Arte, a Firenze il genio africano Frédéric Bruly Bouabré nella mostra 'Connaissance du Monde'

Allegati

07/feb/2018 09:10:06 ComunicatiStampa.net Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 6 mesi fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
COMUNICATO STAMPA > Se non lo vedi correttamente Vedi sul Browser
 
 
 
ComunicatiStampa.net
 
 

Arte, a Firenze il genio africano Frédéric Bruly Bouabré nella mostra 'Connaissance du Monde'

Firenze, 7 febbraio 2018 - Giovedì 8 febbraio alle ore 18 si inaugura, presso la SACI Gallery di Firenze, in occasione della 3a edizione del  BHMF Black History Month Florence, la mostra Connaissance du Monde dell'artista ivoriano Frédéric Bruly Bouabré a cura di Antonella Pisilli.

Lo scrittore Amadou Hampâté Bâ davanti all'assemblea dell'Unesco nel 1962 disse “In Africa ogni volta che un anziano muore è come se bruciasse una biblioteca".

Quando il 28 gennaio del 2014 è morto Frédéric Bruly Bouabré un patrimonio di conoscenza si è perso per sempre ma nella sua lunga vita l'artista ci ha donato migliaia di “feuilles volages”, disegni in formato cartolina che rimangono a testimoniare il suo importante lavoro e hanno lasciato una traccia del sapere universale del mondo.

Nato a Zepregue Daloa ufficialmente nel 1923, ma in realtà nel 1921, nella sua lunga vita ha lavorato incessantemente ogni giorno per trasmettere al suo popolo prima e al mondo poi, la conoscenza dell'universo, occupandosi di tutti campi del sapere, fu scrittore, artista, narratore, filosofo, saggio, mistico, inventore, ricercatore, pacifista, insegnante, poeta, comunicatore, profeta, studioso, visionario, osservatore, documentarista e archivista del mondo che lo circondava.

Il lavoro di Frédéric Bruly Bouabré inizia con una visione: la “Vision du soleil”.

Giovedì 11 marzo del 1948 si aprì nel cielo, davanti ai suoi occhi il sole che si divise in altri sette sfere colorate e  descrisse un cerchio di bellezza intorno alla madre sole, in quell'istante Bouabré diventò Cheik Nadro, 'Colui che non dimentica'.

Dal momento della rivelazione ha iniziato a disegnare su delle piccole cartoline tutto ciò che era nascosto sulla superficie delle cose, dalle forme sulle bucce dei frutti, alle immagini dei giornali, a tutto ciò che vedeva e che pensava fosse necessario per archiviare il mondo, un lungo lavoro, perpetuato per 60 anni che ha raccolto in un'enciclopedica opera dal titolo “Connaissance du monde”.

Frédéric Bruly Bouabré, si è dedicato oltre che al disegno anche alla scrittura perché voleva che la lingua parlata venisse trascritta e diventasse testo scritto, per questo inventa un alfabeto.

Frédéric Bruly Bouabré racconta che nel villaggio vicino a Daloa, a Bekora, c'erano dei piccoli ciottoli neri molto famosi per la loro bellezza, andò a Bekora e li prese, sembravano scolpiti e pensò fossero elementi di una scrittura antica. In quegli stessi giorni feci un sogno e una voce gli rivelò di pronunciare, al risveglio, il nome dei segni che aveva riconosciuto.

Da questa seconda rivelazione riuscì con fatica e molto lavoro a trovare l'equivalenza tra suoni e segni e da lì disegnò 500 sillabe. Questa totalità è ciò che chiama un sistema di scrittura, l'alfabeto Bété.

Questo lavoro riflette il pensiero universale di Frédéric Bruly Bouabré, in cui tutti gli uomini sono fratelli e tutti dovrebbero capirsi l'un l'altro attraverso l'uso di una medesima scrittura.

Il "nuovo Champollion" ha continuato fino alla sua morte con penna a biro e matite colorate il lavoro di trascrizione della poesia e della narrazione tradizionale Bété e raccontato  storie, dalla mitologia cosmica fino agli ultimi avvenimenti della vita politica internazionale.

Dal 1958 quando l'antropologo e naturalista francese Théodore Monod, direttore dell'Istituto francese in Africa pubblicò il suo sillabario, Frédéric Bruly Bouabré ha cominciato ad essere conosciuto fuori dal suo villaggio.

Scoperto da André Magnin nel 1989 il suo lavoro venne presentato per la prima volta in Europa alla mostra  “Magiciens de la terre” e da lì in un'escalation di esposizioni internazionali e di riconoscimenti lo hanno decretato uno degli artisti africani più significativi del panorama artistico internazionale.

Durante la mostra verrà proiettato il film “Nadro” (1998) della regista Ivana Massetti, la quale con un affascinante stile visivo,  ci conduce nelle tappe fondamentali della vita di Bouabré. Ivana Massetti del suo film dice: “Il film cattura tutto ciò che non esisterà più nel prossimo millennio. Tutto questo non lo rivedremo mai più".

Nel prossimo futuro, questa figura entrerà a far parte di un’iconografia che sarà studiata e comunicata su Internet, l'immagine virtuale di una realtà virtuale. Nel film, l'uomo e l'artista coesistono.

Nel film, il suo volto è lì, la sua espressione ostinata, il suo sguardo, la sua voce. Una presenza reale, non un eco. E’ la gioia, il calore e la bellezza di un incontro. Il nostro incontro. Il compimento di un viaggio. Un viaggio di iniziazione, in cui lo sguardo del discepolo magnifica il maestro. Storie possibile solo tra esseri umani”.

Le opere esposte fanno parte della Collezione di arte contemporanea africana Kyo Noir.

 

Connaissance du Monde
del genio africano e artista ivoriano Frédéric Bruly Bouabré
a cura di Antonella Pisilli in collaborazione con Kyo Noir Gallery
per l'occasione di Black History Month Florence

SACI Gallery
Palazzo dei Cartelloni
Via Sant'Antonino 11, Firenze
8 Febbraio - 1 Marzo 2018
Inaugurazione: Giovedì, 8 Febbraio alle ore 18

Orario: Lunedì-Venerdì 9-19 / Sabato-Domenica 13-19

Tel. 055 289948 / gallery@saci-florence.edu

 

 

FBB

Vedi online
 
 
 
 
 

Altri comunicati stampa recenti:

 
 
Lettera a Sua Maestà la Plastica, della scrittrice Barbara Appiano

Lettera a Sua Maestà la Plastica, della scrittrice Barbara Appiano

Vercelli, 6 febbraio 2018 �“ La scrittrice Barbara Appiano, autrice del libro ‘Umanità Anno Zero’, romanzo di formazione di Barbara Appiano, paragonato al Piccolo Principe” e Pinocchio, ha lanciato in rete una ‘Lettera a Sua Maestà la Plastica‘.

Un urlo di dolore, così come il libro, a difesa dell’ambiente e di tutti gli esseri viventi,…

Leggi Tutto...
 
 
Pubblica Amministrazione, per risparmiare arriva il VOIP

Pubblica Amministrazione, per risparmiare arriva il VOIP

Roma, 6 febbraio 2018 �“ Per un maggior risparmio ed una migliore gestione dei costi nelle comunicazioni telefoniche la Pubblica Amministrazione italiana sceglie la telefonia VoIP.

Una soluzione innovativa e unica sul mercato, targata TelcaVoIP International, finora già adottata anche da diverse realtà italiane quali Veneto Soluzioni, Sos Travel.com, Aviation Services, Safa-Bag, Acca Software, e…

Leggi Tutto...
 
 
In Veneto nasce PizzaGarantita, il primo sistema di consegna pizze con garanzia

In Veneto nasce PizzaGarantita, il primo sistema di consegna pizze con garanzia

Salzano (VE), 5 febbraio 2018 �“ Quante volte ci è capitato di ordinare una pizza da asporto o a domicilio e vedersela arrivare in enorme ritardo, fredda e magari anche sbagliata? È per risolvere questo problema che è nato PizzaGarantita, il primo servizio in Italia che garantisce la consegna della pizza calda e in orario.…

Leggi Tutto...
 
 

Voucher Digitalizzazione: ultima settimana per le domande

Milano, 5 febbraio 2018 �“ Manca poco al termine del 9 febbraio 2018, data entro la quale le aziende italiane possono presentare le domande di partecipazione al bando per ottenere il finanziamento messo a disposizione dal Mise, noto come voucher per la digitalizzazione PMI .

Ancora pochi giorni a disposizione delle micro, piccole e…

 

A Sanremo violini d'oro e gemme per 'StradivariRock', del maestro e falsario d'arte Daniele Dondé

Aperitivo stampa ed inaugurazione giovedi 8 febbraio alle ore 17 presso l’Hotel Royal di Sanremo per la presentazione di StradivariRock, mostra organizzata dal falsario e maestro d’arte Daniele Dondé…

Cremona, 2 febbraio 2018 �“ Il falsario d’arte più amato dai Vip, ed il più conosciuto al mondo, Daniele Dondé presenterà in esclusiva internazionale,…

Cultura, al via "Notti meravigliose" su Tele 7 Laghi: per la sigla la canzone del cantautore Zannetti

Milano, 2 febbraio 2018 �“ La canzone “Notti Meravigliose” composta dal noto cantautore, musicista e scrittore Carlo Zannetti (www.carlozannetti.it), diventa la sigla iniziale del nuovo programma culturale “Ophelia’s Friends �“ Notti Meravigliose” in onda l’ultima domenica di ogni mese, a partire dalle ore 22, sull’emittente lombarda TELE 7 LAGHI.

“Ophelia’s Friends �“ Notti Meravigliose”,…

 
 
 
 
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl