LA GRANDE STELLA DELLA MEZZALUNA DI FRANCIONE AL BOSCHETTO BIRICCHINO DI ARDEA

25/dic/2012 17:44:25 Andrej Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

 

L’ADRAMELEK THEATER

 

PRESENTA

 

NELL’AMBITO DEL  PROGETTO “FRATELLANZA ARTISTICA PER LA PACE CONTRO LA GUERRA”

 

LA GRANDE STELLA DELLA MEZZALUNA (TRITTICO MEDIORIENTALE) di Gennaro Francione 

 

Teatro-concerto per la regia di Giuliana Adezio  con Bruno Garzilli, Giancarlo Martini, Giuliana Adezio, Beatrice Fenorasi

         Alla messinscena estetica partecipano artisti delle varie forme.

       La direzione artistica della parte musicale è affidata a Girolamo Raco dell’Associazione Teorema con la sua famiglia musicale :

    - Alessandra Raco  (Cantante)

    - Athena Raco (Violinista)

    - Aurelio Marco Raco (Pianista )

    oltre a Beatrice Fenorasi (Chitarra e Canto)

     Maestro e costruttore delle armi di scena è il pittore-scultore Giorgio Jorio.

    Buon divertimento e progresso a tutti con la Bellezza dell'Arte.

                                                                         Gennaro Francione

 

                                           PROGRAMMA SPECIFICO

 

 LA GRANDE STELLA DELLA MEZZALUNA     (TRITTICO MEDIORIENTALE) 

 

 Tre monologhi, tre urli drammatici per raccontare il dramma della Palestina e far tacere i fucili con la prospettiva minacciosa di un esito apocalittico.

Il primo monologo è al passato con  Dylan David, il visionario israeliano che nella sua cartoleria medita, ricorda, prega, negli ultimi istanti prima di essere catturato dalla Gestapo

Il secondo è al presente: Mahmoud Darwish, il barbiere palestinese che col filo si rade. Intanto passa al setaccio con la parola la  Nakba, la Catastrofe , ovvero l'esodo  interminabile che iniziò nel 1948 quando centinaia di migliaia di palestinesi furono cacciati dalle loro case in seguito alla proclamazione dello Stato di Israele.

Il futuro è Tamar  Friedman: l'ebrea errante ragiona sull'ultima visione boschiana reale. La bomba atomica che ha distrutto Israele e la Palestina. La sopravvissuta lancia un ultimo monito di fratellanza. E' quello del Nuovo Ebreo che si  fa portavoce, dopo tanti  mali sofferti e arrecati, di una nuova alba di pace tra i popoli.

 

                                                                 NOTE DI REGIA

 

Tre monologhi imperniati su tre personaggi: l’ebreo-il palestinese-l’ebreo errante.

Dylan David  è l’anziano ebreo:  passa quasi tutto il suo tempo nella sua piccola catoleria tra fogli e pennini. Con struggente dolcezza ricorda la sua infanzia, le persone che gli furono care. Ora è solo terrorizzato dalla minaccia nazista che lo ucciderà insieme alla sua gente.

Mahmoud Darwish è il barbiere palestinese:   si  rade con un filo di cotone. Il filo rosso dell’odio attraversa tutte le sue parole per raccontare la strage causata dagli ebrei, che uccidono i suoi amici, il padre, la cara moglie incinta e con lei il suo futuro.

In una terra desolata e infelice, il barbiere rimane solo insieme al nonno. Morirà anche lui in un’esplosione.

Tamara Friedman è la versione femminile della leggenda dell’Ebreo Errante che ha interessato scrittori, poeti e musicisti. Segnata dalla bomba atomica  che ha colpito ebrei e palestinesi, condannata all’immortalità, vaga attraverso i secoli seminando morte e distruzione. Sulla strada del Calvario incontra Gesù: lo oltraggia, lo insulta. Ora stanca di tanto orrore attende la SUA nuova venuta che porterà amore, fratellanza, pace.

Insieme agli attori in una scena vuota e oscura giovani musicisti con i loro strumenti: pianoforte, violino, chitarra, voce raccontano alcune delle più grandi tragedie dell’umanità.

 

                                                                                                                     Giuliana Adezio

 

 

PERSONAGGI E INTERPRETI

 

BRUNO GARZILLI  ( Dylan David, IL CARTOLAIO ISRAELIANO)

GIANCARLO MARTINI (Mahmoud Darwish, IL BARBIERE PALESTINESE)

GIULIANA ADEZIO  (Tamara Friedman, L'EBREA ERRANTE)

BEATRICE FENORASI   (L’ANGELO)

 

Segue: Affabulazione con l’autore, la regista, gli attori gli artisti, i  pacifisti presenti in teatro.

 

Quando: 2-3-4 gennaio 2013 h. 21

Dove: Il Boschetto Biricchino - Nuova Florida – Via Gorizia - Ardea

 

Evento in Face Book: http://www.facebook.com/events/426995067370360/ 

 

ADRAMELEK THEATER:  Il TEATRO MAGICO E  UROBORICO DI    GENNARO FRANCIONE:               

              http://www.antiarte.it/adramelekteatro

 

SU FACE BOOK:  http://www.facebook.com/group.php?gid=106617610104&ref=ts

 

UNIONE EUROPEA GIUDICI SCRITTORI(EUGIUS): LA NUOVA   UNIONE DEI GIUDICI UMANISTI D'EUROPA:   http://www.antiarte.it/eugius

 

SU FACE BOOK    http://www.facebook.com/groups/226890657352482/

 

 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl