Servizio Kanban magazzino: a cosa serve e come si mette in pratica

15/gen/2021 17:27:31 switchup Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 30 giorni fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Come funziona il più famoso metodo di organizzazione giapponese del lavoro? Come può migliorare lo stoccaggio e il rifornimento dei magazzini aziendali? Se sei alla ricerca di informazioni su una modalità per aumentare l’efficienza lavorativa della tua azienda, potresti trovare utile questo articolo, in cui ti spieghiamo in cosa consiste il servizio Kanban.

Metodo Kanban: l’origine del termine

Il termine giapponese Kanban (letteralmente: Kan, visuale e Ban, segnale) è un modello produttivo che utilizza un componente chiave del sistema organizzativo: un “cartellino” da posizionare sul materiale da monitorare, per una gestione visuale del flusso di lavoro.

In cosa consiste il metodo Kanban?

Il Kanban può assumere diverse forme: può essere un cartellino fisico o digitale, così come una bandierina. Vediamo quante versioni di Kanban possono esistere:

·         Cartellino Kanban: scheda di carta collegata a un contenitore, che consente di capire subito e senza malintesi cosa serve in un determinato momento. Viene utilizzato per segnalare la necessità di attivare un ordine di prelievo o di produzione.

·         Contenitore Kanban: con lo stesso utilizzo del cartellino Kanban, il contenitore consiste nel vero Kanban, perché al suo interno è posizionato il materiale

·         E-Kanban: se i prodotti hanno un codice a barre, questo può essere scansionato nel momento in cui si ha l’esigenza di ricevere il nuovo materiale. Con la scansione del codice parte la richiesta per il personale di magazzino che si occupa del riempimento del contenitore Kanban. Se il fornitore del materiale è esterno all’azienda, il sistema invia un’e-mail direttamente al magazzino del fornitore.

Come funziona il Kanban?

Le schede Kanban, in genere, contengono diverse informazioni: codice articolo, produttore, quantità di riordino, reparto, codice a barre... Solitamente, i cartellini Kanban hanno colori evidenti e vengono posizionati in punti visibili sul contenitore dedicato al materiale.

Man mano che l’operatore preleva i componenti svuotando il contenitore troverà il cartellino e lo posizionerà in una cassetta porta Kanban dove si trovano tutti i cartellini in attesa del riordino. Quando l’operatore dedicato vede uno o più cartellini sa già esattamente cosa fare: innesca un’azione ed elimina la necessità chiedere informazioni al supervisore, perché sa che deve ripristinare le scorte.

 

Ovviamente, l'introduzione del metodo Kanban è inutile se alla base non c'è un’intenzione chiara e una pianificazione professionale dei flussi all'interno del magazzino: il metodo Kanban in magazzino funziona se la comunicazione tra reparti o aziende è efficace!

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl