L’avvocato dello studio di Andrea Mascetti interviene sulle novità contenute nel D.L. 30 aprile 2019 n.34

12/giu/2019 15:55:31 articolinews Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 3 mesi fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

L'avvocato Alessandra Brignoli dello studio legale di Andrea Mascetti spiega le novità contenute nel recente D.L. 30 aprile 2019 n.34 e concernenti alcune disposizioni in tema di ambiente, efficientamento energetico ed economia circolare.

Andrea Mascetti

Lo studio di Andrea Mascetti: gli aggiornamenti in tema di politiche ambientali

Il legale Alessandra Brignoli, che esercita la professione forense nello studio fondato da Andrea Mascetti, ha scritto in merito alle misure relative all'ambiente contenute nel testo del D.L. 30 aprile 2019 n.34, conosciuto a livello mediatico come il "Decreto Crescita", entrato pienamente in azione lo scorso 1° maggio scorso e riguardante politiche specifiche per favorire la crescita economica. L'articolo 26 del provvedimento enumera determinate agevolazioni a favore di progetti di ricerca e sviluppo che determinino una riorganizzazione dei processi produttivi nell'ambito generale di un'economia di tipo circolare, ovvero avente come obiettivi la riconversione produttiva del tessuto industriale e un utilizzo più intelligente e sostenibile delle risorse. L'avvocato Alessandra Brignoli dello studio legale di Andrea Mascetti specifica inoltre che tali agevolazioni, erogate sotto forma di finanziamenti economici e contributi diretti alla spesa, hanno come destinatari finali aziende e centri di ricerca che adempiano a specifici requisiti elencati nel comma 2, tra i quali l'iscrizione al Registro delle Imprese e il core business nel comparto della manifattura o in quello dei servizi diretti alle realtà manifatturiere

L'avvocato Brignoli dello studio di Andrea Mascetti prosegue nei dettagli del D.L.

Sempre l'avvocato Alessandra Brignoli, dello studio legale di Andrea Mascetti, prosegue spiegando che saranno oggetto di finanziamento la sperimentazione e progettazione di modelli ad elevato tasso di tecnologia integrata aventi come obiettivo il consolidamento dei percorsi di simbiosi industriale con lo scopo, ad esempio, di pensare ad un approccio sistemico alla diminuzione, al riutilizzo e al riciclo degli scarti di tipo alimentare. Inoltre, altri obiettivi su cui focalizzarsi saranno il miglioramento del ciclo integrato delle acque e il riciclo delle materie prime, nonché innovazioni di prodotto e di processo per quanto concerne l'impiego intelligente delle risorse e di trattamento e trasformazione dei rifiuti, compreso il riutilizzo dei materiali in un'ottica generale di circular economy o a "rifiuto zero" e di compatibilità ambientale. Il legale Alessandra Brignoli scrive infine che la specificazione di criteri, condizioni e iter procedurali per la concessione ed erogazione degli importi relativi alle agevolazioni economiche è rimandata a un decreto attuativo da parte del Ministero competente, ovvero quello dello sviluppo economico. L'art. 30 di tale Decreto riguarda nello specifico i contributi devoluti ai Comuni e calcolati in base alla popolazione residente alla data del 1° gennaio 2018 per interventi di efficientamento energetico e sviluppo sostenibile del territorio.

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl