Che prezzi hanno le caldaie a condensazione

13/feb/2021 23:56:28 Ecostili Contatta l'autore

 

Caldaie a condensazione: come scegliere quella adatta alla nostra casa e quali sono i costi

La sostituzione dell’impianto di climatizzazione è uno degli interventi principali da considerare (oltre ad eventuali interventi di isolamento termico e di sostituzione degli infissi).

Le possibilità sono diverse: la caldaia a condensazione, la pompa di calore, i sistemi ibridi (caldaia e pompa di calore), le caldaie a biomassa, ecc.

I sistemi di climatizzazione “full electric” come la pompa di calore oppure i sistemi ibridi sono le soluzioni più interessanti sia dal punto di vista dell’efficienza poiché permettono di sfruttare al l’utilizzo di fonti rinnovabili magari con un abbinamento ad un impianto fotovoltaico.

Vi sono però diversi contesti nei quali l’installazione della pompa di calore o di un sistema ibrido non possono essere considerati: ad esempio se siamo in appartamento in condominio dove, anche volendo, le opzioni si riducono molto spesso alla caldaia a condensazione o al limite alla caldaia a pellet.

Caldaie a condensazione: vediamo i costi

I prezzi delle caldaie a condensazione dipendono da diversi fattori : tipo di combustibile, potenza, classe energetica, ecc.

Per le potenze standard, vale a dire tra 24 e 35 kw, le caldaie a condensazione hanno prezzi che possono partire dai 600 € per arrivare a circa 2.500 euro. Il costo dipende dal modello ma anche la marca. Oltre al costo del prodotto vanno aggiunte le spese per l’installazione, che vanno da 400 a 900 euro.

Il costo quindi dipende ovviamente dalla qualità del prodotto e dalle sue caratteristiche. Non esiste quindi il prodotto ideale ma quello più adatto alla nostra abitazione.

Vediamo alcuni elementi da considerare per scegliere al meglio la caldaia a condensazione per la nostra casa.

Come scegliere la nuova caldaia a condensazione ?

Nella scelta di una caldaia a condensazione dobbiamo sapere quali sono gli elementi da considerare nella scelta.

ll tipo combustibile utilizzato

  • Metano: se ci si trova in una zona dove arriva il metano (e in condominio è praticamente scontato che ci si trovi in una zona metanizzata) diciamo che la caldaia a metano è la scelta ottimale sotto tutti i punti di vista.
  • Biomassa: come alternativa abbiamo anche la caldaia a biomassa ma che ha l’inconveniente che ha costi maggiori e deve essere gestita con maggiore attenzione dato che necessita di rifornimento del pellet, ecc.

La potenza termica della caldaia

  • La potenza termica per scaldare la tua casa: per calcolare la potenza della caldaia andrebbe fatto una valutazione specifica del caso specifico.
  • Possiamo però dire che per scaldare un alloggio da 100 m2 (e quindi poco meno di 300 m3) occorre prevedere una caldaia di circa 24 kW di potenza

L’etichetta energetica della caldaia

  • Per il riscaldamento e la produzione di ACS devono essere dotati di etichetta energetica, nel rispetto di quanto previsto dai regolamenti emanati dell’Unione Europea.

La tipologia del sistema di emissione dell’impianto di climatizzazione

  • Le caldaie a condensazione sono più efficienti quando si hanno temperature di mandata dell’impianto basse, vale a dire inferiori ai 50 gradi. Questo perché il vapore condensa a 56°
  • In ogni caso le caldaie a condensazione possono avere un ottimo livello di efficienza anche a temperature di mandata maggiori e comunque sono sicuramente più efficienti delle caldaie tradizionali anche in questi contesti

Detrazioni fiscali

Le detrazioni fiscali previste per la sostituzione della caldaia sono le seguenti:

  • Detrazione del 50% in caso di sostituzione di caldaia a condensazione di classe A
  • Detrazione del 65% in caso di sostituzione di caldaia a condensazione di classe A e installazione di sistemi di termoregolazione evoluti

Maggiori informazioni sulle detrazioni fiscali sono disponibili sul sito dell’ENEA

Con il Superbonus 110%, l’installazione della caldaia a condensazione rientra fra gli interventi “trainanti” previsti per le abitazioni unifamiliari. Se invece siamo in un condominio con sistema di riscaldamento non centralizzato e si realizza l’intervento di cappotto termico sulle parti comuni dell’edificio, allora nei singoli alloggi si possono sostituire le caldaie per installare una caldaia a condensazione il cui costo potrà essere detratto anch’esso al 110%.

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl