SEO cosa ottimizzare per i motori di ricerca

25/mar/2020 15:51:20 carmenvip Contatta l'autore

Con molta probabilità si è sentito parlare della parola SEO, quest'ultima sempre più abusata ma il cui significato spesso sfugge a causa delle diverse collocazioni lavorative. Oggi si cercherà di dare una disamina più approfondita di questa parola, collocandola precisamente nell'ambito dell'ottimizzazione dei siti web, ormai risorsa e potenziale trampolino di lancio per aziende e privati.

Definizione, funzionamento e collocazione nel marketing

Importante prima di inoltrarsi nei meandri del web è la conoscere il quadro generale, fondamentale infatti intendere ogni piccolo particolare per poter indirizzare nel modo migliore le proprie risorse. Primo passo verso questa conoscenza è la definizione di ottimizzazione di siti web; questa la si identifica con l'insieme di interventi tecnici di SEO (Search Engine Optimization) attuati attraverso o su un sito, affinché si possano migliorare le potenziali ricerche su internet ed aumentare esponenzialmente la visibilità dei risultati.

È evidente che la propria attività abbia bisogno di un'ottima grafica ed un appeal considerevole sul potenziale cliente, ma è ancor più importante che il cliente arrivi al sito desiderato nel modo più semplice e veloce possibile; questo può avvenire grazie ad un motore di ricerca ben ottimizzato e ben indicizzato dal committente. Come può un committente ottimizzare al meglio la propria attività sui motori di ricerca? Affinché il proprio sito web sia ben indicizzato sui motori di ricerca è necessario seguire delle regole, avere personalità ed essere eclettici può in questo caso limitare la giusta direzione; è bene conservare le proprie doti più eccentriche per altro.

Seguendo la strategia del SEO si possono attuare delle tattiche già sperimentate e concrete sull'incremento del ranking di un sito su un motore di ricerca; questa modalità di approccio fonda le sue basi sugli algoritmi dei motori di ricerca, i quali stabiliscono la qualità di un sito e ne determinano il posizionamento all'interno del proprio browser. Stabilita l'importanza di rientrare in un posizionamento migliore, è evidente la difficoltà di capire come collocarsi ai vertici di tale indicizzazione. A seconda del proprio lavoro e di ciò di cui si ha bisogno, le modalità di intervento sono diverse. È però ormai sempre più in ascesa l'utilizzo del SEO nell'ambito del search engine marketing e delle sue enormi capacità di attrarre clienti. La chiara difficoltà nel riuscire a gestire tale strategia da soli, comporta l'idea di servirsi di un consulente SEO specializzato; questi infatti si occuperà, da solo se molto esperto ed in gruppo se meno esperto, di ottimizzare il sito del committente per aumentarne la visibilità e la qualità assecondando gli algoritmi dei motori di ricerca. Molto importante è affidarsi al consulente giusto, infatti ogni consulente SEO ha una specifica categoria in cui è specializzato; le macro categorie sono: SEO analista, SEO tecnica, SEO off site e SEO contenutistica. Nelle prossime righe si cercherà di capire quali sono le linee guida da seguire per un'ottimizzazione ideale.

Keyword research

Una buona strategia SEO per il proprio marketing è quella di raggiungere una posizione alta negli algoritmi dei motori di ricerca; necessario affinché questo avvenga, collocare e posizionare nel modo migliore le parole chiave. La ripetizione continua della parola chiave all'interno del proprio sito o del proprio Blog può aiutare considerevolmente la visibilità del prodotto stesso ma è bene fare attenzione nell'abuso di tale tecnica strategica. Negli ultimi anni, l'intelligenza artificiale dei motori di ricerca è nettamente migliorata e ciò ha comportato ad una lista nera virtuale dove si è messi quasi completamente fuori; l'utilizzo continuo della parola chiave potrebbe quindi essere controproducente al fine della visibilità, è opportuno farne un giusto uso ma in proporzioni corrette.

Ottimizzazione on site

Preso coscienza delle dinamiche per una buona ottimizzazione, difficile non legare il concetto di motore di ricerca al più celebre tra questi: Google. Per comprendere al meglio il funzionamento di Google e il come viene ad unirsi perfettamente all'indicizzazione dei vari siti è necessario identificare i quattro step su cui si fonda: Scansione, indicizzazione, catalogazione e risultati.

  •  
    •  
      • Scansione

Per quanto concerne la scansione è intuibile che Google basi la sua scansione dei dati su un numero considerevole di server collocati su tutta la superficie del pianeta, attraverso i server i quali a loro volta scansionano le pagine web presenti in rete in tempo reale. Questo testimonia l'importanza delie parole chiave, dato che in ogni secondo le scansioni effettuate possono essere diverse.

  •  
    •  
      • Indicizzazione

Finita la scansione, i link vengono inseriti nei diversi indici per la valutazione. Ed è qui che viene a definirsi la qualità e l'autorevolezza di una pagina web rispetto ad un'altra.

  •  
    •  
      • Catalogazione

Indicizzate le pagine web e verificati i diversi contenuti, si ha la fase della catalogazione. Google cataloga i propri risultati nei motori di ricerca verticali di Google universal research o nei cataloghi divisi per categoria argomentativa. Questo affinché si possano avere ricerche mirate su argomenti specifici.

  •  
    •  
      • Risultati

Come ultimo passaggio vi sono i risultati, questi a seconda della geolocalizzazione, della cronologia, del dispositivo con cui si è collegati e ad altri fattori fornisce ricerche e risultati all'utente.

Link interni

Preso visione dell'importanza del funzionamento dell'algoritmo di Google e della capacità delle parole chiave di poter fare la differenza, è necessario porre l'attenzione anche sul linking interno. La corretta modalità per la costruzione di un ottimo linking interno non è complicata; infatti è consigliato effettuare un collegamento tra i link funzionale e logico. Nella maggior parte dei casi si pone l'accento su argomenti correlati o categorie con lo stesso tema; è consuetudine dei SEO professionisti seguire la struttura: argomenti pertinenti, utili e di qualità. L'enorme vantaggio del linking interno risiede nella facilità con cui l'utente esterno può approcciarsi ai contenuti del sito web, facilitando ancor di più l'indicizzazione e quindi la visibilità all'interno dei motori di ricerca.

SEO off site

Se l'ottimizzazione SEO on site è poco conosciuta, quella off site lo è probabilmente ancora meno. La SEO off page o anche conosciuta come SEO off site ha anch'essa la funzione di influire sull'indicizzazione di un sito web, ma a differenza del SEO on site, non richiede attività da svolgere al suo interno per ottimizzare. Il SEO off site può essere identificato come un lavoro all'esterno del proprio sito web per generare altri link esterni che abbiano il ruolo di rimandare al sito desiderato (il proprio usualmente). Tanto quanto il SEO on site anche il SEO off site è fondamentale per il successo del proprio sito internet o blog; infatti è consigliabile seguire entrambe per ottenere il risultato migliore. Come sfruttare al meglio il SEO off site? La strada del link building è sicuramente un'opzione da tenere in considerazione; questo consiste nella creazione di specifici link esterni di ottima qualità, che abbiano una provenienza da siti autorevoli, possibilmente della stessa categoria o tipologia di argomento a cui il proprio sito si riferisce. Tale modo di agire può avvenire attraverso diverse strade, essendo questa una modalità di link esterni è fondamentale la scelta di piattaforme idonee per il proprio scopo. Oltre all'alta qualità degli articoli scritti, i quali sono già di per sé una naturale fonte di condivisione, i sistemi più utilizzati per un linking esponenziale sono i più celebri: social media, blog e Google stesso. Come si può immaginare la SEO off site può avere anche dei riscontri negativi, è consigliabile affidare il link del proprio sito solo a piattaforme autorevoli e persone affidabili; al fine di non cadere in blacklist scadenti e che peggiorino ancor di più la valutazione di qualità.

Conclusioni

Le potenzialità di un'ottimizzazione dei siti web con la SEO, sia questo off site oppure on site , sono evidenti; la capacità di aumentare la propria visibilità sui motori di ricerca può incrementare notevolmente la clientela. Ed una volta avvicinato il cliente, attraverso i propri contenuti di qualità, poterli fidelizzare per gli anni futuri. Si consiglia di prendere in considerazione la possibilità di avvalersi di un consulente esperto, il quale potrà indirizzare al meglio le proprie caratteristiche.

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl