Coronavirus, un concerto in streaming grazie all’Almo Collegio Borromeo

26/mar/2020 18:53:24 articolinews Contatta l'autore

Sono numerose le iniziative messe in campo da organizzazioni e artisti per affrontare questo periodo di emergenza: l'Almo Collegio Borromeo ha deciso di condividere un concerto di Brahms, uno streaming live andato in onda sulla pagina Facebook dell'Istituto.

Almo Collegio Borromeo

Almo Collegio Borromeo, il duo Mazzoni-Mazzon protagonista di un'esibizione in streaming

#lamusicanonsiferma è l'hashtag lanciato dall'Almo Collegio Borromeo per il concerto in streaming che l'Istituto ha voluto promuovere durante l'emergenza Coronavirus. Date le difficoltà del periodo causate dal blocco di ogni tipologia di attività e servizi al di là di quelli ritenuti essenziali dagli ultimi provvedimenti del Governo, il Collegio ha pensato di condividere sulla sua pagina Facebook l'esibizione del duo composto da Marcello Mazzoni e Silvia Mazzon, che si sarebbe dovuta svolgere nella Sala degli Affreschi dell'Istituto. La coppia, legata artisticamente e sentimentalmente, ha eseguito una famosa opera del compositore tedesco Johannes Brahms, la "Sonata n.2 per violino e pianoforte in La maggiore". Il concerto, andato in onda il 10 marzo, si è tenuto nell'abitazione dei due musicisti, collegati in live da Reggio Emilia: "Una composizione dell'epoca matura, una sonata fortemente lirica ispirata all'intimismo, alla dimensione privata - ha spiegato Mazzoni durante la live - questa ovviamente è solo un'anteprima del concerto previsto nella Sala dell'Almo Collegio Borromeo, che sicuramente verrà riorganizzato appena questo momento particolare sarà passato. Anche se dal nostro salotto, speriamo comunque di portare un po' di serenità nelle case".

L'Istituto di merito più antico d'Italia: l'Almo Collegio Borromeo

Riconosciuto dal Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca come ente di alta qualificazione culturale, l'Almo Collegio Borromeo è una fondazione privata che offre diversi servizi a studenti e professionisti dell'Università di Pavia. L'Istituto è nato da un'idea di San Carlo che, come arcivescovo di Milano, nel 1561 decise di offrire la possibilità anche agli studenti più meritevoli, ma privi di sostegno economico, di frequentare l'Ateneo pavese. Ad oggi l'obiettivo continua ad essere perseguito: vitto, alloggio e assistenza sono infatti dedicati a tutti coloro che hanno dimostrato, attraverso diverse prove sia orali che scritte, la loro idoneità. Gli ospiti, durante il loro percorso, dovranno tuttavia mantenere degli standard elevati, come ad esempio una media annuale di almeno 27/30 e partecipare alle numerose attività di formazione integrativa. Un'eccellenza possibile soprattutto grazie ai servizi offerti dalla struttura: dalle aule studio alla biblioteca con oltre 40.000 testi, dal campo da calcio alla palestra attrezzata. Il tutto condito da conferenze, workshop e seminari con protagonisti personalità riconosciute sia in ambito imprenditoriale che accademico. L'Almo Collegio Borromeo si distingue inoltre per l'importanza data all'educazione musicale: il Coro e l'Orchestra dell'Istituto, diretti rispettivamente dai maestri Marco Berrini e Denis Zanchetta, danno vita ogni anno ad una stagione musicale, con concerti che coinvolgono rinomati musicisti del Paese.

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl