comunicato stampa: capolavori al cinema Trevi per celebrare Verdi

24/ott/2013 14:55:19 Centro Sperimentale di Cinematografia Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

La Cineteca Nazionale dedica varie iniziative al bicentenario della nascita di Giuseppe Verdi (nacque a Roncole di Busseto il 10 ottobre 1813). Dopo la presentazione in anteprima alle Giornate del Cinema Muto di Pordenone 2013, riproponiamo al cinema Trevi il restauro del capolavoro del cinema muto Giuseppe Verdi nella vita e nella gloria, film di Giuseppe De Liguoro realizzato per il primo centenario del grande compositore italiano. Il lavoro di restauro si è svolto sulla base di una copia conservata in Cineteca Nazionale, in collaborazione con la Cineteca del Friuli, l'Archivio Carlo Montanaro di Venezia e la Biblioteca della Fondazione Cariparma di Busseto. In programma nelle due giornate al cinema Trevi dedicate a Verdi anche un due altre biografie filmate del maestro, dirette rispettivamente da Carmine Gallone e Raffaello Matarazzo, e poi le vicissitudini di un'importante casa discografica (Casa Ricordi di Gallone), due riusciti film-opera, La forza del destino di Gallone, e La Traviata di Zeffirelli, e una rivisitazione ironica di quest'ultima, Croce e delizia di Luciano De Crescenzo.

Completano il programma due gemme: il viaggio di Emmer Sulle orme di Verdi. Addio del passato (2000) e il bellissimo mediometraggio La Traviata di Marco Bellocchio.

 

venerdì 25 ottobre

ore 17.00 Casa Ricordi di Carmine Gallone (1954, 127')

Cavalcata lunga un secolo, l'Ottocento, della più famosa casa di edizioni musicali, dalla fondazione a Milano in era napoleonica fino al primo Novecento con Puccini. Proprio attraverso Verdi la vicenda di Casa Ricordi si intreccia con il Risorgimento. Prodotto dalla stessa Ricordi per celebrare i 150 anni della ditta, il film vanta un cast di prima grandezza: Fosco Giachetti è Verdi, Paolo Stoppa è Giovanni Ricordi e Marcello Mastroianni interpreta il tormentato Donizetti. Scenografia di Mario Chiari e Beni Montresor.

ore 19.15 La forza del destino di Carmine Gallone (1950, 102')

«Involontario responsabile della morte del padre dell'amata Leonora (Corradi), don Alvaro (Sinimberghi) deve fuggire inseguito da don Carlos (Gobbi): lei si ritira in convento, lui entra nell' esercito spagnolo […].Il migliore dei film-opera di Gallone, che per mettere adeguatamente in scena il capolavoro verdiano non trascura nessuna delle risorse offerte dal cinema, "alternando continuamente toni e generi, dall'eroico al grottesco, dal mistico al melodrammatico, dal comico all'elegiaco, con persino una scena 'neorealista' per il coro dei mendicanti" (Farassino)» (Mereghetti).

ore 21.15 Giuseppe Verdi nella vita e nella gloria di Giuseppe De Liguoro (1913, 32')

«Nel 1913, in occasione del centenario della nascita del più celebre compositore italiano di tutti i tempi, Giuseppe De Liguoro decise di realizzare questa ambiziosa biografia, girata negli autentici luoghi verdiani. Cent'anni dopo, del film rimangono dei frammenti. La Cineteca Nazionale vuole offrire questa ipotesi di ricostruzione del film in versione italiana, in base ad un rullo nitrato appartenente al fondo Attilio Giovannini, ivi conservato; e ai frammenti restaurati dalla Cineteca del Friuli, depositati dall'Archivio Carlo Montanaro di Venezia, per i quali il nitrato di origine non è più esistente. Per l'edizione si è fatto ricorso anche a foto e testi d'epoca, tratti dal programma di sala conservato alla Biblioteca Fondazione Cariparma di Busseto»(Irela Nunez).

Copia restaurata a cura della Cineteca Nazionale con la collaborazione di Cineteca del Friuli e Archivio Carlo Montanaro

a seguire Giuseppe Verdi di Carmine Gallone (1938, 103')

Vita romanzata, ma con molta riverenza, del compositore (F. Giachetti), su sceneggiatura di Lucio D'Ambra. Dalla sua nascita a Roncole di Busseto, alle sue disavventure e, finalmente, al trionfo. Presentato al Festival di Venezia, fu premiato con la coppa del PNF (Partito Nazionale Fascista).

Per gentile concessione di Ripley's Film. Copia proveniente dalla Cineteca di Bologna

Ingresso gratuito

 

 

 

sabato 26 ottobre

ore 17.00 La Traviata di Franco Zeffirelli (1983, 112')

La Traviata è la trasposizione cinematografica della celebre opera di Verdi, arricchita dalla creatività di Zeffirelli e accorciata di diversi minuti rispetto al libretto originale. Il film inizia a casa di Violetta Valery (Teresa Stratas), giunta ormai alla fine dei suoi giorni, dove arriva un giovane ragazzo incaricato di portar via gli oggetti della donna. La vede ritratta in un quadro e subito dopo morente.

ore 19.00 Giuseppe Verdi (1953) di Raffaello Matarazzo (1953, 119')

Giuseppe Verdi (Pierre Cressoy), ormai anziano, ritorna con la memoria alle tappe fondamentali della sua vita. «Con Giuseppe Verdi, difatti, Matarazzo rende omaggio alla forma di spettacolo che più di ogni altra aveva colpito l'immaginario popolare del secolo passato. E non soltanto popolare, giacché alla fine dell'Ottocento l'opera lirica è il luogo di aggregazione per l'aristocrazia, la borghesia emergente e gli strati sociali meno elevati. Unione, questa, che trova la sua massima compattezza proprio nella musica di Verdi» (Prudenzi).

ore 21.15 Sulle orme di Verdi di Luciano Emmer (1947, 9')

Viaggio in una giornata a Roncole di Busseto, paese natale di Verdi, sulle tracce della personalità dell'artista. La casa del musicista sulle rive del Po e la quiete della villa di Sant'Agata, che si fece costruire quando era già un musicista affermato e voleva un luogo dove rifugiarsi, per studiare e comporre.

Ingresso gratuito

 

a seguire Addio del passato di Marco Bellocchio (2000, 47')

«È un piccolo film di non fiction […] che si propone di rintracciare la dimensione locale di Giuseppe Verdi i cui antenati paterni e materni vissero per due secoli in terra piacentina e che nel 1850, lasciate Milano e la natia Busseto (PR), si stabilì in una casa colonica di Sant'Agata (PC), poi Villa Verdi. Come il titolo -preso dalla struggente romanza del terzo atto - suggerisce, il Leitmotiv narrativo è La traviata(1853) con le sue tante e possibili Violette Valery, dall'indimenticabile Maria Callas alla sorprendente quindicenne Eleonora Alberici che ha imparato a cantare sui CD tutta l'opera a orecchio. […]. Un montaggio creativo sapiente (Francesca Calvelli) collega le arie, le romanze, i brindisi delle varie Violette. […]. Fotografia di Pasquale Mari. Scene e costumi di Sara Renzi»(Morandini).

Per gentile concessione di Rai Cinema - Ingresso gratuito

ore 22.15 Croce e delizia di Luciano De Crescenzo (1995, 100')

«Durante le riprese di un film-opera da La Traviata (1853) di G. Verdi e F.M. Piave, la sarta Rosa (Confalone) che si identifica romanticamente con Marie (Alphonsine) Duplessis-Margherita Gautier-Violetta, è vittima di una burla becera e crudele di tre macchinisti. Tratto dal suo best seller, da lui sceneggiato con R. Pazzaglia, è il 4° e il migliore film del poligrafo napoletano L. De Crescenzo (1928) o almeno il più coerente e meno coriandolizzato. Frutto di un'operazione scaltra e ambiziosa: fare un cocktail dei tre più tipici modi d'espressione del cinema italiano (commedia, melodramma, sentimentalismo). Attori che recitano con brio senza strafare» (Morandini).

 

Cinema Trevi: vicolo del puttarello 25 - Roma

 

 

 

Susanna Zirizzotti

Ufficio stampa  

Centro Sperimentale di Cinematografia

via Tuscolana, 1520 - 00172 Roma

tel. 06.72294260   cell. 3391411969

susanna.zirizzotti@fondazionecsc.it - susanna.zirizzotti@gmail.com

mailfax: cscfax_press@fondazionecsc.it

 

TUTELA DELLA PRIVACY

Gli indirizzi e-mail presenti nel nostro archivio provengono da contatti personali o da elenchi e servizi di pubblico dominio o pubblicati. In ottemperanza della Legge 675 del 31/12/96 così come modificata dal decreto legislativo 196 del 30/06/2003, per la tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento di dati personali, in ogni momento è possibile modificare o cancellare i dati. Nel caso le nostre comunicazioni non fossero di vostro interesse, sarà possibile evitare ulteriore disturbo, rispondendo a questa e-mail e specificando l'indirizzo o gli indirizzi da rimuovere e come oggetto del messaggio “Cancellazione Nominativo”.

 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl