Roberto Latini apre Bmotion teatro il 29 agosto

26/ago/2016 18:24:54 Operaestate Festival Veneto Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.


  
ROBERTO LATINI INAUGURA B.MOTION TEATRO RILEGGENDO IL MITO DI AMLETO

(Bassano del Grappa) Concluso con enorme successo il turbinìo di attività di Bmotion danza, lunedì 29 agosto inaugura il segmento dedicato al teatro. Una settimana nel segno della qualità, che vede alternarsi tra Teatro Remondini e CSC Garage Nardini grandi protagonisti della scena teatrale italiana, per celebrare degnamente i 10 anni del programma di Operaestate Festival Veneto dedicato al contemporaneo.

Si inizia con un artista ormai considerato un vero e proprio “maestro” della sperimentazione made in Italy come Roberto Latini, che alle ore 21.00 al Teatro Remondini presenterà il suo ultimo progetto dedicato a Shakespeare: “Amleto + Die Fortinbrasmaschine”. Lo spettacolo si colloca all'interno del più ampio percorso per celebrare i 400 anni dalla morte del Bardo intitolato: “Shakespeare-Bassano intrecci dark”, che ha attraversato l'intera programmazione di Operaestate, dando un'identità forte e coerente all'edizione 2016 del festival.

“Amleto + Die Fortinbrasmaschine” è la riscrittura di una riscrittura. Alla fine degli anni ‘70 Heiner Müller componeva un testo liberamente ispirato all’Amleto di Shakespeare. Latini propone un adattamento scenico tratto proprio da quel gioiello di destrutturazione linguistica, come è ormai considerato per la storia del teatro “Die Hamletmachine”. L'attore-autore torna così ad indagare Shakespeare, e soprattutto la figura di Amleto, già al centro di diversi  spettacoli e progetti della compagnia Fortebraccio Teatro.

“Amleto” è una tragedia di orfani, protagonisti e antagonisti di un tempo in cui i padri vengono a mancare. Questo ha a che fare con la generazione di Latini, quella nata negli anni '70. Ma ha soprattutto a che fare, anche pasolinianamente, con la distanza che misura condizione e divenire, con il vuoto e la sua stessa sensazione, con il ruolo che in “Amleto” assume il personaggio di Fortebraccio, figlio, straniero, estraneo e sopravvissuto. Utilizzando così il punto di vista di Fortebraccio Latini, su un palcoscenico sospeso tra l’essere e il sembrare, evoca l’architettura di Müller per offrire il suo sguardo sul contemporaneo, andando a caccia dell’inquietudine presente nel suo agire in scena, riflettendo sul lavoro fatto in passato in un momento fondamentale del suo percorso.

“Mi sono permesso il lusso di lavorare sul confine – confessa Latini - e insieme ai miei collaboratori di Fortebraccio Teatro abbiamo prodotto qualcosa che probabilmente è il frutto maturo di un tempo che già da tempo è il nostro spazio. Di Heiner Müller conserviamo la struttura, la divisione per capitoli o ambienti e componiamo un meccanismo, un dispositivo scenico, una giostrina su cui far salire tragedia e commedia insieme, di cui die Hamletmaschine è modello e ispirazione, composta da 8 quadri: Album di Famiglia/ L’Europa delle donne/ Scherzo/ Pest a Buda/ Battaglia per la Groenlandia/ Nell’attesa selvaggia/ Dentro la orribile armatura/ Millenni”.

Lo spettacolo indaga dunque “Die Hamletmachine” trattandolo come un classico del nostro tempo, concentrandosi sulla riflessione metateatrale, culturale e quindi politica, indagando la capacità del teatro di rivolgersi a se stesso, alla sua funzione, alla sua natura, per potersi proporre in forme mutabili, mobili. Un concetto teatrale che pone al centro la voce e il suono, quello del partner storico di Latini, Gianluca Misiti, maestro nel creare atmosfere, nel generare mondi sonori intensi e affascinanti, che la forza interpretativa dell'attore riesce a trasformare in un'esperienza unica per lo spettatore. Un virtuosismo fatto di voce, corpo e anima che fa di Roberto Latini uno degli artisti più intensi e premiati della scena italiana di oggi.


Ma B.motion Teatro, come già B.motion Danza, non è solo spettacolo, è anche percorsi di audience development, per formare e far crescere un pubblico attento e sempre più consapevole. In questa direzione due le iniziative in programma. Da un lato “TIPStheater”, la piattaforma social dedicata al teatro e alla danza che proporrà alcuni interventi mirati per favorire il coinvolgimento del pubblico e il dialogo con gli artisti. Gli interventi di TIPStheater si orienteranno sul coinvolgimento dal vivo e in digitale del pubblico.

Il secondo percorso si chiama invece “Abbecedario: B.audience 2016”. Realizzato in collaborazione con Color Teatri si presenta come un breve approfondimento dedicato al teatro contemporaneo. Attraverso degli incontri di confronto, dibattito ed attivazione del gruppo (finora sono 16 gli iscritti), il progetto mira a formare spettatori attivi, attenti e protagonisti, stimolando la curiosità, il senso critico, la capacità di analisi ed osservazione, il desiderio di scambio. Il gruppo sarà guidato nella visione di alcuni spettacoli del programma, e stimolato ad approfondirne i contenuti.

Per info e prenotazioni Biglietteria Operaestate tel. 0424524214





blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl