

Al Centro e Nord Italia (da una ventina d’anni), la professione del barbiere si è praticamente persa. Hanno messo radici i parrucchieri unisex dove, sulle poltrone, si alternano signore che devono far la piega e ragazzi che vogliono provare tagli particolari. Machete Barber shop, invece, è ormai diventato un punto di riferimento per chi a Roma non vuole rinunciare alla “bottega di una volta”.

Una giornata da dedicare a sé stessi quindi, prima con un buon hamburger e poi affidandosi a chi fa delle forbici e rasoi la propria arte.

Il Gruppo Restalia è approdato in Italia nel 2013 con la cervecería spagnola e tapas bar 100 Montaditos e, quest’anno, ha aperto la sua prima hamburgeria, The Good Burger, a Roma (via delle Quattro Fontane 174, vicino a Piazza Barberini).

TGB ha sicuramente portato in Italia una ventata nuova nell’offerta gastronomica nazionale: ingredienti di altissima qualità combinati con una divertente varietà di preparazione delle pietanze servite.
TGB propone, infatti, hamburger di carne bovina al 100%, cotto sulla piastra al momento e con un particolare pane leggermente dolce realizzato con ricetta brevettata e unica in Europa; le birre inoltre possono essere servite in boccale ghiacciato.

]]>