Comunicati.net - Comunicati pubblicati - Rock Comunicati.net - Comunicati pubblicati - Rock Wed, 19 Sep 2018 14:49:22 +0200 Zend_Feed_Writer 1.12.20 (http://framework.zend.com) http://comunicati.net/comunicati/arte/musica/rock/1 Live Cinema Festival: dal 20 al 23 settembre a Palazzo delle Esposizioni le migliori performance audio visual internazionali Tue, 18 Sep 2018 13:21:08 +0200 http://comunicati.net/comunicati/arte/musica/rock/492226.html http://comunicati.net/comunicati/arte/musica/rock/492226.html GDG Press GDG Press  

 

                                                                           

LIVE CINEMA FESTIVAL 2018

"Vedi i suoni, ascolta le immagini”

20 - 23 settembre 2018

Palazzo delle Esposizioni - Roma

Anteprima: SCREENING dal 1 agosto al 19 settembre

Bookstore - Palazzo delle Esposizioni

INGRESSO GRATUITO

Evento Facebook: https://www.facebook.com/events/321185015090911/

Scarica le foto degli artisti: https://www.dropbox.com/sh/wvq4za3tucvhrk7/AABvuTbBzeC-K9zU3gaCnvZJa?dl=0

Quattro giorni dove macchine, arte e tecnologia si uniscono per diffondere nuovi messaggi, nuovi immaginari e nuove prospettive, in una manifestazione internazionale completamente gratuita che porta nella Capitale le più innovative performance live di spettacoli audio visual.

Dal 20 al 23 settembre torna la V° edizione del Live Cinema Festival: 11 nazioni coinvolte, 8 live cinema performance inedite o presentate per la prima volta in Italia e realizzate in real-time, screenings, workshop e un cast di artisti di rilievo internazionale per un'esperienza sinestetica e ipersensoriale unica.

Ospitato quest'anno per la prima volta nello splendido Palazzo delle Esposizioni, “Live Cinema Festival 2018”, la cui direzione artistica è affidata a Claudio Guerrieri, è parte del programma dell'Estate Romana promossa da Roma Capitale �“ Assessorato alla Crescita culturale e realizzata in collaborazione con SIAE ed è una delle iniziative dell'Anno europeo del patrimonio culturale 2018.

Ad anticipare la kermesse ci sarà “SCREENINGS”, una preview di proiezioni dall'1 agosto al 19 settembre nel bookstore del Palaexpo durante l'orario di apertura del museo che mira a preparare il pubblico alle performance del festival. La sezione SCREENINGS continua durante i giorni del festival nell'Auditorium del Palaexpo con la selezione di documentari, making of, interviste agli artisti delle passate edizioni del festival e con la proiezione speciale di "FEST", il nuovo short film sperimentale dell'artista russo di base in Germania Nikita Diakur dove animazione 3D, schermate di software, errori e simulazioni real-life si fondono in uno stile unico e anticonvenzionale.

Quella del "Live Cinema" è una tecnica narrativa sperimentale applicata al video performativo che dà vita alla creazione simultanea di suoni e immagini in tempo reale, in cui i parametri tradizionali del cinema narrativo, rappresentati dalla soggettività fotografata dalla camera, si espandono in una concezione più ampia.

In un’epoca storica in cui la tecnologia ha invaso ogni aspetto della vita, Live Cinema Festival vuole abbattere le frontiere tra il mezzo e il contenuto, manipolando immagini e utilizzando diverse tecniche al fine di creare un contenuto finale frutto dell'improvvisazione e dell'abilità degli artisti.

L'edizione 2018 si prospetta ricca di sorprese esclusive: tutti gli artisti invitati si presenteranno eccezionalmente con première delle loro performance, Live AV mai visti oppure presentati per la prima volta in Italia.

Ogni giorno, la Sala 9 di Palazzo delle Esposizioni ospiterà due performance di live cinema.

Si inaugura giovedì 20 settembre con uno tra gli ospiti più attesi, il collettivo inglese The Light Surgeons formato da pionieri dell' Audiovisual performing arts, portati per la prima volta a Roma dal festival Dissonanze e che stavolta presenta “Atemporal 2.0”, un saggio audiovisivo incentrato sui temi della memoria, del tempo e dello spazio, risultato della fusione di materiali visivi, musica elettronica e alcune registrazioni del poeta, pittore e scrittore John Berger.

Domenica 23 settembre la kermesse chiude con un altro imperdibile spettacolo: "The Infinite Now", performance dell'artista olandese Armand Dijcks presentata per la prima volta live e concepita insieme alla direzione artistica del festival. Un seducente viaggio nell'eternità dei mari accompagnato dalla sognante colonna sonora di Andre Heuvelman curata dal tecnico del suono Frans de Rond e dalle splendide immagini delle onde dell'oceano immortalate da Ray Collins.

Gli altri nomi in cartellone sono sempre di altissima qualità. Ad esempio la band Mïus X Attaray, progetto audiovisual dell'artista ungherese Gergely Álmos e Andrea Sztojanovits della Sonar Kollektiv, l’etichetta tedesca fondata dai Jazzanova, che sabato 22 settembre dà origine a un viaggio audiovisivo senza tempo con la première "The Digital Tale of Geometric Shapes." Giovedì 20 settembre i promettenti austriaci Apnoa invece presentano la première "Amnis”, ultimo lavoro di un trittico audiovisuale delineato sul concetto di dromologia, mentre venerdì 21 i francesi Texture Droite rievocano gli universi di Jon Hopkins e di Rival Consoles mescolando suoni malinconici e delicati a ritmi potenti e grezzi.

Gli artisti ospiti il 22 settembre vengono invece dalla Repubblica Ceca: Citty & Aeldryn

con i loro sintetizzatori modulari e l'immaginario visivo si esibiscono in “Infinity Insight”, una performance AV tra analogico e digitale. E ancora, domenica 23 arrivano dalla Polonia i visuals onirici di Ari Dykier coadiuvati dal flauto della musicista Ewa Liebchen prendono forma nella première "Vento".

Venerdì 21 viene inoltre presentata la prima co-produzione di LCF con il team Ipologica e Flxer con la première "Onn Frame", una performance AV in costante evoluzione e frutto della ricerca e interazione tra suono, immagine e tecnologia.

Come gli scorsi anni il 19 settembre, giorno prima dell'inizio del festival, nell'Auditorium del Palazzo delle Esposizioni si terrà la conferenza sull'Audience Development in cui organizzazioni e istituzioni di Roma individueranno le migliori strategie per aiutare artisti e professionisti europei a raggiungere il più vasto pubblico possibile in tutta Europa.

Ad arricchire ulteriormente la programmazione del Festival, il 20 settembre parte anche il workshop gratuito della durata di 4 giorni per 8 ore complessive sul Digital Storytelling. Incentrato su questa nuova tecnica nel contesto artistico-performativo, il workshop mira a dare gli strumenti sia di conoscenza che di tecniche e tecnologie per la realizzazione di una performance Audio Video di Live Cinema. Per parteciparvi è necessaria la prenotazione inviando una mail a workshops@livecinemafestival.com : verrà rilasciato un attestato di frequenza al termine.

Nelle precedenti edizioni Live Cinema Festival è stato ospitato da: Teatro Quarticciolo nel 2014, Piazza dell'Immacolata a San Lorenzo nel 2015, Macro via Nizza nel 2016 e 2017.

Affermati ed emergenti artisti internazionali hanno offerto al pubblico una panoramica delle diverse modalità di interpretare il Live Cinema, attraverso performance di artisti/gruppi provenienti da: Germania, Italia, Paesi Bassi, Polonia, Repubblica Ceca, Turchia, Regno Unito, Belgio, Spagna, Grecia, Austria, Bielorussia, Olanda, Ungheria.

Dalla prima edizione Live Cinema Festival gode del contributo di Roma Capitale nell'ambito dell' "Estate Romana".

Live Cinema Festival è prodotto e organizzato da Flyer srl impresa sociale (flyer.it), Linux Club (linux-club.org) e FlxEr.net (flxer.net), grazie alla cooperazione di importanti partner internazionali.

Live Cinema Festival aderisce inoltre al network PAC (Performing Arts Contemporanee) formatosi in seguito a collaborazioni tra diversi soggetti culturali operanti nel territorio della città di Roma da diversi anni, e attivi nella progettazione e esecuzione di attività nell’ambito sia dell’Estate Romana sia in altri contesti/eventi/ festival romani, nazionali e internazionali. Gli intenti sono quelli di condividere le proposte per attuare un meccanismo sinergico e virtuoso. In particolare l’obiettivo è attivare un dispositivo di promozione e comunicazione, condiviso e coordinato, e di pianificazione delle attività in un calendario sostenibile di cui l’intera comunità cittadina potrà beneficiare. 

Un ringraziamento speciale per il supporto va al Forum di Cultura Austriaco, l'Istituto Polacco di Roma, il Centro Ceco di Milano e l'Accademia di Ungheria.

LIVE CINEMA FESTIVAL 2018

20 - 23 settembre

Palazzo delle Esposizioni - Roma

Auditorium e Sala 9 (ingresso da via Milano)

INGRESSO GRATUITO

Evento Facebook: https://www.facebook.com/events/321185015090911/

Programma

Bookstore: dal 1 agosto al 19 settembre durante l'orario di apertura del museo

SCREENINGS > Preview/Anteprima (Documentari visualizzati su una TV all’interno del bookstore)

Auditorium: Mercoledì 19 settembre ore 17:00

AUDIENCE DEVELOPMENT > Conferenza

Auditorium: dal 20 al 23 settembre dalle 17:00 alle 19:00

Workshop: Digital Storytelling

Auditorium: dal 20 al 23 settembre dalle 20:00 alle 22:00

Screenings:

  • ABOUT LIVE CINEMA

LCF 2014-2017 Report

The Light Surgeons - In Profile Dies_ - Materia Sonica

Addictive TV - Orchestra of Samples by AV artists Showreel Klaus Obermaier - audiovisual performance

Ernesto Sarasa (Fonosträbico) - Ente

Francis Ford Coppola - Coppola aposta em cinema ao vivo como futuro para a sétima arte

  • FEST by NIKITA DIAKUR | Experimental short film - italian première

Sala 9: Giovedì 20 settembre

dalle 22:00 alle 22:45 > AMIS | live cinema performance | APNOA [AT] - première

dalle 23:00 alle 23:45 > ATEMPORAL | live cinema performance | THE LIGHT SURGEONS [UK] - italian première

Sala 9: Venerdì 21 settembre

dalle 22:00 alle 22:45 > ONN FRAME | live cinema performance | IPOLOGICA + FLXER [IT] - première

dalle 23:00 alle 23:45 > TEXTURE DROITE | live cinema performance | TEXTURE DROITE [FR] - italian première

Sala 9: Sabato 22 settembre

dalle 22:00 alle 22:45 > INFINITY INSIGHT | live cinema performance | CITTY & AELDRYN  [CZ] - italian première

dalle 23:00 alle 23:45 > THE DIGITAL TALE OF GEOMETRIC SHAPES | live cinema performance | MÏUS X ATTARAY VISUAL [HU] - première

Sala 9: Domenica 23 settembre

dalle 22:00 alle 22:45 > VENTO | live cinema performance | ARI DYKIER + EWA LIEBCHEN [PL] - première

dalle 23:00 alle 23:45 > INFINITE NOW | live cinema performance | ARMAND DIJCKS & RAY COLLINS feat. ANDRÉ HEUVELMAN + FRANS DE ROND [NL/AU] - première

SCARICA IL COMUNICATO STAMPA

SCARICA LA LOCANDINA

SCARICA LA FOTO

SCARICA LA CARTELLA STAMPA: https://www.dropbox.com/sh/4qutwi8ujpbbtes/AACCzApDEg0EkdO-B5wRCZbta?dl=0

SCARICA LE FOTO DEGLI ARTISTI: https://www.dropbox.com/sh/wvq4za3tucvhrk7/AABvuTbBzeC-K9zU3gaCnvZJa?dl=0 

 

UFFICIO STAMPA GDG press

gdgpress.com

Giulia Di Giovanni
+393341949036 giulia.digiovanni@gdgpress.com
Alessandro Gambino
+393208366055 alessandro@gdgpress.com
Michela Rossetti
+3479951730 rossetti.michela1@libero.it
Giulia Zanichelli
+393401808965 gdgpress@gmail.com

Se non desideri ricevere comunicazioni di questo tipo in futuro puoi disiscriverti cliccando qui

]]>
Trade runescpae gold with 6%off& 2X loyalty points Directly for Soundtrack Sep 21-Sep 26 Tue, 18 Sep 2018 09:15:02 +0200 http://comunicati.net/comunicati/arte/musica/rock/492151.html http://comunicati.net/comunicati/arte/musica/rock/492151.html Nash Nash My shafts have a diameter of 11/32 inches. My points have an outside diameter of runescape gold for sale 11/32 inches, therefore, I had to taper the end slightly in order to fit the point on. There are tools specifically made to do this nicely, however, I decided to do the taper by hand. Keep in mind that you will get a much nicer end result if you use the taper tool.

Guys!RSorder has come into the gaming field since more than 10 years ago, and we can provide the most professional service when you want to buy cheap RuneScape gold here. Meanwhile, our gold is very convenient to get.Now The new version of Mobile is live, you can buy All RS products with mobile conveniently and quickly!

5% more gold code:RSYK5 for all rs products & 10% osrs accounts code:OSRSA10 for all rs accounts anytime!

The distribution of populations in virtual worlds is perhaps less like a natural monopoly market than a club goods market. Populations will sort according to the services, ambience, and fees of the various worlds. Virtual worlds will compete, as clubs do, but their size will be limited by congestion effects and by the marginal cost of increasing the scale of the world.This is will continue to rise and its all up for the parents who can keep their kids from wasting most of their time online.

Richard is a vertebrate palaeontologist with expertise in the systematics, evolution and biogeography of late Palaeozoic to Mesozoic reptiles. His current research programme aims to establish major patterns and drivers of terrestrial biodiversity change, as exemplified by four limbed vertebrates (tetrapods), over the last 375 million years.

They can also help advise you of all of your CA rights as a consumer.Jane T (LLC), (JD)How JustAnswer works:Ask an ExpertExperts are full of valuable knowledge and are ready to help with any question. Ask follow up questions if you need to.100% Satisfaction GuaranteeRate the answer you receive.JustAnswer in the News:Ask a doc Web sites:

but again it was able to run Battlefield 2 and World of Warcraft smoothly on low med settings according to the clips I watched (Also again preformance also depends on your Ram and CPU not just your graphics card). Since its an onboard card I believe it doesn't run quite as well as an external version of the card would but it still should do nicely.

A bunch of Promo for the global release of Old School Mobile:Up to 6% off RS 2007 Gold/RS Gold with Code FRD6 as well as 2X loyalty points for RSorder Members Sept 21-Sept 26!Snap immediately by http://www.rsorder.com/rs-gold

Part II:Up to 80% off RS3 Gold &Runescape 07 Gold for you at 3:00 a.m. GMT on Sept 21!

Long-Term Discount Code:7% off Code SYTHE to buy RS Gold Anytime!

]]>
Use False Eyelashes Mascara To Your Benefit Tue, 18 Sep 2018 09:02:08 +0200 http://comunicati.net/comunicati/arte/musica/rock/492146.html http://comunicati.net/comunicati/arte/musica/rock/492146.html anna anna In previous years, false eyelashes were usually just used by people in the entertainment business, as well as the people who would like to achieve a sleeker look. However, back then, the look was a bit weird and imperfect, and so it was somewhat obvious when a person was using false eyelashes. Understanding this, beauty enterprises then improved their false eyelash offerings and made it more natural. Now, they were so natural that they truly look real.

Lots of women truly want eyelashes that look natural yet are classy and unique. To achieve this natural look, many women resort to trimming their false eyelashes with scissors to look in sync with their natural lash line. Some favor the appropriate color of mascara that complements their eyes, as well. Usually, dark brown is used in order to make their eyes pop and become more noticeable.

As for me, the NO.1 eyelash serum in my heart is latisse, which has won FDA approval. However, it is expensive. therefore i just choose authentic latisse online. Which is just the popular one that contains FDA approved ingredient to be so effective in helping eyelashes grow thicker and longer. Now you can easily buy latisse from official https://www.generic-latisse.com without prescription, have fun shopping!

 

 

]]>
Spring Attitude Festival: Invito Conferenza Stampa 26 settembre | ore 11.30 | Opificio Romaeuropa Mon, 17 Sep 2018 16:50:26 +0200 http://comunicati.net/comunicati/arte/musica/rock/492103.html http://comunicati.net/comunicati/arte/musica/rock/492103.html GDG Press GDG Press

Cari tutti,

di seguito l'invito alla conferenza stampa della nona edizione di Spring Attitude, il festival internazionale di musica elettronica e cultura contemporanea che torna nella Capitale dal 4 al 6 ottobre 2018.

La conferenza si svolgerà mercoledì 26 settembre presso l'Opificio Romaeuropa (via dei Magazzini Generali 20/A) alle ore 11.30.

Vi chiediamo di confermare la vostra presenza alla mail info@gdgpress.com

Grazie mille e buon lavoro

Michela Rossetti

Gdg Press

info@gdgpress.com

+347 9951730


Se non desideri ricevere comunicazioni di questo tipo in futuro puoi disiscriverti cliccando qui

]]>
Romaeuropa: al via dal 19 settembre al 25 novembre con la prima italiana di “Kirina”, l'opera africana di Serge-Aimé Coulibaly Mon, 17 Sep 2018 14:12:27 +0200 http://comunicati.net/comunicati/arte/musica/rock/492088.html http://comunicati.net/comunicati/arte/musica/rock/492088.html GDG Press GDG Press Cari tutti,

si è svolta oggi la conferenza stampa inaugurale del Romaeuropa Festival 2018 con la presentazione dello spettacolo di apertura del Festival Kirina, alla presenza del coreografo Serge-Aimé Coulibaly. In conferenza stampa sono intervenuti Monique Veaute, Presidente Fondazione Romaeuropa, e Fabrizio Grifasi Direttore generale e artistico Fondazione Romaeuropa.

A seguire il comunicato stampa di "Kirina" e i link per scaricare i materiali stampa.

Grazie,

Buona giornata 

Giulia Di Giovanni

SCARICA IL COMUNICATO DI "KIRINA"

SCARICA IL COMUNICATO GENERALE DEL FESTIVAL

SCARICA LE FOTO DI "KIRINA": https://www.dropbox.com/sh/tpefmgpn65un7bk/AADhydqCy7wM3tpMGLDeb182a?dl=0

SCARICA LE FOTO DI "OUMOU SANGARÈ'": https://www.dropbox.com/sh/p6kuoycap4zpqj1/AAD7tL4WG8LoZL3GF5HKcLnQa?dl=0

SCARICA TUTTE LE FOTO DEL FESTIVAL:  https://www.dropbox.com/sh/y11l7i7rsrre6no/AADG_vX7iXivCpoSnko5HRKla?dl=0

INAUGURAZIONE ROMAEUROPA FESTIVAL 2018

prima italiana

 

Serge-Aimé Coulibaly �“ Rokia Traoré �“ Felwine Sarr

Kirina

Opera africana

Teatro Argentina | 19 �“ 22 settembre 2018 | ore 21

(sabato 22 ore 19)

GUARDA IL TRAILER DI "KIRINA"

in foto: Kirina (c) Philippe Magoni

Inaugurazione all’insegna dell’incontro tra due continenti quella del trentatreesimo Romaeuropa Festival. È infatti la prima italiana di Kirina, lo spettacolo firmato dal coreografo burkinabé Serge-Aimé Coulibaly, la cantate maliana, icona della musica mondiale, Rokia Traoré e lo studioso e scrittore Felwine Sarr ad aprire, il 19 Settembre al Teatro Argentina (in replica fino al 22), il percorso tra i mondi che anima questa edizione del festival il cui titolo è, non a caso, Between Worlds.

«Kirina ci introduce ai temi e ai percorsi che saranno affrontati durante Romaeuropa Festival 2018» afferma Fabrizio Grifasi, direttore generale e artistico della Fondazione Romaeuropa, presieduta da Monique Veaute, «un Festival Mondo che fisicamente intercetta e convoglia pensieri e progetti, incrocia temi e questioni al cuore del nostro vivere come modalità di libero sviluppo della ricerca artistica, sovrapponendo le generazioni ed eleggendo le contraddizioni e le diversità al cuore del proprio operare come pratica di racconto del presente attraverso le opere degli artisti che riteniamo significativi. L’essenza stessa della nostra missione si colloca in questo spazio “in between”, luogo di mediazioni e riconciliazioni tra opposti, ambito di riflessioni e accoglienza»

Ed è in quest’ottica che il festival proseguirà nel mese di settembre all’Auditorium Parco della musica con il live della maliana Oumou Sangarè, altra icona della world music che presenterà il suo ultimo album Mogoya (22 settembre); con il teatro “documentato” degli spagnoli Agrupación Señor Serrano che con Kingdom affronteranno il tema del capitalismo affiancandolo ironicamente alla figura di King Kong e alla storia delle banane (25 e 26 settembre) e con i việt kiều raccontati della giovane Caroline Guiela Nguien nel suo Saigon, spettacolo toccante e intenso interamente ambientato in un ristorante vietnamita, ponte d’incontro tra il Vietnam degli anni Cinquanta e la Francia di oggi (29 e 30 settembre). Al Teatro Argentina l’israeliana Sharon Eyal insieme a Gai Behar, con cui guida la compagnia L-E-V, presenterà il suo seducente Love Chapter II (il 25 e il 26 settembre) mentre il libanese Omar Rajeh in #minaret s’interrogherà sul nostro ruolo dinanzi ad atti di distruzione - come quello che ha raso al suolo Aleppo e la sua storia - in una coreografia per corpi, droni e suoni (29 e 30 settembre). Passaggio di testimone tra Short Theatre e il REf18 è invece la performance The Quiet Volume di Ant Hampton e Tim Etchells nella Biblioteca Enzo Tortora (dal 20 al 29 settembre).

Talk di approfondimento e momenti di confronto il 18 Settembre in Opificio Romaeuropa alle 18.30 con Felwine Sarr in dialogo con Aboubakar Soumahoro e Francesca Caferri, il 27 Settembre (sempre in Opificio alle 18.30) con Omar Rajeh e Paolo Matthiae e, il 29 settembre, con la franco-vietnamita Caroline Guiela Nguyen. Discussione post spettacolo il 25 Settembre con Agrupación Señor Serrano per il ciclo Post It.

KIRINA

Nasce dall’energia di una crew d’eccezione composta da Serge-Aimé Coulibaly, Rokia Traoré e Felwine Sarr, Kirina, opera africana per 9 danzatori, 1 attore, 4 musicisti, 2 cantanti e 40 figuranti (selezionati, per le repliche romane, tra gli studenti dell’Accademia Nazionale di Danza). Definito dal New York Time come uno spettacolo «sbalorditivo» capace di fondere sulla scena «danze ritualistiche, estatiche e sudate, musica propulsiva e una narrazione incantatoria in lingua francese» e di dar vita a «un’arte fresca ed elettrizzante», Kirina nasce nel segno dell’incontro tra mitologia africana e cultura occidentale. Fonte d’ispirazione per i tre creatori è, infatti, la mitologia mandinga e in particolare l’epopea di Soundjata Keita, il poema epico che racconta della fondazione dell’Impero del Mali nel tredicesimo secolo. Il titolo dello spettacolo è il nome della località situata nell’odierna Guinea dove si è svolta l’ultima battaglia da cui è nato l’impero mandingo. Un momento storico in cui si potrebbe individuare l’origine di una storia africana radicata nel rispetto della dignità umana e caratterizzata da un lungo periodo di pace e prosperità. Trasmessa dalla tradizione orale in molte versioni e diverse lingue, l’epopea ha occupato e continua a occupare un posto molto importante nella cultura dell’Africa Occidentale fungendo da fonte d’ispirazione per molti artisti. Ma questo bagaglio culturale è per Serge-Aimé Coulibaly solo un modo per far risuonare il presente, restituire un’immagine dell’Africa lontana dagli stereotipi con cui è raccontata dai media occidentali, rintracciare i punti di contatto tra la storia di due continenti e visualizzare la marcia eterna del mondo. In scena cumuli di abiti, danza tradizionale e contemporanea, musiche energiche e coinvolgenti disegnano la marcia di un popolo in continuo movimento e trasformazione a sua volta narrata dallo slam-rock di un griot (poeta e cantore della tradizione africana) ricontestualizzato nel presente ma capace di attraversare la Storia. Ieri come oggi: esili, spostamenti, lotte, ricchezze e povertà e incontri spingono l’uomo verso il futuro.

SERGE-AIMÉ COULIBALY | Nato nel 1972 a Bodo-Dioulasso, la capitale economica del Burkina Faso, Serge-Aimé Coulibaly lavora come danzatore e coreografo prima in Africa dove nel 1998 firma le coreografie per la cerimonia di apertura dell’Africa Cup of Nations e poi in Europa dove, trasferitosi nel 2001, danza in alcune delle più importanti opere de les ballets C de la B di Alain Platel e di Sidi Larbi Cherkaoui, prima di formare la sua compagnia Faso Danse Théâtre.

ROKIA TRAORÉ | Tra le regine della nuova musica africana e tra le musiciste e cantanti più richieste in Europa e nel mondo, Rokia Traoré mescola musica tradizionale e influssi moderni che vanno dal blues all’elettronica, dal rock-n-roll al jazz. La riscoperta delle proprie tradizioni ha portato la musicista e cantante alla fama internazionale. Oggi Rokia è impegnata nella riscoperta della tradizione mandinga e in particolare dei canti dei griot, cantori custodi della genealogia del proprio popolo.

FELWINE SARR | Considerato uno dei più importanti economisti e studiosi africani, Felwine Sarr ha rivoluzionato il modo in cui guardiamo il continente africano con il suo Afrotopia, un libro in cui unisce al suo acuto sguardo da economista, arte, cultura e letteratura. La sua visione del mondo africano incrocia in maniera inedita l’occidente, individuando il modo in cui l’Africa ha contribuito allo sviluppo della musica, della danza, del teatro e dell’immaginario nel mondo odierno. Lo studioso rivendica una lettura autonoma e lontana dall’immagine stereotipata del continente per fuggire la retorica del modello di sviluppo occidentale.

GUARDA IL TRAILER DI "KIRINA"

GUARDA IL TRAILER DI ROMAEUROPA

SCARICA IL COMUNICATO DI KIRINA

SCARICA IL COMUNICATO GENERALE DEL FESTIVAL

SCARICA LE FOTO DI "KIRINA": https://www.dropbox.com/sh/tpefmgpn65un7bk/AADhydqCy7wM3tpMGLDeb182a?dl=0

SCARICA LE FOTO DI "OUMOU SANGARÈ'": https://www.dropbox.com/sh/p6kuoycap4zpqj1/AAD7tL4WG8LoZL3GF5HKcLnQa?dl=0

SCARICA TUTTE LE FOTO DEL FESTIVAL:  https://www.dropbox.com/sh/y11l7i7rsrre6no/AADG_vX7iXivCpoSnko5HRKla?dl=0

Info e biglietteria

Tel. 06 45 55 30 50/51, email promozione@romaeuropa.net

Ufficio Stampa Romaeuropa Festival 2018 

Tel. 06-455305014 | email: m.pasquini@romaeuropa.net; m.antonaci@romaeuropa.net; gdgpress@gmail.com

 Richiesta Accrediti (disponibilità limitata):  ufficiostampa@romaeuropa.net

 www.romaeuropa.net

Se non desideri ricevere comunicazioni di questo tipo in futuro puoi disiscriverti cliccando qui

]]>
RICCARDO MAFFONI: “SETTE GRANDI” è il secondo singolo estratto dall’album “Faccia” Mon, 17 Sep 2018 13:31:17 +0200 http://comunicati.net/comunicati/arte/musica/rock/492044.html http://comunicati.net/comunicati/arte/musica/rock/492044.html L'Altoparlante L'Altoparlante

 

Il cantautore rock dal 6 luglio in radio con un brano che, attraverso un linguaggio ironico, offre una lucida visione di alcune problematiche sociali che corrodono la nostra società.


“Sette Grandi” è musicalmente un rock ‘n roll, anche se non nella forma più classica, caratterizzato da chitarre elettriche e piano in evidenza.


«Dietro un testo ironico si nasconde del sarcasmo, contro quei “Sette Grandi” che vogliono anche il petrolio sotto casa mia. E allora non mi resta che scappare con la mia donna mentre il caterpillar è pronto a distruggere tutto quello costruito in una vita. Ecco cos’è quel petrolio, la ricchezza guadagnata senza sconti, sudata, lavorata giorno per giorno». Riccardo Maffoni



Il pezzo è estratto dall’album “Faccia”, un disco che assume le caratteristiche di un grande quadro con tante immagini facenti parte dello stesso grande disegno. Le immagini sono le canzoni, il quadro è l’album. E un quadro grande va guardato da lontano, dedicandogli il giusto tempo per mettere a fuoco tutta l’opera. Lo stesso vale per un disco, va ascoltato, messo a fuoco, percepito. Ogni canzone è un mondo a sé, ovviamente, ma ognuna di esse è legata da questa urgenza di comunicare ogni stato d’animo, dalla rabbia alla frustrazione, alla solitudine, all’abbandono, alla voglia di reagire, alla voglia di ripartire, alla voglia di esserci e non smettere.

«Questo è Faccia. Non è metterci solo la Faccia, è metterci tutto quello che sono, metterlo nelle mie canzoni, nella mia voce, nella mia chitarra, nelle mie parole. Registrare quest’album è stato un lavoro costante di ricerca, un lavoro costante di creatività, senza scadenze temporali se non il mio appagamento artistico. Per me la musica è tutto questo, è la condivisione di una emozione». Riccardo Maffoni


DICONO DI LUI


“Variegato e coinvolgente vi farà ricordare i vari Tom Petty, Bob Dylan, Neil Young più intimi e delicati pur non disdegnando una spruzzata di musica nostrana. Insomma, un album che segna il ritorno in grande stile del cantautore bresciano”. Onda Musicale


“Riccardo è riuscito a trasmettere e condividere emozioni private con la gente che lo ascolta”. Viva Low Cost


“Faccia non si imposta nessuna scadenza, nessuna data affinchè il risultato fosse davvero solo la somma delle emozioni e dei sentimenti che fare musica può trasmettere”. Audiofollia


“Faccia è un lavoro che racchiude finemente canzone d'autore, rock velato, quel pop raffinato che sembra essersi perso”. Clap Bands


“Faccia è un disco sentito e sincero. Due caratteristiche imprescindibili per percepire l’essenza di un’opera musicale. Riccardo Maffoni è un artista che non ha paura di mettersi a nudo, e questo è sempre un regalo bellissimo”. La Musica Rock




Autoproduzione


Radio date: 6 luglio 2018

Pubblicazione album: 6 aprile 2018


BIO

Riccardo Maffoni nasce il 2 giugno 1977 a Orzinuovi, in provincia di Brescia. Inizia a suonare da autodidatta nel 1991: la sua prima chitarra, una Fender Redondo acustica che ancora possiede, gli viene regalata dai suoi genitori il giorno della Cresima. Inizia a fare esperienza con diversi gruppi locali, fra i quali vanno ricordati i Killjoy, rockblues band con cui incide una demo nel 1995, e gli Stone Angels, duo acustico con il musicista Enrico Mantovani, per poi dedicarsi all’attività solista nel 1997. Da allora incide tre demo di composizioni per chitarra e voce: “Demo Primo” nel 1999 (8 canzoni), “Riky 2.5” nel 2000 (9 brani) e “Altri tipi di canzoni Vol.1” nel 2001 (8 pezzi). Il debutto solista avviene in un’esibizione acustica nella città di Crema durante uno show tributo a Bruce Springsteen. Nella sua intensa attività live, apre i concerti di numerosi artisti italiani e stranieri, fra cui Willie Nile, Graham Parker, Cheap Wine, Joe D’Urso e Jaime Dolce. Anche la PFM e i Nomadi chiamano Riccardo Maffoni come supporter: il 30 gennaio 1999 suona a Lumezzane in una serata speciale con la Premiata Forneria Marconi; mentre la band di Novellara, gli eredi del grande Augusto Daolio, lo invitano a esibirsi prima di ogni loro concerto tra il novembre e il dicembre 2003: è la prima volta che i Nomadi vogliono un supporter unico in un loro tour. Il live con la PFM è frutto della vittoria del “Premio Speciale Fandango”, una competizione locale che però ha il merito di segnalarlo all’attenzione dei colleghi musicisti. Negli anni successivi Riccardo conquista altri riconoscimenti importanti: nel 2000 riceve il “Premio Piero Ciampi, Città di Livorno, Omaggio a Stefano Ronzani” (il grande giornalista scomparso, a cui ha reso omaggio anche Ligabue con il brano “Il giorno di dolore che uno ha”), che gli viene assegnato, si legge nella motivazione ufficiale, per aver dimostrato di possedere originalità e un talento artistico musicalmente nuovo. L’anno successivo (2001) è fra gli otto finalisti del “Premio Città di Recanati”, ricevendo la Targa Stream come vincitore delle selezioni televisive: il suo brano “Una grande rosa rossa” viene inserito nel cd ufficiale della rassegna di Recanati. Nel 2002 trionfa al Festival di Castrocaro con la canzone “Le circostanze di Napoleone” e partecipa successivamente al programma “Destinazione Sanremo” (RAI 2), ricevendo critiche lusinghiere dalla giuria tecnica. Nel 2002 firma il suo primo contratto discografico con la CGD East-West (WARNER MUSIC ITALIA) e nel 2003 entra in studio per incidere il disco di debutto. Il 13 febbraio 2004 Riccardo Maffoni pubblica l’album “Storie di chi vince a metà”, preceduto dal singolo radiofonico “Viaggio libero”. Il giorno dopo la pubblicazione dell’album, partecipa al “XII° tributo ad Augusto”, raduno annuale dei Nomadi che si svolge puntualmente a Novellara. Suona la sera del 14 febbraio accompagnandosi solo con la chitarra e il pomeriggio del giorno seguente insieme alla sua band davanti a più di cinquemila persone. Del singolo “Viaggio libero” viene girato un videoclip dal regista veronese Gaetano Morbioli. A marzo apre i concerti della star internazionale Van Morrison; il 17 all’Auditorium di Roma e il 18 al Teatro Smeraldo di Milano. In primavera riceve la targa di riconoscimento quale primo classificato del “Gran Premio di Primavera 2004” indetto da Radio Italia e Video Italia con il singolo “Viaggio libero”. E’ supporter per le uniche due date italiane della rockstar Alanis Morissette: il 7 luglio a Faenza e il 10 a Taormina nella splendida cornice dell’anfiteatro greco. Il 23 luglio è invitato a partecipare alla 13° edizione del festival “L’isola in collina” notte di note d’autore, tributo a Luigi Tenco a Ricaldone (Al). Il 22 ottobre 2004 esce il secondo singolo intitolato “Uomo in fuga” che viene scelto dalla Fondazione Marco Pantani Onlus per rappresentare qualsiasi manifestazione ufficiale riconducibile al ciclista, come colonna sonora del sito ufficiale e per la promozione di ogni attività benefica. Di “Uomo in fuga” è stato girato anche un video (sempre col regista Gaetano Morbioli) nel quale, oltre a Riccardo e ad altre comparse ci sono immagini del pirata durante alcune delle sue gesta ormai diventate leggenda. Lo stesso titolo della canzone è utilizzato per il libro di Manuela Ronchi (manager del ciclista) che narra la vita di Pantani. Dopo l’uscita del secondo singolo si esibisce in vari locali del nord Italia ed in seguito viene chiamato come supporter per due musicisti di culto della musica rock, quali Elliott Murphy e Garland Jeffreys. Nel Marzo 2006 partecipa e vince il 56° Festival di Sanremo nella sezione giovani con il brano "Sole negli occhi". Il 28 Febbraio viene pubblicata la nuova versione dell'album "Storie di chi vince a metà", nel quale è inserito il brano "Sole negli occhi" ed un secondo inedito dal titolo T'aspetterò. Trascorre l'estate del 2006 in giro per l'Italia a fare concerti sia con la sua band che in versione unplugged, solo con la chitarra. Nel settembre 2006 partecipa al 'Terzo Gran Galà della Solidarietà' presso il Teatro Donizetti di Bergamo: una serata organizzata a scopo benefico dall'Associazione Nepios, presentata da Pippo Baudo e Luisa Corna con la direzione artistica di Roby Facchinetti. L’orchestra è diretta dal Maestro Bruno Santori, già con Riccardo al Festival di Sanremo. Tra gli altri ospiti anche Nomadi, Zero Assoluto, Francesco Facchinetti e molti altri. Nel mese di novembre una sua poesia dal titolo 'Dentro un uomo, dentro un bambino'. Viene inserita nella raccolta 'Non sono io il principe azzurro' antologia tributo a Luigi Tenco. All'interno del volume vi sono racconti scritti da vari musicisti (Francesco Gazzè, Giulio Casale, Diego Galeri, Enrico Ghedi, Stefano Giaccone, Gigi Giancursi) che prendono spunto da canzoni del cantautore genovese. L'unica poesia è quella di Riccardo, ispirata dalla splendida 'Vedrai, vedrai'. Il 2007 allo studio e alla composizione delle nuove canzoni che faranno parte del suo nuovo cd album in uscita nella primavera del 2008. Marco Guarnerio è il produttore artistico che ha affiancato Riccardo nella produzione, durata tre mesi, del nuovo cd album composta da undici brani inediti tra cui il primo singolo estratto dal titolo “Vorrei Sapere” scritto con la collaborazione dell’amico compositore Sergio Vinci, che a poche settimane dalla pubblicazione digitale si posiziona al n°5 della classifica di vendita. Il 30 Maggio 2008 viene pubblicato il nuovo album dal titolo “Ho preso uno spavento”, il suo secondo lavoro discografico nato da un’attenta scelta tra gli oltre 60 brani inediti scritti e composti negli ultimi anni. Giugno 2008 debutta da Brescia la sua città natale il tour estivo promozionale che lo vede in tantissime piazze italiane, sia da solo che con la band, anche grazie alla notizia che da luglio a settembre 2008 farà da supporter nelle date del tour estivo dell’artista Francesco Renga. Il 31 Dicembre 2009 è tra gli ospiti del “Capodanno Dei Fiori” sul palco del Teatro del Casinò di Sanremo, con l’orchestra stabile di Sanremo diretta dal Uno in maestro Bruno Santori, in diretta audio e video su RTL e in collegamento con il Capodanno di Rai Uno in una serata dedicata ai 60 anni del festival. Nel Giugno 2010 a chiusura del tour unplugged iniziato nell’ottobre del 2009 che lo ha visto protagonista in vari club italiani per la prima volta intraprende un mini tour negli Stati Uniti, che lo porta ad esibirsi in Florida e nella Grande Mela, New York. Settembre 2010: una versione del brano “It’s hard to be a saint in the city” di Bruce Springsteen interpretata da Riccardo viene inclusanel cd “For You, a tribute to Bruce Springsteen”, una raccolta di brani del rocker americano tutti rivisitati da artisti italiani per l’etichetta Route 61.  Nel marzo del 2011 pubblica per l’etichetta Evento Musica un EP di cover in inglese dal titolo 1977 con brani di Van Morrison, Rolling Stones, Bruce Springsteen, Sam Cooke più un inedito dal titolo “You’re so good to me”. Inizialmente distribuito solamente in digitale, nel mese di dicembre viene stampato su cd in edizione limitata con l’aggiunta di 3 bonus tracks. “1977” è stato prodotto e arrangiato da Riccardo che per l’occasione ha suonato tutti gli strumenti. Il tour che ne consegue lo vede impegnato per tutto il 2011 e 2012 e per la prima volta si spinge anche in Svezia. 8ottobre 2011, Bosco Dei Faggi, Linate: durante la commemorazione del decimo anniversario della strage di Linate 2001, Riccardo esegue e presenta per la prima volta il brano “A Saperlo Prima”, brano scritto con il giornalista Fabrizio Tummolillo, autore del testo, musicato poi da Riccardo, in ricordo delle vittime. Sempre nel mese di ottobre viene pubblicato il libro “Brucetellers”, una raccolta di “storie” al quale ha contribuito anche Riccardo con il racconto “Nel Palmo Della Mia Mano”.  Al progetto benefico, tutto il ricavato verrà devoluto in beneficenza, hanno “aderito” 90 tra giornalisti, scrittori, musicisti, disegnatori, fotografi, liutai, grafologi, collezionisti e semplici fan, uniti dalla comune passione per la musica di Bruce Springsteen. 6 dicembre 2011: Trieste. Riccardo è l'ospite italiano nella data di Trieste del Light Of Day Benefit Tour, tour benefico itinerante della Light Of Day Foundation, fondazione americana con lo scopo di raccogliere fondi destinati alla lotta contro il parkinson. Per l’importante occasione divide il palco con rinomati artisti del cantautorato americano quali Willie Nile, Joe D'Urso, James Maddock e Israel Nash Gripka. Da cantautore sempre attento alle tematiche sociali quanto alle proprie origini nel 2013 e nel 2015 due suoi brani in dialetto “La vita l'è öna" e "Ön pit de nó" quest’ultimo con testo del poeta Lino Marconi, vengono inseriti in due raccolte dal titolo "Goi De Contala - Vol.13 & 15” dedicate alla valorizzazione della lingua della sua terra. Molto impegnato nell’ambito live, in due occasioni, nel 2013 e nel 2015 si esibisce in due concerti molto speciali, all’interno delle due rispettive carceri di Mombello e Verziano della città di Brescia.  Il 2016 e 2017 sono anni molto importanti, dedicati soprattutto alla scrittura del nuovo materiale e alla registrazione del suo nuovo album che vedrà la pubblicazione nel mese di aprile del 2018.  Il titolo del nuovo album è “Faccia”. Tutti i brani contenuti nell’album, sia musiche che testi, sono firmati da Riccardo che ha prodotto e arrangiato l’album insieme al produttore e musicista Michele Coratella.



Contatti e social

Sito www.riccardomaffoni.it

Facebook www.facebook.com/riccardomaffoni

Twitter www.twitter.com/riccardomaffoni

Canale Youtube www.youtube.com/RiccardoMaffoniMusic

 

Instagram www.instagram.com/riccardomaffoni

]]>
L'été à mi-mandat avant le mariage Mon, 17 Sep 2018 11:04:10 +0200 http://comunicati.net/comunicati/arte/musica/rock/492020.html http://comunicati.net/comunicati/arte/musica/rock/492020.html munloy munloy
«Nous les avons utilisés pour habiller les sièges de balles de foin robe de mère de mariée, les nappes et également comme toile de fond pour la cérémonie, en plus des tables de service, etc.»


«Nous avons organisé une parade autour du village en visitant les« éléments »en cours de route; feu, eau, air, terre et vide! Andrew a organisé une mini cérémonie à chaque élément, le fils d’un ami exécutant une danse à la baguette de feu et nous fumant en nettoyant des «bâtons de fumée» pour faire du feu. Nous avons bu de l'eau d'un gobelet pour l'élément de l'eau. Ensuite, pour l’air, nous avons eu un petit moulin à vent coloré et des bulles géantes. Pour la terre robe de soirée 2018 longue, notre célébrant nous a donné des bindi bruns d’eau et de terre. Et pour le vide, nous avons tous effectué un déménagement sous l'arc d'entrée du village. Puis en tant que mariée et marié, nous avons frappé un marié et la mariée Pinata! "]]>
Up to 80% off runescape gold exchange on The Trusted Site for RuneScape Soundtrack Sep.21 Mon, 17 Sep 2018 10:31:44 +0200 http://comunicati.net/comunicati/arte/musica/rock/492013.html http://comunicati.net/comunicati/arte/musica/rock/492013.html Nash Nash Instead of speaking for others, I will speak for myself. The fastest way to lose me as a friend is runescape gold if you have double standards. If you expect me to be absolutely perfect and you can make any mistake you want. then when you look beside you to see if I still there, I be long gone. It will be too late. I have a lot of patience and forgiveness and tolerance, and if my so called friends can respect that, they can find new ones who are willing to put up with their attitude. :)

Guys!RSorder has come into the gaming field since more than 10 years ago, and we can provide the most professional service when you want to buy cheap RuneScape gold here. Meanwhile, our gold is very convenient to get.Now The new version of Mobile is live, you can buy All RS products with mobile conveniently and quickly!

5% more gold code:RSYK5 for all rs products & 10% osrs accounts code:OSRSA10 for all rs accounts anytime!

Gamers, YouTubers, entrepreneurs, organisations and major brands are using the Spreadshirt platform to open their own free and independent online shop where they create and sell custom t shirts and other clothing or accessories with their designs, logo or text. Embedding the shop in a website or blog, along with the smart use of social networking tools,

Please note that flashing is technically illegal, in or out of the French Quarter. However, such goings on are generally ignored by police, whose main job is to prevent outbreaks of violence, thefts and other more serious crimes during the jammed holiday. The further you are from Bourbon Street, the more strictly such laws are enforced.

And flashing in the family oriented Garden District, for example, is likely to get you free room and board at Orleans Parish Prison. And dropping one's trousers in the street is ill advised in any area.allows shop partners to reach their communities and fan base, providing them with customised products they identify with and love to wear.

12. URL shorteners are not permitted. Gotta gain like 3 levels and eat summer pie before I can do the agility one than the reaper task and I planning to use subcontracts for the rest. Except I might be able to do the resource gathering one because I have 99 wc right?(not sure how that one works). Anyways I counted that I will need 25 35 subcontracts depending on if I can do one or both of those tasks.

Wonderful Giveaway:Up to 80% off RS Gold&RS 2007 Gold on Rsorder for you to experience RuneScape Soundtrack at 3:00 a.m. GMT on Sept 21!Snap immediately by https://www.rsorder.com/x-off-sale?

Long-Term Discount Code:7% off Code SYTHE to buy RS Gold from http://www.rsorder.com/rs-gold Anytime!

]]>
Best place to buy OSRS gold on RSgoldfast Mon, 17 Sep 2018 03:11:55 +0200 http://comunicati.net/comunicati/arte/musica/rock/491974.html http://comunicati.net/comunicati/arte/musica/rock/491974.html rsgoldfast2018 rsgoldfast2018 Buy RuneScape OSRS gold & RS3 gold both 5% extra bonus,more cheap coins in https://www.rsgoldfast.com/

 

 

 

It's created for running the Eternal Labyrinth--an endPOE match dungeon with all sorts of nasty traps and randomized properties--but may fare well enough in  RSGOLDFAST ordinary areas also.Thicc Jugg employs the melee skill Cleave to deal damage, but what really makes it special is the insane number of defensive layers which allow you to get nigh unstoppable. You can literally just stand facing a few of Path of Exile's toughest supervisors and eat the full force of the attacks without taking damage.

 

This is great for beginners, as the extra survivability will definitely assist in later regions when the difficult starts to scale up significantly. Another fantastic perk is that this build is renewable without relying on flasks, therefore beginners have less things to worry about in the heat of combat.There's a downside in that all the defense leaves the Thicc Jugg a little light on crime. Clearing places and killing directors will take longer, which is not great if you are looking to tear through Path of Exile's ten acts on your way to endPOE game.

 

If slow and steady wins the race is the mantra, consider this construct.Here is Engineering Eternity's written guide. Be sure to take time and know how all the defensive layers work together.In case the notion of owning a horde of spell-slingling skeleton mages obliterating packs of enemies to you sounds appealing, then look no further.

 

This Skeleton Summoner is a complicated build that relies on a cheap unique called The Baron in addition to 2 unique gems called Dead Reckoning to summon up to RuneScape gold  nine skeletal mages which will then slaughter enemies for you. That is an intimidating obstacle for new Path of Exile gamers, but this construct is also versatile enough which you are able to get by with melee skeletons and even zombies while you degree and scrounge up the essential money.

 

]]>
Hurry to Pick Up 7% off cheapest rs 2007 gold for OSRS Portal Nexus Until Sep.17 Sat, 15 Sep 2018 09:12:54 +0200 http://comunicati.net/comunicati/arte/musica/rock/491953.html http://comunicati.net/comunicati/arte/musica/rock/491953.html Nash Nash Episodes of hyperinflation have also been observed. In these virtual economies, the value of in rs 2007 gold game resources is frequently tied to the in game power they confer upon the owner. This power allows the user, usually, to acquire more rare and valuable items. In this regard, in game resources are not just tradable objects but can play the role of capital.

Guys!RSorder has come into the gaming field since more than 10 years ago, and we can provide the most professional service when you want to buy cheap RuneScape gold here. Meanwhile, our gold is very convenient to get.Now The new version of Mobile is live, you can buy All RS products with mobile conveniently and quickly!

5% more gold code:RSYK5 for all rs products & 10% osrs accounts code:OSRSA10 for all rs accounts anytime!

If you have additional questions, please keep in mind that I do not know what you already know or don know, or with what you need help, unless you tell me. Please consider that I am answering the question or question that is posed in your posting based upon my reading of your post and sometimes misunderstandings can occur. If I did not answer the question you thought you were asking,

The AAP recommends that elementary school age children engage in no more than one hour of screen time a day, and high schoolers no more than two. For example, players of marbles games might wager marbles, and likewise games of Pogs or Magic: The Gathering can be played with the collectible game pieces (respectively, small discs and trading cards) as stakes,

Woodcutting is known as one of the easiest skills to master on Runescape and this is due to the short amount of time and little effort it takes to get to 99. In order to get 99 woodcutting it should take between 5 7days playing time using my guide. Allot of players go AFK (away from keyboard) when woodcutting and this is because once you start to chop choking ivy you don't need to sit over your character and watch him,

After you figure out what runes you want to put on your stones the next hard part is to figure out what kind of stones to use. You want to choose stones with a meaning and that you like and will want to use. I chose Sodalite because it has power, healing, and luck properties and I just liked the color and the stone.

RS Players!Time to Enjoy OSRS Portal Nexus Built in New POH Room with Up to 7% off Runescape 2007 gold/runescape gold with Code WSL7 on Rsorder Until Sep.17!Snap immediately by http://www.rsorder.com?

5% off code WSL5 without any limited!
7% off code WSL7 for order $100+!

Long-Term Discount Code:7% off code SYTHE to buy RS 2007 Gold cheap Anytime!

]]>
Kate Moss è il nuovo singolo dei Management, in radio da oggi e online su tutte le piattaforme digitali Fri, 14 Sep 2018 14:20:39 +0200 http://comunicati.net/comunicati/arte/musica/rock/491925.html http://comunicati.net/comunicati/arte/musica/rock/491925.html GDG Press GDG Press

“KATE MOSS”

 

È il singolo dei

 

 MANAGEMENT

ASCOLTALO QUI: https://island.lnk.to/katemoss

 

In rotazione e on line su tutte le piattaforme dal 14 settembre

 

“Kate Moss” è il primo singolo dei MANAGEMENT di Luca Romagnoli e Marco Di Nardo, in rotazione in radio e online su tutte le piattaforme digitali da oggi 14 settembre per Island Records.

Dopo l’ultimo album “Un Incubo Stupendo” (La Tempesta, 2017) la band abruzzese (ex Management del Dolore Post Operatorio) inaugura una nuova fase 2.0 con un taglio al nome e un nuovo singolo prodotto da Antonio Filippelli, più elettronico rispetto alle canzoni precedenti. LINK ASCOLTO: https://island.lnk.to/katemoss

Sul perché del nome abbreviato la band risponde: 

E’ una scelta di “Management”, siamo sempre stati contraddittori e incoerenti.
Questa è la nostra forma di coerenza. Quando sei incoerente SEMPRE, diventi coerente.

 L'immagine di copertina ritrae un fotoritocco del volto di Kate Moss, musa ispiratrice e icona per eccellenza della moda, per l'occasione photoshoppata all’inverosimile fino a diventare una figura mostruosa e surreale. Sono gli effetti della manipolazione nella società dell’immagine e dell’esasperazione estetica. Un'epoca social-dipendente, dove il maggior numero di followers detta legge e “un bel culo può avere più seguaci di Confucio” o “dove non sempre è bello ciò che bello, ma molto spesso è bello solo quello che è bellissimo”.

 Il video della canzone, in anteprima oggi su Rolling Stone Italia  e disponibile su Youtube da lunedì 17 settembre,  ha uno stile anglosassone: un vero quadro in movimento prodotto da Basement e diretto da Giulia Achenza, regista di fashion film e pubblicità di moda.Un ambiente asettico in cui due donne dai canoni estetici diversissimi - alla ricerca della tanto agognata perfezione fisica - si muovono con gesti onirici e surreali intorno a Luca Romagnoli e Marco Di Nardo, indifferenti e disinteressati a tanti sforzi.

 Se Albert Einstein oggi pubblicasse la teoria della relatività su Facebook, prenderebbe 12 Like. Una bella foto di un bel paio di gambe all'olio solare fritto sotto al sole e via, migliaia di followers, di Cuori e di Like, hai vinto. La giornata comincia bene e procede bene. Ogni tanto andiamo a sbirciare l'aumentare dei nostri discepoli, soddisfatti. Chi non ha un bel culo ha un gatto, chi non ha il gatto ha il cane, chi è allergico agli animali ha una vecchia e dolce nonnina pronta a sacrificarsi per le scemenze dei nipoti.  Il gioco è questo, inutile stare a criticare, inutile perdere fiato. Non ti piace? Clicca su "disconnetti". 

Eppure siamo tutti lì. Ma ci piace giocare e noi giochiamo, e tu? Sei dentro o sei fuori? È facile. Se non sei dentro non esisti, non ti si caga nessuno, allora anche a te non resta che entrare in questa giungla di tette e di facce truccate e filtrate con la bocca "a culo di gallina", che poi non è neanche male, diciamoci la verità. 

 Il singolo anticipa l'uscita del nuovo album prevista per il 2019.

 

www.management.cool

www.facebook.com/managementufficiale

www.instagram.com/managementufficiale

SCARICA IL COMUNICATO IN WORD, LA COVER E LA FOTO

 

Promotion Manager Island Records

Giorgia Aldi �“ giorgia.aldi@umusic.com

Ufficio stampa

Giulia Di Giovanni  - GDG Press �“ info@gdgpress.com

 

 

Se non desideri ricevere comunicazioni di questo tipo in futuro puoi disiscriverti cliccando qui

]]>
Romaeuropa Festival: Conferenza stampa lunedì 17 settembre ore 12 con Serge A Coulibaly + incontro con Felwine Sarr 18 settembre Fri, 14 Sep 2018 12:40:46 +0200 http://comunicati.net/comunicati/arte/musica/rock/491909.html http://comunicati.net/comunicati/arte/musica/rock/491909.html GDG Press GDG Press Buongiorno a tutti,


Di seguito l'invito alla conferenza stampa inaugurale del Romaeuropa Festival 2018 con la presentazione dello spettacolo di apertura del Festival Kirina alla presenza del suo creatore, il coreografo Serge-Aimé Coulibaly.

La conferenza si svolgerà lunedì 17 settembre presso l'Opificio Romaeuropa (via dei Magazzini Generali 20/A) alle ore 12.00.

Vi chiediamo di confermare la vostra presenza alla mail ufficiostampa@romaeuropa.net

Il giorno successivo martedì 18 settembre dalle 18.30 presso l'Opificio Romaeuropa il librettista di Kirina Felwine Sarr dialogherà con il sindacalista italo-ivoriano Aboubakar Soumahoro e con la giornalista Francesca Caferri per il primo incontro di Robinson - La Repubblica in scena con REf2018. L'ingresso è libero.

Grazie e buona giornata

Giulia Di Giovanni
Gdg Press
M. +39 3341949036 
info@gdgpress.com
www.gdgpress.com

Se non desideri ricevere comunicazioni di questo tipo in futuro puoi disiscriverti cliccando qui

]]>
Eyelash nourishment Fri, 14 Sep 2018 10:46:24 +0200 http://comunicati.net/comunicati/arte/musica/rock/491826.html http://comunicati.net/comunicati/arte/musica/rock/491826.html anna anna Eyelash nourishment is an integral part of eyelash care. The best at-home remedies to nourish lashes are various vegetable and essential oils, among which are olive, almond, coconut, and burdock oil. Moreover if to mix essential oils with vitamin A and E solutions and apply the mixture to lashes, you will strengthen your eyelashes as well. By the way the best method to apply such mixtures is using clean mascara brush. Apply it daily and the payoff would come in due time.

As for me, the NO.1 eyelash serum in my heart is latisse, which has won FDA approval. However, it is expensive. therefore i just choose authentic  latisse. Which is just the popular one that contains FDA approved ingredient to be so effective in helping eyelashes grow thicker and longer. Now you can easily buy Latisse Online without prescription, have fun shopping!

Beautiful eyelashes are impossible without beautiful shining eyes. For instance baggy lids can badly influence upon your lashes too. Facial mask made of thin cucumber slices, or raw potato as well as tea or herbal compresses would help you to get rid of baggy lids easily.

And surely it is absolutely useless to speak about eyelash care and don’t touch upon the usage of mascara. It is better to opt for mascara set for sensitive eyes if you suffer from constant reddening and irritations.

]]>
In those years we played games together-Madden 19 Fri, 14 Sep 2018 07:26:59 +0200 http://comunicati.net/comunicati/arte/musica/rock/491804.html http://comunicati.net/comunicati/arte/musica/rock/491804.html Albert Albert The main interface Madden 19 is more concise than Madden18, and the interface of ut is basically the same. The most intuitive change in the game is that the overall speed of the game is slower than the previous one. In addition, the default perspective of the game is closer than the previous one. If you liked this short article and you would like to receive more information concerning nfl 19 coins kindly go to our internet site.The picture is not much changed, the action is more realistic, the crash sound greatly enhanced pass rush is very strong, but once the breakthrough is the big empty increased the price of the tactical game.

Long shot 2.0 is a big story this time, the drama is heavy and the drama is going to follow Madden18. It's about the two main characters after they join the NFL. Looking at the achievement/trophy list, in addition to the new parts added by long shot, other basic and previous works should be similar to Madden18 as a semi-achievement/platinum god. Four more celebratory moves were added after the touchdown, depending on the key, and the defense was able to do four more celebratory moves to put someone down, such as kill.

Ut canceled the contract and added new upgrade points to challenge the amount on the side of the coin to upgrade the purple card. In addition, this year ut's silver card set can be completed with only two low silver CARDS. This means that the daily tasks of ut can only be completed with a maximum of 1000 COINS, and the fixed weekly tasks are added.

 The fast game is finally ready to go straight to the all-star team and the veteran team.For those who have any kind of queries concerning exactly where as well as how you can work with madden 19 coins, you possibly can email us on our own webpage. Once played, you can unlock the ut hidden bag. For example, both te and wr are much closer. The key value of choosing ut card in the middle route is different from that in the past. For example, the speed of ol card is removed.

]]>
MMOGO is working for supply full stock MapleStory M Mesos Thu, 13 Sep 2018 03:17:11 +0200 http://comunicati.net/comunicati/arte/musica/rock/491638.html http://comunicati.net/comunicati/arte/musica/rock/491638.html rsgoldfast2018 rsgoldfast2018 For veteran Path of Exile players, that gap is Maplestory Mesos  enormous. There's a drawback, however, in that should you fail to kill your four animals in the arena, they will be set free and you're going to lose your chance to acquire the crafted item.Wilson states that there's heaps of new recipes Path of Exile players may find, and Bestiary will be instantly available to brand new Path of Exile players. Unique monsters found in the very first few minutes will have beneficial recipes associated with them that will help Path of Exile players craft incredibly useful early-POE game items, like boots using a movement speed modifier.

 

Later on, much more powerful recipes available up. For crafters, this is extremely useful since you can essentially make a backup of a great magic item base before attempting high risk, high reward crafts to make the item better. Obviously, a part of the enjoyment of challenge leagues such as Bestiary is operating through the set of accomplishments in exchange for trendy cosmetic items, so Path of Exile players that do not love crafting will still be invited to devote some time shooting monsters.

 

We've attempted to kitchen-sink the crafting system in which potential so that there's interesting things to do this touches every aspect of it. It is possible to just make remedial items as you're playing through, you can craft certain kinds of weapons that are rare," Wilson says.For endPOE game Path of Exile players, Bestiary includes four new spirit animal bosses that can be recorded and used for crafting.

 

These particularly tough encounters offer up more than  buy Maple story M Mesos just more crafting options, but but also Path of Exile's first-ever gear collections. Unlike Diablo 3, Path of Exile never had equipment that unlocked special bonuses when sporting more than one piece of a specific set. These new soul animal sets change that, but with a distinctive Path of Exile spin.

]]>
DOMANI 13 SETTEMBRE A CASTEL SANT'ANGELO UNA PREZIOSA SPINETTA DEL '500 APPENA RESTAURATA TORNA A SUONARE IN UN EVENTO UNICO Wed, 12 Sep 2018 11:14:35 +0200 http://comunicati.net/comunicati/arte/musica/rock/491554.html http://comunicati.net/comunicati/arte/musica/rock/491554.html GDG Press GDG Press

SERE D’ARTE

presenta

Giovedì 13 settembre 2018

Sala Paolina - Castel Sant’Angelo - Roma

ore 18.30

Presentazione del restauro della spinetta

Edith Gabrielli - Saluto

Marco Barletta �“ Il restauro attraverso le immagini

Francesco Zimei �“ Funzioni e contesto di una spinetta rinascimentale

Andrea Chegai - Conclusioni

Visita della mostra Armi e potere nell’Europa del Rinascimento

Brindisi

ore 20.30

Le muse di Vulcano

Musica, armi e amore ai tempi di Paolo III Farnese

Maurizio Croci spinetta
Evangelina Mascardi
vihuela

nell’ambito di

ARTCITY 2018 

Ultimo appuntamento per Sere D'Arte, la rassegna musicale a Castel Sant'Angelo nell'ambito di ArtCity 2018.

Protagonista assoluto della serata di giovedì 13 settembre è un gioiello ritrovato: una preziosa spinetta della fine del ‘500, strumento a tastiera diffusissimo tra fine Quattrocento e inizio Seicento. Parte della collezione del Museo Nazionale di Castel Sant’Angelo, è frutto di un lungo restauro conclusosi da poco che testimonia il forte impegno del Polo Museale del Lazio nel recupero e la valorizzazione delle collezioni permanenti. Donata nel 1916 da Mario Menotti insieme a dipinti e arredi per la Sala di Amore e Psiche degli appartamenti di Paolo III Farnese, databile intorno al 1570, la spinetta era in un ottimo stato di conservazione e aveva mantenuto integra la struttura lignea originaria, permettendo un restauro conservativo tale da restituirne appieno la funzionalità fonico-meccanica.

Alle ore 18.30 il magnifico strumento verrà presentato al pubblico in un incontro dove, introdotto dal direttore del Polo Museale del Lazio Edith Gabrielli, interverrà Marco Barletta, che insieme ad Andrea Restelli, nome d’eccellenza del restauro di tastiere storiche, si è occupato dello strumento, per mostrare attraverso le immagini il lavoro compiuto. A seguire Francesco Zimei, musicologo, fondatore e presidente dell’Istituto Abruzzese di Storia Musicale e vicepresidente del Centro Studi sull’Ars nova italiana del Trecento di Certaldo, illustrerà la storia della spinetta in Italia nel XVI secolo. Le conclusioni saranno infine affidate al musicologo e pianista Andrea Chegai, professore di Storia della Musica all’Università Sapienza di Roma.

Subito dopo, la spinetta tornerà finalmente a suonare nel suo contesto di appartenenza.

Alle 20.30 la Sala Paolina ospiterà infatti Le Muse di Vulcano. Musica, Armi e Amore ai tempi di Paolo III Farnese, un concerto che vedrà esibirsi insieme Maurizio Croci alla spinetta ed Evangelina Mascardi alla vihuela, strumento a pizzico in gran voga nella Spagna del Cinquecento.

Il repertorio illustra una pratica musicale aristocratica che rimanda alla figura del cortegiano, abile nell’uso delle armi ma anche uomo di lettere e arti. Da qui la presenza nel programma della vihuela, il cui repertorio era spesso sovrapposto e interscambiabile con quello per tastiera. Diffusissima in Spagna, alter ego del liuto in Italia, la vihuela avrà senza dubbio risuonato nelle stanze da cui provengono alcuni dei rari (e anch’essi restaurati per l’occasione) pezzi della mostra recentemente inaugurata ”Armi e potere nel Rinascimento europeo”, dedicata al mondo delle armi in età rinascimentale e visitabile entro le 19 con un biglietto unico.

Il repertorio, basato su musiche di Cabezón, Henestrosa, Francesco da Milano e Capirola, diventa dunque programmaticamente trait d’union fra gli ambienti rinascimentali degli appartamenti di Paolo III Farnese, Sere D’Arte e la mostra in corso, a sottolineare un intervento di tutela e valorizzazione a tutto tondo.

Entrambe le proposte culturali fanno parte delle tante iniziative del Polo Museale del Lazio per la valorizzazione di Castel Sant’Angelo, come la creazione di nuovi percorsi di visita e il restauro delle Olearie di Urbano VIII, appena restaurate e visitabili per la prima volta.

Sere D’Arte si inserisce nell’ambito di ArtCity 2018, la programmazione del Polo Museale del Lazio diretto da Edith Gabrielli che da giugno a settembre offre ai cittadini della Capitale e ai tanti turisti in visita nel nostro Paese oltre 150 iniziative, fra arte, architettura, letteratura, musica, teatro, danza e audiovisivo nei luoghi più belli del patrimonio storico artistico e archeologico del territorio laziale e che nella scorsa edizione ha registrato complessivamente quasi 600.000 presenze.

giovedì 13 settembre ore 18.30

Presentazione del restauro della spinetta

ore 20.30 concerto

Le Muse di Vulcano. Musica, Armi e Amore ai tempi di Paolo III Farnese

Maurizio Croci spinetta

Evangelina Mascardi vihuela

musiche di Cabezón, Henestrosa, Francesco da Milano, Capirola

INFO

Museo Nazionale di Castel Sant’Angelo

Lungotevere Castello, 50 - 00193 ROMA

Biglietti

Gli eventi sono accessibili con il biglietto unico per un ingresso a Palazzo Venezia e uno a Castel Sant’Angelo fino a esaurimento posti

intero € 15,00

ridotto € 7,50

Info e prenotazioni

seredarte@gmail.com

+39 06 32810410

(dal lunedì al venerdì ore 9-18 e il sabato ore 9-13)

La prenotazione è prevista per un numero limitato di posti, garantiti solo entro 30 minuti prima dell’orario d’inizio dello spettacolo.

www.art-city.it

https://facebook.com/ArtCityEstate2018

https://www.instagram.com/artcity2018/

https://twitter.com/ArtCity2018?lang=it

SCARICA IL COMUNICATO STAMPA

SCARICA LA FOTO 1

SCARICA LA FOTO 2

SCARICA LA CARTELLA STAMPA: https://www.dropbox.com/sh/lkn1tqo8wmvt9sr/AABrHLKKoo1HLyTIAjpuLBJBa?dl=0 

Ufficio stampa GDG Press

 www.gdgpress.com
www.facebook.com/gdgpress.ufficiostampa/

Alessandro Gambino
mob: +39 320 8366055 | mail: 
alessandro@gdgpress.com

Giulia Di Giovanni
mob: +39 334 1949036 | mail: 
giulia.digiovanni@gdgpress.com

Giulia Zanichelli
mob: +393401808965 | mail: 
gdgpress@gmail.com

Michela Rossetti
mob: +39 347 9951730 | mail: 
rossetti.michela1@libero.it

Se non desideri ricevere comunicazioni di questo tipo in futuro puoi disiscriverti cliccando qui

]]>
Best place to buy OSRS gold on RSgoldfast Wed, 12 Sep 2018 03:24:31 +0200 http://comunicati.net/comunicati/arte/musica/rock/491428.html http://comunicati.net/comunicati/arte/musica/rock/491428.html rsgoldfast2018 rsgoldfast2018 Like our youtube videos or facebook, get more off & coins. Such as OSRS gold, RuneScape gold and more, please go to: https://www.rsgoldfast.com/

 

You'll be hearing your personality say "too much clutter," very often, as your stock rapidly fills up."Too much clutter" could also be taken as a drawback inditement of the Path of Exile game's UI, which takes up far too much screen real estate. A UI scaling alternative is a welcome addition.By and large, though, Path of Exile's console Path of Exile gameplay is rock solid and represents the Path of  RuneScape gold Exile game well, which has produced a passionate community on PC.

 

Combining abilities,you can throw icy spears to shatter enemies to piles of frosty glass, slit zombies in half with giant blades, fortify your area-of-effect skills and lay waste to entire hoards of slimy monsters squirming from the depths.There are dozens and dozens of places to research, heaps of unique and procedurally-generated directors to combat, and also a twisted narrative to discover, in case you search it.

 

Even in beta, Path of Exile is already trending up on my list of favorite Xbox One Path of Exile matches of all time.Path of Exile is one of the year's most exciting additions to Xbox One, and will likely remain a bit of a sleeper hit -- unfairly -- due to negative connotations of everything free to play frequently reflects. Hopefully, Path of Exile can prove definitively that free to play need never mean pay to win.

 

You may register for Path of Exile's closed beta right here. Grinding Gear Path of Exile games will no doubt let more users in as proper, scaling up its technology to take care of the load.As a free-to-play title, Path of Exile is a entire no-brainer, if you're a fan of Diablo or RSGOLDFAST  a newcomer to the genre. You and up to 3 friends are going to have the ability to charge into the dark universe of Wraeclast, also lay waste into crazed cultists, demonic things, and evil empires which maintain a fascist grip over the nation's beleaguered inhabitants.

]]>
Pomezia Light Festival: Preview Stampa il 21 settembre - La manifestazione che accende la città torna dal 21 al 23 settembre Tue, 11 Sep 2018 15:46:52 +0200 http://comunicati.net/comunicati/arte/musica/rock/491437.html http://comunicati.net/comunicati/arte/musica/rock/491437.html GDG Press GDG Press Ciao a tutti,

Venerdì 21 settembre alle ore 20 in Piazza Indipendenza a Pomezia si svolgerà la preview stampa della seconda edizione del Pomezia Light Festival, organizzato da Opificio in collaborazione con il Comune di Pomezia. Interverranno il Sindaco di Pomezia Adriano Zuccalà, la vice Sindaco Simona Morcellini e gli organizzatori del Festival. È previsto un tour delle opere e a seguire un rinfresco. Alle 21.30 si terrà l’evento di apertura del festival.

Per i giornalisti di Roma è disponibile un servizio navetta dalla metro EUR PALASPORT: partenza alle ore 19.00 - ritorno alle ore 22.00. I posti sono limitati, è necessario confermare la propria presenza entro il 18 settembre a gdgpress@gmail.com

Grazie e buon lavoro

Ilenia Visalli

DAL 21 AL 23 SETTEMBRE

POMEZIA LIGHT FESTIVAL

II EDIZIONE

 VERSO UN FUTURO PIÙ SMART E LUMINOSO

ingresso gratuito

“La sollecitazione percettiva martellante e continua ci ha abituato alla convivenza con più schermi, con sovrapposte informazioni, frammentate e generate da diverse fonti, all’oscillazione continua tra elementi di realtà e virtualità. Si manifesta un’esigenza di uscire dallo schermo per forzare i suoi limiti, distribuirsi nello spazio, integrarsi con una teatralità ambientale e performativa”.

A. Balzola, P. Rosa, L’arte fuori di sé

Trasmutazioni Urbane_Mop Studio_Pomezia Light Festival 2017

Voi siete qui, ogni cosa è illuminata_ Rakele Tombini_Pomezia Light Festival 2017

La città come non l’avete mai vista: giochi di luce che interagiscono con il pubblico, palazzi abbandonati che rivivono con nuovi colori, proiezioni che catapultano lo spettatore in dimensioni diverse spingendolo a guardare quello che lo circonda con occhi nuovi. E’ Pomezia Light festival, la manifestazione di light art, organizzata da Opificio in collaborazione con il Comune di Pomezia, che torna per la sua seconda edizione dal 21 al 23 settembre. Un festival fortemente legato al suo territorio che punta sulla necessità di riappropriarsi della relazione con lo spazio cittadino.

27 artisti di cui 8 internazionali, oltre 15 interventi artistici, 1 chilometro e mezzo di percorso per oltre 1000 metri quadrati di luce, una sezione dedicata agli artisti under 35 finanziata dal bando Siae SILLUMINA, più di 50 universitari e liceali al lavoro: tre giorni in cui Pomezia sarà invasa da opere artistiche multimediali, digitali, luminose, selezionate tra una rosa di artisti che hanno risposto alla Call for Artist indetta lo scorso novembre.

Tema di questa edizione è la Smart City, ovvero la città intelligente e ideale che già gli intellettuali e architetti del Rinascimento immaginavano, ipotizzando un luogo in cui l’armonia e la bellezza dell’architettura si sposassero con la lungimiranza del governo politico e la vita associata della comunità civica, fondendo insieme estetica, funzionalità e ideali. Pomezia Light Festival aspira a tutto questo esplorando l’argomento attraverso l’arte e la cultura. Le opere del festival ridisegneranno le strade della città, neutralizzando ogni distanza tra artista e fruitore, entrambi attori protagonisti sul terreno comune dello spazio urbano. L’obiettivo è produrre arte sul territorio, per il territorio, con la cittadinanza, arrivando a generare un intervento di rigenerazione urbana, ovvero azioni di recupero e riqualificazione del patrimonio edilizio preesistente. L’effimero che diventa permanente.

Il Light Festival torna ad illuminare Pomezia �“ dichiara il Sindaco Adriano Zuccalà �“ Dopo il successo dello scorso anno rilanciamo con artisti italiani e internazionali che trasformeranno la Città in un moderno museo a cielo aperto, con opere, performance, installazioni digitali e luminose. Coniugare cultura, arte, turismo e nuove tecnologie è una sfida che Pomezia può vincere: è per questo che siamo orgogliosi di organizzare e ospitare un festival delle luci dal sapore europeo. Un evento che vogliamo diventi un appuntamento annuale per il nostro territorio e che crediamo possa coinvolgere sempre di più cittadini, turisti, attività commerciali e strutture ricettive”.

Oltre 20mila presenze, 4 masterclass, 30 artisti con 14 operazioni artistiche diffuse sul territorio. Questi i numeri della scorsa edizione del festival che quest’anno ha voglia di crescere ancora anche attraverso la conquista di un pubblico internazionale. Pomezia �“ è la convinzione degli organizzatori �“ lo consente: è una città moderna ma con una storia importante; è uno snodo viario fondamentale per gli spostamenti nella Regione; è il polo industriale più importante del Lazio, settimo comune come popolazione; è una sede universitaria e ha strutture urbanistiche che si prestano efficacemente alla realizzazione di interventi estetici luminosi.

Pomezia Light Festival si articola in tre sezioni: AroundTheCity, dedicata a interventi sulla città quali digital performance, live media performance, video teatro, video installazioni, installazioni luminose, light art, light design, digital art; EyesUpTower, tesa a raccogliere esclusivamente proposte di video mapping o live mapping sulla Torre Civica, fiore all’occhiello di Pomezia; e FunAtBeach, sezione dedicata alle live performance, con un occhio di riguardo per AV performance, live cinema, VJing.

Tra le novità più attese di questa edizione il musicista e compositore Gabriele Marangoni, direttamente da Ars Electronica, il prestigioso festival e laboratorio di sperimentazione permanente su arte, tecnologia e società con sede a Linz, in Austria, che destabilizzerà il pubblico del Pomezia Light Festival con il live-set elettroacustico “RED NOISE”, sul tema del collasso. La performance è arricchita dai visual dell’artista Ai Di Ti (Angela Di Tommaso): nei suoi lavori ama mixare vari elementi tecnologici in una continua ricerca volta all’abbattimento dei limiti estetici nell’opera d’arte digitale. Nelle sue opere troviamo riferimenti a politica ed attualità, in una chiave estetica fatta di distorsioni e manipolazioni estreme del reale, senza rinunciare alla satira e all’esaltazione propria dell’era digitale.

Sempre sul tema del collasso, inteso come “possibile cedimento” della città ideale, è il progetto “COLLAPSE” realizzato in collaborazione con Alma Artis Academy, l’Accademia della Belle Arti di Pisa. Verrà allestito uno spazio e un laboratorio che elabori questo tema, attraverso gli strumenti performativi audiovisivi, nella convinzione della necessità di formare figure professionali non più riconducibili alla categoria tradizionale dell’artista ma specialisti chiamati a interagire con un nuovo universo tecnologico e scientifico, consapevoli delle conseguenze culturali e sociali del loro agire in quanto progettisti multimediali.

Pronta per stupire è l’installazione “FALLEN CHANDELIER” dell’artista tedesco Tilman Küntzel, un’opera ricca di suoni e immagini che ricreano, tramite un lampadario caduto, un’atmosfera inebriante e molto luminosa. Riprendendo il Kintsugi, usanza giapponese per cui un oggetto rotto viene riparato con l’oro, l’opera è un gioco di luci melodico che, attraverso i suoni, dà vita ad uno spettacolo unico nel suo genere. 

Il pubblico sarà poi messo alla prova con “PKK” (Proiezione Kon Kinect), realizzata dall’Associazione HackLab Terni. Grazie all’utilizzo di un doppio sensore a raggi infrarossi, gli spettatori possono partecipare attivamente alla realizzazione di un’opera attraverso i soli movimenti del corpo. Altro progetto interattivo è “I+I=III” del collettivo Crono (Federico Cecchi e Andrea Daly): un “termometro” che registrando la frequenza delle presenze degli spettatori modifica le luci in base ai partecipanti generando un’esplosione di colori.

Per vedere con occhi diversi una città, ecco il tour virtuale della “SCATOLA DEL VENTO” realizzato dal duo FanniDada (Fanni Iseppon e Davide Giaccone): un viaggio a tappe in cui le immagini si modificano grazie a una bicicletta autoalimentata con batterie e pannelli solari. 

Luoghi della città come non li avete mai visti grazie a “SPACE DISLOCATION” di Nerd Team, duo estone composto da Jari Matsi e Judith Parts. Insieme ridanno vita a edifici scolastici inanimati e spogli, riempiendo di colore e luce il grigio delle pareti e il vuoto delle finestre, aggiudicandosi il titolo di “Frankenstein del Pomezia Light Festival”. Vita diversa anche per la Torre civica della città, trasformata dall’abilità di Vj Alis, alias Alice Felloni: suoni sperimentali e colori futuristici si fondono in un viaggio attraverso il tempo, la mente e la prospettiva di “Prospectiva Mentis”. 

Per riflettere sulla percezione del tempo e la continua ricerca di equilibrio, ecco “SHISHI ODOSHI” di MEDIAMASH STUDIO (Luca Mauceri e Jacopo Rachlik); mentre “#intervalli@plf.mov” di Francesco Elelino e Rakele Tombini esplora attraverso videoproiezioni il mondo del linguaggio televisivo.  “NEUTRO” di Simone Sims Longo affronta il concetto di non appartenenza. Attraverso geometrie che si evolvono nel tempo e nello spazio, l’artista traduce questa la classica riflessione shakespeariana (“Essere o non essere”?) in immagini e suoni utilizzando diverse tecniche video. 

Già ospite della prima edizione, Tommaso Rinaldi aka High Files presenta “FLANEUR”, ovvero un uomo alla ricerca delle bellezze della sua città. Con uno sguardo al futuro, come un eroe decadente dei romanzi del D’Annunzio, Rinaldi si lancia all’incessante ricerca del bello, di strutture e spazi che suscitino emozioni positive. Ritornano per questa nuova edizione anche Marco Di Napoli con “ART&NEON”, grazie all’ausilio della stampa digitale e di tubi neon sagomati riproduce quadri luminosi e il duo formato da Andrea Mammucari e Biancamaria Centaroli, con “LUMEN-CODE: BIANCO”, ispirati dal tema della Smart City realizzano un’istallazione e uno spazio con lampade led a basso consumo. L’artista Faber Sorrentino per la sua opera s’ ispira idealmente all’artista Tiziano concependo “TRITTICO”: tre rilievi che raffigurano un vecchio, un uomo adulto e un ragazzo che rappresentano rispettivamente il passato, il presente e il futuro.  “L’EVOCAZIONE” dell’artista Carlo Flenghi richiama immagini oniriche non solo per il titolo ma anche per il suo allestimento: tentacoli illuminati, luci mobili, pendenti, spilli da cucito bianchi che creano l’illusione di tante piccole lucciole.  L’opera, è ispirata ai capolavori dello scrittore statunitense Howard Philips Lovecraft e pone l’attenzione sul critico problema dell’inquinamento marittimo.

Non solo arte digitale ma anche pittura tradizionale con il progetto artistico Controllo Remoto. Le opere che verranno presentate sono realizzate con colori e spray acrilici mediante l’uso di stencil e proiezioni e sono il risultato di una fase progettuale in cui le immagini vengono elaborate con programmi informatici. Infine il progetto fotografico “SEVEN MILLIONS” di Fabio Mignogna e l’opera “ALVEUS NC” di Vito Marco Morgese, alias Seed, in cui si alternano giochi di ombre e light show glitch.

Un festival che vive di notte ma che non rinuncia alle ore diurne, dedicando ampio spazio a incontri, workshop e masterclass suddivisi in modo da coprire tutte le fasce d’età, con il coinvolgimento di esperti, studiosi e artisti. Fulcro delle attività lo smart village, la struttura che ospita gli incontri e allo stesso tempo una piazza in cui scambiare conoscenze ed esperienze. I relatori degli incontri sono: Stefano Lentini, affermato musicista impegnato in colonne sonore per cinema e televisione, l'unico compositore italiano insieme ad Ennio Morricone ad essere rappresentato negli Usa da "The Gorfaine/Schwartz Agency";  Anna Maria Monteverdi,  una delle più grandi esperte di digital performance e video teatro in Italia;  Carlo Infante, changemaker, docente freelance di Performing Media, progettista culturale, fondatore di Urban Experience e scenarista per la resilienza futura; Daniela De Angelis, docente presso il Liceo Artistico Roma 2, svolge attività di ricerca e studio nel settore dell’arte contemporanea, ambito nel quale ha pubblicato scritti e cataloghi, in particolare sul Novecento; Roberto Renna docente presso l'Istituto di Stato per la cinematografia e la televisione, ha lavorato in Rai occupandosi di repertorio di spettacolo leggero ed è stato è stato redattore della rivista Poliscritture. Ha fondato con altri Opificio.

Gli organizzatori: chi c’è dietro Pomezia Light Festival

Opificio nasce in una scuola. Forse non in una scuola qualunque ma una scuola, l’Istituto di Stato per la cinematografia e la televisione Roberto Rossellini. Tutto è iniziato con un laboratorio sulla creatività dal nome Officina, ancora attivo. La convinzione è stata fin da subito quella di produrre comunicazione al di fuori dei circuiti consueti e con risultati che, già allora, potevano misurarsi col mondo delle professioni.  Opificio è un collettivo che esplora linguaggi, tecniche, teorie, pratiche produttive, con l’avidità di chi vuole conoscere e capire ma con la barra fissa su un punto: non scostarsi mai da un’etica che è condizione indispensabile per la creazione dell’opera d’arte contemporanea. Perché ciò sia possibile due sono le vie: lo studio (Opificio arriva da una scuola) e il lavoro (si va verso il mondo). L’obiettivo è l’indipendenza, artistica, filosofica ed economica.

La II° edizione del Pomezia Light Festival è realizzata grazie al contributo di E.on energia, Floranapoli, Menarini e APA - Associazione Pomezia Albergatori. Partner culturali della manifestazione sono IISS “R. Rossellini” di Roma e Alma Artis Academy. Il Festival aderisce inoltre al network Zoohanna, Urban Experience, Museo Civico Archeologico Lavinium, Sistema Museo, ToBe Srl, Ciù Ciù, Rete d’Impresa Pomezia Centro e Blooming Festival.

SCARICA IL COMUNICATO IN WORD

SCARICA LA CARTELLA STAMPA: https://www.dropbox.com/sh/vylx7wy99o4d7by/AACiqt1fJtMr0gGP2Aaixzvsa?dl=0

GUARDA IL VIDEO DELLA I EDIZIONE DEL FESTIVAL

https://youtu.be/bd4q60872z0

GUARDA IL VIDEO TRAILER DELL’EDIZIONE 2018

https://www.youtube.com/watch?v=4bcH1IaP_p0&feature=youtu.be

 

Ore 21.30 | Accensione delle opere | ingresso gratuito

Per partecipare agli incontri è richiesta la prenotazione gratuita su www.pomezialightfestival.it

 

CONTATTI

Pomezia Light Festival sito

http://www.pomezialightfestival.it/

 

Pomezia Light Festival pagina Facebook

https://www.facebook.com/PomeziaLF/

www.pomezialightfestival.it

Ufficio Stampa Pomezia Light Festival

Giulia Di Giovanni | 334 1949036 |  info@gdgpress.com

Ilenia Visalli | 329 3620879 | gdgpress@gmail.com

Ufficio Stampa Comune di Pomezia

Teresa Di Martino | 320.7584838 |ufficio.stampa@comune.pomezia.rm.it

Se non desideri ricevere comunicazioni di questo tipo in futuro puoi disiscriverti cliccando qui

]]>
Golden Goose Shoes to silver Tue, 11 Sep 2018 05:50:48 +0200 http://comunicati.net/comunicati/arte/musica/rock/491264.html http://comunicati.net/comunicati/arte/musica/rock/491264.html Meyia Wasun Meyia Wasun Preferences for especially useful things and ideas in traditional culture work in the same way as natural selection: something does a better job or is more desirable in some way, so it becomes more common thereafter. Ways of thinking and doing things in traditional cultures flow from one culture to another just like genes flow from one biological population to another: folks come into contact, something gets exchanged.

It worked well for Hitler. When the Great Depression hit in late 1929, Hitler's missionary style began pulling voters over the line of their own resistance to the oddball Nazi, making his party the secondlargest in Parliament in the 1930 http://www.goldengoosedeluxebrandsale.com/ elections. There is not a single interview with Indian women on what we feel. While sitting on top of him, lean back and tilt your head back, too.

"This means you make your Western chauvinism public and you don't care who knows it," McInnes wrote.The second degree involves taking a beating from five other Proud Boys until you can say the name of five breakfast cereal brands. As for gold, if you have any, now is the time to move it Golden Goose Shoes to silver.

(Linton's Instagram account was later made "private" so that it could not be publicly seen). Have you given more to the economy than me and my husband? Either as an individual earner in taxes OR in self sacrifice to your country? I'm pretty sure we paid more taxes toward our day 'trip' than you did.

 

Giorgio Armani snagged Allison Williams, Denzel Washington, Sally Hawkins and Nicole Kidman. Calvin Golden Goose Klein got Jordan Peele, Laura Dern and Saoirse Ronan. Until a decade ago, when Vollebregt began uploading his videos, few had seen this style of guitar playing outside of Botswana, the landlocked country in southern Africa to which it appears to be unique. Now, thanks in part to Vollebregt's videos and the 7millionplus views they've generated, a compilation, titled I'm Not Here to Hunt to Rabbits and featuring the work of Moipolai and other Botswanan musicians, is set for an international release. 

]]>
Live Cinema Festival: "Vedi i suoni, ascolta le immagini”, dal 20 al 23 settembre al Palazzo delle Esposizioni di Roma Mon, 10 Sep 2018 13:02:33 +0200 http://comunicati.net/comunicati/arte/musica/rock/491232.html http://comunicati.net/comunicati/arte/musica/rock/491232.html GDG Press GDG Press  

 

                                                                           

LIVE CINEMA FESTIVAL 2018

"Vedi i suoni, ascolta le immagini”

20 - 23 settembre 2018

Palazzo delle Esposizioni - Roma

Anteprima: SCREENING dal 1 agosto al 19 settembre

Bookstore - Palazzo delle Esposizioni

INGRESSO GRATUITO

Evento Facebook: https://www.facebook.com/events/321185015090911/

Scarica le foto degli artisti: https://www.dropbox.com/sh/wvq4za3tucvhrk7/AABvuTbBzeC-K9zU3gaCnvZJa?dl=0

FEST di Nikita Diakur

Dall'alto a sinistra: Texture Droite, Ipologica + Flxer, The Light Surgeons

Quattro giorni dove macchine, arte e tecnologia si uniscono per diffondere nuovi messaggi, nuovi immaginari e nuove prospettive, in una manifestazione internazionale completamente gratuita che porta nella Capitale le più innovative performance live di spettacoli audio visual.

Dal 20 al 23 settembre torna la V° edizione del Live Cinema Festival: 11 nazioni coinvolte, 8 live cinema performance inedite o presentate per la prima volta in Italia e realizzate in real-time, screenings, workshop e un cast di artisti di rilievo internazionale per un'esperienza sinestetica e ipersensoriale unica.

Ospitato quest'anno per la prima volta nello splendido Palazzo delle Esposizioni, “Live Cinema Festival 2018”, la cui direzione artistica è affidata a Claudio Guerrieri, è parte del programma dell'Estate Romana promossa da Roma Capitale �“ Assessorato alla Crescita culturale e realizzata in collaborazione con SIAE ed è una delle iniziative dell'Anno europeo del patrimonio culturale 2018.

Ad anticipare la kermesse ci sarà “SCREENINGS”, una preview di proiezioni dall'1 agosto al 19 settembre nel bookstore del Palaexpo durante l'orario di apertura del museo che mira a preparare il pubblico alle performance del festival. La sezione SCREENINGS continua durante i giorni del festival nell'Auditorium del Palaexpo con la selezione di documentari, making of, interviste agli artisti delle passate edizioni del festival e con la proiezione speciale di "FEST", il nuovo short film sperimentale dell'artista russo di base in Germania Nikita Diakur dove animazione 3D, schermate di software, errori e simulazioni real-life si fondono in uno stile unico e anticonvenzionale.

Quella del "Live Cinema" è una tecnica narrativa sperimentale applicata al video performativo che dà vita alla creazione simultanea di suoni e immagini in tempo reale, in cui i parametri tradizionali del cinema narrativo, rappresentati dalla soggettività fotografata dalla camera, si espandono in una concezione più ampia.

In un’epoca storica in cui la tecnologia ha invaso ogni aspetto della vita, Live Cinema Festival vuole abbattere le frontiere tra il mezzo e il contenuto, manipolando immagini e utilizzando diverse tecniche al fine di creare un contenuto finale frutto dell'improvvisazione e dell'abilità degli artisti.

L'edizione 2018 si prospetta ricca di sorprese esclusive: tutti gli artisti invitati si presenteranno eccezionalmente con première delle loro performance, Live AV mai visti oppure presentati per la prima volta in Italia.

Ogni giorno, la Sala 9 di Palazzo delle Esposizioni ospiterà due performance di live cinema.

Si inaugura giovedì 20 settembre con uno tra gli ospiti più attesi, il collettivo inglese The Light Surgeons formato da pionieri dell' Audiovisual performing arts, portati per la prima volta a Roma dal festival Dissonanze e che stavolta presenta “Atemporal 2.0”, un saggio audiovisivo incentrato sui temi della memoria, del tempo e dello spazio, risultato della fusione di materiali visivi, musica elettronica e alcune registrazioni del poeta, pittore e scrittore John Berger.

Domenica 23 settembre la kermesse chiude con un altro imperdibile spettacolo: "The Infinite Now", performance dell'artista olandese Armand Dijcks presentata per la prima volta live e concepita insieme alla direzione artistica del festival. Un seducente viaggio nell'eternità dei mari accompagnato dalla sognante colonna sonora di Andre Heuvelman curata dal tecnico del suono Frans de Rond e dalle splendide immagini delle onde dell'oceano immortalate da Ray Collins.

Gli altri nomi in cartellone sono sempre di altissima qualità. Ad esempio la band Mïus X Attaray, progetto audiovisual dell'artista ungherese Gergely Álmos e Andrea Sztojanovits della Sonar Kollektiv, l’etichetta tedesca fondata dai Jazzanova, che sabato 22 settembre dà origine a un viaggio audiovisivo senza tempo con la première "The Digital Tale of Geometric Shapes." Giovedì 20 settembre i promettenti austriaci Apnoa invece presentano la première "Amnis”, ultimo lavoro di un trittico audiovisuale delineato sul concetto di dromologia, mentre venerdì 21 i francesi Texture Droite rievocano gli universi di Jon Hopkins e di Rival Consoles mescolando suoni malinconici e delicati a ritmi potenti e grezzi.

Gli artisti ospiti il 22 settembre vengono invece dalla Repubblica Ceca: Citty & Aeldryn

con i loro sintetizzatori modulari e l'immaginario visivo si esibiscono in “Infinity Insight”, una performance AV tra analogico e digitale. E ancora, domenica 23 arrivano dalla Polonia i visuals onirici di Ari Dykier coadiuvati dal flauto della musicista Ewa Liebchen prendono forma nella première "Vento".

Venerdì 21 viene inoltre presentata la prima co-produzione di LCF con il team Ipologica e Flxer con la première "Onn Frame", una performance AV in costante evoluzione e frutto della ricerca e interazione tra suono, immagine e tecnologia.

Come gli scorsi anni il 19 settembre, giorno prima dell'inizio del festival, nell'Auditorium del Palazzo delle Esposizioni si terrà la conferenza sull'Audience Development in cui organizzazioni e istituzioni di Roma individueranno le migliori strategie per aiutare artisti e professionisti europei a raggiungere il più vasto pubblico possibile in tutta Europa.

Ad arricchire ulteriormente la programmazione del Festival, il 20 settembre parte anche il workshop gratuito della durata di 4 giorni per 8 ore complessive sul Digital Storytelling. Incentrato su questa nuova tecnica nel contesto artistico-performativo, il workshop mira a dare gli strumenti sia di conoscenza che di tecniche e tecnologie per la realizzazione di una performance Audio Video di Live Cinema. Per parteciparvi è necessaria la prenotazione inviando una mail a workshops@livecinemafestival.com : verrà rilasciato un attestato di frequenza al termine.

Nelle precedenti edizioni Live Cinema Festival è stato ospitato da: Teatro Quarticciolo nel 2014, Piazza dell'Immacolata a San Lorenzo nel 2015, Macro via Nizza nel 2016 e 2017.

Affermati ed emergenti artisti internazionali hanno offerto al pubblico una panoramica delle diverse modalità di interpretare il Live Cinema, attraverso performance di artisti/gruppi provenienti da: Germania, Italia, Paesi Bassi, Polonia, Repubblica Ceca, Turchia, Regno Unito, Belgio, Spagna, Grecia, Austria, Bielorussia, Olanda, Ungheria.

Dalla prima edizione Live Cinema Festival gode del contributo di Roma Capitale nell'ambito dell' "Estate Romana".

Live Cinema Festival è prodotto e organizzato da Flyer srl impresa sociale (flyer.it), Linux Club (linux-club.org) e FlxEr.net (flxer.net), grazie alla cooperazione di importanti partner internazionali.

Live Cinema Festival aderisce inoltre al network PAC (Performing Arts Contemporanee) formatosi in seguito a collaborazioni tra diversi soggetti culturali operanti nel territorio della città di Roma da diversi anni, e attivi nella progettazione e esecuzione di attività nell’ambito sia dell’Estate Romana sia in altri contesti/eventi/ festival romani, nazionali e internazionali. Gli intenti sono quelli di condividere le proposte per attuare un meccanismo sinergico e virtuoso. In particolare l’obiettivo è attivare un dispositivo di promozione e comunicazione, condiviso e coordinato, e di pianificazione delle attività in un calendario sostenibile di cui l’intera comunità cittadina potrà beneficiare. 

Un ringraziamento speciale per il supporto va al Forum di Cultura Austriaco, l'Istituto Polacco di Roma, il Centro Ceco di Milano e l'Accademia di Ungheria.

LIVE CINEMA FESTIVAL 2018

20 - 23 settembre

Palazzo delle Esposizioni - Roma

Auditorium e Sala 9 (ingresso da via Milano)

INGRESSO GRATUITO

Evento Facebook: https://www.facebook.com/events/321185015090911/

Programma

Bookstore: dal 1 agosto al 19 settembre durante l'orario di apertura del museo

SCREENINGS > Preview/Anteprima (Documentari visualizzati su una TV all’interno del bookstore)

Auditorium: Mercoledì 19 settembre ore 17:00

AUDIENCE DEVELOPMENT > Conferenza

Auditorium: dal 20 al 23 settembre dalle 17:00 alle 19:00

Workshop: Digital Storytelling

Auditorium: dal 20 al 23 settembre dalle 20:00 alle 22:00

Screenings:

  • ABOUT LIVE CINEMA

LCF 2014-2017 Report

The Light Surgeons - In Profile Dies_ - Materia Sonica

Addictive TV - Orchestra of Samples by AV artists Showreel Klaus Obermaier - audiovisual performance

Ernesto Sarasa (Fonosträbico) - Ente

Francis Ford Coppola - Coppola aposta em cinema ao vivo como futuro para a sétima arte

  • FEST by NIKITA DIAKUR | Experimental short film - italian première

Sala 9: Giovedì 20 settembre

dalle 22:00 alle 22:45 > AMIS | live cinema performance | APNOA [AT] - première

dalle 23:00 alle 23:45 > ATEMPORAL | live cinema performance | THE LIGHT SURGEONS [UK] - italian première

Sala 9: Venerdì 21 settembre

dalle 22:00 alle 22:45 > ONN FRAME | live cinema performance | IPOLOGICA + FLXER [IT] - première

dalle 23:00 alle 23:45 > TEXTURE DROITE | live cinema performance | TEXTURE DROITE [FR] - italian première

Sala 9: Sabato 22 settembre

dalle 22:00 alle 22:45 > INFINITY INSIGHT | live cinema performance | CITTY & AELDRYN  [CZ] - italian première

dalle 23:00 alle 23:45 > THE DIGITAL TALE OF GEOMETRIC SHAPES | live cinema performance | MÏUS X ATTARAY VISUAL [HU] - première

Sala 9: Domenica 23 settembre

dalle 22:00 alle 22:45 > VENTO | live cinema performance | ARI DYKIER + EWA LIEBCHEN [PL] - première

dalle 23:00 alle 23:45 > INFINITE NOW | live cinema performance | ARMAND DIJCKS & RAY COLLINS feat. ANDRÉ HEUVELMAN + FRANS DE ROND [NL/AU] - première

SCARICA IL COMUNICATO STAMPA

SCARICA LA LOCANDINA

SCARICA LA FOTO 1

SCARICA LA FOTO 2

SCARICA LA CARTELLA STAMPA: https://www.dropbox.com/sh/4qutwi8ujpbbtes/AACCzApDEg0EkdO-B5wRCZbta?dl=0

SCARICA LE FOTO DEGLI ARTISTI: https://www.dropbox.com/sh/wvq4za3tucvhrk7/AABvuTbBzeC-K9zU3gaCnvZJa?dl=0 

 

UFFICIO STAMPA GDG press

gdgpress.com

Giulia Di Giovanni
+393341949036 giulia.digiovanni@gdgpress.com
Alessandro Gambino
+393208366055 alessandro@gdgpress.com
Michela Rossetti
+3479951730 rossetti.michela1@libero.it
Giulia Zanichelli
+393401808965 gdgpress@gmail.com

Se non desideri ricevere comunicazioni di questo tipo in futuro puoi disiscriverti cliccando qui

]]>