Comunicati.net - Comunicati pubblicati - Ecologia Comunicati.net - Comunicati pubblicati - Ecologia Fri, 20 Jan 2017 02:35:53 +0100 Zend_Feed_Writer 1.11.10 (http://framework.zend.com) http://comunicati.net/comunicati/aziende/ecologia/1 "Terra&Acqua": in Toscana nasce il progetto che misura l'impronta idrica del settore agricolo Mon, 16 Jan 2017 09:04:21 +0100 http://comunicati.net/comunicati/aziende/ecologia/417990.html http://comunicati.net/comunicati/aziende/ecologia/417990.html damico press damico press “Terra&Acqua: ricerca e innovazione per la gestione della risorsa idrica” è il titolo della conferenza in programma a Firenze venerdì 27 gennaio presso la Sala Rossa di Villa Ruspoli (piazza Indipendenza 9), a partire dalle ore 9.30. Organizzata da Water Right Foundation, CERAFRI (Centro per la Ricerca e l’Alta Formazione per la prevenzione del Rischio Idrogeologico) e Quàlita, la conferenza sarà l’occasione per presentare i risultati di Terra&Acqua, il progetto pilota nato su iniziativa di Water Right Foundation per promuovere l’importanza della sostenibilità idrica nelle filiere vitivinicole e olearie. Lo studio è stato condotto da giovani ricercatori della Scuola di Agraria e della Scuola di Ingegneria dell’Università degli Studi di Firenze.

A partire dagli strumenti e dalle esperienze sviluppate all’interno della ricerca universitaria, il progetto Terra&Acqua ha valutato l’impronta idrica di tre aziende del territorio, con l’obiettivo di valorizzare la produzione di eccellenza rendendola anche più sostenibile. Un primo passo quindi per la definizione di una procedura standard di valutazione dei consumi idrici e l’identificazione di buone pratiche e soluzioni per migliorare l'impatto ambientale. “La quantità di litri di acqua che servono per produrre un litro di vino o di olio, la cosiddetta Water Footprint – spiegano i ricercatori - non è soltanto il risultato di un’equazione, ma rappresenta un punto di partenza per promuovere la consapevolezza dell'importanza della risorsa idrica nell'economia locale”.

Un’idea condivisa in pieno da Mauro Perini, presidente di Water Right Foundation, che dichiara: “La storia dell'umanità ci insegna che senza sviluppo non c’è futuro. Ma abbiamo bisogno di una nuova e responsabile qualità dello sviluppo. Il progetto Terra&Acqua va in questa direzione: accrescere la partecipazione di tutti alla salvaguardia del delicato equilibrio ambientale espresso dall’incontro tra questi due elementi primari. Il nostro obiettivo - prosegue Perini - è ridare centralità al reticolo idrografico del nostro territorio. E poterlo fare con il pieno coinvolgimento di chi produce/distribuisce/consuma, significa considerare in senso più ecologico la modernità”.

L’incontro fiorentino sarà quindi l’occasione per discutere della corretta gestione della risorsa acqua, alla luce di fenomeni estremi quali piogge intense e siccità; ma si propone anche come momento di incontro tra mondo della ricerca universitaria e della produzione agricola di eccellenza. Un aspetto a cui dedica particolare attenzione il Prof. Giorgio Federici, del Dipartimento di Ingegneria civile e ambientale dell’Università di Firenze e presidente del CERAFRI: “Dai settori più produttivi della nostra regione – afferma Federici – deve partire un messaggio forte di attenzione alla sostenibilità. L'acqua rappresenta la risorsa più importante nel nostro pianeta e nei prossimi decenni sarà in misura sempre maggiore uno degli aspetti chiave della sostenibilità dello sviluppo. Il nostro progetto è l'inizio di un percorso proattivo in cui le aziende, oltre che migliorare le proprie filiere, si fanno portavoce, con i loro prodotti, della necessità di rispettare la risorsa acqua”.

Attraverso questa iniziativa, il Progetto Toscana Firenze 2016 (ideato per il cinquantenario dell’alluvione del 1966) amplia la sua attività a tutte le tematiche connesse all’acqua e legate ai problemi ambientali e territoriali, avviando il programma di eventi del 2017 denominato Protagonista l’Acqua - Water First.

]]>
Nasce Parchi a Impatto Zero, luce verde ai finanziamenti per le rinnovabili Thu, 01 Dec 2016 17:04:25 +0100 http://comunicati.net/comunicati/aziende/ecologia/413916.html http://comunicati.net/comunicati/aziende/ecologia/413916.html RinnovabiliIT RinnovabiliIT Utilizzo delle rinnovabili, efficienza energetica, tutela della biodiversità, mobilità sostenibile:
l’accordo tra Federparchi, FITS! e Rinnovabili.it crea un percorso facilitato per i progetti di sostenibilità ambientale e sociale. Primo obiettivo i Parchi e le Riserve naturali italiane

Nasce Parchi a Impatto Zero

 

Lunedi 5 dicembre 2016 alle 10.30 presso la Sede di Intesa Sanpaolo, in via Del Corso 226 – Roma, verrà firmata la Convenzione tra Federparchi – Federazione Italiana Parchi e riserve naturali,
FITS! – Fondazione per l’Innovazione del Terzo Settore e Rinnovabili.it – piattaforma multimediale e organo di informazione sulla sostenibilità ambientale.

I tre partner si fanno promotori di Parchi a Impatto Zero, nuovo progetto dedicato al supporto di iniziative di conservazione, sviluppo e tutela del patrimonio ambientale e territoriale. L’obiettivo della Convenzione è di creare un nuovo modello di sostegno tecnico e finanziario per gli interventi di sostenibilità ambientale e sociale nei Parchi e nelle aree protette.
In particolare Parchi a Impatto Zero promuoverà la costruzione di modelli di partenariato pubblico-privato basati sul Project Financing sostenendo i promotori di progetti di sostenibilità ambientale e sociale in tutte le fasi realizzative e finanziarie: progettazione, valutazione di fattibilità, studio dei meccanismi finanziari, snellimento dell’iter burocratico e reperimento di fondi. 

La Convenzione sarà siglata dal presidente di Federparchi Giampiero Sammuri, dal Segretario Generale di FITS! Roberto Leonardi e dal Direttore di Rinnovabili.it Mauro Spagnolo.
E interesserà, per i prossimi due anni, i Parchi e le Riserve Naturali. Il modello di intervento si focalizzerà su nove aree: efficientamento energetico, impiego delle rinnovabili, abbattimento degli inquinanti, biodiversità, mobilità sostenibile, interventi edilizi a basso impatto, innovazione tecnologica, creazione di start up e nuovi modelli gestionali dei servizi, sostenibilità ambientale.

  • FITS! promuoverà la costruzione di modelli di partenariato pubblico-privato basati sul Project Financing e l’attivazione delle Comunità.
  • Federparchi segnalerà esigenze e possibili location degli interventi (aree protette, infrastrutture, edifici, etc.) e si occuperà della gestione amministrativa e autorizzativa degli interventi
  • Rinnovabili.it oltre a curare la promozione e la visibilità alle iniziative, offrirà un servizio di consulenza per l’individuazione degli interventi, valuterà preliminarmente le potenzialità e la fattibilità delle proposte, svilupperà o selezionerà i progetti, definendo costi e ritorni.

 Roberto Leonardi, segretario generale di FITS!: “Fondazione FITS! nasce su iniziativa di Banca prossima nel 2011 per sostenere e sviluppare modelli innovativi e di economia sociale. Il sistema dei Parchi Nazionali è un luogo privilegiato per sperimentare e implementare progetti di innovazione sociale che attraverso modelli finanziari, ambientali ed energetici sostenibili promuovano lo sviluppo delle comunità”.

“Partendo dall’accelerazione del processo di decarbonizzazione – afferma Mauro Spagnolo, direttore di Rinnovabili.it – abbiamo avvertito la necessità di creare un meccanismo semplificato,
agile e operativo, in cui potessero convivere sinergicamente sostenibilità ambientale, sostenibilità sociale e finanza verde”.

 Sulla stessa lunghezza d’onda Giampiero Sammuri, presidente di Federparchi: “Questa intesa, a cui lavoriamo da tempo, corona un lungo percorso e offre un’opportunità di incontro a tre mondi diversi, quello della finanza, quello dei parchi e quello dell’innovazione tecnologia e comunicazione. Si incontrano, infatti, pubblico e privato, con l’obiettivo di semplificare, risparmiare, ridurre l’impatto dell’uomo sull’ambiente. Federparchi mette a disposizione il suo know how e offre così un ulteriore servizio ai propri associati”.

]]>
SETTIMANA EUROPEA DELLA RIDUZIONE DEI RIFIUTI: LA RIVOLUZIONE DEL DISSIPATORE ALIMENTARE DI INSINKERATOR Tue, 22 Nov 2016 09:56:08 +0100 http://comunicati.net/comunicati/aziende/ecologia/412807.html http://comunicati.net/comunicati/aziende/ecologia/412807.html Ghénos Ghénos In occasione della Settimana Europea per la Riduzione dei Rifiuti, dal 19 al 27 novembre 2016, InSinkErator, leader mondiale nel settore dei dissipatori (www.insinkerator.it), presenta gli innumerevoli vantaggi nella gestione e smaltimento dei rifiuti derivanti dall’utilizzo del dissipatore alimentare domestico.

 

Innanzitutto, come funziona il dissipatore?

 

Posizionato sotto il lavello e integrato con semplicità e discrezione, il dissipatore permette di eliminare ogni tipo di avanzo organico direttamente nel lavello. Non ci sono delle lame, ma innumerevoli martelletti che svolgono movimenti rotatori ad alta velocità sminuzzando in parti finissime questi alimenti fino al raggiungimento di uno stadio semi liquido che ne permette l’eliminazione fra le acque chiare. Non solo si alleggeriscono le tanto affollate discariche, ma questi avanzi possono essere trasformati in biogas o fertilizzante con un ulteriore vantaggio per la comunità. Nessun processo chimico, basta premere un pulsante e la meccanica farà il resto. Compatto, dotato dell’esclusivo sistema SoundSeal™ che rende l’elettrodomestico particolarmente silenzioso e della tecnologia Multigrind™, il dissipatore è caratterizzato da un sistema di dissipazione a due o tre stadi in grado di offrire prestazioni eccezionali e installabile anche in spazi di dimensioni ridotte.

 

Da un lato all’altro del pianeta, l’utilizzo di questo piccolo ma geniale strumento si sta diffondendo esponenzialmente. Negli Stati Uniti, ad esempio, il 50% delle famiglie ne possiede uno, in Nuova Zelanda il 34%, in Australia il 20% e in Gran Bretagna il 6%.

Questa pratica è favorita da iniziative e incentivi che alcune amministrazioni virtuose stanno portando avanti.

 

Negli Usa, ad esempio, dove l’80% delle nuove abitazioni dispone di un dissipatore, città come Chicago, Philadelphia, Tacoma, Milwaukee e Boston hanno fatto realizzare dei test per verificarne l’effettiva efficacia e i dati parlano chiaro. Con il dissipatore, la quantità di rifiuti alimentari scartati si riduce del 30%. Di questo passo, nel giro di 36 mesi, un anno di avanzi sarebbe stato tolto dalle discariche. A New York, il comune ha organizzato dei veri e propri forum per spiegare alla cittadinanza come gestire i rifiuti.

 

Sulla base di questi risultati, se l'intera città di Milwaukee utilizzasse il dissipatore in modo simile, i potenziali benefici includerebbero un riduzione dei rifiuti alimentari residenziali da 19.000 tonnellate all'anno con riduzione delle emissioni e una produzione di biogas sorprendente. In Olanda, stanno sperimentando l’utilizzo dei dissipatori nelle residenze universitarie mentre in Danimarca, che ha già eliminato i rifiuti in discarica dal 1997, gli studi hanno dimostrato che l’utilizzo del dissipatore riduce del 20-30% mentre a Taiwan, la Tapei University of Technology raccomanda alle autorità lo sviluppo d’iniziative in favore della diffusione del dissipatore. E l’Italia?

 

I dati parlano di un mercato che cresce a due cifre e che in Europa è secondo solo all’Inghilterra.  La città di Caravaggio, ad esempio, ha offerto un rimborso fiscale del 20% della tassa rifiuti per le famiglie che hanno installato un dissipatore mentre in provincia di Macerata, una prova sul campo nel villaggio di montagna di Gagliole ha dato risultati ottimi confermando che non solo non ci sono problemi per le fognature ma che vi è anche un beneficio per il trattamento delle acque reflue, un aumento della produzione di biogas per il riscaldamento, l'elettricità e il combustibile, e un ritorno alla comunità nel breve periodo.

 

Il report completo - http://www.food-waste-disposer.org.uk/worldwide-use

 

Denise Iordache, Marketing Manager, Europa e Russia di InSinkErator®, conferma: "Quali sostenitori attivi delle soluzioni sostenibili, incoraggiamo e apprezziamo ogni iniziativa che possa contribuire ad aumentare la consapevolezza del problema della gestione dei rifiuti. Un dissipatore InSinkErator® è un bene inestimabile che contribuisce a ridurre i rifiuti che giungono in discarica aiutando lo smaltimento igienico e rispettoso dell’ambiente ".

 

 

 


Informazioni su InSinkErator

Divisione del Gruppo Emerson, InSinkErator è il maggior produttore mondiale di dissipatori di rifiuti alimentari e leader di mercato. Questa tipologia di elettrodomestico evita alle discariche circa il 20% dei rifiuti domestici ed è dimostrato avere una minore impronta ecologica rispetto alla raccolta porta a porta.

Nel 2007 InSinkErator lancia un nuovo prodotto, il dispenser di acqua calda, in grado di fornire acqua filtrata, a temperatura ambiente oppure a 98 gradi.

 

 

Ufficio Stampa e Relazioni Pubbliche                                                                                       

Ghenos Srl – Gabriella Del Signore                                                                                                     

Milano - Barcelona                                                                                                                               

tel. +39 02 34530468                                                                                                                     

press@ghenos.net 

www.ghenos.net                                                                                                                   

]]>
Aria pura anche in casa, con Optimocosy Atlantic Thu, 17 Nov 2016 11:59:41 +0100 http://comunicati.net/comunicati/aziende/ecologia/412416.html http://comunicati.net/comunicati/aziende/ecologia/412416.html Studio Binaschi Studio Binaschi

Se non è possibile rendere più salubre la qualità dell’aria che respiriamo all’esterno, è peraltro possibile fare in modo che quella negli ambienti domestici sia migliore: anche se difficilmente viene rilevato dagli occupanti, la cattiva qualità dell’aria interna alle abitazioni  è da 5 a 10 volte più inquinata di quella esterna, e questo tipo di esposizione continuativa  ad inquinanti “domestici” può comportare una varietà di problemi respiratori nonché una sensazione generale di «malessere».  

Nell’aria che viene respirata negli ambienti chiusi è presente un notevole numero ed una rilevante varietà di inquinanti, tra i quali materiale particellare, pollini, fumi, gas, umidità e vapori aerosol.  Un adulto respira 12.000 litri di aria al giorno,  e un bambino ne respira due volte più che un adulto. L’80% della vita trascorre all’interno di locali chiusi, e ben l’87% degli edifici riscontra un superamento nel livello di composti organici volatili raccomandato. Il 40% delle abitazioni sono affette da problemi di muffa. Il rischio espositivo per gli ambienti chiusi è maggiore per le fasce più vulnerabili (anziani e bambini) che possono facilmente contrarre allergie e malattie respiratorie, tanto è vero che il 30% dei nati dopo il 1980 incontrano problemi di salute riconducibili a reazioni di origine allergica.

Con abitazioni sempre più isolate per ottimizzare il dispendio energetico, il controllo della qualità dell’aria all’interno delle pareti domestiche si pone come necessità imprescindibile. L’installazione di una macchina per la ventilazione meccanica controllata (VMC) consente di rinnovare l’aria tramite l’estrazione dell’anidride carbonica e dell’umidità derivanti dalla respirazione o dai vapori acquei del bagno o della cucina (al fine di garantire il 40-60% di umidità relativa indicato per raggiungere il comfort) , nonché rimuovere  i COV (Composti Organici Volatili) e le sostanze inquinanti presenti nell’aria in forma particellare.

Una delle soluzioni proposte dalla tecnologia Atlantic per rinnovare l’aria si chiama Optimocosy HR e si basa sulla VMC termodinamica,  sistema di rinnovo dell’ aria viziata e recupero del calore che funziona esclusivamente con aria nuova, il che significa che gli inquinanti interni vengono estratti di continuo. La ventilazione doppio flusso ad alto rendimento messa a punto per le abitazioni individuali permette di immettere aria nuova nei locali giorno (camere, studi, soggiorni) e di estrarre l’aria viziata dai locali umidi (cucine, bagni, lavanderie). 

L’aria nuova esterna viene filtrata e preriscaldata attraverso uno scambiatore di calore ad alta efficienza. Questo scambiatore recupera energia dall’aria estratta senza mischiarla con l’aria nuova. VMC Optimocosy HR di Atlantic offre un’ elevatissima efficacia termica (91%) abbinata a motori a basso consumo, un sistema di by-pass totale sull’aria nuova per un raffrescamento naturale ottimizzato in estate. Il sistema di ventilazione offre oltretutto un eccellente comfort acustico, migliorato raggiungendo livelli di rumore molto bassi.

Il monitoraggio costante della qualità dell'aria  è realizzato tramite il sensore dedicato ai livelli di CO2 che regola conseguentemente il flusso d’aria a seconda delle condizioni rilevate.  VMC Optimocosy HR  fornisce  un'eccellente qualità dell'aria, mantenendo il massimo comfort, garantendo la salute ed il benessere degli occupanti e proteggendo  l’edificio dai danni derivanti da umidità (muffe, funghi, etc.)

La facilità di utilizzo va di pari passo all’elevato livello di interattività: Optimocosy HR  è agevolmente controllato tramite un telecomando dall’utilizzo facile ed intuitivo, inoltre può essere comandato anche da remoto tramite l'applicazione Atlantic Cozytouch. L’interfaccia wireless multifunzione permette di tenere sotto controllo tutte le informazioni: temperatura in tempo reale, velocità della ventola, modelli di consumo attuali e il risparmio energetico storicizzato, mentre la programmazione copre tutte le esigenze: utilizzo quotidiano, durante le assenze o di notte.

 

Atlantic ha  implementato una strategia social per essere ancora più vicina sia all’installatore che all’utente finale. Entrambi potranno trovare la soluzione applicativa più adatta alle proprie esigenze .

 

ATLANTIC ITALIA

YGNIS ITALIA

Via Lombardia 56

21040 CASTRONNO (VA)

Tél. (00 39) 0332 895240

Fax. (00 39) 0332 893063

http://www.ygnis.it 

http://www.atlantic-comfort.it 

Twitter: @AtlanticItalia - Facebook: Atlanticitalia - Instagram: atlanticitalia

Twitter: @ygnisitaly - Facebook: Ygnisitalia l’evoluzione del sapere - Instagram: ygnisitalia

 

Ufficio Stampa  Studio Binaschi
Ripa di Porta Ticinese, 3920143 - Milano  
Telefono: +39 02 366 99 126
Mail:
p.binaschi@studiobinaschi.it
www.studiobinaschi.it

 

 

Altantic Optimocosy

 

]]>
A Rimini Fiera la XX edizione di ECOMONDO E KEY ENERGY Sun, 06 Nov 2016 18:26:38 +0100 http://comunicati.net/comunicati/aziende/ecologia/411005.html http://comunicati.net/comunicati/aziende/ecologia/411005.html Miss Italia 71a edizione Miss Italia 71a edizione Dall’8 all’11 novembre il polo fieristico riminese riapre i battenti

 

Torna a Rimini Fiera la manifestazione ECOMONDO E KEY ENERGY che l’8 novembre taglierà il nastro della sua ventesima edizione per protrarre la sua piattaforma espositiva fino al giorno 11.   Interverranno, nella giornata inaugurale, gli Stati Generali della Green Economy con il Ministro dell’Ambiente Gian Luca Galletti.

La kermesse espositiva organizzata da International Exhibition Group alla Fiera di Rimini, sarà tutta orientata alla circular economy.

Sarà una grande piattaforma con due direttrici principali e un unico obiettivo: guidare le aziende italiane verso la rivoluzione “green”, sviluppando la propria offerta espositiva all’insegna di due capisaldi: climate change ed economia circolare.

Arricchiranno e completeranno ECOMONDO e KEY ENERGY: KEY WIND l’evento italiano di riferimento per le aziende del settore eolico; H2R Mobility for Sustainability coi grandi marchi automobilistici e i loro modelli all´avanguardia: macchine alimentate a metano, GPL, elettriche o ibride; CONDOMINIO ECO, con le soluzioni tecnologiche per gli immobili residenziali.

In questa edizione spiccheranno le nuove sezioni Material Handling, Lifting Solutions & Logistics e Monitoring & Control ed un percorso di esperienze diffuse sull’economia circolare; inoltre, focus sull’efficienza energetica in termini industriali con White Evolution e soluzioni applicative urbane all’interno dell’area Città Sostenibile, che diverrà una sorta di hub dove saranno tangibili i percorsi avviati sotto i vari profili dell’efficienza, da quella energetica a quella in edilizia.

Saranno oltre 1.200 le aziende protagoniste della green economy presenti, ed oltre 100mila operatori italiani ed esteri dell’economia circolare interessati alla conoscenza di prodotti e tecnologie utili allo sviluppo sostenibile.

Anche nella seconda giornata saranno presenti gli Stati Generali della Green Economy, organizzati dal Consiglio Nazionale della Green Economy, composto da 64 associazioni di imprese green, in collaborazione con il Ministero dell’Ambiente e il Ministero dello Sviluppo Economico e con il supporto tecnico della Fondazione per lo Sviluppo Sostenibile presieduta da Edo Ronchi.

Le grandi potenzialità della green economy italiana e la sua bassa percezione internazionale sono i temi posti al centro di questa 5° edizione che si aprirà con la Relazione sullo stato della green economy in Italia alla presenza del ministro dell’Ambiente Gian Luca Galletti.

Una mostra, la prima in Europa, allestita nella hall all’ingresso sud, sotto la grande cupola, racconterà vent’anni di fiera e vent’anni di sostenibilità e mostrerà l’evoluzione del sistema green. “ExNovoMaterials in the Circular economy” rappresenterà la svolta in corso, quella che sta cambiando il modo di utilizzare la materia nel mondo industriale. Si vedranno materiali che fino a ieri erano soltanto rifiuti assumere nuove caratteristiche.

La qualificata offerta convegnistica, da sempre uno degli snodi caratterizzanti l’evento riminese, punterà la prua verso una decisa promozione culturale delle materie seconde e dell’economia circolare. I Comitati Tecnico Scientifici saranno sempre guidati dal prof. Fabio Fava (ECOMONDO) e dall’ing. Gianni Silvestrini (KEY ENERGY).

Tra le imprese presenti alle manifestazioni anche 28 Campane, in rappresentanza di tutte le nostre cinque provincie: da Napoli la Geos Environment SRL, la Appaltitalia, la Cartflow Srl, la I.V.P.C. Service Srl, la Il Pianeta Terra, la Inneco Srl, la Presse Bull, la Tecnoenvironment S.C.A.R.L., Dalla provincia di Napoli: La Encon Srl di Sant’Antimo, la Greenbatt Srl di Pozzuoli, la Nica Srl di Marigliano e la Salplast Srl di Casoria.

Interverranno per la provincia di Caserta: la Enviromental Technologies Spin Off Sun di Caserta, la Garby Srl di S. Marco Evangelista, la I.D.ECO Srl di San Nicola la Strada, la Neo Box Srl di Carinaro, la Progest Spa di Gricignano d'Aversa e la World Metal Srl di Teverola. Per la provincia di Benevento saranno presenti: la Consorzio Campale Stabile di Apice, la ID&EA Srl di Telese Terme e da Ampollosa la Tecno Bios Srl e la Tecno Ambiente Srl. Ci sarà anche la provincia di Salerno con: la Ode Wind Power Srl da Salerno, la Cave Service Srl di Nocera Inferiore, la Gruppo Savi di Bellizzi e la Jcoplastic Spa di Battipaglia. Infine la provincia di Avellino con: la Monsud Spa da Avellino e la Vitiello Spa da Ariano Irpino.

Giuseppe De Girolamo

 

 

 

]]>
Capitali dell’acqua potabile in Emilia Romagna Fri, 04 Nov 2016 16:35:50 +0100 http://comunicati.net/comunicati/aziende/ecologia/410896.html http://comunicati.net/comunicati/aziende/ecologia/410896.html ictadmin ictadmin Risultati eccellenti per l’acqua in Emilia Romagna, tutti gli indicatori e i riferimenti sono positivi raccontando lo stato della gestione idrica nell’area emiliana, sempre più efficiente e sostenibile.

I numeri parlano chiaro e non sono lasciati a interpretazione, il report annuale della società dell’acqua dimostra che quella di rubinetto è buona da bere e sicura, nel 2015 dopo 736.442 analisi di qualità, il 99,9% di queste hanno indicato il pieno rispetto dei parametri di legge.

Nello specifico le analisi hanno riguardato antiparassitari, e aspetti non normati, come contaminanti emergenti e fibre di amianto, in tutti questi casi i risultati sono stati eccellenti confermando, ammesso ci fosse bisogno, che la qualità e la sicurezza dell’acqua di rubinetto sono ai massimi livelli.

Al secondo posto in italia per volumi erogati di acqua, 300 milioni di metri cubi l’anno, la società dell’acqua dell’ Emilia Romagna serve 3,6 milioni di abitanti e 239 comuni anche in marche e triveneto alcuni. Nella sola Bologna, le 120.000 analisi nel solo 2015 mostrano la qualità dei piani e della gestione di questa risorsa oltra all’attenzione alla sicurezza degli utenti.

Punto di riferimento per una valutazione può essere il territorio di bologna uno dei più grandi gestiti con 669 fonti di prelievo e 9209 km di rete acquedottistica sulla quale transitano 102 milioni di metri cubi di acqua, e proprio come anticipato prima conforme ai parametri di sicurezza e qualità nel 99% dei casi, il tutto in virtù dei 200 impianti di potabilizzazione messi in campo.

Proprio a Bologna si svolgerà H2O mostra internazionale dell’acqua, che avrà sede sotto le Due Torri, i cittadini bolognesi potranno guardare con soddisfazione all’acqua dei propri rubinetti.

Agire locale, pensare globale: l’acqua e le buone pratiche, nell’interesse dell’ambiente.

Tuttavia, non bisogna mai abbassare la guardia, infatti, pur essendo costante il lavoro delle multi utility dedicate alla gestione delle reti idriche, basta pochissimo per veder nascere problematiche legate a batteri, come nel caso scoppiato recentemente a Parma, connesso alla legionella.

Pur essendo Parma alla pari con Bologna, una delle migliori città per la qualità di depurazione certificata dell’acqua in Emilia Romagna, ci sono imprevisti che possono accadere e, per quanto gestiti tempestivamente, ricordano alle amministrazioni la necessità costante di lavorare per la qualità dell’acqua, uno dei fattori fondamentali per la vita e la salute dei cittadini.

In conclusione diciamo si a bere l’acqua del rubinetto, magari con l'ausilio depuratori d'acqua Parma, magari ad osmosi inversa, per renderla più leggera.

Ricordiamo che è importante compiere manutenzioni periodiche agli impianti e che, pur dotandosi di un depuratore domestico, non ci si può proteggere da batteri o parassiti, non vanno confusi depuratori d’acqua e potabilizzatori, infine non dimentichiamo i benefici economici: scegliere l’acqua di rubinetto al posto della minerale in bottiglia consente a una famiglia di tre persone di risparmiare fino a 270 euro l’anno.

]]>
Caldobenessere, il nuovo sistema di riscaldamento Ecogreen per risparmiare Sat, 22 Oct 2016 23:46:25 +0200 http://comunicati.net/comunicati/aziende/ecologia/409518.html http://comunicati.net/comunicati/aziende/ecologia/409518.html Oltremateria Oltremateria infrarossi, efficiente, economico e soprattutto caldo come il sole!

Caldobenessere rappresenta una nuova tecnologia di riscaldamento che
utilizza lo stesso principio dei raggi solari, nella sola gamma FIR (Far
InfraredRays) compresa tra i 6-14 micron, che si allinea perfettamente
con gli spettri di assorbimento della nostra pelle.

Non solo calore, ma sopratutto risparmio e benessere infatti
Caldobenessere permette di avere una casa sempre calda e piu sana,
grazie sistema alla FIR si riduce sia lo sviluppo e che la crescita di
batteri

Ottimo per famiglie che hanno bambini piccoli, persona anziane o
semplicemente per famiglei che vogliono risparmiare sulla bolletta
energetica e vivere in un ambiente piu sano ed ecologico.

Facile da installare ed invisibile, infatti Il sistema CALDOBENESSERE,
grazie all’assoluta avanguardia nelle nanotecnologie, applicato alle
innovative superfici continue OLTREMATERIA® permette di ristrutturare
una vecchia superficie oppure realizzarne una nuova nel solo spessore di
24 mm.

Caldobenessere è interamente stato progettato e realizzato in italia,
inoltre ha ottenuto il favore positivo dai maggiori Enti di
certificazione e risparmio energetico.

per maggiori informazioni e richiesta di cataloghi
http://www.oltremateria.it

]]>
Reinforcement work and slope stabilization with Sinorock anchor bolts Sat, 22 Oct 2016 06:27:17 +0200 http://comunicati.net/comunicati/aziende/ecologia/409490.html http://comunicati.net/comunicati/aziende/ecologia/409490.html sinorockzqq sinorockzqq Reinforcement work and slope stabilization are the foundamental parts in the rock construction and has been extensively implemented in the mining,tunneling,hydroelectric project,water energy,retaining wall and other large rocking engineerings.

Effective support technology is a critical issue in tunnel construction. It is very necessary to popularize and apply an anchor system with simple operation and high anchoring quality. Anchor bolt has the functions of drilling, grouting and anchoring. It’s a kind of advanced anchor system, which can solve hole collapse problem when drilling and ensure the grouting effect under the complicated geological conditions. Anchor bolt can be arbitrarily cut, jointed, pre-stressed and release load, which has a great application value.

To ensure the traffic capacity smooth, the contractors should reinforce and advance support the tunnel when digging it. Self drilling anchor system is a common system used in the tunneling industry. 

Since the production of self drilling anchor bolt, Sinorock has developed, produced and sold the anchoring products and we have passed the ISO9001 quality system certification.  

Sinorock self drilling anchor bolts are the perfect solution for the most challenging projects.Our unique approach to supply perectly matched connectors and related accessories has made Sinorock rock bolt Systems the preferred partner in the world of advanced engineering.

Sinorock provides a variety of specialty self drilling anchor bolts, fittings and mill  products customized to your exact specifications and requirements.Sinorock takes pride in  the quality of our products.

 

 

]]>
GlobalPower Energia Verde, Triplo riconoscimento per San Pietro di Morubio Sat, 15 Oct 2016 17:02:53 +0200 http://comunicati.net/comunicati/aziende/ecologia/408627.html http://comunicati.net/comunicati/aziende/ecologia/408627.html DailyFocus DailyFocus San Pietro di Morubio riceve il primo attestato sulle energie rinnovabili è il «100 per cento Energia verde», con verifica di Global Power Spa. Il Comune utilizza infatti energia verde, certificato ai sensi della delibera dell’Autorità per l’Energia elettrica e il gas. Insomma, l’uso di energia per illuminare il paese e gli edifici pubblici proviene tutta fonti rinnovabili. Un traguardo importante che è stato raggiunto aderendo, nel 2013, al consorzio CEV, diretto da Gaetano Zoccatelli, ente impegnato ad acquistare e a fornire energia elettrica solo da fonti rinnovabili.

Gaetano Zoccatelli Global Power energia_verde

Triplo riconoscimento per il Comune di San Pietro di Morubio che ha appena ottenuto la certificazione di Comune virtuoso per l’uso di energie rinnovabili, il primo premio nella categoria dei capoluoghi fino a 10 mila abitanti come Comune riciclone secondo la classifica di Legambiente e una targa a Roma, a Villa Borghese, consegnata al presidente Esa-Com, Maurizio Dusi. Esa-com è la ditta che gestisce la raccolta rifiuti in paese ed è stata premiata quale «esempio di ordinaria e buona gestione, per la qualità del servizio e l’eccellenza dei risultati raggiunti da comuni gestiti».

Il primo attestato sulle energie rinnovabili è il «100 per cento Energia verde», con verifica di Global Power Spa, e firma del suo presidente, Nicola Gasparoni, dove sta scritto che San Pietro di Morubio utilizza energia verde, certificato ai sensi della delibera dell’Autorità per l’Energia elettrica e il gas. Insomma, l’uso di energia per illuminare il paese e gli edifici pubblici proviene tutta fonti rinnovabili. Un traguardo importante che è stato raggiunto aderendo, nel 2013, al consorzio CEV, ente impegnato ad acquistare e a fornire energia elettrica solo da fonti rinnovabili. Attività, questa, fondamentale, secondo la Commissione Europea, per il raggiungimento dell’obiettivo «20-20-20», ovvero, entro il 2020, ridurre le emissioni di gas serra del 20%, alzare al 20% la quota di energia prodotta da fonti rinnovabili e portare al 20% il risparmio energetico.

Con l’attestato, anche la tabella che riassume i dati dei consumi di San Pietro dal 2013 a metà 2016, dai quali risulta un rifornimento totale di 1.973.612 kwh avvenuto al 100 per 100 da energie rinnovabili.
Il tutto ha permesso un risparmio di 924 tonnellate di CO2 immesse in atmosfera, ovvero oltre 300 all’anno. Targa e diploma sono affissi in municipio. RO.MA.

FONTEL’Arena

]]>
comunicato stampa - Scuola del festival del verde e del paesaggio Fri, 23 Sep 2016 16:36:11 +0200 http://comunicati.net/comunicati/aziende/ecologia/406291.html http://comunicati.net/comunicati/aziende/ecologia/406291.html La Scuola del Festival del Verde e del Paesaggio La Scuola del Festival del Verde e del Paesaggio

La Scuola del Festival del Verde e del Paesaggio

presenta il

Programma Didattico

Ottobre 2016/Febbraio 2017

 

La professionalità, la passione e il divertimento si mescolano nelle lezioni della Scuola del Festival del Verde e del Paesaggiospin-offdell'evento dedicato a tutti gli appassionati di giardinaggio, design e architettura. Dopo il successo del Festival – 21mila visitatori, all'Auditorium Parco della Musica di Roma – la Scuola lancia la sua nuova edizione di corsiworkshop, oltre che incontri gratuiti che, a partire da ottobre 2016, vedranno i più rinomati professionisti del settore darsi appuntamento in una location esclusiva. Si tratta di un giardino “segreto” – in uno dei quartieri più fascinosi di Roma, il Rione Trastevere – che si apre ai piedi dell'incantevole Villa storica d'Alibert, tesoro dell'architettura romana del Settecento, a pochi passi dalla Passeggiata del Gianicolo.

 

I Corsi

 

A carattere pratico oltre che teorico, le Lezioni della Scuola forniscono una formazione completa agli appassionati di verde, grazie agli insegnamenti di un corpo docenti estremamente qualificato, composto da professori universitari, giardinieri professionisti, architetti del paesaggio e garden designer di formazione internazionale.

Grazie ai Corsi in programma, i partecipanti potranno strutturare delle solide conoscenze in tema di GiardinaggioGarden design, ma anche di Coltivazione orticola, nonché di Composizione floristicaIllustrazione botanica e Progettazione di terrazzi e balconi, passando per la creazione di Bonsai, affascinanti Giardini verticali tanto altro

Nel corso dell'anno, inoltre, sono previste escursioni didattiche, visite guidate a giardini, vivai e siti d'interesse paesaggistico, ma anche presentazioni di progetti, pubblicazioni editoriali e conferenze gratuite a cui parteciperanno le più note personalità del panorama architettonico e paesaggistico italiano e internazionale.

 

 

- QUI IL LINK PER SCARICARE IL PROGRAMMA COMPLETO DELLE LEZIONI -

 

 

La Scuola e la Cultura del Paesaggio

 

 

Nata da un progetto di Gaia Flavia Zadra – che dal 2010 idea e realizza assieme al suo staff il Festival del Verde e del Paesaggio – la Scuola ha l'obiettivo di diffondere una sempre più strutturata consapevolezza del verde inteso come bene fondamentale per la collettività. A fianco dell'offerta didattica, infatti, la Scuola lancia un piano di workshop e incontri gratuiti con vivaisti qualificati, provenienti da tutta Italia, che forniranno ai partecipanti tutte le competenze necessarie per prendersi cura di varie specie botaniche, diffonderle, come incentivo verso una biodiversità sempre più ricca. Grazie a un'impostazione professionale e concreta delle lezioni - in un'offerta didattica variegata e rinnovata di anno in anno – la Scuola si attesta come realtà qualificata e autorevole in un settore, quello della progettazione del Paesaggio, che beneficia di nuove potenzialità e di un crescente interesse a livello sociale, politico, ma soprattutto culturale. 



Con Smart 3 Giga a 9 euro/4 sett navighi veloce, chiami e invii SMS dal tuo smartphone verso tutti i fissi e mobili in Italia. Passa a Tiscali Mobile! http://casa.tiscali.it/mobile/

]]>
La bici elettrica fa bene alle amministrazioni locali Mon, 19 Sep 2016 17:36:38 +0200 http://comunicati.net/comunicati/aziende/ecologia/405703.html http://comunicati.net/comunicati/aziende/ecologia/405703.html WalterW WalterW Le amministrazioni locali stanno dimostrando una sensibilità crescente nei confronti del tema mobilità; aumentano gli investimenti in mezzi comunali ecologici e, soprattutto nei centri più densamente popolati, si ricercano soluzioni in grado di convertire le città in smart cities a misura di cittadino.

La bici elettrica guida la rivoluzione

Prodotto di punta del comparto mobilità sostenibile è senza dubbio la bici elettrica, mezzo che, superato lo scetticismo iniziale, ha attestato i propri volumi di vendita si cifre sempre più considerevoli e destinati a salire ulteriormente.

Il progetto di configurare città intelligenti e sostenibili è orientato a una serie di obiettivi rivolti alla cittadinanza, certo, m che apportano significativi vantaggi anche per le stesse amministrazioni, espressi soprattutto in termini di costi pubblici.

Abbattimento delle spese per la salute

L’Organizzazione Mondiale per la Sanità ha stimato che, grazie all’introduzione della bicicletta elettrica e alla sua espansione sui mercati, la sanità pubblica ha risparmiato circa 110 miliardi di dollari. Un risparmio che si è concretizzato grazie all’abbattimento dei casi di patologie cardiocircolatorie, obesità e diabete. A ciò va sommato il risparmio derivante dalla diminuzione di sinistri con feriti, dato che la e-bike rappresenta un mezzo più sicuro e che genera rischi molto meno rilevanti per l’incolumità di chi circola per le strade cittadine.

Indotto economico e città più sane

La conversione in chiave green è potenzialmente in grado di stravolgere, in meglio, il profilo urbano delle città, soprattutto quelle più trafficate. La mobilità sostenibile mira alla creazione di circuiti stradali più liberi, vivibili e sicuri, con una ricaduta positiva in termini di soddisfazione del cittadino e di benessere percepito. A sua volta, una città più pulita è anche più attrattiva, incentiva il turismo con tutte le ricadute positive che ne conseguono. Il tutto, senza trascurare l’indotto che scaturisce dalla crescita di un comparto che alimenta gli affari di piccole e medie imprese, vero motore pulsante dell’economia nostrana. Un processo che, insomma, può rivelarsi come punto di partenza verso un futuro migliore per tutti, amministrazioni incluse.

]]>
what defended the Fiber PLC Splitter together Mon, 19 Sep 2016 10:27:26 +0200 http://comunicati.net/comunicati/aziende/ecologia/405647.html http://comunicati.net/comunicati/aziende/ecologia/405647.html ftth box ftth box  

Automatic connector, as the name implies, use a automatic adjustment to acclimatize a torn cilia with the pre-polished butt and again use a cam, wedge, or coil apparatus to defended the Fiber PLC Splitter together. In essence, it is a adapter end-face and a automatic complect in one amalgamation and aural a few millimeters ambit of one another. At the aloft time, however, advances in admixture splice-on adapter technology accept yielded bulk reductions and ability improvements that put the two accession options on aggressive footing.

The abode of a adequate field-installable adapter for a FTTH carrier is adequately obvious. For one thing, abounding FTTH applications absorb the deployment of cilia administration hubs with an accompanying abounding bulk of connectors. So, if annihilation else, a field-installable advantage is all-important just to aftereffect repairs. Beyond that, however, the implications for the FTTH bead accession are considerable.

Field-installable connectors do not crave the inventory, terminals, baggy storage, up-front engineering, and up-front investment of a preterminated bead solution. Additionally, they do not crave chump apriorism accessories with complect trays and complect assemblies like a accustomed fusion-spliced bead solution.

Those are important attributes as the FTTH industry looks against abate chump apriorism accessories to abutment the calm installations which are appropriate of multi-dwelling units. Likewise, those aloft attributes may advice to abode the bulk apropos associated with bead installations in rural deployments.

Both automatic and admixture splice-on connectors accomplish use of a pre-polished cilia butt in the adapter ferrule.Without a doubt, automatic connectors accept improved. New basis analogous gels and bigger alignment mechanisms accept fabricated automatic connectors applicable in areas breadth they would accept ahead never been considered.

If you want to know more details, view http://www.greentelftth.com/

]]>
Le qualità del servizio offerto da Impresa Sangalli Giancarlo & C. S.r.l., leader del settore ambientale Tue, 16 Aug 2016 17:43:00 +0200 http://comunicati.net/comunicati/aziende/ecologia/402412.html http://comunicati.net/comunicati/aziende/ecologia/402412.html articolinews articolinews Impresa Sangalli Giancarlo & C. S.r.l. si è affermata nel corso dei suoi oltre cinquanta anni di attività raggiungendo la leadership del settore dell'igiene pubblica e dei servizi ambientali, grazie a qualità come dedizione e avanguardia.

Impresa Sangalli - Servizi ambientali

Impresa Sangalli Giancarlo & C. S.r.l.: i servizi

Le differenti aree di competenza in cui eccelle l'Impresa Sangalli Giancarlo & C. S.r.l. riguardano attività inerenti al settore ecologico e all'igiene ambientale. Si occupa non solo di rifiuti - di cui gestisce raccolta, trasporto e smaltimento, sia che si tratti di rifiuti solidi che liquidi sia ordinari che speciali o pericolosi - ma anche di trattare spurghi di natura sia civile che industriale, in contesti abitativi e condominiali, ma anche aziendali. La cura ambientale operata dalla società si identifica principalmente nelle attività di bonifica (terreni, corsi d'acqua inquinati) e nel recupero di depositi non a norma e di zone industriali dismesse. Per ciò che riguarda l'igiene pubblica, invece, l'impresa interviene direttamente sul territorio, di cui tende a rispettare caratteristiche peculiari (conformazione geografica, natura, urbanizzazione e densità di popolazione) gestendo nella sua totalità tutto ciò che riguarda i rifiuti pubblici, ovvero la raccolta degli stessi, anche quella differenziata, ed il loro trasporto, nonché lo spazzamento di aree urbane e di strade, sia manuale che meccanizzato. Ognuna delle operazioni svolte da Impresa Sangalli Giancarlo & C. S.r.l. viene svolta da un personale tecnico altamente professionale e specializzato, che perseguono il grande obiettivo di soddisfare ogni singola esigenza del cliente, trovando per quest'ultimo la migliore soluzione.

La società Impresa Sangalli Giancarlo & C. S.r.l.

Attiva da oltre cinquant'anni nel settore dell'igiene urbana e dei servizi ambientali, Impresa Sangalli Giancarlo & C. S.r.l. opera sull'intero territorio nazionale, attraverso la presenza di filiali in cinque regioni italiane: oltre alla Lombardia, in cui ha sede il quartier generale (più precisamente nella città di Monza) opera in Friuli-Venezia Giulia, Lazio, Marche e Puglia. La particolarità che contraddistingue la società risiede nel costante aggiornamento delle proprie risorse, sempre all'avanguardia rispetto al resto dell'offerta sul mercato, svolgendo con impegno riconsociuto gli incarichi pubblici e privati di cui riceve responsabilità. Sono due le coordinate sulle quali l'operato della società si è sviluppato nel corso degli anni, ovvero la salvaguardia ambientale e l'osservazione degli standard di qualità stabiliti dagli organi di regolamentazione. L'insieme di tali caratteristiche, unite all'impegno costante nel proprio operato, hanno condotto Impresa Sangalli Giancarlo & C. S.r.l. a figurare nella leadership del proprio settore di competenza, certificata da importanti riconoscimenti del sistema di qualità aziendale.

]]>
EPM Servizi, società leader nel settore del Facility Management guidata da Luigi Esposito Tue, 16 Aug 2016 16:41:01 +0200 http://comunicati.net/comunicati/aziende/ecologia/402398.html http://comunicati.net/comunicati/aziende/ecologia/402398.html articolinews articolinews Dopo aver iniziato la propria carriera professionale in qualità di tecnico di laboratorio, nel 1986 Luigi Esposito rileva EPM Servizi portandola ai vertici del settore del Facility Management. Oggi l'impresa si sta differenziando grazie ad importanti investimenti nel business delle energie rinnovabili, in particolare nel comparto idroelettrico.

Luigi Esposito, Amministratore Delegato di EPM Servizi

Da tecnico di laboratorio al successo di EPM Servizi: la carriera di Luigi Esposito

Luigi Esposito, originario di Napoli, frequenta l'Istituto Leonardo da Vinci diplomandosi come Perito Chimico. Il suo iter professionale ha inizio nel 1982 presso l'Ospedale San Gennaro di Napoli dove collabora in qualità di Tecnico di Laboratorio specializzato nelle analisi chimiche. Il suo percorso continua ricoprendo la medesima posizione nello Studio Landi mentre, poco tempo dopo, decide di iniziare la carriera come libero professionista collaborando con uno studio privato del capoluogo partenopeo. Nel 1986 Luigi Esposito compie la scelta più significativa della propria carriera decidendo di rilevare EPM Servizi, azienda nata da soli tre mesi. In qualità di Amministratore Unico si occupa di diverse mansioni: pianifica gli interventi in materia di energie rinnovabili, tiene i rapporti con i clienti, gestisce e organizza il reparto delle Human Resources, sviluppa le tecniche di miglioramento del Project Management e cura le trattative con i sindacati. Nel 2009 ottiene la nomina di Vice Presidente del C.S.I. (Consorzio Servizi Integrati) di Milano, svolgendo incarichi che lo vedono impegnato nel relazionarsi con i clienti e con le aziende affiliate. Nel corso dello stesso anno inizia ad interessarsi alla causa socio-solidale della sua città originaria, diventando consigliere dell'Associazione no-profit "Napoli che verrà". A fronte delle attività svolte nel corso degli anni, nel giugno del 2014 gli viene conferita l'onorificenza di Cavaliere e Commendatore dell'Ordine Equestre Pontificio di San Gregorio Magno.

Core Business e attività di EPM Servizi, società guidata da Luigi Esposito

Dal momento dell'acquisizione, avvenuta nel 1986, Luigi Esposito trasforma EPM Servizi in una realtà multiservice. Il macro settore nel quale opera principalmente è quello del Facility Management e le aree di business possono essere suddivise in due categorie: Servizi Ambientali e Servizi Energetici. All'interno della divisione Servizi Ambientali troviamo le attività di pulizie industriali, reception, portierato, facchinaggio, igiene urbana e giardinaggio. I Servizi Energetici vanno dalla produzione di energia elettrica alla fornitura di servizi integrati. Negli ultimi anni l'azienda sta sviluppando una differenziazione del business grazie all'ingresso nel settore delle energie rinnovabili, con focus incentrato sull'idroelettrico, e nel campo dell'efficientamento energetico. Luigi Esposito ha sempre ritenuto di primaria importanza l'instaurazione di partnership solide e durature nel tempo che hanno portato EPM Servizi a raggiungere una posizione di leadership in Italia, senza mai tralasciare valori considerati di fondamentale importanza: forza di volontà, umiltà e una continua ricerca di qualità e innovazione. L'avanzamento tecnologico dei dispositivi utilizzati ha contribuito a rendere EPM Servizi leader nel trattamento di sale operatorie e ambienti adibiti a cure specialistiche.

]]>
LE PLANTBOTTLE ANCOR PIÙ ECOSOSTENIBILI! Mon, 01 Aug 2016 18:07:09 +0200 http://comunicati.net/comunicati/aziende/ecologia/401033.html http://comunicati.net/comunicati/aziende/ecologia/401033.html Comunicatori su Misura Comunicatori su Misura Le origini della PlantBottle si possono far risalire al 1978 quando The Coca-Cola Company presentò per la prima volta al mondo bevande gasate in bottiglie di plastica PET. Con questo acronimo ci si riferisce alle bottiglie in plastica alimentare, che fino ad ora si costituivano nel loro 70% di acido tereftalico (TPS) e nel loro restante 30% di monoetilenglicole (MEG). Inizialmente il MEG veniva ricavato dal petrolio e da fonti fossili, mentre oggi è creato a partire da fonti rinnovabili come la canna da zucchero e i rifiuti compostabili, quali i fondi di caffè (leggi anche: Yes, we can: il caffè e le sue risorse ecologiche). È stato così combinato materiale di origine vegetale con plastica riciclabile per migliorare ancora più le qualità ecologiche delle confezioni delle PlantBottle.

Il passaggio da fonti fossili a fonti vegetali significa ridurre sensibilmente non solo le emissioni di anidride carbonica in fase di produzione rispetto alle normali fabbricazioni di PET, ma anche abbassare l’impatto di consumo dei combustibili fossili in fase di estrazione. Inoltre, le PlantBottle possono essere riutilizzate più volte in quanto riciclabili al 100%. La fase di recupero si semplifica, poiché il nuovo MEG è riciclabile negli impianti già esistenti, senza contaminare o essere contaminato dal PET tradizionale, riducendo così i costi di smaltimento e produzione.

Le PlantBottle si sono dunque innovate, diventando più ecologiche, anche se dal punto di vista visivo le differenze non si notano. Non vi sono modificazioni visibili né nello spessore, né nella qualità del materiale e anche la trasparenza è rimasta invariata. La differenza che conta, però, è quella sostanziale, e questa sarà resa evidente attraverso il nuovo simbolo, indice di un prodotto ecosostenibile e più sensibile alle esigenze del nostro pianeta.

Premiate con l’Edison Awards in quanto miglior nuovo prodotto dell’anno, le PlantBottle hanno ottenuto la meritata visibilità anche agli occhi dei principali colossi della produzione alimentare: la Coca Cola, che le usa ormai da anni, entro il 2020 provvederà a sostituire tutta la produzione di bottiglie con quelle nuove; in Italia è la Lilia ad aver iniziato a seguire il nuovo trend ecologico. L’innovazione non si ferma però solo ai produttori di bevande, ma anche altri produttori mondiali vogliono applicare il metodo green ai loro prodotti, come la Heinz, che ha distribuito 200 milioni di contenitori vegetali di ketchup, o come la Ford, che ha iniziato a pensare sedute in plastica vegetale per le sue autovetture.

I progressi finora realizzati, seppur di ottimo livello, non possono che essere precursori di nuove ricerche e nuove innovazioni. L’obiettivo a lungo termine dei produttori di PlantBottle, infatti, è quello di lanciare sul mercato una bottiglia di plastica che sia ricavata al 100% da rifiuti vegetali e che si possa anche riciclare, trasformando i rifiuti in una risorsa di valore.

]]>
DINAMICA® by Miko: NUOVI PROGETTI CON VOLKSWAGEN FANNO IMPENNARE LE VENDITE Tue, 26 Jul 2016 10:40:01 +0200 http://comunicati.net/comunicati/aziende/ecologia/400374.html http://comunicati.net/comunicati/aziende/ecologia/400374.html Punktone Punktone 990 chilometri della raffinata microfibra per rivestire le auto più prestigiose

Perfettamente in linea con i risultati più che soddisfacenti delle statistiche di vendita registrati nel settore automotive, Miko chiude il bilancio del primo semestre 2016 con una variazione del 22,8% del fatturato rispetto allo scorso anno. L'azienda ha venduto un totale di 987.500m di tessuto Dinamica®, raffinatissima microfibra ecologica made-in-Italy, contro gli 808.500m registrati a giugno 2015. Quasi 990 chilometri di microfibra che andranno a rivestire gli interni delle auto più prestigiose del mercato mondiale.

In particolare, oltre a rafforzare l'ottima partnership con Mercedes-Benz, per la quale firma numerosi nuovi modelli, Miko ha sviluppato da quest'anno una serie di nuovi progetti con VOLKSWAGEN grazie ai quali Dinamica® sarà presente in tutti i segmenti A (dalla Golf, alla Polo, passando per Tiguan e Touran) e non solo a bordo della R-Line. In virtù di questa rinnovata collaborazione, i numeri di vendita registrati con la casa di Wolfsburg sono quasi quadruplicati nell'ultimo anno (il totale è comprensivo di US, EU, e China).

Oltre a VW e Mercedes-Benz, Dinamica® è un complemento scelto da Ford, General Motors, Volvo, Land Rover, Mini e Citroen per la DS, realtà che condividono la stessa coscienza ecologica di Miko e il medesimo approccio green, punto focale del successo di Dinamica®. Infatti, nonostante per Miko le vendite abbiano segnato un aumento importante in tutti i settori di applicazione (nel fashion è stata avviata una collaborazione con marchi molto sensibili a scelte vegan come la celebre Stella McCartney), l'automotive si conferma il settore trainante.

«Grazie a continuativi investimenti in tecnologia, ricerca e sostenibilità, abbiamo registrato un trend più che positivo per l'azienda. - dichiara Lorenzo Terraneo, amministratore delegato di Miko Srl - Dal 2012, anno in cui si inizia a registrare la crescita dell'azienda con l'incremento auto, i numeri del fatturato continuano a salire e i dati che emergono per il 2016 sono positivi e in crescita, per cui ci aspettiamo di chiudere l'anno con performance ancora migliori rispetto al 2015. Le previsioni dei prossimi anni e le tendenze che osserviamo nei nostri settori mostrano che la microfibra è un prodotto in forte ascesa e tante volte viene preferito a prodotti di origine animale anche perché sta crescendo nei consumatori una diversa sensibilità in ciò che scelgono. Il fatto che produciamo un prodotto a basso impatto ambientale, monitorato nelle sua fasi di produzione e certificato dall’EPD System (Environmental Product Declaration), ci colloca in una fascia di leadership nella produzione di microfibre ecologiche».

]]>
Pubblicazione comunicato Treedom - Geico Tue, 12 Jul 2016 10:10:08 +0200 http://comunicati.net/comunicati/aziende/ecologia/398800.html http://comunicati.net/comunicati/aziende/ecologia/398800.html treedom treedom In allegato il comunicato stampa relativo alla notizia: 

Geico e Treedom: salvaguardia dell’ambiente e aiuto ai ragazzi a rischio criminalità

Grazie,
--
Niccolò Scelfo
Press office

www.treedom.net
phone. +39 055 0503228
mobile. +39 348 3534542 (IT)
Via della Piazzuola, 45 - 50133 Firenze (Italia)
]]>
Lionel Messi Handed Prison Term Over Image Rights Case Fri, 08 Jul 2016 06:12:38 +0200 http://comunicati.net/comunicati/aziende/ecologia/398449.html http://comunicati.net/comunicati/aziende/ecologia/398449.html davisyellow davisyellow Barcelona's Argentine soccer star Lionel Messi was sentenced on Wednesday to 21 months in prison and fined 2 million euros ($2.2 million) after being found guilty of three counts of tax fraud, although it is unlikely he will serve time. The Barcelona court handed the same sentence to the player's father, Jorge, with a 1.5 million euro fine. Both defendants have around five days to appeal to the supreme court, the Barcelona court said in its statement.

Spanish law is such that any sentence under two years for a non-violent crime rarely requires a defendant without previous convictions to serve jail time. A spokeswoman for the court confirmed Messi was unlikely to be imprisoned.

Messi, 29, and his father defrauded the Spanish tax office of almost 4.2 million euros between 2007 and 2009 by using a web of shell companies to evade taxes on income from the player's image rights, the court said in a written ruling.

The companies - with names such as Sport Consultants and Sport Enterprises - were based in tax havens such as Belize, Uruguay and Switzerland where legislation kept the identities of their owners secret, according to the ruling.

image: Getty

image:green bridesmaid dresses

Messi, five-times World Player of the Year, admitted during the trial to signing contracts protecting his image rights but said he had no knowledge he was partaking in any wrongdoing or defrauding the Spanish state. He said his father had control over his financial affairs, but the court said on Wednesday that this was not enough to avoid charges.

"(His) avoidable ignorance, which was derived from indifference, is not an error, and it does not remove responsibility," the presiding judge, Mercedes Armas Galve, wrote in the statement.

"The information that the accused avoided having was, in reality, within his reach via trustworthy and accessible sources."

Messi, who has held Spanish nationality since 2005, and his father had already paid 5 million euros to the tax authorities as a "corrective" measure after formal investigations were opened. The footballer is 10th on Forbes Magazine's list of the world's highest-earning athletes over the past decade, with an estimated income of $350 million during this period.

Barcelona football club, of which Messi is the leading goal scorer of all time in all competitions, said in a statement on its website following the ruling that it considers the player to be free of criminal liability.

"The Club ... considers that the player, who has corrected his position with the Spanish tax office, is in no way criminally responsible with regards to the facts underlined in this case," the club said.

Messi, who has won eight La Liga titles, four King's Cups and four Champions League crowns with Barcelona, said last month he was quitting international soccer after the Argentine national side, of which he was captain, lost on penalties to Chile in the Copa America tournament.

Also Read: queeniebridesmaid grey bridesmaid dresses

]]>
Why Do We Have to Start from the Bottom in FIFA 17? Wed, 06 Jul 2016 09:21:34 +0200 http://comunicati.net/comunicati/aziende/ecologia/398088.html http://comunicati.net/comunicati/aziende/ecologia/398088.html supodum supodum Every year EA provides a new FIFA game, and we just play one same game again and again. Sometime we think that we give FIFA so much effort for nothing, a whole year trying to get the best players for your team, so many hours spent setting up auctions and then you lose everything. This is probably what’s going on inside your head now…

 

But believe it or not, the truth is it just goes away as soon as you start a new FIFA and you go back to chasing that perfect team once again. You’ll see…

 

Why do we really have to start from the bottom and not be able to keep our cards and fifa coins?

 

It’s basically for three reasons:

 

Challenge

 

Playing the same game all over again may not be very stimulating. It’s true that you might already have a good team and all, but going back to square one can be much more interesting than it seems to be, especially when everyone is doing the same. This year you’ve probably made a few mistakes and now it’s time to take advantage of what you’ve learned. It’s an opportunity to do it the right way to reach perfection. You can buy several managers right at the start and this will help you save tons of fifa coins throughout the year, for example; you can buy that great player before his price starts to rise madly. Soon you’ll be conformed and will be telling yourself "I’m going to follow this awesome site’s tips and this time I will get Ronaldo". Every year, the FIFA community is accepting better this rule. Otherwise, in FIFA 20 every squad would have Messi and Ronaldo.

 

Money

 

Let’s not be hypocrites. As, players, there’s the motivation of building a whole new team and that’s quite enough, EA Sports’s only true reason to carry on would be the money. As soon as they "vanish" all those cards and fifa coins assuming FUT 17 is a completely new game, they’re about to get some ridiculously high profit. It’s not only about forcing players to go for the new packs. It’s a complete new world for the FUT gaming community, everything loses its value from a moment to another; all the old cards and fifa coins go to waste. Don’t think we’re talking small shares of the business. FIFA digital game sales’ annual growth rates have increased and EA Sports already makes more money selling FUT packs than the actual game.

 

Logistics Problems

 

If people would keep in FUT 17 everything they had back in FUT 16, there would be other problems concerning the game’s mechanics. It wouldn’t be the end of it, but that would certainly make the game more confusing and unfair. What’s the logic on having several different rated cards of the same player just because the season has ended? Is it fair to have your players underrated just because they’ve had a worse season? Where’s the fair play when you start the game having millions of fifa coins while others have nothing? This would make the game unsustainable for beginners since all prices would be ridiculously high. In a way, it’s really necessary that the coin flow is managed so we can have a fair, competitive and sustainable game. And this can only be done once we start a new game.

]]>
La gamma di attività dell’Impresa Sangalli Giancarlo & C. S.r.l. Tue, 05 Jul 2016 18:41:51 +0200 http://comunicati.net/comunicati/aziende/ecologia/398031.html http://comunicati.net/comunicati/aziende/ecologia/398031.html articolinews articolinews Leader nel settore dei servizi ambientali e di igiene pubblica, Impresa Sangalli Giancarlo & C. S.r.l. ha sviluppato nel corso dei suoi cinquant'anni di attività una fitta rete di commesse sul territorio nazionale, in cinque regioni italiane.


Impresa Sangalli - Servizi per l'ambiente

Biografia aziendale di Impresa Sangalli Giancarlo & C. S.r.l.

Con sede principale a Monza, Impresa Sangalli Giancarlo & C. S.r.l. è un'azienda specializzata nella fornitura di servizi ambientali e di igiene urbana, che in oltre cinquant'anni di attività ha ampliato non solo le proprie competenze, ma anche la qualità delle proprie prestazioni e servizi, ad oggi tra i più all'avanguardia sul mercato. La crescita professionale va di pari passo con l'estensione territoriale delle attività, che attualmente vengono distribuite su regioni quali Lombardia, Marche, Friuli-Venezia Giulia, Puglia e Lazio. Operante sia nel settore pubblico, che in quello privato, l'Impresa Sangalli Giancarlo & C. S.r.l. agisce su due fronti paralleli, ovvero quello del rispetto degli standard di qualità richiesti dagli organi di regolamentazione e quello della salvaguardia ambientale. Un processo di crescita, legato a un impegno costante nell'arco di oltre mezzo secolo di attività, che permesso alla società di affermarsi tra i leader del settore dei servizi di igiene pubblica ed ambientali, grazie anche alla comprovata professionalità che, relativamente al sistema di qualità aziendale, è valsa importanti certificazioni.

Le aree di specificità di Impresa Sangalli Giancarlo & C. S.r.l.

Il campo d'azione di Impresa Sangalli Giancarlo & C. S.r.l. si diversifica e specializza in attività quali la raccolta ed il trasporto di rifiuti di differente natura, ovvero liquidi, solidi, speciali e pericolosi, per i quali si occupa inoltre dello smaltimento. È attiva anche nell'ambito degli spurghi industriali e civili svolti sia all'interno di aziende, sia di abitazioni e condomini, offrendo inoltre servizi di natura ambientale, ovvero bonifica di terreni inquinati, di aree industriali dismesse, di depositi non conformi, nonché di corsi d'acqua. Le operazioni per l'ambito dell'igiene pubblica si identificano in gestione dei rifiuti pubblici - tra cui raccolta differenziata e indifferenziata e trasporto, oltre allo spazzamento manuale e meccanizzato di aree urbane e non - svolta in ottemperanza delle esigenze e delle caratteristiche locali degli ambienti trattati: geografia del territorio, aspetto naturale ed urbanizzato, densità di popolazione. Ogni operazione intrapresa da Impresa Sangalli Giancarlo & C. S.r.l. mira principalmente alla totale soddisfazione delle specifiche necessità del cliente, a disposizione del quale vengono predisposte squadre di tecnici professionali ed altamente qualificati.

]]>