CS: Ammonire per amare, perché Dio non desiste da nessuno. In libreria 'Ammonire i peccatori' (EMI) del teologo José Tolentino Mendonça

13/apr/2016 18:15:59 monica martinelli EMI Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Editrice Missionaria Italiana

Via di Corticella, 179/4 - 40128 Bologna

tel. 051.326027 - www.emi.it 

Ufficio Stampa: stampa@emi.it

 

 

In libreria da questa settimana

 

Comunicato stampa

 

Ammonire per amare i peccatori

José Tolentino Mendonça e la correzione fraterna nel suo

Ammonire i peccatori (EMI)

 

 

Bologna, 13 aprile 2016

 

È dedicato all’opera di misericordia della correzione fraterna l’ultimo libro di José Tolentino Mendonça, teologo, biblista, poeta e vice-rettore dell’Università Cattolica di Lisbona. Il volume, Ammonire i peccatori. Dio non desiste da nessuno (Editrice Missionaria Italiana, in libreria da questa settimana), nuova uscita della collana «Fare misericordia» dedicata alle opere di misericordia e predisposta per l’Anno giubilare, è una lettura appassionata della «correzione» nel contesto del nostro mondo moderno e ultraveloce, al tempo dell’usa-e-getta e dei «correttori automatici».

 

Nello stile eclettico che caratterizza l’Autore, in una moltitudine di citazioni che spaziano da Doris Lessing a Fyodor Dostoevskij fino ai padri del deserto, Tolentino riporta l’attenzione sul vero significato della «correzione fraterna» come descritta nel Vangelo di Matteo, «se il tuo fratello commetterà una colpa contro di te, va’ e ammoniscilo fra te e lui solo». La correzione tuttavia, sottolinea l’Autore, non deve essere una semplice ammonizione, ma un atto che presuppone «relazione, condivisione, affetto e cura» nel profondo riconoscimento che la persona non è il suo peccato o, meglio, «che il peccato non esaurisce ciò che essa è».

 

Il grande obiettivo della correzione deve essere quindi la sua riconciliazione, nella scoperta della possibilità della persistenza dell’amore e della misericordia di Dio, il quale non desiste mai da nessuno nella sua infinita benevolenza. Quella stessa misericordia che Gesù offre a Zaccheo, semplicemente nel «vederlo» e «riconoscerlo», laddove egli aveva ricevuto solo disprezzo in cambio della sua avidità. È dunque l’amore il fil rouge della riflessione tolentiniana, un amore trasversale, universale e liberatore, scevro da ogni pretesa di giudizio, che trova eco nelle parole di S. Tommaso, secondo il quale «la correzione fraterna non può configurarsi semplicemente come atto di giustizia, deve essere anche espressione di carità».

 

E allora come mai, si chiede l’Autore citando Doris Lessing, «la nostra società ha raggiunto un livello incredibile di conoscenza senza che questo ci abbia reso migliori?». Secondo Tolentino, il nostro essere un villaggio globale iper-connesso non ci ha aiutato ad essere meno ciechi o più flessibili, anzi, ci ha lasciati «analfabeti della misericordia». L’unica via d’uscita è quindi quella del riconoscimento e dell’accettazione dell’altro, ammonendolo come segno del nostro amore.

 

 

L’AUTORE

 

José Tolentino Mendonça, poeta, biblista e teologo, è vicerettore dell’Università Cattolica di Lisbona. Viene considerato uno dei più importanti intellettuali del Portogallo. Il suo libro più recente è Mistica dell’istante (Vita e pensiero).

 

 

José Tolentino Mendonça, Ammonire i peccatori. Dio non desiste da nessuno, Collana Fare misericordia, Editrice Missionaria Italiana, pp. 64, euro 7,00

 

In allegato, la copertina del volume.

 

Per informazioni e copie saggio per recensione:

Chiara Brivio

Ufficio stampa EMI

Email: stampa@emi.it

Cell. 328/0387080

Tel. 051/326027

 

Clicca qui se vuoi cancellarti dalla nostra mailing list

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl