Quando russare da semplice fastidio diventa un pericolo per la salute

22/mag/2014 15:30:54 Pinkommunication Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

L’Istituto Stomatologico Italiano di Milano mette l’accento sulla patologia, con un piano di intervento e un team multidisciplinare per diagnosi e terapie tempestive.

Il 50% della popolazione adulta russa: in prevalenza sono uomini dai 30 anni in su, ma il fenomeno si manifesta molto frequentemente anche nelle donne, soprattutto dopo la menopausa. Diverse sono le cause: l’età, il peso, condizioni anatomiche particolari come la morfologia dell’ugola, la difficoltà respiratoria nasale (derivante da comuni allergie o da una deviazione del setto), l’abuso di alcool e medicinali fino alla posizione scelta per dormire.

E’ comune considerare però il sintomo russamento come un fastidio da sopportare tra le mura domestiche, spesso con la rassegnazione del partner. L’allarme arriva però da dati statistici che riscontrano proprio nella stanchezza derivante da un sonno disturbato la causa di 2 incidenti stradali su 5.

Ma le strade non solo l’unica via impervia per i russatori. Questa patologia, infatti, può nascondere diverse insidie, come spiega il Dott. Fiorenzo Bertoletti, alla guida del team multidisciplinare dell’Istituto Stomatologico Italiano per lo studio e la cura del russamento e delle apnee notturne ostruttive: “Il russatore con apnee notturne è solitamente ignaro degli scompensi psicofisici a cui potrebbe andare incontro e difficilmente si rivolge al medico per la prescrizione di una terapia dopo accurata diagnosi”. Quando infatti al russamento sono associate apnee notturne ostruttive, i possibili effetti collaterali spaziano dallo stress alla stanchezza diurna, dalla sonnolenza cronica fino a patologie ben più gravi come ipertensione arteriosa, malattie cardiovascolari, ictus e alterazione della produzione di determinati ormoni.

E’ fondamentale quindi che il russatore si affidi ad un centro specializzato per una diagnosi preliminare, valutando in un primo step la presenza o meno di anomalie a naso, palato, tonsille, base della lingua e laringe. Successivamente sarà necessario procedere con esami diagnostici come la polisonnografia (esame del sonno) per verificare la presenza di eventuali apnee ostruttive durante il sonno. “Per i casi più complessi sono richiesti esami specifici per poter avere un quadro completo e definire la terapia personalizzata, chirurgica e non. La terapia chirurgica oggi ha fatto passi da gigante. Se indicato, si tratta di un semplice intervento mini-invasivo, da effettuarsi in anestesia locale e in day hospital, che può correggere eventuali anomalie anatomiche con netto miglioramento della sintomatologia vibratoria e/o ostruttiva”, commenta il Dott. Bertoletti. Tra le terapie non chirurgiche, l’utilizzo di un sistema che comprime l’aria e l’invia attraverso il naso e la bocca nella faringe-laringe (C.P.A.P.) e l’utilizzo di apparecchi ortodontici, da posizionarsi tra le arcate dentarie, che mantengono la lingua in posizione corretta durante il sonno.

Sono oltre 20.000 i pazienti che ogni anno affluiscono all’Istituto Stomatologico Italiano, centro d’eccellenza in campo odontoiatrico e Casa di Cura di Chirurgia Maxillo Facciale. “Capita di frequente di diagnosticare patologie riconducibili a problemi di russamento e apnee in pazienti che si sono rivolti alla nostra struttura per tutt’altro motivo. Qui trovano uno staff di medici specializzati e di strumentazioni all’avanguardia che ci consentono di approcciare il problema a 360°, dalla diagnosi alla terapia anche chirurgica, svolta in convenzione con l’ASL”.

Cos’è la Roncopatia

Il russamento è la conseguenza di un difficoltoso passaggio dell’aria attraverso le prime vie aeree durante il sonno. La conseguente vibrazione dei tessuti molli è la causa del caratteristico suono. Durante il sonno, il rilassamento dei muscoli della bocca, della lingua e della gola rendono ancora più difficoltoso il passaggio dell’aria. Quanto più ridotte sono le vie aeree, tanto più difficile diventa la respirazione, fino a trasformarsi in apnea notturna (sospensione della respirazione per qualche secondo).

ISTITUTO STOMATOLOGICO ITALIANO – COMPANY PROFILE

L’Istituto Stomatologico Italiano è una Società Cooperativa Sociale Onlus, specializzata in Odontoiatria e sede della Casa di Cura di Chirurgia Maxillo Facciale, che opera anche in convenzione con il Servizio Sanitario Nazionale. Fondato a Milano nel 1908, già dal 1954 avvia fattive collaborazioni con Istituti Universitari per dare vita a progetti di ricerca e specializzazione. All’interno dell’Istituto opera la Fondazione ISI per la promozione della ricerca scientifica e dello sviluppo tecnologico in ambito odontoiatrico e accoglie la Scuola di Specializzazione in Chirurgia Orale dell’Università degli Studi di Milano. L’Istituto è stato insignito nel 2005 dell’Ambrogino d’Oro con attestato di benemerenza civica. Riconosciuto centro di eccellenza in campo odontoiatrico, dal 2008 l’Istituto Stomatologico Italiano ha messo in atto un piano di ristrutturazione della storica sede di via Pace, sita all’interno del “quadrilatero ospedaliero” di Milano. Nuovi reparti con più confort e privacy per i pazienti; 3 sale operatorie all’avanguardia tecnologica, 40 posti letto ordinari, 12 posti letti in day surgery, oltre 70 poltrone odontoiatriche e più di 150 operatori specializzati, 100.000 prestazioni erogate ogni anno e 25.000 prime visite. Questi alcuni dei numeri che hanno reso l’Istituto Stomatologico uno dei centri più qualificati al mondo e realtà unica in Italia in campo odontoiatrico.  

 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl