DOMENICA 3 APPUNTAMENTI CON OPERAESTATE_CYCLING DANCE_PASSEGGIATA TEATRALE SUL BRENTA_ NARRAZIONI DI SCARLINI A FELTRE

31/ago/2018 12:42:21 Operaestate Festival Veneto Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 6 mesi fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.




Il 2 settembre operaestate dedica un intera giornata al paesaggio, alla bellezza dell'arte e della natura che si fa fa spettacolo.
DOMENICA RICCA DI EVENTI CON OPERAESTATE, DAL MATTINO ALLA SERA, DALLA DANZA AL TEATRO, ALL'ARTE, IN BICI E A PIEDI.

La domenica inizia con la Cycling dance, in cui la danza contemporanea abita per un’intera mattinata i luoghi attraversati dalla pista ciclabile che collega Bassano al Trentino, dove gli spettatori, in sella alle loro biciclette, potranno assistere a diverse  performance: alle 10 presso il Bicigrill di Castelnuovo (Località Prai da Brenta), e in replica alle 12 presso il Bicigrill di Collicello, Arabesque d’emergenza di Andrea Costanzo Martini con il collettivo Dance Makers; a seguire, negli stessi luoghi, A corpo libero Multiplied, restituzione della storica coreografia di Silvia Gribaudi alle danzatrici della Rete No Limita-c-tions. Alle 10 e alle 12, rispettivamente alla Spiaggetta di Campolongo e poi al Bicigrill di Tezze di Grigno, Pink Elephants di Siro Guglielmi e Rosas danst Rosas con gli insegnanti di Dance Well. evento ad ingresso libero

Alle ore 16, sarà invece la votla della  passeggiata teatral-musicale lungo l’area naturalistica “le Basse” nell’alveo del Brenta di Cartigliano, oggetto da tempo di un grande lavoro di ripristino e valorizzazione. Medoacus, a passo d’acqua è un attento lavoro site-specific in cui gli spettatori vengono accompagnati attraverso stazioni animate da racconti e storie, musiche e leggende interpretate da un gruppo di artisti guidati da Filippo Tognazzo e Compagnia Zelda. ( spettacolo a numero chiuso con prenotaizone obbligatoria)

La Giornata si conclude a Feltre, presso il Teatro de La Sena, dove, alle 21.oo,  si l'appuntamento è con Ekfrasis 4 �“ Egon Schiele: la febbre del tempo, di e con Luca Scarlini, accompagnato al pianoforte da Pierluigi Piran. In prima nazionale, la narrazione con musica prende avvio da uno straordinario disegno di Egon Schiele conservato al Museo Rizzarda di Feltre, Posa plastica Questa rilevante opera del 1917 è stata scoperta quasi per caso, negli anni ‘50, in un cassetto, dai curatori del riallestimento della Galleria e denota la lungimiranza e il gusto di Carlo Rizzarda nell’effettuazione degli acquisti per la sua collezione.  Scarlini chiude così il suo coclo di Ekfarsis, le narrazioni di opere d'arte che hanno accompagnato queta edizone di operaestate.

informazioni e prevendite Biglietteria Operaestate tel. 0424 524214
--
Alessia Zanchetta
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl