Comunicati.net - Comunicati pubblicati - Internet Comunicati.net - Comunicati pubblicati - Internet Sat, 27 May 2017 00:33:11 +0200 Zend_Feed_Writer 1.11.10 (http://framework.zend.com) http://comunicati.net/comunicati/aziende/internet/1 Sony Xperia X Series No More Phones Fri, 26 May 2017 03:18:36 +0200 http://comunicati.net/comunicati/aziende/internet/434300.html http://comunicati.net/comunicati/aziende/internet/434300.html iPhone parts iPhone parts After less than satisfactory sales numbers, Sony has reportedly decided to shut down one line of its apple screen repair portfolio altogether. The company’s ‘Premium Standard’ smartphones that comprise theXperia X and Xperia X Compact launched last year will not get successors this year.

Sony has confirmed this development at 2017 Investor Day citing not-so-satisfactory sales, reports Xperia Blog. The ‘Premium Standard’ smartphones were expected to offer premium specifications at a reasonable price tag, and whilst they garnered much interest in Japan, other countries saw lacklustre sales. In Japan, Sony managed to achieve 85 percent of its sales targets, while internationally, it only managed 31 percent. With these disappointing numbers, it is only logical to not announce successors to the Xperia X and Xperia X Compact.

Last year, Sony killed off its C and M series to focus on its newly announced Xperia X series. Since then, Sony has announced a slew of smartphones in the series - including flagship-level smartphones like theSony Xperia XZ Premium and affordable devices like the Xperia XA1. Killing off the ‘Premium Standard’ smartphone segment is not only strategic business-wise, but it will also narrow Sony’s rather confusing smartphone naming culture. The report states that moving forward, Sony will focus on flagship and mid-range devices like the XZ Premium, Xperia XZs, Xperia XA1, and Xperia XA1 Ultra respectively.

 

Coming to its 2017 roadmap, Sony reportedly wants to focus on ‘technologies that only Sony can deliver’ and put more focus on its main markets like Japan, East Asia, APAC, Middle East and Europe. The report says that Sony remains vary of India due to dominance of budgeted apple parts in the market.

]]>
The Tricyclodecenyl Propionate Market growth outlook with industry review and forecast Thu, 25 May 2017 16:11:46 +0200 http://comunicati.net/comunicati/aziende/internet/434224.html http://comunicati.net/comunicati/aziende/internet/434224.html Global Market Insights Global Market Insights Tricyclodecenyl propionate market will witness a boost in the coming years as it has high safety parameters after mixing with auxiliary solvents and is harmless to the environment. 

Purchase Tricyclodecenyl propionate market Report by calling Global Market Insights, Inc. at 1-888-689-0688 (Toll Free) or 1-302-846-7766.

Tricyclodecenyl propionate (C13H18O2) or cyclaprop is an aromatic compound that is used to impart fragrance. It can be mixed with a solvent or blended in a substrate in powder form and used to provide desirable scent to skin or other products. Tricyclodecenyl propionate market will grow during the forecast years due to the product popularity as a safe perfume composition. Global lifestyle changes and prosperity will propel the market as people become increasingly aware about the comfortability and health benefits provided by fragrances and aroma therapy.

Request for detail Table of Contents(toc) @ https://www.gminsights.com/request-toc/upcoming/1408

Tricyclodecenyl propionate market will witness a boost in the coming years as it has high safety parameters after mixing with auxiliary solvents and is harmless to the environment. The product has been successful in replacing many existing fragrances like p-isopropylphenyl, p-tert-butylphenyl, hexylcinnamaldehyde and p-tert-butylphenyl which were degrading the environment.

The differentiating factor of Tricyclodecenyl propionate market report by Global Market Insights, Inc. when compared with other, similar syndicated research studies includes a 360-degree synopsis of trends for a period of more than 10 years including historic information as well as future outlook. Business focussed multiple trends for Tricyclodecenyl propionate market are discussed along with regional trends to offer an overall view of the market. 

The ‘industry insights’ chapter of this research provides the most comprehensive analysis of Tricyclodecenyl propionate market covering segmentation, size, forecasts, ecosystem analysis and more. Industry impact forces (regional and global) that cover growth drivers and challenges, growth potential analysis, a strategy dashboard for competitive landscape of Tricyclodecenyl propionate market support this sector specific data and information points.

Browse complete summary of this report @ https://www.gminsights.com/industry-analysis/tricyclodecenyl-propionate-market

North America and Europe tricyclodecenyl propionate markets are a mature and has a substantial share of the global market. High living standards and awareness about personal grooming coupled with high disposable income in the developed countries of Western Europe and the U.S. will have a positive impact on the overall industry growth.

Key players having a presence in tricyclodecenyl propionate market include Vigon International, Berje, Inc, Phoenix Aromas & Essential Oils Inc, Lluch Essence S.L, Lermond Company, Ernesto Vento, ECSA Chemicals, Indukern F&F, Lansdowne Chemicals, PCW France, Penta International Corporation, Perfumers World Ltd, The John D. Walsh Company, Clorox Company and AN PharmaTech Co Ltd.


About Global Market Insights, Inc.

Global Market Insights, Inc., headquartered in Delaware, U.S., is a global market research and consulting service provider; offering syndicated and custom research reports along with growth consulting services. Our business intelligence and industry research reports offer clients with penetrative insights and actionable market data specially designed and presented to aid strategic decision making. These exhaustive reports are designed via a proprietary research methodology and are available for key industries such as chemicals, advanced materials, technology, renewable energy and biotechnology. 

Contact Us

Arun Hegde

Corporate Sales, USA

Global Market Insights, Inc.

Phone: 1-302-846-7766

Toll Free: 1 888-689-0688

Email: sales@gminsights.com 

Web: https://www.gminsights.com

]]>
Differenza tra blog e sito web: conoscerle per far crescere il tuo brand Thu, 25 May 2017 12:12:37 +0200 http://comunicati.net/comunicati/aziende/internet/434171.html http://comunicati.net/comunicati/aziende/internet/434171.html Elisa Elisa blog e sito web

Che differenza c'è tra blog e sito web? Le 3 differenze principali dei due strumenti più potenti per crearsi una presenza online

La differenza tra blog e sito web potrebbe sembrare scontata e intuitiva ma non lo è affatto ed è importante conoscerle al meglio per poter scegliere nella maniera più oculata possibile, per poter gestire al meglio la propria presenza online.

Avete un'azienda e volete essere presenti online? Gli strumenti che il web offre sono molti. Quelli più alla portata di mano, soprattutto per chi  è agli inizi sono ovviamente i social, ma a voi questo non basta. Volete che i clienti vi trovino nella loro ricerca online. Quindi iniziate a pensare ai due strumenti più potenti per farsi trovare online: blog e sito web. Ed ecco che sorgono molte domande. Che differenza c'è tra i due? Qual è quello più adatto? Per rispondere alla seconda domanda occorre necessariamente rispondere alla prima. Capire bene la differenza tra blog e sito web è fondamentale per poter scegliere al meglio. Vediamo insieme le tre principali caratteristiche e differenze.

Differenze tra blog e sito web

Grafica

Partiamo dal punto più facile: la grafica. Anche solo lo "sfogliare" i due si vede subito come blog e sito web abbiano due impostazioni diverse.

  • Blog. Nel blog i contenuti vengono visualizzati per lo più in ordine cronologico. Post, articoli e file multimediali si susseguono in ordine cronologico dal più recente al più vecchio. Possono essere suddivisi in categorie poste in alto o ai lati, per essere ben visibili per facilitare la ricerca. Proprio per questa semplicità di grafica, creare un blog e gestirlo è molto facile.
  • Sito web. La grafica del sito web risulta ben più complessa rispetto a quella del blog. Si presenta come un insieme di pagine web correlate. Voci come "home page"; "chi siamo"; "servizi" e "contatti" sono in genere posti in alto o ai lati come le categorie del blog.  La pagina iniziale, quella che da il "benvenuto", non si presenta come una serie di ordinati articoli come nel blog, ma può avere contenuti di più ampio respiro. Possono essere presenti foto e contenuti ipertestuali dei prodotti più venduti o di quelli di cui si va più fieri disposti a vostro piacimento. Il modo in cui sono ordinati è scelto da voi ed è limitato solo dalla vostra fantasia. La realizzazione di un sito web è molto più creativa e potete sbizzarrirvi nel scegliere tra le molte opzioni disponibili.

Contenuti

Veniamo ora alla parte più importante: la differenza di contenuti e di come interagiscono con l'utente.

  • Blog. Il blog presenta contenuti che possono spaziare sia per argomento sia per registro linguistico. Al suo interno potete raccontarvi in maniera più disinvolta, farvi conoscere ed esporre le vostre idee con maggiore libertà. Fondamentale differenza è il fatto che la conversazione può essere biunivoca. Difatti grazie alla sezione commenti si possono porre domande e offrire spunti e riflessioni. Il blog avvicina l'utente all'azienda grazie a questa sua caratteristica di diario. È fondamentale quindi avere un blog aziendale che venga aggiornato periodicamente. Attraverso la giusta scelta di keyword e contenuti aiuta il posizionamento SEO.
  • Sito web. Il sito web è prima di tutto molto più "statico". Sebbene sia necessario mantenerlo al passo con la vostra attività, i contenuti non sono costantemente aggiornati come quelli del blog. Le pagine tendono a essere limitate e vincolate dai prodotti e servizi che offrite e sono "legate" al menù (Servizi, Contatti, Punti vendita ecc.). Il registro sarà più formale e didascalico: state descrivendo cosa offrite e chi siete ed è importante farlo con esaustiva chiarezza.

Costi

Veniamo alla parte più "triviale" dell'argomento: i costi.

  • Blog. Internet offre dei portali gratuiti per aprire e gestire blog, basta solo iscriversi. Non sono richieste abilità specifiche e tutti i portali sono molti intuitivi e facili da gestire.
  • Sito web. Il sito web richiede un certo budget per comprare e registrare un  dominio e acquistare un hosting. Ovviamente bisognerà avere un minimo di dimestichezza del "linguaggio dei codici" (HTML, Javascript, PHP) per creare un sito web che sia bello e funzionale.  In questo caso è meglio rivolgersi a dei professionisti del settore: un sito fatto male potrà danneggiare i tuoi affari!

Ora che abbiamo chiarito le tre differenze principali tra blog e sito web, bisogna rispondere a una domanda. Qual è il migliore dei due? La risposta (banalmente) è: entrambi. Avere sia un blog che un sito web correlati tra loro è la cosa migliore. Si possono così sfruttare i pregi di entrambi, riempiendo le lacune e i contro l'uno dell'altro.

E se volete scegliere solo uno dei due qual è il migliore? Qui non c'è una risposta. Non c'è un migliore o un peggiore, entrambi sono strumenti potenti per il marketing e offrono entrambi molti vantaggi. Se dovete scegliere valutate bene cosa offrite, cosa volete comunicare e come.

E se proprio non riuscite a venirne a capo contattateci, noi saremo felici di trovare la soluzione migliore insieme a voi!

MLP Studio - Web Agency Roma

]]>
Cloud Server Market Latest Innovations, Drivers and Industry Key Events 2017 – 2027 Thu, 25 May 2017 11:25:40 +0200 http://comunicati.net/comunicati/aziende/internet/434156.html http://comunicati.net/comunicati/aziende/internet/434156.html Ankush Nikam Ankush Nikam The growing interest among business enterprises to deploy cloud infrastructure is creating market opportunity for infrastructure as a service providers to solidify Their presence in the cloud server market. Currently, cloud computing has Emerged as new domain in the IT sector, where many enterprises are Utilizing cloud-based software, and cloud based infrastructure To provide cost effective solutions for Their customers. In cloud based infrastructure, cloud server market is one of the fastest growing segments where logical servers and physical servers are connected through internet. In logical servers, physical servers are logically distributed into two or will more logical servers. Whereas physical servers are not shared or distributed And These servers are known as dedicated cloud server majorly used for private clouds. Most of the enterprises are Adopting cloud servers and IT infrastructure to reduce installation cost for physical servers.

Cloud Servers Market: Drivers and Restraints

Globally connected servers, immediate resource allocation, and availability of enterprise-grade hardware at low cost are the major drivers for cloud server market. In cloud server, multiple networks are interconnected globally To provide data services across the world storage. Also Enterprises can allocate resources on real-time basis two to easy accessibility of cloud servers and in addition to this, enterprises can access the enterprise-grade hardware as for Their requirement at low cost Compared to conventional servers. All These advantages Increasing the demand for cloud servers across the globe and most of the enterprises are moving towards cloud based servers instead of conventional servers

Request Report Sample @  http://www.futuremarketinsights.com/reports/sample/rep-gb-3636 

However, security is the major concern in cloud server market  as These services can be accessed through wireless networks from all users, hence some of the enterprises are not ready to adopt cloud servers for critical business applications. In addition to this, enterprises do not have control on cloud servers and there is less amount of flexibility Therefore, some of the enterprises are still using conventional servers and they are not ready to change Their IT infrastructure. 

Global Cloud Server Market: Market Segmentation

Segmentation on basis of computing model in Cloud server market:

The major market segments of computing modelincloud server includes:

  • Private Cloud

  • Public Cloud

  • Hybrid Cloud

Request For TOC @  http://www.futuremarketinsights.com/toc/rep-gb-3636 

Segmentation on basis of end-user vertical in Cloud server market:

The major segments of end-user vertical incloud market server includes:

  • BFSI

  • Retail

  • Healthcare and Life Sciences

  • Telecommunication & IT

  • Government

  • Media and Entertainment

  • Transportation and Logistics

  • Others

Browse Full Report @  http://www.futuremarketinsights.com/reports/cloud-server-market 

Key Players  

Some of the prominent players in the cloud server market include IBM Corporation, Rackspace, Microsoft Corporation, Google, Oracle Corporation, Dell, VMware, HP and Amazon

]]>
Take care of your home button flex Thu, 25 May 2017 04:36:48 +0200 http://comunicati.net/comunicati/aziende/internet/434122.html http://comunicati.net/comunicati/aziende/internet/434122.html iPhone parts iPhone parts But no worries, Etrade will strive to control it as much as possible before shipment. Our QC department has strengthened the quality test on this part. For customers side, proper assembling methods are very important as well. As in most returned screens, after test we found that many are without Fingerprint recognition, pedestal got loose. This may be caused by frequent tear-down and home button been buckled heavily. Before buckling home button please make sure that the pedestal has been well fixed.

插图

 

Read more:https://www.etradesupply.com/blog/how-to-take-care-of-aftermarket-home-button-flex-on-iphone-6s-screen/

]]>
SIM-free phones 2017 Thu, 25 May 2017 03:22:43 +0200 http://comunicati.net/comunicati/aziende/internet/434118.html http://comunicati.net/comunicati/aziende/internet/434118.html iPhone parts iPhone parts

If you’re looking to buy a SIM-free apple screen repair you’ve come to the right place! Our price comparison engine checks the prices for all these phones several times a day and lists them all cheapest-first so you can be sure we’re always linking you to the best prices!

SIM-free phones have become increasingly popular in the last few years. When big phones like the iPhone 7 or Samsung Galaxy S8 go on sale, they’re usually very expensive. So expensive, in fact, that it's usually cheaper to buy the phones SIM-free and pair them with SIM only deals from one of the networks.

What’s more, mobile phones are a lot better than they used to be and that means people are hanging on to their phones beyond the traditional 24 month contract. Many people pair their existing phones with a SIM-only deal once their contract expires and that gets them out of that two-year cycle of perpetually signing new phone contracts. Once you’re out of the cycle, getting a SIM-free phone and not signing long contracts is, for many people, a more enticing option.

On this page we’re listing the best SIM-free phone deals for all of the world’s best phones. We’ve also got the best prices for some of the budget favourites like the Moto G.

1. Moto G5Brand new for 2017, this is the best 'cheap Android phone'

Weight: 145g | Dimensions: 144.3 x 73 x 9.5mm | OS: Android 7 Nougat |Screen size: 5.0-inch | Resolution: 1080 x 1920 | CPU: Octa-core 1.4 GHz Cortex-A53 | RAM: 2/3GB | Storage: 16GB/32GB | Battery: 2800mAh | Rear camera:13MP | Front camera: 5MP

The Moto G series has been the leader in the budget Android smartphone market for years now. The latest phone is always a lot better than similarly priced phones and almost as good as phones that cost more than twice the price. If you're after a really good phone but don't want to spend too much money it's always a great option. The 2017 model we have here is a tad smaller than last year's G4 (5.0-inch versus 5.5-inch) but if you want a slightly bigger screen you could always go for the Moto G5 Plus.

2. Moto G5 PlusSlightly bigger and better than the Moto G5

Weight: 155g | Dimensions: 150.2 x 74 x 7.7mm | OS: Android 7 Nougat |Screen size: 5.2-inch | Resolution: 1080 x 1920 | CPU: Snapdragon 625 | RAM:2/3/4GB | Storage: 16GB/32GB | Battery: 3000mAh | Rear camera: 12MP |Front camera: 5MP

If you like the look of the Moto G5 but fancy a slightly bigger screen then the Moto G5 Plus could be the phone for you. It's slightly more powerful too and looks and feels far more premium than the price would suggest. It charges super fast, and has convenient features such as fingerprint sensor and much more. If you want to go even bigger, check out last year's Moto G4 Plus which measures 5.5-inches and is included below.

3. iPhone SEThe 'cheap iPhone' option is a good bet if you want Apple on a budget

Weight: 143g | Dimensions: 123.8 x 58.6 x 7.6mm | OS: iOS 10 | Screen size: 4-inch | Resolution: 640 x 1136 | CPU: Apple A9 | RAM: 2GB | Storage: 16/64GB |Battery: 1624mAh | Rear camera: 12MP | Front camera: 1.2MP

If you want a cheap iPhone then the iPhone SE is the best SIM-free apple parts to go for at the moment. It is not as powerful compared to the iPhone 6S or iPhone 7 but it is a step up from the iPhone 5S and crucially retains the 5S' size and shape which is ideal for anyone who wants an iPhone but doesn't want a phone with a massive screen.

]]>
Sony Xperia XZ Premium vs Samsung Galaxy S8 Wed, 24 May 2017 03:36:08 +0200 http://comunicati.net/comunicati/aziende/internet/433930.html http://comunicati.net/comunicati/aziende/internet/433930.html iPhone parts iPhone parts It's no surprise that Samsung garners as much attention as it does, it is, after all the market leader in the apple replacement parts space. Reports from analyst firms IDC and Trendforce both show that Samsung is ranked number one in terms of global smartphone sales for Q1 2017. Apple comes in second place, followed by Huawei, Oppo, vivo, and LG. After that, it's a dogfight between the rest, and that includes once great names such as Sony, BlackBerry, and HTC.

So again, no suprise that the most anticipated Android flagship rolling into 2017 was the Samsung Galaxy S8 and its stable-mate; the Galaxy S8+.

But Samsung isn’t the only company putting out awesome flagships this year.

Not long ago, at MWC 2017, Sony released its Xperia XZ Premium flagship, which is lining up as one of the best handsets it has produced in years. Cearly Sony is hoping that it can claw back some much needed market share from its competitors, and pulling out all the stops with this latest release might be what's needed to achieve this.

Sony has now announced another colour option as well. Bronze Pink was revealed on Sony's official Xperia Twitter account.

Xperia colour designer, Satoshi Aoyagi, said, "We wanted to find a colour that represented a feeling of warmth whilst at the same time exemplifying the premium features and design. The bronze metallic finish adds a feeling of depth to the glass on the front and back."

Each phone has its own strengths, but which is better and which should you get? Read on to find out!

Both phones come in 64GB storage options–and only 64GB storage options. While some other devices of their ilk do have more built in storage, you’re not up the creek without a paddle. If 64GB isn’t enough for you, both handsets also support storage expansion via the microSD card slot, up to 256GB in size.

When it comes to RAM, 4GB is what you get with either phone, no matter what storage size (the 6GB RAM Galaxy S8 is a China exclusive, sadly). As for processors, the XZ features Qualcomm’s latest Snapdragon 835 2.4GHz 64-bit Octa-core processor. That’s the exact same processor in the new S8 and S8+, although this is depending on the region you buy your Samsung handset in. Some regions will get the equally powerful Samsung Exynos 8995 Octa-core CPU. In either case, expect both phones to be matched pretty evenly on the processor front.

 

In the battery deparment, the XZ technically has a slightly larger battery at 3230 mAh versus the S8’s 3000 mAh battery. Still, expect virtually the same battery life for each device, since the differences in battery size are minuscule and they both need to power the massive screens of each etrade supply .

]]>
" great app Tue, 23 May 2017 22:18:34 +0200 http://comunicati.net/comunicati/aziende/internet/433910.html http://comunicati.net/comunicati/aziende/internet/433910.html scribox scribox

 

Hi friend!

 

 

I think this app is going to be helpful for you, read more here view message

 

 

Yours faithfully, Sara Scribox srl

 

Sent from Mail for Windows 10

 

]]>
Prestiti: in Puglia importi in crescita del 16% Tue, 23 May 2017 16:46:17 +0200 http://comunicati.net/comunicati/aziende/internet/433861.html http://comunicati.net/comunicati/aziende/internet/433861.html Facile.it Facile.it Nel 2017 i pugliesi hanno chiesto prestiti più consistenti e la ragione principale per cui si sono indebitati è la casa. Secondo l’osservatorio sul credito al consumo in Puglia diffuso da Facile.it e Prestiti.it, i due comparatori italiani specializzati nel confronto dei prestiti personali, gli importi richiesti alle finanziarie dai privati sono aumentati, in media, del 16,85% arrivando, a marzo 2017, a 12.810 euro, era appena poco più di 10.960 euro un anno fa.

L’analisi è stata realizzata su un panel di oltre 2500 richieste di finanziamento presentate in regione nel primo trimestre 2017; secondo i dati, i residenti in Puglia che hanno cercato di ottenere un prestito personale puntavano ad un piano di restituzione in 71 rate (quasi sei anni), potevano contare su uno stipendio medio di 1.575 euro e, all’atto della richiesta, avevano già compiuto 43 anni, una delle età maggiori di tutta la penisola fra chi richiede prestito anche se, a ben guardare, il dato varia abbastanza in regione fra gli estremi di Brindisi (41 anni in media) e Foggia (45 anni).

Brindisi è anche la provincia pugliese in cui si sono chiesti gli importi maggiori (13.245 euro, da restituire in 70 rate). Alle sue spalle Bari (13.216 euro, 72 rate), Lecce (12.852 euro, 71 rate) e Taranto (12.810 euro, 72 rate).

Foggia è invece la provincia dove, nel primo trimestre 2017, sono state presentate le richieste di importo più contenuto (11.910 euro, 69 rate), segue Barletta-Andria-Trani (12.650 euro, 69 rate).

Oltre una richiesta di prestito ogni quattro (27,72% del totale) fra quelle presentate in Puglia arriva dalla provincia di Bari, a seguire Taranto (18,62%) e Foggia (17,89%).

I richiedenti prestito con gli stipendi maggiori sono risultati essere i residenti in provincia di Brindisi (1.608 euro lo stipendio medio) e Bari (con 1.604 euro).  

 

Ma quali sono i motivi che spingono i residenti in Puglia a richiedere un prestito personale? Secondo l’analisi di Facile.it e Prestiti.it, la maggior parte delle domande è legato all’ottenimento di finanziamenti per ristrutturare casa (20,22%, 16.006 euro il taglio medio); a seguire il consolidamento debiti (20,12%, 16.983 euro) e, al terzo posto, la richiesta di liquidità (19,63%, 15.224 euro).

]]>
Dolores Cristescu è l'Assistente dell'anno 2017 Tue, 23 May 2017 14:59:46 +0200 http://comunicati.net/comunicati/aziende/internet/433846.html http://comunicati.net/comunicati/aziende/internet/433846.html www.secretary.it www.secretary.it
Secretary Day
Premio Assistente dell'anno
Comunicato stampa
DOLORES CRISTESCU
Office manager presso AYMING ITALIA
è l’Assistente dell’Anno 2017
Premiata ieri al Novotel Milano Nord Ca Granda, durante la 9a edizione del Secretary Day tra le 12 finaliste e le 200 assistenti presenti da tutt’Italia.

"I Love my work", il tema proposto insieme a Great Place to Work® Institute.

5 menzioni speciali
per le 5 dimensioni del modello di Great Place to Work®

2 Awards legati a progetti di CSR o volontariato
in collaborazione con CIFA Onlus e Centrale Etica.
Milano, 23 Maggio 2017 - Dolores Cristescu è l’Assistente dell’Anno 2017, la più votata tra le 12 finaliste, come si legge dal regolamento, per l'impegno e le capacità di sapersi raccontare con professionalità, personalità e originalità, coinvolgendo il Management ed i colleghi. Colei che nel suo ruolo, contribuisce a creare e facilitare un “clima collaborativo e di benessere in azienda” e che nei suoi elaborati ha fornito concreti esempi di vita lavorativa per ognuna delle "5 dimensioni del modello di Great Place to Work®": credibilità, rispetto, equità, orgoglio e coesione.                       

41 anni, madrelingua rumena, Dolores vanta un'esperienza lavorativa più che ventennale. Da 10 anni in Ayming, multinazionale del settore ottimizzazione costi aziendali, con precedenti impieghi in veste di office manager e consulente in campo formativo, amministrativo e nel telemarketing.

“Mi candido per dimostrare a me stessa di poter superare i miei limiti e a tutte le assistenti che è possibile vivere il nostro lavoro anche divertendoci e trasferendo il giusto mood a chi fa affidamento su di noi” ha dichiarato la candidata. Come? Con alcuni esempi concreti: comunicando a due vie, per rilevare la qualità dei servizi e decidere insieme le strategie di miglioramento; tips & tricks (dalle app tecnologiche, per la mobilità, produttività e i viaggi, al vademecum per una vita aziendale sostenibile, alla creazione della scatola per i suggerimenti); curando la crescita delle singole risorse, cosicchè  tutta l’azienda sviluppi vantaggi competitivi; coinvolgendo i colleghi nelle piccole e grandi iniziative per scoprire i loro punti di forza; partecipando a iniziative che mettano al centro il professionista e la persona.

Ha declinato le 5 dimensioni del modello Great Place to Work® anagrammando le iniziali e facendo suo un mantra: “CERCO sempre di dare del mio meglio e non risparmiarmi nell’aiutare tutti i miei colleghi, in modo che anche loro siano ben consapevoli che noi assistenti siamo toste come ROCCE”.

I suoi capi e colleghi la descrivono come una persona proattiva, propositiva, efficiente, molto responsabile, affidabile, precisa, perfetta problem solver. Colei che trasmette serenità e tranquillità soddisfacendo esigenze e necessità delle risorse, senza intralciare obiettivi e risultati.

L’Assistente dell’Anno (ADA) è stata eletta per il 50% dalla giuria e per il restante 50% dalla votazione online (25% community - 25% open) come si vede nella classifica:

Prime classificate
5 Assistenti hanno ricevuto una Menzione Speciale dalla giuria tecnica per ognuna delle "5 dimensioni del modello di Great Place to Work®":

credibilità       assegnato a Jeanne Francoise Nyarwaya

orgoglio         assegnato a Yani Fazio

equità             assegnato a Eleonora Persico

coesione        assegnato a Irene Cutrona

rispetto          assegnato a Alessia Toniolo

 
Le dimensioni rappresentano i diversi tipi di relazione che si instaurano al lavoro e che, insieme, concorrono a creare un clima di fiducia (per questo motivo il modello prende il nome di Trust Index©). Credibilità, Rispetto ed Equità si riferiscono alla relazione e misurano elementi quali comunicazione interna, competenza, etica, coinvolgimento, attenzione alle persone, imparzialità. La Coesione si riferisce ai rapporti fra le persone in termini di senso di squadra, supporto reciproco. L’Orgoglio è la dimensione a livello aziendale, individuale e di gruppo che sviluppa un senso di appartenenza e di attaccamento alla propria professione e ai risultati del proprio team.

La vincitrice ha ricevuto la Shooting Star Swarovski, da anni la stella simbolo del Premio Assistente dell’Anno di Secretary.it e insieme alle 6 finaliste avrà l’opportunità di portare in azienda un Trust Game Workshop (Sessione analitica personalizzata offerta da Great Place to Work®) e di partecipare ad un Weekend Educational in autunno nel Resort Club Med Opio en Provence.

2 Awards Speciali in collaborazione con CIFA Onlus e Centrale Etica sono stati assegnati alle Assistenti coinvolte rispettivamente in progetti aziendali a sostegno di politiche di CSR Corporate Social Responsibility (Paola Faragasso - Lexmark International) o impegnate nel volontariato (Piera Nocentini - Royal Canin Italia). 

Tantissimi i tweet supportati dalla "social equipe" di Andrea Albanese: #secretaryday.

Abbiamo vissuto una giornata come sempre ricca di #secretarypower.

Una fase di ascolto e ispirazione al mattino (guidate da coach e consulenti del mondo dello sport, digital e welfare aziendale) e un’attività di role play a gruppi durante il pomeriggio, con tavoli di confronto su “criticità” che il ruolo incontra e risolve, capitanati da 12 Assistenti Leader. Due ore di lavoro a gruppi per poi ascoltare le soluzioni/best practice emerse per ciascun tavolo, da condividere con la community oltre che in azienda.

Tra i temi affrontati: la gestione di conflitti, time&project management, come auto-motivarsi, dare e ricevere feed back, promuovere e gestire lo smart working, avere riconoscimento del ruolo e un aggiornamento continuo, gestire la comunicazione interna...

Alcune foto dell’evento scaricabili qui:

https://drive.google.com/drive/folders/0Bwl3fWRBtw0zZVdWZGpsX0pabXM?usp=sharing

 

Per ulteriori informazioni, materiale fotografico o interviste:
Vania Alessi - Ufficio Stampa Secretary.it
v.alessi@secretary.it - tel. 02/37059161, cell. 335/5342431

 

Partner associativi: 

Aiceo, Donne e tecnologie, Fior di Risorse, Manageritalia, Openknowledge, Valore D. 

 

Programma giornata:

http://www.secretary.it/files-documentale/eventi/ProgrammaSecretaryDay2017.pdf

 

Relatori:

http://www.secretary.it/eventi/secretary-day/2017/relatori-ospiti.html

Secretary.it (www.secretary.it) è la più grande business community di assistenti di direzione con oltre 9.500 iscritte in Italia. Offre attraverso il portale e i suoi canali social un supporto concreto al ruolo: un magazine, rubriche, promozioni, corsi di formazione e aggiornamento professionale (anche in house), consulenza legale, sul cv e coaching. Un servizio specializzato per l’organizzazione di eventi aziendali e per la ricerca di profili qualificati. Molti incontri di formazione e networking: dibattiti, workshop, educational, webinar, il Secretary Day e il Secretary Job. I canali social della community: Facebook, Twitter, LinkedIn, Youtube e il blog #secretarypower.

I nostri canali social: Twitter https://twitter.com/Secretary_it
LinkedIn https://www.linkedin.com/company/secretary-it
You Tube https://www.youtube.com/user/Secretary011
Facebook https://www.facebook.com/secretary.it?ref=ts
Blog http://blog.secretary.it/

LinkedIn
Facebook
Twitter
YouTube
Web Site



 

Secretary.it è la più ampia community di assistenti e segretarie di direzione in Italia, con oltre 8500 iscritte.
Dal 2001 supportiamo, assistiamo e promuoviamo la valorizzazione di questo prezioso ruolo.

www.secretary.it

seguici anche su 

-il blog di Secretary.it


Email inviata con   Logo MailUp
Cancella iscrizione  |  Unsubscribe
]]>
It is easy to tear down LG G6 Tue, 23 May 2017 05:48:51 +0200 http://comunicati.net/comunicati/aziende/internet/433778.html http://comunicati.net/comunicati/aziende/internet/433778.html iPhone parts iPhone parts Wireless Charging Coil

The black piece which covering the battery is the wireless charging coil, which means we can now charging the G6 without the USB cable. But sadly, it is said that's only going to be present on the US versions of the G6.

5.remove-wireless-charging-coil13.wireless-charging-coil

 

Read more:https://www.etradesupply.com/blog/get-through-lg-g6-teardown-process-within-5-minites/

]]>
Samsung Galaxy S8 Active jogs into view in leaked photo Tue, 23 May 2017 03:30:33 +0200 http://comunicati.net/comunicati/aziende/internet/433769.html http://comunicati.net/comunicati/aziende/internet/433769.html iPhone parts iPhone parts Though it’s tipped to be a rugged, waterproof etradesupply , the Samsung Galaxy S8 Active has leaked.

For the past few years, Samsung has released a tougher version of its flagship that is primed for whatever you or nature has to throw at it. And though it has seen very limited release via AT&T in the US, it looks like Samsung is gearing up for another entry in its Active lineup.

As others have pointed out, the cell phone replacement shown off in this leak closely resembles the LG G6, injecting a small, but noticeable sliver of black into the S8’s bezel-free sides. This small design change is rather significant, indicating that either its “edge” capabilities might be gone or the curved glass effect just simply won’t be present.

Looking back, the Samsung Galaxy S7 Active bears almost no resemblance to theSamsung Galaxy S7, though it packed in some sought after features that were missing in the flagship, like a larger battery and a chassis that won’t break from a fall or even a toss.

 

If this leak is true, it appears that Samsung doesn’t want its Active lineup to stray too far away from the best-in-class design found in the Samsung Galaxy S8. Given this effort, here’s to hoping that the S8 Active appears in more places than for just one carrier in the US.

]]>
Prestiti: in Veneto importi in crescita dell’8,3% Mon, 22 May 2017 17:42:45 +0200 http://comunicati.net/comunicati/aziende/internet/433726.html http://comunicati.net/comunicati/aziende/internet/433726.html Facile.it Facile.it Nello scorso anno i veneti hanno fatto ricorso ai prestiti in maniera decisamente più netta, con incrementi negli importi richiesti, in media, pari all’8,3%. A diffondere il dato sono stati Facile.it e Prestiti.it, i principali comparatori italiani del settore che hanno preso in esame un panel di oltre 2.500 richieste di finanziamento presentate in regione nei primi tre mesi del 2017.

Secondo i dati emersi dall’Osservatorio, la cifra media richiesta in Veneto per i prestiti è pari a 12.214 euro, era appena più di 11.250 un anno fa. I veneti che si sono rivolti alle finanziarie nei primi tre mesi dell’anno in corso hanno scelto un piano di restituzione in 67 rate (oltre 5 anni e mezzo), potendo contare su di uno stipendio mensile medio di 1.634 euro e, quando hanno presentato la richiesta, avevano in media 40 anni, una delle età più basse di tutta Italia fra chi richiede prestito e che però, a ben guardare, varia abbastanza in regione, oscillando fra gli estremi di Verona (39 anni in media) e Rovigo (43 anni).

Venezia è la provincia in cui si sono chiesti gli importi maggiori (12.993 euro, il 6,3% in più rispetto alla media regionale, da restituire in 67 mesi). Alle sue spalle, ma molto staccate, Vicenza (12.193 euro, 67 rate) e Verona (12.162 euro, 66 mensilità quelle previste per la restituzione). Belluno è invece la provincia veneta dove, nel primo trimestre 2017, sono state presentate sia le richieste di importo più contenuto (10.737 euro) sia quelle di durata inferiore (61 rate).

Quasi una richiesta ogni quattro (22,86% del totale) tra quelle presentate in Veneto arriva dalla provincia di Venezia, a seguire Verona (19,95%) e Padova (18,92%).

«La maggiore richiesta di prestiti», ha spiegato Mario Parteli, responsabile Business Unit prestiti di Facile.it, «va intesa come un segnale di fiducia. I cresciuti livelli occupazionali spingono a vedere il futuro in termini più rosei rispetto al passato e questo consente di non vivere con timore l’impegno di un prestito, soprattutto se legato ad elementi di indipendenza come la casa o un’auto di proprietà».

Ma quali sono i motivi che spingono i residenti in Veneto a richiedere un prestito personale? Secondo l’analisi di Facile.it e Prestiti.it, la maggior parte delle domande è legata all’ottenimento di prestiti per ristrutturare casa (24,01% 16.178 euro il taglio medio) e, a seguire, l’acquisto di auto usate (18,90%, 10.886 euro). Al terzo posto l’ottenimento di liquidità che raccoglie il 17,11% delle richieste ed equivale ad una media di 12.313 euro.

 

La casa è molto presente nelle richieste di prestito compilate nella regione e fra le prime 10 motivazioni si trovano altre 2 finalità connesse con l’immobiliare: l’arredamento (sesta con 9.163 euro e il 5,49% delle richieste) e addirittura l’acquisto di casa, cui ricorre il 2,43% di chi richiede un prestito personale in Veneto e per il quale si cerca di ottenere, in media, un finanziamento di 29.684 euro. Importi molto ridotti, ma tempi molto più brevi e parametri meno stringenti fanno preferire questo al mutuo in alcuni casi, come presumibilmente quelli emersi dall’Osservatorio.

]]>
Retargeting: cos'è e 5 consigli infallibili che devi conoscere Mon, 22 May 2017 13:19:53 +0200 http://comunicati.net/comunicati/aziende/internet/433664.html http://comunicati.net/comunicati/aziende/internet/433664.html Elisa Elisa retargeting

Il retargeting si basa sul reale interesse degli utenti che hanno già visualizzato e interagito con il tuo sito. Ecco 5 consigli infallibili

Il retargeting o remarketing, è una strategia pubblicitaria che permette alle aziende di "seguire" gli utenti che hanno visualizzato il sito durante la loro navigazione su altri siti web, come i social.

Avete presente le pubblicità che compaiono durante la navigazione e ti propongono proprio il prodotto che stavi per acquistare online? Ecco, questo è il retargeting.
Se a primo impatto può risultare un inquietante, perché avete l'impressione di essere inseguiti dalla pubblicità di quel prodotto, il retargeting è vantaggioso sia per i clienti sia per la crescita del brand.

Perché? Che opportunità offre il retargeting agli utenti e al brand?
Prima vediamo insieme più nello specifico come funziona, poi cerchiamo insieme la risposta.

Come funziona il retargeting

Durante la realizzazione del tuo sito web basterà inserire un codice anonimo, chiamato pixel. Esso arà invisibile all'utente e non influenzerà il funzionamento del sito.
Quando l'utente navigherà nel vostro sito web, il codice rilascerà al browser un cookie anonimo.

Dove inserire il codice? L'ideale sarebbe inserirlo non sulla homepage. Piuttosto potete inserirlo sulla pagina del carrello o dell'iscrizione alla newsletter o sulle pagine del catalogo. In questo modo il pixel traccerà le persone che sono più interessati ai vostri prodotti e servizi. Infatti, quando navigheranno sul web, il cookie ti permetterà di fargli visionare inserzioni pubblicitarie mirate a ciò che ha visualizzato.
Poniamo caso che il vostro utente sia in fila alla posta e per passare il tempo stia visionando il vostro sito. Sta per comprare un vostro prodotto ma viene chiamato allo sportello. Finita la connessione si dimentica di effettuare un acquisto, perché tornando a casa si è messo a chiacchierare con il vicino. Grazie al retargeting, l'azienda può ricordargli che stava effettuando un acquisto sul sito, mostrandogli un annuncio pubblicitario quando riprenderà la navigazione.
Secondo le statistiche solo il 2% dei visitatori, infatti, effettua un acquisto alla prima visita. Grazie alla strategia di retarketing potrai invogliare gli utenti a tornare sul tuo sito, in questo potranno aiutarti siti come Google Adwords Remarketing e Adroll remarketing.

Ora che sappiamo come funziona, vediamo 5 consigli infallibili per sfruttarlo al meglio.

5 consigli per il retargeting

1. sconti, offerte, promozioni

Avevamo detto che il remarketing offre vantaggi sia all'azienda che all'utente. Ebbene sì! Per invogliare il visitatore che ha già abbandonato il tuo sito a tornare, puoi offrirgli delle offerte vantaggiose. Che siano sconti, groupon, omaggi, o prodotto in regalo. Nessuno sa resistere alla tentazione di un'offerta vantaggiosa. Così facendo, non solo convertirai un utente in cliente pagante, ma potrai fidelizzarlo, rendendolo un promoter del tuo brand!

2. divide et impera

Ok, forse "dividi e comanda" è una locuzione un po' troppo guerresca per il marketing. Quello che si intende è "dividi gli utenti in categorie". Segmentando il traffico web, si potranno creare annunci più mirati e meno generici. Più saranno mirati più avranno la possibilità di attirare l'attenzione dell'utente. Facciamo un esempio pratico: avete un negozio di mobili. Un utente sta visionando la pagina dedicata ai divani letto, ma poi non procede all'acquisto. Sarà inutile che poi sui social, gli appaia l'advertising dei vostri arredi da giardino. Sarebbe utile segmentare il traffico in base alle pagine visualizzate, per evitare che vengano visionate pubblicità che non sono di reale interesse.

3. il troppo stroppia

"Questa pubblicità mi perseguita". Evitate di essere troppo pressanti, al fine di evitare che l'utente abbia l'impressione di essere perseguitato o forzato all'acquisto. Basta inserire un limite fisso di annunci che possono apparire agli utenti. Il frequency capping evita proprio che la strategia di advertising sia troppo pressante. Oltre alla frequenza, fate attenzione anche alla durata della vostra campagna. Quando impostate la vostra strategia di retargeting, create anche un "life time" del cookie. Esso si distruggerà dopo il periodo di tempo da voi impostato. Dopo quel periodo l'utente non visionerà più i vostri annunci. Il visitatore non si sentirà "perseguitato" dall'annuncio, né esso perderà il suo valore perché è stato visionato per troppo tempo o troppo a lungo.
Regolatevi in base al vostro ciclo di vendite, anche se è bene non superare i 18 annunci mensili.

4. A/B test scopri l'ad più efficace

Avete seguito i consigli precedenti, ma le conversioni rimangono poche. Perché? Forse il vostro ad non è efficace e ha bisogno di qualcosa in più. Come fare per scoprire cosa può attirare l'attenzione dell'utente e convertirlo in cliente? Purtroppo non c'è la Fata Turchina del Marketing, bisogna rimboccarsi un pochino le maniche.
Consultatevi con il vostro team e ideate altre pubblicità e inserzioni. Giocate con contenuti visuali o testuali e poi monitoratene l'andamento. Quale delle inserzioni da voi create riscuote più successo online? La creatività è alla base di tutto. Create due o più tipi di annunci per vedere quale riscuote più successo e poi procedete sulla via del successo.

5. burn code o burn pixel

Siete riusciti a convertire i visitatori in clienti. Bene, ricordatevi un'ultima cosa. Inserite nella pagina di ringraziamento o di avvenuto pagamento un codice (detto burn code o burn pixel), che "brucerà" il cookie in modo che l'utente non visionerà più la vostra pubblicità del prodotto acquistato. Potrete inserire l'utente in un'altra lista in cui mostrate prodotti che possono interessargli o che siano abbinati all'acquisto appena effettuato. Ciò aiuterà a convertire il cliente occasionale in cliente fedele.

Tornando all'esempio del negozio di mobili. Il vostro cliente, dopo averci riflettuto per qualche giorno e discusso con la moglie, vede il vostro ad in cui gli offrite lo sconto del 15% su un divano. Il cliente ne approfitta e tornando al vostro sito, effettua l'acquisto. Sulla pagina di avvenuto pagamento, il cookie verrà distrutto (l'utente questo non lo visionerà) e il cliente non vedrà più la pubblicità dei vostri divani. Come fidelizzare il cliente? Perché non inserirlo in una lista in cui pubblicizzate un tavolino che si abbina perfettamente al divano?

 

Questi sono i 5 consigli che noi di MLP Studio abbiamo per voi. Voi ne conoscete altri? fatecelo sapere con un commento!

MLP Studio - Web agency Roma

   ]]>
Guide before you buy Samsung S8 Mon, 22 May 2017 05:22:43 +0200 http://comunicati.net/comunicati/aziende/internet/433598.html http://comunicati.net/comunicati/aziende/internet/433598.html iPhone parts iPhone parts Samsung finally brought the highly-anticipated Galaxy S8 coming back, with stunning immersive screen, Iris scanning and Bixby voice that definitely thrill Samsung fans. While, there are several ongoing issues that can’t be ignored by hundreds of initial users before buying themselves a new Samsung S8.

图片1-700x400

Fingerprint Scanner

As the Galaxy S8 rear-mounted fingerprint scanner is close to the camera, it’s hard for us to hit the right place. Unfortunately, if you press the camera instead, the lens will be covered with smudges and fingerprints, which makes blurry photo. It takes time to get used to the new position for owners. After a few tries, you may find a way to get the right place. Besides that, Facial Recognition and Iris Scanner would be the better choices.

 

Read more:https://www.etradesupply.com/blog/what-do-you-need-to-know-before-buying-samsung-s8/

]]>
Xiaomi big-screen phone will come this week Mon, 22 May 2017 04:03:19 +0200 http://comunicati.net/comunicati/aziende/internet/433596.html http://comunicati.net/comunicati/aziende/internet/433596.html iPhone parts iPhone parts Xiaomi is readying itself to announce a new supersize cell phone screen replacement this week. The company took to its website today to advertise its Mi Max 2, which will be fully unveiled on May 25.

Chinese phone maker Xiaomi has been gaining traction for making premium phones at midrange prices. In October 2016, it released the Mi Note 2, a Samsung Galaxy Note 7 lookalike, right around the same time the Note 7 was recalled. The company also made waves with its Mi Mix, a gorgeous all-screen phone that ditched the bezels before the Galaxy S8 or the LG G6 did.

Xiaomi

The Mi Max 2 is a follow-up to last year's Mi Max. Standout features of the Mi Max were the phone's huge 4,850mAh battery and its large 6.4-inch display. The Mi Max also came with a not-so-big price, starting at 1,499 yuan (converts to about $230/£160/AU$315) for the 32GB version.

Details about the Mi Max 2 have yet to be announced, but if the phone is anything like its predecessor you should expect a large screen, a big display and budget pricing.Rumors say the phone could get the following:

5,000mAh battery

6.44-inch display

1,080x1,920 resolution

Qualcomm Snapdragon 626 processor

Rear fingerprint scanner

For official details on the upcoming cellphone replacement parts , stay tuned on May 25.

]]>
Prestiti personali: in Lombardia importi in aumento del 12% Fri, 19 May 2017 15:22:56 +0200 http://comunicati.net/comunicati/aziende/internet/433472.html http://comunicati.net/comunicati/aziende/internet/433472.html Facile.it Facile.it In Lombardia cresce il ricorso ai prestiti personali, chiaro sintomo di migliori livelli occupazionali e maggiore fiducia nel futuro. I dati arrivano dall’osservatorio condotto da Facile.it (https://www.facile.it/prestiti-personali.html) e Prestiti.it in relazione alle richieste di credito al consumo presentate in Regione nel primo trimestre 2017. Secondo quanto rilevato dallo studio, il prestito medio chiesto in Lombardia nel primo trimestre 2017 è pari a poco meno di 12.100 euro, vale a dire il 12% in più del valore registrato un anno fa.

Chi chiede un prestito in Lombardia ha, sempre in media, uno stipendio pari a 1.940 euro, un’età di 40 anni all’atto della presentazione della domanda e intende restituire il finanziamento in 67 rate, vale a dire circa 5 anni e mezzo.

Facile.it e Prestiti.it (https://www.prestiti.it/) non si sono limitati ad analizzare i numeri a livello regionale, ma hanno approfondito l’indagine anche a livello provinciale; ecco quindi che si scopre che sebbene Milano origini oltre il 42% delle richieste di credito al consumo lombarde e possa contare sugli stipendi più alti di tutta la regione (2.275 euro), non è da qui che arrivano quelle di importo maggiore, che, invece, sono compilate nella Provincia di Sondrio, dove il valore medio del prestito sale a 14.053 euro.

Al secondo posto nella classifica degli importi richiesti alle finanziarie si piazza Como con 13.842 euro che precede di un soffio Bergamo, terza con 13.713 euro. Sono comunque sopra alla media nazionale (12.147 euro) anche Mantova (13.252 euro), Cremona (12.958 euro), Pavia (12.910 euro), Varese (12.458 euro) e Lodi (12.162 euro).

Gli importi più contenuti sono chiesti a Brescia (10.990 euro la media) e, a seguire, nelle province di Monza e Brianza (11.358 euro), Milano (11.523 euro) e Lecco (11.983 euro).

I lombardi che impiegheranno più tempo per restituire il loro prestito sono i bergamaschi e i mantovani che rientreranno del finanziamento dopo 72 mensilità, una in più di quelle necessarie ai comaschi e due in più di quelle che occorreranno a lodigiani e varesini.

Ma quali sono i motivi per i quali in Lombardia si chiede un prestito? Al primo posto, con il 19,4% delle richieste l’ottenimento di liquidità; finalità per la quale l’importo medio richiesto è pari a 13.409 euro, ma che ha quasi dimezzato il suo peso sul totale visto che nel 2016 erano legate a questa finalità il 32% delle richieste, ulteriore indizio della migliorata situazione economica dei lombardi. Al secondo posto la ristrutturazione di immobili che raccoglie il 18,77% delle domande e una richiesta media di 16.441 euro; terzo posto per il consolidamento debiti, ottimo modo per uniformare importi e scadenze dei finanziamenti; in questa categoria rientrano il 18,48% delle domande presentate nel primo trimestre 2017; importo medio richiesto: 16.880 euro.

]]>
The difference between HTC U11 and iPhone 7 Fri, 19 May 2017 04:18:41 +0200 http://comunicati.net/comunicati/aziende/internet/433377.html http://comunicati.net/comunicati/aziende/internet/433377.html iPhone parts iPhone parts When Apple launched the iPhone 7 last year, we liked it generally, but were underwhelmed by the battery life. That didn’t stop Apple selling tens of millions of units mind, so many of you will be considering the iPhone 7.

Facing off against the Apple flagship is the HTC U11, a formidable cheap phone repair out of Taiwan and one of the most powerful Android smartphones of 2017. We were impressed by last year’s HTC 10, so our hopes are high that the HTC U11 will perform well in our full review.

Until then, we’ll have to settle for this preliminary comparison of the HTC U11 and iPhone 7 based on their designs, specs, and pricing.

Apple’s iPhone hasn’t changed much in recent years, which means the iPhone 7 is the product of many refinements. It takes the same basic curved design we’ve seen since the iPhone 6, and offers a cleaner, more striking aesthetic. Gone are the overbearing antenna bands, and in come a range of delightful new colours. Nevertheless, the iPhone 7 feels familiar, and has a small chassis that will sit well in the hand of anyone who has used an iPhone before.

One of the biggest changes with the iPhone 7 was the introduction of IP67 waterproofing, which means the handset was lab-tested at a depth of one metre for 30 minutes. It’s the first iPhone ever to be waterproof, which is a major win for clumsy smartphone users everywhere.

But HTC has the benefit of launching a newer phone, and has been able to follow the 2017 trend of slim bezels. Granted, Apple is expected to make a similar move later this year, but for now the iPhone 7 will have to look slightly fuddy when compared to handsets where the screen dominates the front of the phone, like the HTC U11, LG G6 and – most dramatically – the Samsung Galaxy S8.

The HTC U11 also benefits from waterproofing too, although a slightly more robust IP68 certification than the iPhone achieved. This means it was tested at a greater depth of 1.5-metres for 30 minutes, and lived to tell the tale.

 

HTC has also built a new control mechanism for the HTC U11 called ‘Edge Sense’. This new feature lets users squeeze the sides of the phone to initiate commands. For instance, you can squeeze the cracked screen repair to engage the shutter on the camera, or launch the Google Assistant virtual helper.

]]>
Twitter per il business: 5 dritte per far conoscere il proprio brand Thu, 18 May 2017 16:46:00 +0200 http://comunicati.net/comunicati/aziende/internet/433349.html http://comunicati.net/comunicati/aziende/internet/433349.html Elisa Elisa Twitter per il business

Usare twitter per il business potrà far crescere il vostro business. Come? Con queste 5 dritte sarà facile iniziare

Perché usare Twitter per il business? Come farsi trovare e perché è importante?
Si sa, i social network sono diventati fondamentali, un fattore ormai più che presente nelle nostre vite, anche per il marketing online.
Dopo aver visto come farsi conoscere con Facebook e Instagram, ora parliamo del terzo social più usato: Twitter.

Poniamo che avete fondato da poco un'azienda e volete usare twitter per il business e per raggiungere nuovi clienti. Vi siete iscritti ma ora non sapete proprio come fare per avere dei followers e raggiungere il vostro target. Armatevi di pazienza e buona volontà: per ascendere alle vette di twitter e avere molti followers bisogna avere pazienza, ma con queste  5 dritte sarà tutto più facile.

Twitter per il business: dritte per arrivare alla notorietà

Il social dei 140 caratteri offre l'opportunità di farsi conoscere in larga scala. I suoi utenti vi accedono in cerca di notizie e svago, e perché hanno qualcosa da dire. Voi, che avete un brand e un'azienda, siete gli utenti perfetti. Perché? Volendo farvi conoscere, avete quindi qualcosa da dire, ma volete anche conoscere il vostro target, quindi cercate notizie dai vostri clienti, potenziali e non, per far crescere la vostra attività.
Iniziamo subito a capire come farvi conoscere usando twitter per il business, partendo dalle 5 dritte base.

1. Profilo

Nome, foto profilo e foto dell'intestazione. Tutte e tre devono richiamate la vostra attività, il vostro brand e alla vostra identità. Fate in modo che il vostro nome sia chiaro, breve e facilmente ricordabile. Questo aiuterà gli utenti a cercarvi e a trovarvi (e anche a tweetarvi). Così come la foto di profilo e quella dell'intestazione dovrà presentare il vostro logo, magari accompagnato da altri elementi che vi caratterizzano, come i vostri prodotti o servizi. Così sarete facilmente individuabili e riconoscibili.

3. Hashtag e menzioni

Così come Facebook e Instagram, anche Twitter vede gli hashtag come strumento di primaria importanza. Anzi, sono proprio nati su Twitter! Gli hashtag permettono di essere trovati tramite parole chiave. Per questo più sarà di tendenza, più sarà facile che veniate letti e trovati da utenti.
Le menzioni (il tag per intenderci), vi permette di interagire con gli utenti. Possono essere usati per molteplici scopi: per rispondere a un utente, per citarlo o per avviare una conversazione.  Stimolare a rispondere e interagire è importantissimo per il social marketing e tutti i social offrono l'opportunità di farlo.

3. Foto

Twitter non è un social solo di testo. Integrate le foto per rendere i vostri contenuti più virali. "Anche l'occhio vuole la sua parte". In un feed pieno di tweet di testo, uno con le immagini risalta di più. Soprattutto perché 140 caratteri a volte, sono veramente pochi. Allora perché non rendere più esaustivo il tweet con una bella foto?

4. Personalizzazione

Tra i tanti tweet, tra i tanti utenti, tra i tanti concorrenti come farsi riconoscere?
Trovate il vostro stile e cercate di mantenerlo uniforme in tutti i vostri tweet. Può essere un modo di scrivere o un particolare registro linguistico. Esso dovrà rispecchiare i vostri principi e il vostro brand. Chiedetevi chi siete, cosa fate e con chi volete comunicare. Fate attenzione quali tweet riscontrano maggior successo. Integrate retweet aggiungendo riflessioni personali o citazioni interessanti.  Non limitatevi a promuovere i prodotti. Raccontate quello che fate, dimostrate che non siete un'entità bizzarra che ha il nome della vostra azienda, ma che siete persone appassionate. Più sarete coerenti con voi stessi più sarà facile per voi trovare la vostra "voce cinguettante".

5. Spontaneità e strategia

Una buona strategia e un piano editoriale sono sempre necessari quando si tratta di marketing. Ma i social non sono solo quello. Per quanto vi organizziate, stiliate calendari e piani d'azioni non si possono prevedere alcuni imprevisti e colpi di scena. Accostate alla vostra strategia la spontaneità. Che vi si sia rotta la macchina del caffè di lunedì mattina, che abbiate letto una notizia particolare sul giornale, rendete partecipi i vostri utenti.

Così come gli altri social, come Facebook e Instagram, anche Twitter offre per il marketing strumenti appositi, che vi aiuteranno non solo a crescere, ma anche a monitorare i vostri progressi e la vostra notorietà. Ora che conoscete queste 5 dritte, siete pronti a cinguettare?

MLP Studio - Web Agency Roma

]]>
Prestiti: in Toscana importi in crescita dell’11% Thu, 18 May 2017 09:05:41 +0200 http://comunicati.net/comunicati/aziende/internet/433266.html http://comunicati.net/comunicati/aziende/internet/433266.html Facile.it Facile.it Nell’ultimo anno i toscani hanno fatto ricorso al credito al consumo in maniera più netta, con incrementi negli importi richiesti, in media, dell’11%. A comunicare il dato sono Facile.it e Prestiti.it, i due comparatori italiani specializzati nel confronto dei prestiti personali che hanno analizzato un panel di oltre 2000 richieste di finanziamento presentate in Toscana nel primo trimestre 2017.

 Secondo i dati dell’Osservatorio l’importo medio dei prestiti richiesti in regione è pari a 11.550 euro, era appena più di 10.440 un anno fa. I residenti in Toscana che hanno cercato di ottenere un prestito personale nei primi mesi del 2017 puntavano ad un piano di restituzione in 68 rate (oltre 5 anni e mezzo), potevano contare su uno stipendio medio di 1.519 euro e, all’atto della richiesta avevano già compiuto 43 anni, una delle età maggiori di tutta la penisola fra chi richiede prestito anche se, a ben guardare, il dato varia molto in Regione fra gli estremi di Arezzo (39 anni in media) e Livorno, Massa e Carrara (47 anni).

Grosseto è la provincia toscana in cui si sono chiesti gli importi maggiori (13.527 euro, il 17% in più rispetto alla media regionale, da restituire in 75 mesi). Alle sue spalle Prato (13.051 euro, 63 rate), Siena (12.025 euro, 64 mensilità) e, con la stessa cifra, ma durata maggiore MassaCarrara (12.025 euro, 70 rate).

Osservando la classifica degli importi in senso opposto, Livorno risulta essere la zona toscana con le richieste di importo inferiore (10.491 euro da restituire in 71 mesi), seguita da Pisa (10.731 euro, 66 mensilità) e Lucca (10.818 euro, 66 rate).

Oltre una richiesta di prestito ogni quattro (27,75% del totale) fra quelle presentate in Toscana arriva dalla provincia di Firenze, a seguire Pisa (13,35%) e Lucca (11,14%).

I richiedenti prestito con gli stipendi maggiori all’atto della richiesta alla finanziaria sono risultai essere i residenti in provincia di Massa-Carrara (1.792 euro lo stipendio medio), che staccano nettamente i pistoiesi (secondi, con 1.579 euro) e i grossetani, terzi (1.561 euro il salario medio).

 

Ma quali sono i motivi che spingono i residenti in Toscana a richiedere un prestito personale? Secondo l’analisi di Facile.it e Prestiti.it, la maggior parte delle domande è legato all’ottenimento di liquidità (19,35% 13.395 euro il taglio medio); a seguire l’acquisto di auto usate (18,70% 8.483 euro) e, al terzo posto, la ristrutturazione degli immobili che, spinta probabilmente dagli sgravi fiscali previsti dal Governo, raccoglie ormai il 18,54% delle richieste ed equivale ad una media di 16.746 euro.

]]>