Brilla Angela Watson, graffia Valeriano Cappello

12/ago/2012 14:02:08 S Pilato Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Erede di Ella Fitzgerald, di Sarah Vaughan o di Whitney Houston?

Un mix delle tre indimenticabili voci, con un pizzico di grinta funky in più? Stevie Wonder al femminile?

Più semplicemente: Angela Watson. Con la sua classe, il suo talento, la sua voce ricca di coloriture e di armonie la giovane stella americana è salita sul palco del Mono Beach Club di Maganuco domenica 5 agosto, accompagnata da un quartetto di giovani siciliani, e ha regalato al pubblico - che ha raggiunto il Beach Club da diverse province dell’isola - una serata ricca di note e d’atmosfera.

Con Biagio Martello al basso, Mirko Augello alla batteria, Gabriele Agosta al piano e alle tastiere e Luca Galeano alla chitarra, Angela Watson ha proposto una carrellata di successi funky e dance degli anni ’70 e ’80.

Ma Angela non è solo dotata di una bella voce, è anche una autrice.

Ed ecco che insieme con gli intramontabili standard “Summertime” e “Round Midnight”, in scaletta hanno trovato posto anche quattro composizioni originali della giovane stella texana.

 

Se il pubblico è stato conquistato fin dalle prime note, Angela non è rimasta indifferente alle atmosfere della serata, e dietro le quinte ha dichiarato: “Sono felice di questa tournee in Italia. Nei tre giorni in Sicilia ho avuto modo di vedere dei luoghi fantastici. Siamo stati a Palazzolo Acreide, a Noto e a Modica e mi è stato spiegato che sono luoghi inseriti nella lista Unesco. Stasera abbiamo concluso alla grande a Modica. Non conosco la città, ma dalle foto che ho visto mi è sembrata un gioiello. E questa location è un degno biglietto da visita della città: il Mono Beach Club è un luogo magico! Poter cantare con i piedi nella sabbia, accompagnati da questa splendida luna e dalla gente che ci ha ascoltato, scalza, davanti al palco, è stata una sensazione che non dimenticherò facilmente”.

 

Al concerto di Angela Watson è stata associata l’inaugurazione di “Grossa crisi - Cose che vi hanno già detto, ma disegnate peggio!” mostra debutto  di Valeriano Capello, schivo vignettista modicano che preferisce affidare a carta, grafite e gomma pane le sue impressioni graffianti sui principali fatti di cronaca.

Realizzata con un originale allestimento, la mostra sarà visitabile fino a sabato 11 agosto.



Ufficio Stampa

Stefania Pilato

press@monoresort.com

334 7445786

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl