La scrittrice Mary Blindflowers e i suoi nemici

03/ago/2017 17.59.36 FUTURGUERRA Contatta l'autore

Tempo di parole definitive su certo andazzo periodico che coinvolge una delle migliori scrittrici italiane contemporanee, per sua fortuna da tempo emigrata in Gran Bretagna... visto il declino della nostra Povera Patria (direbbe Battiato) a livello politico, economico e anche letterario ed editoriale.   Ci riferiamo a Mary Blindflowers (alias M.A. Pinna) che conosciamo da tempo e apprezziamo anche dal cibertempo, tanto per insinuare subito ai destinatari di quanto segue il livello d'interfaccia necessario per qualsivoglia dialettica con il sottoscritto: che da sempre, verodemocratico ovviamente rivendica il diritto di parola con chi mi pare, sono l'unico registro di sistema di me stesso! Ebbene questa legittima difesa verso la collega sarebbe anche superflua: basta un giro nel web, e spessissimo in dinamiche web almeno rilevanti, come prova popperiana del talento della scrittrice in questione. Che pur appunto trasvolata oltre Manica, curando comunque microstoricamente uno dei blog più interessanti in lingua italiana, persino segnalato in ambiti anche accademici, di tanto in tanto  rinfresca una delle sue caratteristiche blogger:  è anche una grande polemista intellettuale e letteraria e ben vengano sempre  autori o autrici che con coerenza anche superiore alla nostra, semplicemente denunciano spesso - a suo avviso- certe dinamiche letterarie ed editoriali mediocri o supposte tali, specchio del bel paese. Ebbene, magari la scrittrice a volte esita troppo pulsionale,  va da sé che spesso i bersagli   sembrano convalidare in controluce e contrario dell'ombra le sue critiche. Che sintetizzando spesso  colpiscono - a nostro avviso - al di là di questo o quel scrittore specifico- ma in generale  certo manierismo letterario tutto italico ed anche editoriale, quella che solo dei sonnambuli zombie alla Romero francamente possono nel 2017 in Italia ancora negare.  Ma il problema neppure tale in certe repliche piccate che debordano sempre off topic, sempre guarda guarda con controattacchi  ai limiti del gossip radical chic e anche fuorviante senza neppure una abc d'informazione complessa: ché poi sempre l'arma impropria del radical chicchismo letterario italico piaccia o meno convenzionale o pseudoalternativo che a nostro avviso conferma sempre due grandi eretici e perturbanti autori ancora contemporanei. Vale a dire un certo Baudrillard quando dichiarò la morte della letteratura nell'era elettronica e virtuale e Enzensberger quando coniò la diagnosi storico letteraria del nostro tempo: "Idiot Lettré", vale a dire poeti e letterati analfabeti dal punto di vista  scientifico e nell'era della scienza e dell'Intelligenza Artificiale!

Noi siamo più gentili e nessun moralismo, legittima anche la pratica anche se eventualmente inerziale ormai della letteratura autoreferente italiana convinta di salvare il mondo con la parola e con l'accumulo di premi letterari spesso di dubbia trasparenza e così via.

Semplicemente questa Parola e certa tipologia di letterati semplicemente non ci interessa, apparteniamo ad un'altra quasi razza aliena, siamo completamente insensibili e indifferenti alla cosiddetta letteratura contemporanea, tranne anche non rare eccezioni in quanto parliamo già di matematica qualitativa, di grandi numeri in ogni caso e necessità e libertà!

Dice: ma la Blindflowers non è una letterata? Qua casca l'asino... siamo già nell'Oltre Letteratura prossima nei suoi frattali immaginari alla Parola scientifica  già ampiamente venuta alla luce: fin dal Rinascimento scientifico, fin da certo postsimbolismo o certo futurismo e le avanguardie del primo novecento in particolare, lasciando perdere per ora  fantascienza, cinema meccanico ed elettronico fino alle arti elettroniche dgli anni duemila.

Poesie e saggi  e romanzi ecc. della Blindflowers fioriscono da una matrice in-esatta, una asistematica danza dei significanti (direbbe lo stesso Jacques Lacan) che captano la complessità della parola e delle combinatorie complesse psicosociali del nostro tempo, connessa tale Cifra letteraria (e scusate se naturalmente chiosiamo lo stile del critico...) come una deliziosa Time Machine e in memi alineari con il futuro anteriore e quello prossimo/remoto.

In ogni caso - attualmente - sul piano critico letterario si osservano  da un lato   una letteratura letterante autocircoscritta e  dall'altro una metaletteratura che dopo un secolo di vocali colorate alla Rimbaud o macchine oniriche alla Breton o visionarie marinettiane (ecc.) magari  resta relativamente di nicchia, secondo i canoni eterodiretti convenzionali, ma che sempre, in ogni evo o eva.., è la culla del futuro e del suo Linguaggio.  E in tale linguaggio vive la poetica della Blindflowers, percorso  sempre relativamente  raro e di altitudine, divenire nel'energia e nella materia oscura, parafrasando non i soliti  eventuali link esauriti di certa storia anche di stoffa della letteratura italiana, ma magari la Fisica contemporanea...:

Lasciate stare la Blindflowers, non è Rosa 1.0, 2.0, vostra!


Roby o Roberto Guerra  scrittore e critico futurista*


*INFO minime

H plus magazine

http://hplusmagazine.com/2015/05/01/transhumanist-party-presidential-candidate-zoltan-istvan-interviewed-by-futurist-roby-guerra/

Transvision 2010

https://transvision2010.wordpress.com/2010/07/28/transvision-2010-toward-scientific-futurism/

IHU
http://www.ihu.unisinos.br/169-noticias-2015/541581-teilhard-de-chardin-mistico-da-materia





blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl