'L'Eterno Fascino dell'Arte" si conclude con Beatrice Sansavini nella vetrina della Camera di Commercio Forlì Cesena.

10/giu/2018 23:47:50 svagarte Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 3 mesi fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

 

'L'Eterno Fascino dell'Arte" l’iniziativa espositiva presentata da Svagarte si conclude con l’artista Beatrice Sansavini nella vetrina della Camera di Commercio Forlì Cesena. Fino al 19 giugno 2018 Beatrice Sansavini espone nella rassegna 'l'Eterno Fascino dell'Arte" nella vetrina della Camera di Commercio Forlì Cesena, promossa da Svagarte. Lo si sente ripetere sempre più spesso: Forlì è una città di cultura d'arte. Le ricchezze artistiche della città e delle sue mostre non provengono solo da un lontano passato, ci sono opere artistiche di valore anche recenti, alla ricerca della visibilità che meritano. Per diffondere cultura nel senso più ampio del termine Svagarte offre mostre in contesti non specificamente espositivi, per valorizzare il lavoro degli artisti. Attualmente propone  Beatrice Sansavini e le sue composizioni, opere definite dall’atto emergente da anfratti biologici, secondo un dettato formale evanescente e mutevole, di forme in cambiamento, volutamente affascinanti nelle loro colorazioni.

Il disegno è per Beatrice l’archetipo di un linguaggio espressivo e poetico.
Le sue Mutazioni Cellulari si presentano come veri campi di battaglia, dove la realtà scientifica si scontra con le forze dell'inconscio. La serie si tramuta in percorso metamorfico dell’artista che si abbandona a una modalità simbolica: una ricerca introspettiva che porta Beatrice Sansavini a una visione contemplativa dell'infinitamente piccolo, verso un linguaggio astratto e volutamente universale. Beatrice agisce su supporti cartacei trattati, da lei creati, dove il concetto di "evanescenza”, nella gamma dei colori violacei con tutte le sue complesse implicazioni di ricerca cromatica e di trasparenza, diviene punto di partenza per sperimentare su sensazioni cromatiche ed enigmatiche. Un percorso che conferma la volontà, da parte dell’artista, di porre il proprio lavoro in continuità con la tradizione dell’arte sia antica che contemporanea. La Sansavini vive e lavora tra Bologna e Forlì. Laureata in Lettere e Filosofia, dopo aver trascorso un periodo ad Edinbourg, si dedica alle arti figurative, frequentando l’Accademia di Belle Arti di Ravenna. Svagarte con “L’ Eterno Fascino dell’Arte” fa idealmente dialogare lo stile e i mezzi espressivi di Beatrice Sansavini con le opere esposte ai Musei S. Domenico. La vetrina della Camera di Commercio di Forlì-Cesena, quale luogo a vocazione espositiva, ha stimolato in Svagarte l’intento di rendere l’osservazione delle opere un’esperienza di fruizione facilitata e consentendo la presentazione di lavori nel cuore del centro storico di Forlì. Il confronto con 'L'Eterno e il tempo tra Michelangelo e Caravaggio' contamina tutto ciò che appartiene alla cultura di oggi e
rende centrale l'arte, perché tra le forme della comunicazione umana, l'arte è l'unica che sia in grado di agire criticamente sui valori comuni e di elaborarne dei nuovi, in una spinta di progresso  e crescita effettiva.L’iniziativa si avvale del Patrocinio del Comune di Forlì.
Le opere sono visibili dal loggiato della Camera di Commercio, in Corso della Repubblica 5, durante tutto il periodo espositivo. Info Svagarte@gmail.com

 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl