Palladium: da domani a domenica la Biancaneve di Emma Dante protagonista del weekend con due sold out, aggiunta la terza replica

30/nov/2018 12:30:15 GDG Press Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 3 mesi fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

                                                                                  

 

TEATRO PALLADIUM

Stagione 2018/2019

“GLI ALTI E BASSI DI BIANCANEVE” DI EMMA DANTE AL PALLADIUM

LA VERSIONE DELLA FIABA A TINTE NOIR 

FESTIVAL FLAUTISSIMO

Sabato 1 dicembre �“ ore 17,30: sold out

Sabato 1 dicembre �“ ore 21: biglietti disponibili

Domenica 2 dicembre - ore 17,30: sold out

SCARICA TUTTE LE FOTO: https://www.dropbox.com/sh/0plkok1ymkff4yj/AAA3bcV7Hptf-p_loy7HEJ-pa?dl=0

"Gli alti e bassi di Biancaneve" - foto di Carmine Maringola

Con due repliche già sold out (sabato e domenica alle 17,30; posti disponibili per lo spettacolo di sabato alle 21), Emma Dante è la protagonista del weekend del 1 e 2 dicembre al Teatro Palladium con “Gli alti e bassi di Biancaneve” (biglietti 18/12 euro).
La pièce al Palladium per il festival FLAUTISSIMO affronta una fiaba crudele, nella quale si porta in scena una realtà forte, non edulcorata, perché “è dagli alti e bassi della vita, dalle sproporzioni delle cose, che Biancaneve fa esperienza e trova la sua verità”.

Interpreti Italia Carroccio, Davide Celona e Daniela Macaluso, è uno spettacolo pensato per ragazzi e adulti di cui la regista palermitana firma la drammaturgia, la regia, le scene e i costumi. Fa parte della trilogia “Le Principesse di Emma” (con Anastasia, Genoveffa e Cenerentola e La bella Rosaspina addormentata), un volume edito da Baldini e Castoldi e scritto dalla stessa Dante. 

Emma Dante torna a confrontarsi con la letteratura per l’infanzia, cimentandosi, nello stile originalissimo che le è proprio, con una fiaba altrettanto conosciuta.
Biancaneve è una bambina e grazie all’incontro con i sette nani, sette minatori che hanno perso le gambe durante un’esplosione in miniera, scopre i veri valori della vita. I nani la costringeranno, abbassando lo sguardo sino a loro, a essere umile; mentre la regina madre le insinua nell’anima il pericolo di uno sguardo diritto verso l’esaltazione del proprio io. Il basso rappresenta la bontà e l’accoglienza e l’altro; mentre l’alto simboleggia l’invidia e la malvagità.

Note di regia: C’è l’alto che si fa basso e il basso che si fa alto nel mondo di Biancaneve. Al contrario di Alice nel paese delle meraviglie che cresce e rimpicciolisce continuamente, Biancaneve vede alzarsi ed abbassarsi il mondo intorno a lei circondato da creature buone e cattive che l’aiutano a diventare grande. Biancaneve fa esperienza, nello stesso tempo, della vigilia e dell’indomani, del più e del meno, del troppo e del non abbastanza, della causa e dell’effetto. Viene punita dalla matrigna prima di essere colpevole, ancora bambina inconsapevole viene accusata di vanità e fuggendo nel bosco scopre nella statura dei nani e nelle sproporzioni delle cose i veri valori della vita. I nani le insegnano ad abbassare lo sguardo e ad essere umile mentre la regina madre le insinua nell’anima il pericolo di uno sguardo diritto verso l’esaltazione del proprio io. C’è uno specchio che riflette tutto, sogni e paure, azioni malvagie e fughe verso la libertà. La regina madre interroga lo specchio, Biancaneve il suo cuore. L’invidia tormenta la regina al punto che desidera uccidere la rivale e divorargli il cuore. È una favola crudele dove i mostri si avvicinano ai bambini spinti dalla necessità di guidarli verso il percorso della conoscenza. I nani sono piccoli minatori dalle pance gonfie che parlano un siciliano medievale. Durante un’esplosione in miniera tutti e sette hanno perso le gambe. La matrigna che offre a Biancaneve il frutto proibito per incantesimo si trasforma in una vecchia magra e altissima. Tutto è sproporzionato come all’inizio sono le cose che vedono i bambini. I loro occhi, sgombri da forme convenzionali, vedono grande e spaziosa una stanza dove da tempo noi ci sentiamo prigionieri.

SCARICA IL COMUNICATO IN WORD

SCARICA TUTTE LE FOTO

GLI ALTI E BASSI DI BIANCANEVE - testo e regia di Emma Dante

Sabato 1 dicembre - ore 17,30: sold out

Sabato 1 dicembre - ore 21: biglietti disponibili

Domenica 2 dicembre - ore 17,30 : sold out 

Biglietti: Intero: 18 euro; ridotto: 12 euro; studenti: 8 euro

BIGLIETTERIA PALLADIUM
Prenotazioni via e-mail: biglietteria.palladium@uniroma3.it; prevendite www.liveticket.it/TeatroPalladium
Il botteghino apre due ore prima dello spettacolo. È inoltre attivo, solo durante gli orari di apertura del botteghino, il numero: 0657332768
Info line per prenotazioni cell 350 011 9692 (attivo tutti i giorni, 11:00-13:00 / 16:00 �“ 20:00)

INFO

Teatro Palladium
piazza Bartolomeo Romano, 8 �“ Roma - Tel: 06 5733 2772
http://teatropalladium.uniroma3.it/ - teatro@uniroma3.it - https://www.facebook.com/teatropalladium/

Ufficio stampa GDG press
www.gdgpress.com 

 Alessandro Gambino: 3208366055 alessandro@gdgpress.com; Michela Rossetti : 3479951730 rossetti.michela1@libero.it; Giulia Zanichelli : 3401808965 giulia.zanichelli@gdgpress.com Ilenia Visalli: 3293620879 ilenia.visalli@gdgpress.com; Giulia Di Giovanni : 3341949036 giulia.digiovanni@gdgpress.com

FLAUTISSIMO 2018- “Camminando a vista”. 20ma edizione

Info: Accademia Italiana del Flauto - tel: 06 44 70 32 90
www.flautissimo.it - www.facebook.com/flautissimofestival/
Ufficio stampa : Fabiana Manuelli - stampa@fabianamanuelli.it

 

Se non desideri ricevere comunicazioni di questo tipo in futuro puoi disiscriverti cliccando qui

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl