IL TELO PER IMBALLAGGIO FLESSIBILE IN PE RIGENERATO PER GARANTIRE L’INTEGRITÀ E LA SOSTENIBILITÀ DEI PRODOTTI E DELLE MERCI.

21/giu/2016 11.19.39 Ecoplen. Innovazioni Sostenibili Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 6 mesi fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Il telo per imballaggio flessibile in multi piega continuo prodotto con Polietilene rigenerato è il risultato della filosofia aziendale che Ecoplen ha trasferito alle proprie produzioni. Dare una seconda vita alla plastica significa garantire all’ambiente uno sviluppo sostenibile nella riduzione degli effetti inquinanti prodotti dall’utilizzo del petrolio e dei suoi derivati.

Riuscire ad riciclare la plastica per realizzare nuovi oggetti e prodotti che hanno come fine la protezione, così come fa il telo per imballaggio in PE rigeneratoEcoplen, significa contribuire in maniera assoluta alla salvaguardia del nostro pianeta avendo come punti fermi nella condizione dell’impresa i valori di eticità e rispetto per la natura.

    

Cos’è un imballaggio

L'imballaggio è un prodotto, adibito a contenere e a proteggere determinate merci, dalle materie prime ai prodotti finiti e a consentire la loro manipolazione e la loro consegna,  ad assicurare la loro presentazione al pubblico.

Gli imballaggi vengono distinti in tre diverse categorie:

Imballaggio primario, quando il rivestimento  confeziona il singolo prodotto pronto al consumo. Ad esempio, la lattina che contiene la bevanda.  La tanica che contiene l’acqua. In questo modo l’imballaggio consente di conservare nel tempo e trasportare beni altrimenti deperibili.

Imballaggio secondario o multiplo:  si ha quando il prodotto ha più confezioni che ne garantiscono la conservazione. Esempio, la confezione di più merendine che sono rivestite da un involucro di carta plastificata e poi collocate in un contenitore di cartone avvolto in un altro busta di carta plastificata. Quindi l’imballaggio secondario può essere  rimosso dal prodotto senza alternarne le caratteristiche.

Imballaggio terziario, concepito in modo da facilitare la logistica e il trasporto di un certo numero di unità di vendita o di imballaggi secondari per evitare la loro manipolazione e i danni connessi al trasporto. In questo caso possono essere i cartoni che contengono le confezioni.

L'imballaggio deve rispettare una serie di obiettivi, quali: proteggere la merce, evitare furti, essere economico, e rispettare un equilibrio tra le sue prestazioni e il suo costo, sia dal punto di vista del materiale impiegato, sia del tempo impiegato per realizzare l'operazione di imballaggio.

Inoltre dal punto di vista ecologico è importante che per gli imballaggi vengano usati materiali facilmente riciclabili e nella minor quantità possibile.

 

Oggi l’imballaggio ha assunto anche caratteristiche estetiche, offrendo all’utilizzatore non solo la garanzia di protezione ma anche una qualità di bellezza nella presentazione del prodotto.

Così è diventato molto diffuso l'uso di riferirsi all'imballaggio con il termine inglese packaging: che assume un'accezione più ampia, riferendosi non solo alla materialità dell'imballaggio, ma anche agli aspetti immateriali riguardanti il processo produttivo, industriale ed estetico, laddove, invece, il termine italiano "imballaggio" assume un significato più ristretto, relativo all'involucro materiale, o al complesso di operazioni attraverso cui la merce viene racchiusa nell'involucro.

 

Il telo per imballaggio in PE rigenerato Ecoplen non solo garantisce protezione, sicurezza, resistenza ma offre grazie alla vari gamma di colori e di trasparenze un tocco di estetica alle merci racchiuse in esso.

 

 

 

La storia dell’imballaggio

L’imballaggio fa parte della nostra cultura, è  un elemento importante, un’icona del nostro tempo. La storia degli imballaggi è collegata anche alla storia economia, industriale ed artigianale del nostro Paese. La rapidità della crescita dell’Italia, dal 1960 ad oggi, ha comportato un rivoluzionamento delle economie tradizionali, dei mercati e, di conseguenza, della struttura stessa del sistema produttivo e della sua distribuzione sul territorio. È cambiato il modo di vivere, di rapportarsi con il territorio e quindi di consumare. Le distanze sono aumentate, le merci, prodotte in un luogo, vengono trasportate altrove per essere consumate, le persone vivono in un posto e lavorano in un altro. Pertanto garantire una protezione a tutto quello che si produce diventa una necessità e se questo si riesce a farlo attraverso processi industriali rispettosi dell’ambiente che ci circonda allora il valore della merce prodotta aumenta in termini di etica e sostenibilità.

 

Il telo per imballaggi in PE rigenerato Ecoplen

è il risultato di questa storia aziendale che ha fatto della sostenibilità ambientale un punto fondamentale della propria produzione.

Il telo per imballaggio in PE rigenerato Ecoplen prodotto sia come telo multi piega che come sacchetti di varie dimensioni è indicato nell’industria degli imbottiti, dei tessuti, per il confezionamento di contenitori o prodotti vari, per chi ha l’esigenza di incappucciare merce anche di grandi dimensioni, utilissimo per gli scarti di lavorazione nel settore dei tessuti e degli imbottiti in quando la trasparenza permette la divisione degli scarti per colore.

Indicato per la protezione di divani o mobili nel caso di trasporto o solo per proteggerlo dalla polvere o dagli agenti atmosferici nel caso di deposito in magazzino o dalle impurità e dagli agenti esterni per tutto il tragitto dal luogo di produzione al luogo di consegna.

 Il telo per imballaggi in PE rigenerato  Ecoplen ha una elevata resistenza alla lacerazione e notevoli caratteristiche tecniche che garantiscono sicurezza e protezione.

Fornito in bobine per il telo in multi piega  e in cartoni per i sacchi di varie dimensioni.

 

I numeri del riciclo degli imballaggi

Nel 2014 sono oltre 830.000 le tonnellate di imballaggi in plastica raccolte in modo differenziato con un incremento del  +8% rispetto al 2013, grazie soprattutto all’aumento di raccolta in zone storicamente difficili come il Mezzogiorno. Sono 450.000 le tonnellate di rifiuti di imballaggio in plastica provenienti dalla raccolta differenziata riciclate nel 2014. A questa cifra vanno aggiunti i quantitativi di imballaggi in plastica riciclati da operatori industriali indipendenti provenienti dalle attività commerciali e industriali, pari a 323.000 tonnellate, per un riciclo complessivo di circa 780.000 tonnellate.

Le nuove tecnologie e l’esperienza pluriennale nel riciclo hanno reso il mercato delle materie prime seconde ottenute un settore di qualità. Oggi è possibile realizzare qualsiasi cosa con materiale proveniente da Riciclo.

Ecoplen è la prima azienda al mondo è la prima azienda al mondo ad utilizzare non meno del 70% di polietilene rigenerato da rifiuto post-consumo per la fabbricazione di taniche in plastica da 5, 10, 20 e 25 litri. Ed oggi anche grazie all’utilizzo del RILENE ®, resina ottenuta da una meticolosa selezione dei rifiuti plastici grazie ad un innovativo sistema di trasformazione ed una inedita ricetta, può produrre il telo per imballaggi flessibile con il 100% di Polietilene Rigenerato.

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl