CS: Il dialogo islamo-cristiano e il dramma dei migranti nel nuovo libro EMI 'Il deserto è la mia cattedrale' di mons. Claude Rault

01/ott/2015 17:14:31 monica martinelli EMI Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Editrice Missionaria Italiana

Via di Corticella, 179/4 - 40128 Bologna

tel. 051.326027 - fax 051.327552 - www.emi.it 

Ufficio Stampa: stampa@emi.it

 

 

In libreria da sabato 3 ottobre

 

Comunicato stampa

 

La fratellanza tra cristiani e musulmani

e il dramma dei migranti

nel nuovo libro di mons. Claude Rault

Il deserto è la mia cattedrale (EMI)

Il vescovo dall’Algeria in Italia per un ciclo di incontri

 

 

Bologna, 1 ottobre 2015

 

Claude Rault, vescovo di Laghouat-Ghardaïa (Algeria), sarà in Italia nei prossimi giorni per una serie di incontri a partire dal suo nuovo libro, Il deserto è la mia cattedrale. Il vescovo del Sahara racconta (Editrice Missionaria Italiana, prefazione di Guido Dotti, in libreria da venerdì 2 ottobre).

 

Missionario dei Padri Bianchi, francese, 75 anni, nel suo testo Rault racconta decenni di missione in terra islamica nella diocesi più estesa del mondo (2,5 milioni di kmq), dove «una manciata di cristiani sono dispersi tra tre milioni e mezzo di musulmani». Una «minuscola Chiesa diocesana», come la descrive l’Autore, impegnata in un dialogo costante con i fratelli musulmani e nella creazione di una cultura dell’incontro. Nel 1979 Rault fonda, insieme al priore di Tibhirine dom Christian de Chergé, il Ribât Essalâm o «Legame della pace», un gruppo di condivisione spirituale interreligioso le cui riunioni si terranno nel monastero trappista fino al 1996, anno del terribile rapimento e uccisione di padre Chergé e dei suoi confratelli. E proprio nel suo testo Rault rievoca le esperienze di missione con loro condivise e sottolinea il ruolo fondamentale che il monastero nei monti dell’Atlante ricoperse durante i sanguinosi anni della guerra civile algerina, diventando un rifugio spirituale, «un punto di ancoraggio» per tutti i fedeli, cristiani e non.

 

Il presule d’Algeria è inoltre testimone delle rotte di migranti che dall’Africa subsahariana attraversano l’Algeria per raggiungere la Libia e l’Europa. Riportando le parole dell’Abbé Pierre, che aveva ascoltato da seminarista e oggi risuonano quanto mai attuali, a proposito di coloro che intraprendono questi viaggi della speranza: «Abbiamo il dovere di aiutarli ad acquistare un grado di sviluppo degno e giusto. È urgente. Se non lo facciamo, verranno loro a cercare da noi quello che non trovano a casa loro, e noi non avremo il diritto di rifiutarglielo». In armonia con il recente richiamo di papa Francesco alla Chiesa affinché apra le sue porte a profughi e rifugiati, il vescovo sprona quindi la comunità cristiana a non «rimanere con le mani in mano» di fronte a questa tragica vicenda umana, nonostante le difficoltà nell’affrontare «un problema più grande di noi».

 

Un testo in cui la vicenda personale di mons. Rault si intreccia con i grandi eventi storici della nostra epoca, insegnandoci come la diffusione del messaggio del Vangelo debba essere portata avanti con umiltà, testimonianza scevra da ogni intenzione di proselitismo. Tale è il suo deserto: un luogo sacro, una «cattedrale» in cui entrare senza scarpe, in silenzio, nell’incontro con il fratello musulmano.

Il ciclo di conferenze di mons. Rault in Italia avrà inizio a Castelfranco Veneto (Tv) domenica 4 ottobre, alle ore 17.00 al Centro parrocchiale don E. Bordignon (Via Bassano 16).

 

Lunedì 5 ottobre il vescovo del Sahara sarà alla Parrocchia di Baggiovara (Stradello Fossa Burracchione 54) a Modena per un incontro pubblico alle ore 21.00. Interviene Pier Maria Mazzola, direttore responsabile di Africa.

 

A seguire, martedì 6 ottobre mons. Rault porterà la sua testimonianza all’Oratorio dei Teatini della Parrocchia Ss. Bartolomeo e Gaetano (Strada Maggiore 4), alle ore 21.00 a Bologna.

 

Mercoledì 7 ottobre il vescovo d’Algeria interverrà nel contesto della rassegna dell’Ottobre Missionario del Centro PIME di Milano, quest’anno dedicata al tema «Sorella terra, per la cura della nostra casa comune». Appuntamento alle ore 21.00 al Centro Pime (Via Mosè Bianchi 94). Modera Anna Pozzi, giornalista di Mondo e Missione.

 

Successivamente, giovedì 8 ottobre, mons. Rault sarà a Torino, ospite del Centro Missionario Diocesano. L’evento si terrà alle ore 20.45 nel Teatro della Parrocchia S. Rita da Cascia (P.za S. Rita). Introduce e modera Federica Bello, giornalista de La voce del popolo.

 

Gli incontri con mons. Rault continueranno a Riva del Garda (Tn) venerdì 9 ottobre alle ore 20.30 nella casa dei Missionari Verbiti (Via Venezia 475). Introduce e modera Diego Andreatta, direttore di Vita Trentina.

 

Sabato 10 e domenica 11 ottobre mons. Rault sarà ospite dei Padri Bianchi di Treviglio (Bg). Sabato 10 il presule d’Algeria incontrerà i fedeli nella Chiesa di S. Pietro alle ore 21.00, mentre domenica 11 ottobre parteciperà alla Festa dei Popoli di Canonica (Bg) dove, alle ore 16.00, terrà un incontro pubblico sul tema della convivenza tra cristiani e musulmani.

 

Il ciclo di conferenze si chiuderà martedì 13 ottobre a Roma alle ore 17.00 con una lezione pubblica al Pontificio Istituto di Studi Arabi e Islamistica (Viale di Trastevere 89). Presenta e modera l’incontro p. Diego Sarrió Cucarella, Direttore degli Studi dell’Istituto.

 

Tutti gli incontri sono a ingresso libero.

 

I dettagli sul sito www.emi.it

 

L’AUTORE

 

Claude Rault (Poilley, Francia, 1940) è missionario dei Padri bianchi. Presente in Algeria dal 1970, lavora a lungo nella formazione, poi diventa vicario generale di Laghouat-Ghardaïa e in seguito provinciale dei Padri bianchi del Maghreb. È vescovo di Laghouat-Ghardaïa dal 2004.

 

In allegato, la copertina del volume.

 

Claude Rault, Il deserto è la mia cattedrale. Il vescovo del Sahara racconta, prefazione di Guido Dotti, Collana Vita di missione (Nuova serie), Editrice Missionaria Italiana, pp. 192, euro 13,00

 

 

Per informazioni, richieste di interviste o copie saggio per recensione:

Chiara Brivio

Ufficio stampa EMI

Email: stampa@emi.it

Cell. 328/0387080

Tel. 051/326027

 

Clicca qui se vuoi cancellarti dalla nostra mailing list

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl