CS: La sfida dell'accoglienza nel nuovo libro di p. Kizito Sesana 'Accogliere gli stranieri', quarto volume della collana EMI sulle opere di misericordia

11/dic/2015 09:01:38 monica martinelli EMI Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Editrice Missionaria Italiana

Via di Corticella, 179/4 - 40128 Bologna

tel. 051.326027 - fax 051.327552 - www.emi.it 

Ufficio Stampa: stampa@emi.it

 

 

In libreria

 

Comunicato stampa

 

Accogliere gli stranieri (EMI)

La sfida dell’accoglienza

secondo il missionario comboniano Kizito Sesana

 

 

Bologna, 10 dicembre 2015

 

Nei giorni in cui si aprono le Porte Sante ai fedeli di tutto il mondo, e contemporaneamente i politici europei chiedono di chiudere le frontiere ai migranti, il missionario Kizito Sesana ci lancia la sfida dell’accoglienza come prova tangibile «dell’essere discepoli del Nazareno». Comboniano, fondatore dell’ONG Amani for Africa, nel suo nuovo libro Accogliere gli stranieri, che si inserisce nella nuova collana EMI «Fare misericordia», l’Autore preferisce alla tradizionale opera di misericordia dell’accogliere i pellegrini la dicitura del Vangelo di Matteo, in cui Gesù afferma «ero straniero e mi avete accolto».

 

Proprio mentre le statistiche ci comunicano che sono 700 i bambini annegati nel Mediterraneo solo nel 2015, Kizito ci ricorda che accettare che gli altri entrino nella nostra vita è un dovere cristiano per il quale è necessaria «una spiritualità solida, capace di resistere alle critiche più maligne». Forte della sua esperienza trentennale in Africa, durante la quale ha costruito comunità di accoglienza e sostegno per bambini e ragazzi di strada in Kenya e in Zambia, l’Autore descrive la vitalità e il calore umano di questi luoghi dove, anche nella povertà più estrema, non si rifiutano mai un letto o un pasto caldo a coloro che sono in cerca di aiuto.

 

P. Kizito ci ricorda inoltre che «cristianamente, ospitare è tensione e profezia di fraternità. Ospitando impariamo che libertà e amore ci qualificano come umani, e che per restare umani dobbiamo esercitare libertà e amore sempre, altrimenti ci atrofizziamo». In quest’ottica l’ospitalità «nella casa comune di cui papa Francesco parla lungo tutta l’enciclica Laudato si’, diventa pratica di liberazione personale e comunitaria».

 

Il messaggio di papa Francesco non deve essere quindi interpretato come una «ingerenza» nella politica, ma come il Vangelo vissuto veramente che «costringe le leggi, i regolamenti, i confini, soprattutto i confini mentali, ad adeguarsi alla vita». Affinché non «sia più illogico, pericoloso, persino illegale aprire la propria casa a una persona sconosciuta».

 

L’AUTORE

 

Kizito Sesana, originario di Lecco, è missionario comboniano e giornalista. È stato direttore di Nigrizia negli anni '70, poi fondatore e direttore di New People a Nairobi. In Kenya e in Zambia, dove ha fondato la comunità Kononia, si dedica in particolare ai bambini di strada e ai giovani. È autore di vari libri tra cui Tutti i cuori del mondo (EMI). 

 

Kizito Sesana, Accogliere gli stranieri. Non siamo «padroni a casa nostra», Collana Fare misericordia, Editrice Missionaria Italiana, pp. 64, euro 7,00

 

In allegato, la copertina del libro

 

Per informazioni e copie saggio per recensione:

Chiara Brivio

Ufficio stampa EMI

Email: stampa@emi.it

Cell. 328/0387080

Tel. 051/326027

 

Clicca qui se vuoi cancellarti dalla nostra mailing list

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl