Il design è il marchio di fabbrica del made in Italy

19/dic/2017 10:20:14 switchup Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 3 mesi fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Il design è una componente importante dell’economia europea, e in questo settore il made in Italy ha un ruolo di leadership.

 

Il design si è dimostrato negli ultimi anni come una solida strategia anticrisi: le oltre 175.000 imprese europee di design, infatti, hanno prodotto nel 2015 una ricchezza di circa 26 miliardi di euro, il 49,4% in più del 2010. Una percentuale che rende il design il quinto settore per crescita a livello europeo e ne testimonia la grande dinamicità.

Molte di queste imprese sono italiane: con oltre 29 mila aziende di design e 4,4 miliardi di euro di fatturato, l’Italia è seconda solo alla Francia nella classifica, superando la Germania, l’Inghilterra e la Spagna. In Europa, quasi un addetto nel design su cinque (17,4%) è italiano; in numeri assoluti si tratta di 47.274 occupati nel settore sui 272.268 dell’UE.

 

Design made in Italy: un esempio

Abbiamo visto che esistono moltissime aziende nel nostro Paese ad occuparsi di design; ciò conferma, in senso positivo, il luogo comune per cui in Italia gli artigiani sono (quasi) tutti artisti. In fondo, è così che nascono le magnifiche creazioni del design made in Italy: all’interno di piccole aziende che osano sperimentare con materiali e tecniche, creando pezzi unici.

È il caso di Poligoni Design, in provincia di Parma: il brand nasce dall’esperienza acquisita nei tanti anni di attività dell’azienda madre, che si occupa principalmente di produrre macchinari per la lavorazione degli alimenti. Dalla passione per i proprietari per la lavorazione di materiali come acciaio, legno e vetro, nascono delle creazioni veramente originali e stravaganti.

Poligoni Design ha dato vita a 4 linee di prodotti: Re-Life, Tomaga Industries, Unicum e Metalkrea. Oggetti e arredi costruiti in pochi esemplari, ricavati partendo da un’idea originale o dal “riciclo” di materiali una volta destinati ad un uso del tutto diverso rispetto a quello pensato dagli artigiani di Poligoni.

Nella linea Re-Life, ad esempio, troviamo la serie di sedute e poltrone Don’t Go, ricavate da valigie vintage in pelle alle quali sono stati applicati dei supporti provenienti da comò o tavolini. Interessante anche dal punto di vista del design è il salottino White 4 Lounge: un omaggio alla liquidità e del white design in cui due vecchie vasche da bagno sono state trasformate un 4 sedute e un tavolino.

Di grande pregio stilistico e tecnico anche la linea Tomaga Industries: composta da utensili per la cucina, come taglieri, grembiuli e coltelli per affettare il prosciutto, e da un vero e proprio gioiello della meccanica: l’affettatrice a volano Imperial i33. Costruita assemblando ben 237 componenti meccanici in 8 ore di lavoro, questa affettatrice è un omaggio ad una macchina prodotta a Parma nel 1950, l’Artigiana B33. La sua forma compatta e le linee stilizzate la rendono un prodotto veramente unico e di grande classe.

 

 

Come marchio di fabbrica del made in Italy nel mondo, il design è un vero e proprio fiore all’occhiello della nostra economia, come dimostrano aziende quali Poligoni Design. Per maggiori informazioni sull’azienda, visitate il sito web: www.poligoni.it.

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl