Smart working: ecco quanto costa una camera in più, per lavorare da casa

Allegati

19/gen/2021 09:10:06 ComunicatiStampa.net Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 30 giorni fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
COMUNICATO STAMPA > Se non lo vedi correttamente Vedi sul Browser
 
 
 
ComunicatiStampa.net
 
 

Smart working: ecco quanto costa una camera in più, per lavorare da casa

Lo studio in varie città italiane su quanto costa avere una casa più adatta al lavoro

Roma, 19 gennaio 2021 �“  La richiesta delle aziende a proseguire lo smart working, anche dopo i lockdown, porterà alla ricerca di abitazioni più grandi, con una stanza in più da destinare al lavoro, con un grande impatto sulle tasche degli smart workers. È quanto scoperto da una analisi del portale Vorrei.it.

Lo smart working di questi ultimi 12 mesi ha sicuramente molti risvolti positivi: lavorare da casa significa meno spese di trasporto, di parcheggio, meno pranzi al ristorante e soprattutto meno stress con un guadagno di almeno 5 ore a settimana risparmiate negli spostamenti.

Ma non ci sono solo vantaggi.

I costi all’interno delle abitazioni legati al consumo dell’energia elettrica per l’uso del computer, del riscaldamento, raffrescamento per l’illuminazione di casa che altrimenti non ci sarebbero durante il giorno si fanno sentire. E non solo.

Secondo uno studio di Vorrei.it le famiglie, che hanno almeno un membro in smart working, stanno valutando o iniziando a cercare case più adatte a questa nuova vita.

In particolare l’esigenza di una camera in più, passando da un quattro locali a un cinque locali, sta diventando sempre più frequente con un impatto non trascurabile sul budget di spesa per l’acquisto di una casa.

Questo accade perché nel mercato immobiliare c’è un’offerta ridotta di appartamenti con 3 camere, e perché chiaramente c’è un aumento legato alla superficie che di conseguenza innesca un aumento del prezzo complessivo.

Secondo i dati che Vorrei.it ha analizzato prendendo come riferimento le principali città italiane emergono differenze sostanziali: si passa da città come Bolzano dove la differenza è solo del 4,7% a città come Genova dove si parla di investire quasi un 65% in più tra un appartamento da 95 mq e uno da 130 mq.

Tra i comuni analizzati emerge che a Torino, Milano, Bologna, Rimini, Firenze, Bari e Mestre, paradossalmente, al crescere della metratura cresce anche il prezzo al m² a causa di un’offerta ridotta, mentre in altre città come Roma, Bolzano, Napoli, Cagliari e Palermo con l’aumento della superficie diminuisce il prezzo al m².

Ai Navigli di Milano bisognerà spendere invece quasi il 38% in più per avere una casa adatta allo smart working, mentre a Roma bisognerà mettere il 33% in più per avere un appartamento con stanza ufficio dedicata.

Dallo studio emerge la necessità di avere uno spazio in più dedicato allo smart working che sembra entrare nelle nostre abitudini per lungo tempo. Le persone si stanno rendendo conto della necessità di avere uno spazio separato dal resto della casa per gestire riunioni online e attività lavorative con la massima concentrazione. Uno spazio meno promiscuo di quello vissuto in questi mesi”, conclude Ivan Laffranchi, esperto di proptech e founder di Vorrei.it.

 

 

Infografica con dati estratti dallo studio:

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

###

 

Per interviste e informazioni:

info@vorrei.it

Vedi online
 
 
 
 
 

Altri comunicati stampa recenti:

 
 
Cultura: nasce la Federazione Euromediterranea sulle antiche migrazioni medioevali

Cultura: nasce la Federazione Euromediterranea sulle antiche migrazioni medioevali

 Aleramici in Sicilia, l’incontro con Normanni e Svevi e la nascita della Federazione Euromediterranea sulle antiche migrazioni medioevali

Torino, 18 gennaio 2021 �“ Si sono quasi concluse le riprese del docufilm “Le vie Aleramiche e Normanno Sveve” e il suo ideatore e regista Fabrizio Di Salvo ha coordinato una riunione in streaming con…

Leggi Tutto...
 
 
Per l’Ospedale Pediatrico Meyer all'asta gli autografi di Maradona, Michael Jackson, Totò, Callas, Magnani, Pantani ed i grandi dello spettacolo e dello sport

Per l’Ospedale Pediatrico Meyer all'asta gli autografi di Maradona, Michael Jackson, Totò, Callas, Magnani, Pantani ed i grandi dello spettacolo e dello sport

In un’asta online gli autografi dei grandi dello spettacolo, dello sport e della musica

Firenze, 18 gennaio 2021 �“ C’è grande attesa tra i collezionisti di autografi per la prima asta di autografi contemporanei organizzata da Galileum Autografi in collaborazione con l’ Associazione Autografia �“ Periti Calligrafi Certificatori.

Per l’ occasione…

Leggi Tutto...
 
 
Digitalizzazione aziendale: "Vitale per le aziende che vogliono sopravvivere"

Digitalizzazione aziendale: "Vitale per le aziende che vogliono sopravvivere"

Roma, 18 gennaio 2021 �“ Il problema della scarsa digitalizzazione del nostro Paese è stato amplificato con la crisi dovuta all’epidemia da Covid-19 in ItaliaMigliaia di aziende che si sono ritrovate in difficoltà da un giorno all’altro, impotenti dinnanzi al dilagare del virus e delle decisioni del governo…

Leggi Tutto...
 
 

Abbassare il costo del lavoro nel 2021: il tema del meeting annuale di Imprenditore Sereno

Roma, 18 gennaio 2021 �“ I primi mesi dell’anno sono un momento strategico, che permette agli imprenditori di organizzare il lavoro in azienda per tutto l’anno in corso e persino gli anni a venire. Per questo è importante tenersi aggiornati e informarsi su tali importanti tematiche.

Obiettivi che si prefigge il meeting annuale…

 

Lotta alla SLA: raccolti 23mila euro dalle "Rondelle per la ricerca"

Le ‘Rondelle per la ricerca’ finanziano con più di 23mila euro la lotta alla SLA: i fondi raccolti resteranno sul territorio per assistere le famiglie friulane e finanziare il progetto del Centro Internazionale di Trieste

Udine, 15 gennaio 2021 �“ Enorme successo delle ‘Rondelle per la ricerca’, l’iniziativa benefica nata dall’intuizione di Ivano Gallici,…

Immobiliare: "Il Lido di Venezia è la Piccola Montecarlo"

Venezia, 15 gennaio 2021 �“ “Il Lido di Venezia è un pezzo di paradiso che ha tutto per essere la Piccola Montecarlo d’Italia”. Ad affermarlo  Antonio De Martino (www.antoniodemartino.com), imprenditore e immobiliarista lungimirante, che vede proprio nel Lido di Venezia un luogo con

 
 
 
 
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl