PageRank il parametro SEO che probabilmente è morto, o forse non del tutto

05/giu/2019 16:58:04 Gianluca Ciano Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 3 mesi fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Lascia che ti racconti una storia. All'inizio era il PageRank e ha reso Google il motore di ricerca più potente.

Tutto è andato benissimo fino a quando il PageRank ha mantenuto il segreto del meccanismo di ranking di Google, limitandosi unicamente a parlarne in documenti di ricerca e sui forum di tecnologia.

Tuttavia, una volta che Google ha deciso di rendere visibili i punteggi di PageRank, ha scatenato un flusso di strategie di ottimizzazione che non erano esattamente benigne.

Noi di Veralto, La Web Agency a Monza, abbiamo dato un'occhiata a cosa fosse il PageRank, cos'è oggi il PageRank e decidiamo se è stata una benedizione o un disastro per il Web.

 

Definizione di PageRank

PageRank (o PR in breve) è un sistema nato per classificare le pagine web sviluppate dai fondatori di Google Larry Page e Sergey Brin alla Stanford University. È usato per dare ad ogni pagina un punteggio d’importanza e autorità valutando la qualità e la quantità dei suoi collegamenti.

Ecco come funziona. Ogni link da una pagina all'altra lancia un cosiddetto voto, il cui peso dipende dal peso delle pagine che vi si collegano. E non possiamo conoscere il loro peso finché non lo calcoliamo, quindi il processo gira in modo circolare. Ci dovrebbe essere una formula infernale per calcolarlo.

Tuttavia, è molto più semplice di quello che sembra.

 

Calcolo del PageRank

 

La matematica è così interessante che è possibile utilizzare un semplice algoritmo iterativo e calcolare il punteggio PageRank di una pagina senza conoscere il valore di altre pagine che vi si collegano. Come funziona?  Ogni volta che eseguiamo il calcolo, otteniamo una stima più accurata del valore finale. Ricordiamo ogni valore calcolato e ripetiamo i calcoli un numero di volte finché i numeri smettono di cambiare molto.

Per evitare che alcune pagine abbiano troppa influenza, la formula PageRank utilizza anche un fattore di attenuazione. Secondo la teoria, c'è un utente immaginario che fa clic sui collegamenti casualmente, si annoia e, a un certo punto, smette di fare clic. La probabilità che questa persona continui a fare clic in qualsiasi momento è un fattore di smorzamento. Nella formula, il valore totale delle pagine viene smorzato moltiplicandolo per 0,85 (un valore generalmente assunto).

Si considera anche che la somma media di tutte le pagine sia uguale a una. Pertanto, anche se una pagina non ha backlink (cioè, nessun voto), ottiene comunque un piccolo punteggio di 0,15 (uno meno un fattore di smorzamento).

Si ritiene che Google ricalcoli i punteggi di PageRank dopo ogni scansione del Web. Man mano che si espande, l'approssimazione iniziale di PageRank diminuisce per tutti i documenti. Molto probabilmente, PageRank favorisce le pagine più vecchie in quanto le nuove pagine non possono avere un grande profilo di backlink di qualità, quindi ricevono punteggi inferiori.

 

PageRank oggi

Quando qualcosa è invisibile, non significa che non esista. Lo stesso vale per PageRank. Google ha estratto i punteggi dall'accesso pubblico, ma il PageRank rimane il suo ingrediente segreto per la salsa. Inoltre, conta ancora per le classifiche in serp, in quanto aiuta il motore di ricerca a determinare il risultato più pertinente per una determinata query.

Inoltre, PageRank non è diventato invisibile nelle menti dei SEO Specialist. Gli specialisti SEO non volevano rimanere ciechi per le attività di ottimizzazione e, un gruppo di aziende specializzate in SEO Strategy (ad esempio Moz, Ahrefs, Majestic, ecc.) hanno preso la formula originale del PageRank come fonte di ispirazione e hanno sviluppato alternative alla metrica.

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl