Miti sull'alimentazione da sfatare

10/dic/2014 01:09:19 carmenvip Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Per mantenersi in forma e mangiare sano dobbiamo seguire delle regole semplici, ma allo stesso tempo ferree, come consumare molta frutta e verdura, evitare carne rossa, i fast food, bibite gassate e zuccherate e praticare almeno 2 o 3 volte alla settimana attività fisica. Al proposito, il Dr. Oz afferma che ci sono 4 miti sull’alimentazione da sfatare, in quanto non veri al 100%.

Il primo riguarda i grassi che mangiamo. Infatti, il semplice concetto che il grasso fa ingrassare, non è del tutto giusto. In realtà, consumare una piccola quantità di grasso aiuta a sentirsi più pieni perché si innesca il senso di sazietà che porta a mangiare di meno. E ciò aiuta anche l’assorbimento delle vitamine.

Chiaramente parliamo di grassi “buoni” come gli omega- 3, contenuti nel pesce, nei frutti di mare, nelle alghe, nei semi di lino, nelle noci e nell’olio d’oliva, che non alzano i livelli di colesterolo, ma anzi, riducono il rischio di attacco di cuore. Il secondo è la convinzione che i grassi si bruciano più velocemente con l’esercizio a stomaco vuoto.

Ciò è inefficace e anche dannoso, ed è probabile che si possa perdere muscoli e resistenza esercitandosi a stomaco vuoto. Invece, allenarsi con un po’ di cibo nello stomaco, aiuta a consumare i grassi, piuttosto che i muscoli, apportando una maggiore energia e un più elevato consumo di calorie. Il terzo mito da sfatare riguarda la convinzione per cui le donne abbiamo più difficoltà nel perdere peso rispetto agli uomini. Ciò è vero in un primo momento, perché gli uomini tendono ad avere più massa muscolare e subiscono un minor numero di cambiamenti ormonali, ma nel lungo periodo la perdita di peso tra i sessi si uniforma.

L’ultimo e quarto mito riguarda le calorie. Non è vero che queste sono tutte uguali. Alcune hanno una funzione di riempimento, che lasciano un senso di sazietà più velocemente e soddisfano in un attimo il nostro appetito. Altre, invece, riempiono meno velocemente.

Se si preferiscono le prime calorie, è possibile sostituire i grassi saturi, come il burro e le carni rosse, con i grassi polinsaturi, contenuti nell’avocado e nelle noci. Avere lo stesso sapore, ma senza rischiare di ingrassare.

Per chi vuole inoltre imparare a preparare delle ricette veloci e gustose, oltre che salutari, può iscriversi ad uno dei corsi di cucina vegana che si svolgono in tutta Italia, o che si vendono online a buon mercato. 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl