Scopri gli strumenti adatti

11/feb/2018 19:05:26 Marianna Cino Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 3 mesi fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

 

Fare radio  può sembrare complesso, ma se si ha la strumentazione adatta e i consigli di chi nel campo grazie all’esperienza ne ha macinate di idee, la strada diventa più facile. Quello che si propone da tempo di fare Voci.fm è quello di essere sempre e comunque un vero e proprio punto di riferimento per tutti coloro che amano lavorare con la propria voce. Il sito e il blog andrebbero di fatto consultati, in ogni loro angolo per scoprire che tanti sono gli aiuti per tutti, professionisti e non.

Ma quali sono gli strumenti indispensabili per un giornalista, uno speaker, un reporter che magari si trovano nella loro quotidianità a doversi spostare ripetutamente e magari a trovarsi di fronte ad uno scoop, così su due piedi? Se in quel momento non si ha uno strumento appropriato per riuscire a documentare tutto in un intervista c’è letteralmente da mangiarsi le mani.

Certo è comunque vero che con un buono smartphone è possibile improvvisare delle registrazioni vocali, ma la qualità spesso non è all'altezza di un lavoro professionale. Per questo gli esperti della community si sono trovati ad essere particolarmente attratti dal Shure MV88. Si tratta sostanzialmente di un piccolo ma interessantissimo microfono capace di trasformare il nostro iPhone o nel caso anche un iPad in un eccellente strumento per la registrazione.

A testarlo è stato proprio Matteo Mattiacci che di esperienza alle spalle ne ha, tecnico e voce radiofonica, come dj in discoteca, fonico in studio di registrazione.

Come in tutti i mestieri anche qui per stare al passo ed essere professionali, bisogna adeguarsi alle evoluzioni tecnologiche e sfruttarle per migliorare i propri lavori. Shure, dagli inizi del XX secolo è stata sempre sulla cresta dell'onda nel mondo dell'audio professionale e soprattutto dei microfoni per il canto e lo speakeraggio, come i mitici SM58 o SM7B. Il difficile non è arrivare alla vetta, il difficile è rimanerci e mantenere quell'aurea da “status symbol” del mondo analogico che Shure è riuscito a mantenere, nei tempi di oggi dove l’evoluzione della tecnologia è praticamente quotidiana.

Avere in tasca una soluzione “MOTIV” potrebbe cambiare la vita di chi lavora on the road, come giornalisti e reporter, ma anche di tanti speaker che, a budget ridotto, potrebbero trovarsi in mano un kit completo immediatamente compatibile con gli strumenti di uso comune, senza preoccuparsi di doversi adattare.

Ma in studio, nonostante l’avanzare frenetico della tecnologia, restano il più delle volte strumenti interi, lì invariati come se il tempo per loro non fosse mai passato. Come il microfono Neumann U87 messo in commercio per la prima volta nel 1967, rimanendo il microfono da studio ad oggi più utilizzato e conosciuto.

Il buongiorno si è visto dal mattino, quando fin dalla sua creazione, ha suscitato un interesse ed un apprezzamento enorme tra gli addetti ai lavori del mondo dell’audio professionale e la sua ampia diffusione lo ha reso la prima scelta di molti fonici e produttori.

Una bomboniera che ancora funziona e che è diventata di fatto un vero e proprio simbolo del mondo della radio.

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl