Comunicato stampa: Il CSC- Cineteca nazionale con due restauri e una mostra alla Festa del Cinema

Allegati

25/ott/2017 15.14.42 Centro Sperimentale di Cinematografia Contatta l'autore

Il Centro sperimentale di cinematografia – Cineteca nazionale  alla Festa del cinema di Roma

Marco Ferreri e Totò: due restauri, una mostra

 

Il Centro sperimentale di cinematografia – Cineteca nazionale è presente alla Festa del cinema di Roma con due restauri e una mostra che ricordano due grandissimi artisti del cinema italiano, in occasione di importanti ricorrenze.

 

Nel ventennale della morte di Marco Ferreri, avvenuta a Parigi nel maggio del 1997, verrà presentato in anteprima assoluta il restauro di Dillinger è morto, uno dei capolavori del regista realizzato nel 1968.

 

I cinquanta anni dalla scomparsa di Totò, avvenuta a Roma nell’aprile del 1967, saranno invece festeggiati con una mostra fotografica e con la presentazione del restauro di Miseria e nobiltà, film del 1954 diretto da Mario Mattoli.

 

Il film di Ferreri Dillinger è morto è stato restaurato in 4K a partire dai negativi originali 35mm messi a disposizione dall’avente diritto Movie7 Media, società di Giuseppe Massaro. Il restauro è stato realizzato dal Centro Sperimentale di Cinematografia – Cineteca Nazionale in collaborazione con il laboratorio Cinema Communications Services - FLAT Parioli. La supervisione alla color correction è stata curata dal direttore della fotografia Luciano Tovoli, la supervisione al restauro del suono è del maestro Federico Savina. “Ho curato la fotografia di due film di Marco Ferreri – racconta Tovoli –, L’ultima donna e Ciao maschio. Lo ricordo come un artista geniale, provocatorio. Dillinger è un film bellissimo, anticipatore di molte tematiche del cinema futuro. Sono felicissimo di aver lavorato a questo restauro, anche per la stima e l’amicizia che mi legano al direttore della fotografia Mario Vulpiani. È stato un restauro ‘facile’: la base era buonissima, il film era conservato bene. Ho lavorato con mano leggera, senza stravolgere nulla, abbiamo solo cercato di riportare in vita la brillantezza dei colori che si era un po’ persa. Naturalmente ho lavorato sulla scansione digitale muta, ho rivisto il film sonoro solo da poco, a lavoro finito, e rimane un gran film”.

 

Miseria e nobiltà è invece un restauro realizzato in collaborazione con Movietime s.r.l. ed effettuato presso il laboratorio Augustus Color di Roma. Il film è stato scansionato in 4K e poi restaurato digitalmente per eliminare le numerosissime spuntinature e le fluttuazioni di densità presenti nel negativo che era molto rovinato. La color correction è stata curata dal direttore della fotografia Giuseppe Lanci in collaborazione con il tecnico di Cinecittà Pasquale Cozzupoli, un esperto del Ferraniacolor, la pellicola già utilizzata per il primo film a colori della storia del cinema italiano, Totò a colori. Il restauro del suono è stato realizzato, anche in questo caso, da Federico Savina. Spiega Lanci: “Restaurare il Ferraniacolor è molto più complesso che restaurare un film in bianco e nero dello stesso periodo, perché i coloranti delle pellicole degli anni ’50 si sono deteriorati assai più rapidamente. Miseria e nobiltà è un film che tutti ‘crediamo’ di aver visto e rivisto in tv, ma in realtà era ad altissimo rischio di sparizione, e l’abbiamo salvato”.

Il restauro di Miseria e nobiltà ha avuto la sua “prima” mondiale a Napoli, lo scorso 9 ottobre, in quel Teatro San Carlo dove sono ambientate diverse scene del film: un’anteprima realizzata in collaborazione con la Regione Campania, la Film Commission Regione Campania e lo stesso Teatro San Carlo.

 

Alla Festa del cinema di Roma, Il Centro sperimentale di cinematografia – Cineteca nazionale ricorda Totò anche con una mostra fotografica intitolata “I volti di Totò”: la mostra è allestita nel foyer della Sala Sinopoli, all’Auditorium che è il cuore della Festa, e rimarrà visibile per tutta la durata della manifestazione. Sono foto tratte da film con Totò, famosi e meno famosi, selezionato dal prezioso archivio fotografico della Cineteca Nazionale. La mostra è a ingresso libero, sarà visibile da chiunque percorra il foyer dell’Auditorium e rallegrerà le giornate di tutti i partecipanti alla Festa del cinema.

 

Dillinger è morto sarà proiettato il 3 novembre alle 18.30, alla Casa del cinema.

 

Miseria e nobiltà sarà proiettato il 28 ottobre, alle ore 12.00 al cinema My Cityplex Europa e alle ore 16.00 alla Casa del cinema.

 

Tutte le proiezioni sono gratuite.

 

Per informazioni e fotografie:

 

Susanna Zirizzotti

Ufficio Stampa, Comunicazione, Editoria

Centro Sperimentale di Cinematografia  (Scuola Nazionale di Cinema – Cineteca Nazionale)

via Tuscolana, 1520 - 00173 Roma - tel: 06.72294260 - 3391411969 

www.fondazionecsc.it 

indirizzo email alternativo: susanna.zirizzotti@gmail.com

 

 

 

 

 

 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl