Il logo Houblon per 32 Via dei birrai

27/ago/2012 10:40:35 esseo Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Il logo Houblon è un prestigioso marchio di qualità assegnato dai produttori di luppolo belga al birrificio che ha realizzato la migliore birra artigianale impiegando luppolo belga doc. Di solito sono aziende belghe a vincere il premio, conquistandosi il diritto di pubblicare sulle bottiglie di birra di propria produzione il logo Houblon. Quest’estate invece a meritarsi il marchio di qualità è stato uno dei birrifici italiani più creativi del settore, 32 Via dei birrai di Pederobba di Treviso. 

La coltura del luppolo in Belgio è gestita da aziende di carattere famigliare, che vi dedicano la vita, con passione e professionalità. Si potrebbe definire un’arte, quella della coltivazione del luppolo belga, tant’è che in Belgio la commistione fra coltura e cultura si risolve in un’unica e sola parola francese, culture. I birrifici che utilizzano del luppolo belga nella produzione della loro birra possono richiedere l’applicazione del logo Houblon sulle bottiglie di birra. Il logo viene assegnato al birrificio che produce la migliore birra utilizzando in tutto o in parte luppolo belga. Così è stato per 32 Via dei Birrai e le sue birre: la Curmi 32, la 32 Audace, la 32 Oppale, la 32 Nectar, la 32 Tre+Due, la 32 Nebra, la 32 Admiral, la 32 Atra, fregiandosi del logo Houblon. 

Il birraio che partecipa al concorso per l’assegnazione del prestigioso logo deve dimostrare di aver prodotto una quota o tutta la produzione con luppolo originale belga, o che almeno la metà del luppolo utilizzato sia di origine belga. I birrifici partecipanti al concorso vengono monitorati con controlli a campione sulle loro produzioni di birra artigianale da una commissione di controllo indipendente. Fino a quest’anno il logo Houblon era stato assegnato a birrifici belgi, ma dall’estate 2012 a spuntarla è stata un’azienda italiana, 32 Via dei birrai per l’appunto, dimostrando che la qualità del luppolo e quella della birra che ne deriva non conoscono confini.

 

 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl