Adamo ed Eva

01/feb/2018 20:17:56 adamoedeva Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 3 mesi fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Il rapporto di coppia e la crisi del rapporto

 

Secondo un luogo comune tanto comune da non essere in discussione, il cosiddetto rapporto di coppia  funziona soltanto se risulta soddisfacente sotto le lenzuola, in campagna o al mare, in altre parole sinché sopravvive il desiderio sessuale. Trattandosi di un luogo comune, da secoli la certezza si tramanda di generazione in generazione. Secondo questa convinzione il primo implicito o esplicito fine dell’incontro tra uomo e donna sarebbe il godimento sessuale, quindi il rapporto di coppia sopravviverebbe alle mille insidie della vita solo se appagante sul quel piano. Un altro indistruttibile luogo comune avverte tuttavia che l’appetito sessuale perde d’intensità, col trascorrere degli anni, trasformandosi in un più o meno sentito affetto, da alcuni considerato il solo autentico amore. La prima convinzione assegna importanza decisiva al piacere fisico, la seconda confida implicitamente sulla soddisfazione derivante dalla compagnia dell’altro sesso.

I luoghi comuni inerenti al rapporto di coppia sono innumerevoli e spesso antitetici. In amore vince chi fugge o chi resta? Compleanni e onomastici, coi relativi regali, sono opportunità importanti per rinsaldare il legame? Quali azioni avvicinano o allontanano i desideri del partner? Che cosa desidera un uomo o una donna dall’altro sesso? C’è almeno una risposta valida fra quelle possibili? Certamente no, e la ragione è semplice: non esiste alcun sapere, moderno o tradizionale, che garantisca la riuscita del cosiddetto rapporto di coppia. Jacques Lacan, seguace di Sigmund Freud, perentoriamente affermava: “il rapporto sessuale non esiste.” Non c’è in altri termini nulla di naturale, che vada da sé, nel rapporto tra i sessi. Si fa quel che si è in grado di fare, a proprio modo, per dar vita a una condizione che non è mai realmente stabile per la semplice ragione che non può esserlo. Perché in natura, nel mondo animale, generalmente lo è? Perché gli umani non sono animali, infatti quest’ultimi possono istintivamente riprodursi senza sentire l’esigenza di creare alcun rapporto di coppia…






--
Adamo ed Eva 
adamoedevaonline.com

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl