mercoledì 16 dicembre Don Chisciotte a Bassano teatro Remondini

conmunicato stampa e immagine in allegato La tragicommedia dell'arte mercoledì 16 per la stagione teatrale bassanese ARRIVA DON CHISCIOTTE DELLA COMPAGNIA STIVLACCIO TEATRO - APERITIVO TEATRALE ALLE 19.00 (BASSANO DEL GRAPPA) secondo appuntamento per la stagione teatrale della Città di Bassano del Grappa, Il teatro ti rapisce, promossa dall'Assessorato alla promozione del Territorio e della Cultura, in collaborazione col Teatro Stabile del Veneto, con un cartellone con 10 titoli 10 spettacoli al Teatro Remondini.

Persone Cecco Angiolieri, Sancho Panza, Carlo Boso, Marco Zoppello, Michele Mori, Miguel De Cervantes, Dante Alighieri, Alessandro Manzoni
Luoghi Mantova, Venezia, Bassano del Grappa
Organizzazioni G. B. Brocchi, Accademie international
Argomenti teatro, spettacolo, letteratura, arte

14/dic/2015 17:10:07 Operaestate Festival Veneto Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.


 

conmunicato stampa e immagine in allegato

L
a tragicommedia dell’arte mercoledì 16 per la stagione teatrale bassanese
 ARRIVA DON CHISCIOTTE DELLA COMPAGNIA STIVLACCIO TEATRO -  APERITIVO TEATRALE ALLE 19.00

(BASSANO DEL GRAPPA) secondo appuntamento per la stagione teatrale della Città di Bassano del Grappa, Il teatro ti rapisce, promossa dall’Assessorato alla promozione del Territorio e della Cultura, in collaborazione col Teatro Stabile del Veneto, con un cartellone con 10 titoli 10 spettacoli al Teatro Remondini. Protagonista, mercoledì 16 dicembre alle ore 21.00 DON CHISCIOTTE, liberamente ispirato all’opera di Miguel Cervantes (di cui ricorrono nel 2016 i 400 anni dalla morte).
Un successo decretato a furor di popolo, quello di questo spettacolo, che ha portato all’attenzione del grande pubblico una giovane compagnia come Stivalaccio teatro, affidando a due giovani interpreti, la rivisitazione in chiave di Commedia dell’Arte del Don Chisciotte di Miguel De Cervantes. I due protagonisti, Michele Mori e Marco Zoppello (quest’ultimo anche autore del testo), sono anche registi dello spettacolo, guidati dalla consulenza artistica di uno dei più grandi maestri di Commedia dell’Arte, Carlo Boso, proveniente dal Piccolo Teatro di Milano, direttore dell’Accademie international des arts du spectacle di Versailles e storico fondatore del TagTeatro di Venezia.
La forza dei due sta nella capacità di mischiare generi che pescano dalla tradizione, dal teatro d’attore alla commedia dell’arte, rileggendoli con originalità grazie al loro carisma straordinario
La vicenda si svolge a Venezia nel 1545, dove salgono sul patibolo due attori accusati di eresia. L’unica speranza per i due è l’arrivo dei rinforzi, ovvero i colleghi della compagnia dei Gelosi, corsi dal duca di Mantova per pregarlo di intervenire nella spinosa vicenda. Non resta altro da fare che cercar di prendere tempo nell’unico modo che i due commedianti conoscano: recitando una Commedia. Ma non esistono commedie per due soli attori e i nostri sono costretti a ripescare il racconto di un marinaio conosciuto su di una nave spagnola, poco dopo la battaglia di Lepanto: un tal Miguel de Cervantes. Prendono così il via le avventure di Don Chisciotte e Sancho Panza, filtrate dai ricordi e dall’estro dei due saltimbanco che arrancano nel tentativo di procrastinare l’esecuzione. E se non rammentano la storia alla perfezione, beh, poco importa, si improvvisa sul tema dell’amore e della fame, del sogno impossibile, dell’iperbole letteraria, dello sghignazzo, della libertà di pensiero e di satira con l’unico limite: “il cielo” come direbbe Cervantes.
La storia di Don Chisciotte e Sancho Panza viene così raccontata da due improbabili saltimbanchi in un tosco-veneto condito di emilianismi e partenopeismi, citando mostri sacri come Cecco Angiolieri, Pulci, Dante, Manzoni, Ruzante, De la Barca, Fo e tanti altri. Duelli, salti, capriole, lazzi ma anche uno sguardo critico sull’inquisizione sono gli ingredienti di uno spettacolo capace di coinvolgere gli spettatori e di divertirli in modo intelligente.
Dalle 19.00 la compagnia sarà al Color Cafè ad incontrare il pubblico per un apritivo teatrale, pratica ormai consolidata nelle scorse edizione, nata dalla collaborazione tra l’Assessorato alla cultura e Color Teatri, che da quest’anno si arricchisce di un particolare percorso di approfondimento dedicato ai ragazzi del liceo G. B. Brocchi. Una chiacchierata di introduzione allo spettacolo, tra uno spritz e una tisana, aperta a tutti, informale, per conoscere il punto di vista di chi, sulla scena racconta al pubblico delle storie.
Inizio spettacolo ore 21. Informazioni e Biglietti tel. 0424524214

--
Alessia Zanchetta


blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl