Interpump Group supporta le proprie strategie di espansione internazionale grazie a OVH e Skybackbone Engenio

11/giu/2019 11:03:39 Omnicom PR Group Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 3 mesi fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

 

Il Gruppo, a seguito dell’acquisizione di Gs-Hydro, si è affidato alla tecnologia di OVH e a Skybackbone Engenio per consolidare la propria infrastruttura cloud


OVH annuncia oggi il completamento del progetto realizzato con Interpump Group, leader mondiale nella produzione di pompe a pistoni professionali e del settore dell'oleodinamica, che ha visto l’azienda impegnata nel ridisegno della propria infrastruttura cloud, a seguito dell’acquisizione delle attività internazionali del gruppo finlandese GS-Hydro.

Nel corso della sua poco più che quarantennale attività, Interpump ha conosciuto una crescita esponenziale in termini di fatturato e numero di dipendenti che l’hanno portata a intraprendere anche un’importante strategia di espansione sui mercati internazionali. In questo contesto si inquadra l’acquisizione nel 2018 delle attività internazionali del gruppo finlandese GS-Hydro, leader mondiale nella progettazione e realizzazione di sistemi piping nei settori industriale, navale e offshore. 

Come conseguenza diretta di questa operazione, Interpump si è trovata di fronte alle necessità di consolidare i Data center di GS-Hydro presenti in Finlandia e Giappone in un’unica struttura. Le ragioni di questa scelta non risiedevano solamente nella volontà di semplificare l’infrastruttura IT del Gruppo, ma miravano ad ottenere un aumento delle performance, non più adeguate alle esigenze, e a ridurre i costi di esercizio.

Dopo una fase di assessment delle diverse opzioni e proposte di vendor, Interpump ha deciso di affidarsi alla consulenza di Skybackbone Engenio e alla tecnologia OVH, grazie a un progetto capace di rispondere ai requisiti del gruppo di Sant’Ilario d’Enza con impatti minimi sull’operatività dell’azienda, nonostante i tre Data center da consolidare gestissero le operazioni IT di dodici filiali tra Europa, Usa, America Latina e Asia. Fondamentale inoltre per il cliente la migrazione verso tecnologie VMware.

La sfida che ci si poneva era duplice”, spiega Giuseppe Nale, CTO di Skybackbone Engenio, “rispettare gli obiettivi con un orizzonte temporale molto ridotto e garantire la minima invasività possibile, trovando la modalità migliore per connettersi all’infrastruttura preesistente. Semplicità ed efficienza sono stati i due capisaldi che ci hanno permesso di dar vita a un progetto che ha pienamente soddisfatto il cliente.

Proprio in quest’ottica si è deciso di procedere con una valutazione iniziale delle applicazioni implementate, al fine di stabilire quali potessero essere migrate e quali invece andassero rimosse.

I requisiti in termini di infrastruttura hanno portato alla scelta di OVH quale provider Cloud, grazie a una serie di fattori che ne hanno decretato la preferenza rispetto ai competitor: le performance del backbone mondiale di interconnessione di cui dispone il player europeo, l’offerta di cloud dedicato con la scelta di risorse hardware e la garanzia per il cliente di sapere dove si trovino i propri dati, la compliance alla normativa GDPR e la grande flessibilità nell’uso di tecnologia VMware.

Dionigi Faccenda, Sales Manager South West Europe, NA e LatAm di OVH, afferma: “Siamo orgogliosi di aver portato a termine con successo questo progetto per un player dell’importanza di Interpump Group. La perfetta sinergia tra il nostro cloud dedicato, la tecnologia VMware e il design di progetto a cura di Skybackbone Engenio ha consentito al cliente di ottenere il consolidamento dei propri Datacenter in tempi rapidi e con un impatto minimo sull’operatività del Gruppo, conseguendo al contempo un rilevante incremento delle performance del sistema. Il tutto a fronte di una riduzione dei costi complessivi.”  

OVH ha fornito la propria tecnologia software defined SSDC vSan 512, che include la piattaforma di virtualizzazione vSphere 6.5 di VMware, 2 Datastore da 1,2 TB e 4000 vLan.

La proficua collaborazione con Skybackbone Engenio e OVH – afferma Maurizio Montanari, ICT Manager di Interpump Group – ci ha consentito di consolidare l’infrastruttura in un nuovo Datacenter e conseguentemente dismettere i tre precedentemente utilizzati. Il tutto è stato realizzato con fermi di servizio attuati durante i fine settimana, minimizzando in tal modo l’impatto per gli utenti. Inoltre, le performance complessive sono migliorate a fronte di una ottimizzazione dei costi di gestione.

 

OVH è un provider mondiale del Cloud hyperscale che offre alle aziende valori e performance nel settore di riferimento. Leader europeo, OVH rappresenta l’alternativa nel Cloud. Fondato nel 1999, il Gruppo gestisce attualmente 28 datacenter situati in 12 siti in 4 continenti, implementa la propria rete mondiale in fibra ottica e gestisce l’intera catena dell’hosting. Grazie a infrastrutture di proprietà esclusiva, OVH offre strumenti e soluzioni semplici e potenti, in grado di rivoluzionare le condizioni di lavoro di oltre 1,4 milioni di clienti in tutto il mondo. Il rispetto per l'individuo e la libertà di accesso alle nuove tecnologie sono da sempre i valori principali del Gruppo. Da qui il motto di OVH, “Innovation for Freedom”.

 

Interpump Group S.p.A. è un'azienda italiana specializzata nella produzione di pompe ad alta ed altissima pressione ad acqua ed uno dei principali gruppi mondiali nel settore oleodinamico. È quotata alla Borsa Italiana nell'indice FTSE Italia Mid Cap e FTSE Italia STAR della Borsa di Milano. 

Skybackbone Engenio, fondata nel 2011 da un team con esperienza pluri-decennale, si propone come Società di Consulenza e di Supporto al Business nella gestione dei Sistemi Informativi Aziendali con particolare focus su applicazioni ERP / CRM / eCommerce. 

 

 

 

 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl