Comunicato stampa: incontro e presentazione libro al cinema Trevi

28/ott/2013 11:50:07 Centro Sperimentale di Cinematografia Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Nell’ambito della rassegna “In nome della legge. La giustizia nel cinema italiano” in corso al cinema Trevi, domani, martedì 29 ottobre, alle ore 18.50 si terrà un incontro tra Guido Vitiello e Andrea Minuz, durante il quale sarà presentato il libro “In nome della legge. La giustizia nel cinema italiano “ (Rubbettino, 2013) di G. Vitiello

«Esiste […] una tradizione del courtroom drama italiano come esiste negli Stati Uniti e, in misura minore, in Gran Bretagna e in altri paesi del mondo anglofono? C'è o non c'è nella nostra storia cinematografica un corpus di film dai tratti comuni o quanto meno ricorrenti che abbia al centro delle sue storie, dei suoi temi e delle sue preoccupazioni la porzione di vita che si svolge nelle aule di giustizia?». A queste domande, poste dal curatore Guido Vitiello nel libro In nome della legge. La giustizia nel cinema italiano, tentiamo di rispondere con la presente rassegna, che propone percorsi tematici, costruiti attorno ad alcuni dei più significativi film giudiziari italiani.

Rassegna a cura di Guido Vitiello

 

 

martedì 29 ottobre

 

La comicità della legge

 

ore 17.00 Imputato, alzatevi! di Mario Mattoli (1939, 80')

«Non deve essere un caso se il film che viene considerato, a pieno titolo, il progenitore della commedia all'italiana, il primo autentico film comico italiano, si svolga per metà del suo tempo in tribunale. E se il processo indetto ai danni dell'infermiere Cipriano Duval sia messo in scena come uno spettacolo di rivista, con tanto di pubblico plaudente e numeri musicali» (Pergolari). Macario imperversa da par suo.

 

ore 18.50 Incontro con Guido Vitiello e  Andrea Minuz

Nel corso dell'incontro sarà presentato il libro a cura di Guido Vitiello In nome della legge. La giustizia nel cinema italiano (Rubbettino, 2013)

 

a seguire Un giorno in pretura di Steno (1953, 100')

«È questo il caposaldo dell'intera commedia processuale degli anni Cinquanta, dove Steno […] mette a punto la sua poetica comica declinata verso l'osservazione bonaria della gente comune, resa esplicita dalla didascalia iniziale: "Questo film è dedicato ai 'soliti ignoti', ai ladri di galline e di portafogli alle fermate dei tram, ai loro difensori, ai cancellieri, ai litiganti in autobus e agli sfrattati, a tutti coloro che si sono trovati un giorno come personaggi della quotidiana vicenda della piccola giustizia»(Pergolari).

Per gentile concessione di Ripley's Film - Ingresso gratuito

 

ore 22.00 Divorzio all'italiana di Pietro Germi (1961, 105')

Germi «volge alle leggi ancestrali del diritto italiano la sua diffidenza acre e moralista ma, da buon socialdemocratico di saldi principi, crede fermamente nella buona e nell'onestà dei tutori dell'ordine. Così, Divorzio all'italiana (1961) e Sedotta e abbandonata (1963) affrontano i casi paradossali e grotteschi, in ambito siciliano, del barone Cefalù alle prese con un delitto d'onore come scorciatoia italiana al divorzio e di Don Vincenzo Ascalone, che cerca un matrimonio riparatore per riparare al guaio che ha subito sua figlia Agnese»(Pergolari).

mercoledì 30 ottobre

L'errore giudiziario

 

ore 17.00 Un uomo perbenedi Maurizio Zaccaro (1999, 119')

Il film ricostruisce la triste vicenda giudiziaria di Enzo Tortora, chiamato in causa da alcuni camorristi, arrestato nel 1983 e processato. Dovrà aspettare alcuni anni per veder riconosciuta la sua innocenza. «Il film, asciutto, onesto, discreto anche se un po' penalizzato da troppe ellissi (dell'impegno del presentatore a favore della "giustizia giusta" non vi è traccia) è un classico esempio di cinema civile che crede nella propria funzione morale dando spazio alle informazioni e alla polemica nei confronti di giudici incompetenti, che diedero credito alle dichiarazioni di criminali megalomani e psicopatici, pronti a fare qualsiasi nome pur di ottenere qualche beneficio in cambio» (De Luca).

 

ore 19.15 Girolimoni -Il mostro di Roma di Damiano Damiani (1972, 125')

Damiani«tracciava una linea di continuità tra il presente, ancorato ai vecchi codici penale e soprattutto di procedura penale, e il non lontano 1927 in cui si era consumato il calvario di Gino Girolimoni, che anticipava nella sua prassi fascista l'emanazione e l'entrata in vigore dei codici Rocco» (Mancino).

 

ore 21.30 Detenuto in attesa di giudizio di Nanni Loy (1971, 102')

«È fortemente sacrificato al tema ideologico uno degli esempi più celebri di commedia civile degli anni Settanta, Detenuto in attesa di giudizio […] che inserisce Sordi nel contesto fortemente drammatico delle patrie galere e tenta un discorso sarcastico e spietato su un vizio della procedura giudiziaria italiana: quello della carcerazione preventiva» (Pergolari). «Con grande chiarezza, il film di Loy fa emergere l'intreccio di dinamiche burocratiche che appaiono al contempo ridicole e inquietanti, surreali eppure tragicamente familiari allo spettatore italiano» (Minuz).

giovedì 31 ottobre

Il lato oscuro della giustizia

 

ore 17.00 Corruzione al palazzo di giustizia di Maurizio Aliprandi (1975, 109')

«Tratto da un dramma di Ugo Betti, scritto nel 1944 e rappresentato nel 1949, che era una denuncia dolente delle prevaricazioni giudiziarie del tempo fascista, ma, più in profondità, un atto di accusa contro l'umana società, è declinato al presente con un pessimismo civile più aspro: "Cade l'afflato spiritualistico di Betti mentre il contesto è già quello di Sciascia" (Tullio Kezich)» (Morandini). Con Franco Nero, Martin Balsam, Fernando Rey, Gabriele Ferzetti, Umberto Orsini.

 

ore 19.00 Perché si uccide un magistrato di Damiano Damiani (1975, 110')

Damiani affronta «il caso dell'omicidio "eccellente" del controverso procuratore capo della Repubblica di Palermo Pietro Scaglione […]. Una volta individuati e resi sufficientemente riconoscibili i richiami alla cronaca e alla storia politico-giudiziaria, punta alla reinvenzione romanzesca totale, elabora ex novo una trama fantasiosa, oscura e insidiosa»(Mancino).

 

ore 21.00 In nome del popolo italiano di Dino Risi (1971, 99')

«È di nuovo un esemplare caricaturale dell'italiano balordo da commedia a finire sotto processo, Vittorio Gassman nella parte dell'imprenditore Santenocito, impermeabile alla legge, cialtrone, intrallazzatore ma a suo modo simpatico. Solo che stavolta il suo inquisitore, il magistrato progressista Bonifazi (Ugo Tognazzi), […] finisce per operare sullo stesso terreno extralegale del suo imputato, e vuole condannarlo a ogni costo bruciando nel fuoco le prove della sua innocenza»(Vitiello).

 

 

 

Susanna Zirizzotti

Ufficio stampa  

Centro Sperimentale di Cinematografia

via Tuscolana, 1520 - 00172 Roma

tel. 06.72294260   cell. 3391411969

susanna.zirizzotti@fondazionecsc.it - susanna.zirizzotti@gmail.com

mailfax: cscfax_press@fondazionecsc.it

 

TUTELA DELLA PRIVACY

Gli indirizzi e-mail presenti nel nostro archivio provengono da contatti personali o da elenchi e servizi di pubblico dominio o pubblicati. In ottemperanza della Legge 675 del 31/12/96 così come modificata dal decreto legislativo 196 del 30/06/2003, per la tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento di dati personali, in ogni momento è possibile modificare o cancellare i dati. Nel caso le nostre comunicazioni non fossero di vostro interesse, sarà possibile evitare ulteriore disturbo, rispondendo a questa e-mail e specificando l'indirizzo o gli indirizzi da rimuovere e come oggetto del messaggio “Cancellazione Nominativo”.

 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl