Come nasce la pizza

19/set/2016 09:45:03 Leo Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

 

La pizza è uno degli alimenti più consumati al mondo, si stima che sia fra il terzo e il quarto posto. Inoltre è uno di quelli che si sono evoluti e che hanno fatto delle scoperte culinarie la propria fonte essenziale. Sarebbe consueto però che la sua evoluzione si fermasse, a quanti non piange il cuore nel vedere le pizze dei film e telefilm americani, rigide come pezzi di cartone o con sopra della frutta.

Sicuramente comunque un fattore che l’ha sempre accompagnata è il fatto di essere associata ad un tipo di azienda che risulti a conduzione familiare. Forse perché in fin dei conti, si parla di un piatto tanto comune, quanto intimo e privato. Ed è proprio cavalcando l’onda di questo tipo di impresa che gli immigrati italiani, l’hanno portata con sé, facendole varcare da tanto i nostri confini.

Eppure a pesare sulla sua stessa creazione sono state le scoperte fatte nel corso della storia dagli Egizi e da Cristoforo Colombo poi. Ai primi si deve la scoperta del lievito, elemento capace di rendere gli impasti morbidi e leggeri dopo la cottura. Mentre possiamo affermare con certezza che, dopo la scoperta dell’America, sulla pizza è arrivato il pomodoro importato dal lontano Perù nel Regno delle Due Sicilie.

Eppure la Pizza, oggi simbolo del Made in Italy è un piatto tutto partenopeo e questa è una storia che nessuno deve dimenticare. Si tende infatti troppo spesso a sottolineare i problemi del Sud, come personali del loco, mentre ad evidenziare le perle locali, come bene comune di tutto il territorio italiano. Unendo così l’Italia, solo in gioia e mai in dolore.

Si trova traccia della pizza, a partire dalla fine del 1500, sobborghi di Napoli dove per rendere la focaccia (sottile) più appetitosa, i cuochi napoletani iniziarono a spalmarvi sopra un composto di strutto, sale grosso e aglio, oppure di caciocavallo e basilico, nella versione più ricca.

Ma nel 1700, l’arrivo del pomodoro cambia tutto, quando l’olio aveva già sostituito lo strutto e dando così una prima versione della pizza, molto vicina all’odierna ricetta. È in questo periodo che questo piatto inizia a diffondersi, trovando popolarità anche all’estero, proprio ad opera degli Italiani che migravano in America e non solo, per trovare fortuna.

Il successo fu immediato, certo potrebbe sembrare contenuto, rispetto ai metti di informazione che ci sono oggi ma in realtà da quel punto la pizza iniziò a essere cucinata in tutto il mondo. Ovunque, la pasta lievitata veniva servita con pomodoro e mozzarella e faceva impazzire il mondo intero.

Oggi tanti sono i pizzaioli esperti che hanno portato avanti ogni fase di questa tradizione, il Italia se ne annoverano alcuni anche al di fuori del territorio partenopeo. Come la famosa Pizzeria forno a legna Marina di Pisa , La Riva che ha iniziato la sua storia nel 1970 e oggi, il suo successo, continua ad essere una tradizione di famiglia.

Evolvendosi, non ha mai perso il fulcro principale che ha mosso tutti all’insegna dell’amore e della passione per il proprio lavoro.

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl