Comunicati.net - Comunicati pubblicati - Arti Figurative Comunicati.net - Comunicati pubblicati - Arti Figurative Thu, 24 Sep 2020 13:40:58 +0200 Zend_Feed_Writer 1.12.20 (http://framework.zend.com) http://comunicati.net/comunicati/arte/arti_figurative/1 Organic dairy food and drinks Market: Value Share, Supply Demand, Share and Value Chain COVID-19 2026 Wed, 23 Sep 2020 15:33:11 +0200 http://comunicati.net/comunicati/arte/arti_figurative/662658.html http://comunicati.net/comunicati/arte/arti_figurative/662658.html Ethan Smith Ethan Smith Organic dairy food and drinks are manufactured by using organic milk as a raw material collected from livestock with the help of organic farming methods. It mainly includes perishable products such as milk, yogurt, cheese, butter, and ice cream, which are used on a daily basis by consumers.

Organic dairy products have 50% higher levels of beneficial omega-3 fatty acids than conventionally produced dairy as well as 40% more of the heart-healthy conjugated linoleic acid (CLA) than their regular dairy products. Moreover, organic milk is rich in minerals and antioxidants, such as iron, vitamin E, selenium, and carotenoids. Given all the beneficial properties and high consumption of dairy worldwide, organic dairy food and drinks are in high demand, especially in the health and fitness community.

The unique nutrient package and benefits provided by the dairy food and drinks make them an important part of a consumer’s life. The market is driven by the continuous introduction of innovative organic dairy products such as energy-based milk drinks and flavored organic drinks. The demand for organic dairy food and drinks is experiencing steady increase in daily life. Rise in health awareness among consumers is one of the key driving factors for this market.

Request for Report Sample: https://www.trendsmarketresearch.com/report/sample/13211

In addition, food safety, environmental protection, animal welfare, and increase in use of natural and organic products are other major factors contributing to the growth of this market. Increase in purchasing power of consumers, improved standard of living, and rise in initiatives taken by government associations such as low interest rates and loan facilities, are also driving the growth of this market in developing countries. However, high price of organic dairy products, private labels faking organic dairy products labels, lack of promotion, and increase in R&D cost hampers the growth of this market.

Hormones such as bovine growth hormone (BGH) and recombinant bovine somatotropin (rbST), are used for increasing milk production in cows for the manufacture of non-organic milk. Excessive use of these hormones leads to the growth of IGF-1 (insulin-like growth factor), which results in the occurrence of breast cancer. Rise in demand for organic milk and availability of a variety of organic dairy products along with the development of new and innovative products in this segment provide huge opportunities to the market.
The organic dairy food and drinks market is segmented on the basis of type and region.

Based on type, the market is split into organic milk, yogurt, cheese, and others. Based on region, the global organic dairy food and drinks market is studied across North America, Europe, Asia-Pacific, and LAMEA.

The key players operating in the world organic dairy food and drinks market are Bj’s Wholesale Club Inc., Chobani, Danone (Horizon Organic), Liberté Inc., Organic Valley Crop Cooperative, Safeway Inc., Stonyfield Organics, Straus Family Creamery, Wallaby Yogurt Company, and Unilever Group.


KEY BENEFITS FOR STAKEHOLDERS
• The report provides a quantitative analysis of the current market trends, estimations, and dynamics of the market size from 2017 to 2025 to identify the prevailing organic dairy food and drinks market opportunities.
• The key countries in all the major regions are mapped based on their Organic dairy food and drinks market share.
• Porter’s five forces analysis highlights the potency of buyers and suppliers to enable stakeholders to make profit-oriented business decisions and strengthen their supplier–buyer network.
• In-depth analysis and the organic dairy food and drinks market size and segmentation assists in determining the prevailing market opportunities.
• Major countries in each region are mapped according to their revenue contribution to the global organic dairy food and drinks industry.
• Market player positioning segment facilitates benchmarking and provides a clear understanding of the present position of the market players.

KEY MARKET SEGMENTS

• By Type
o Organic Milk
o Organic Yogurt
o Organic Cheese
o Other Organic Food and Drinks

• By Region
o North America
§ U.S.
§ Canada
§ Mexico
o Europe
§ Germany
§ France
§ UK
§ Italy
§ Spain
§ Rest of Europe
o Asia-Pacific
§ China
§ India
§ Japan
§ Australia
§ Rest of Asia-Pacific
o LAMEA
§ Africa
§ Middle East
§ Rest of LAMEA

More Info of Impact Covid19@ https://www.trendsmarketresearch.com/report/covid-19-analysis/13211

]]>
FEELING HOME. Sentirsi a casa Mon, 21 Sep 2020 10:54:29 +0200 http://comunicati.net/comunicati/arte/arti_figurative/661958.html http://comunicati.net/comunicati/arte/arti_figurative/661958.html De Angelis Press De Angelis Press Nove autori raccontano attraverso 90 fotografie il “sentire casa” come idea e sensazione, spazio intimo e personale, custode di ricordi, sogni ed emozioni, dove il tempo non pesa mai in quanto “specchio”del tempo interiore di ognuno di noi.

 

La Galleria d’Arte Moderna di Catania (GAM) presenta dal 3 al 30 ottobre la mostra fotografica itinerante "Feeling Home. Sentirsi a Casa", ideata da GT Art Photo Agency Milano a cura di Giusy Tigano e organizzata in collaborazione con l’Associazione F2 Progetti per la Fotografia di Catania.

 

L’esposizione, realizzata grazie alla preziosa sponsorship di Canon Italia e di Sirti S.p.A., patrocinata dal Comune di Catania e dall’Assessorato alla Cultura, dopo Milano, Voghera (PV), Corigliano Calabro (CS) e Bibbiena (AR), approda in Sicilia con alcuni contributi inediti grazie ai nuovi portfoli di Isabella Balena e di Pierfranco Fornasieri, che si aggiungono ai fotografi presenti nelle passate edizioni: Franco Carlisi, Francesco Cito, Luca Cortese, Gianni Maffi, Carlo Riggi, Pio Tarantini e Daniele Vita.

 

Giusy Tigano (curatrice): “Il progetto FEELING HOME costituisce una testimonianza fotografica allargata e ricca su un tema particolarmente vivo, universale, estremamente attuale e di grande respiro come quello del “sentirsi a casa”: offrendo differenti visioni, si propone come una preziosa opportunità di riflessione, di crescita e di ricerca di identità per ognuno di noi“.

 

Barbara Mirabella, Assessore alla Cultura del Comune di Catania: “E’ con grande soddisfazione che ospitiamo questa mostra, voluta fortemente dall’Assessorato alla Cultura perché, non solo rappresenta un segnale forte da parte dell’amministrazione comunale  della volontà di continuare il percorso di ripartenza dell’arte e della cultura in città dopo l’emergenza Covid-19, ma permetterà a tutti i visitatori di riflettere su una delle sensazioni più intime dell’uomo, quella di “sentirsi a casa”, dove siamo tutti completamente noi stessi”.

 

Il percorso espositivo, nel quale ciascun autore declina il senso di "casa" in funzione della propria sensibilità, del proprio linguaggio e della propria poetica, alterna le fotografie a estratti bibliografici e introduzioni personali degli autori, in aggiunta a  specifiche letture critiche redatte da diverse figure professionali del mondo della fotografia: Ilaria Baiocchi, Gigliola Foschi, Roberto Mutti, Barbara Silbe, Pio Tarantini e Giusy Tigano.

Un contributo letterario che offre ai visitatori interessanti chiavi di lettura attraverso citazioni d’autore e riflessioni importanti che affiancano e integrano il percorso visivo, conducendo il fruitore lungo un percorso di stimoli e di apporti diversificati e preziosi.

 

La mostra è accompagnata dal libro fotografico “FEELING HOME. Sentirsi a casa”  (Edizioni EBS Print, 2019) che raccoglie 115 fotografie a colori e in bianco e nero degli autori presenti in mostra, i testi curatoriali di Giusy Tigano che illustrano la poetica dell’intero progetto e i diversi contributi critici che accompagnano le fotografie.

Il libro FEELING HOME può essere acquistato in tutte le più importanti librerie ed è ordinabile anche online: https://www.gtartphotoagency.com/books/books-news-2019/

 

 

 

EVENTI SATELLITE

 

-                  La mostra delle fotografie selezionate in occasione del contest fotografico “LOCKDOWN. Sospesi in casa” organizzato nei mesi di marzo-giugno 2020 in coincidenza con la situazione di confinamento dovuta alle misure sanitarie governative legate all’emergenza Covid-19.                                

 

L’idea di F2 Progetti per la fotografia e di GT Art Photo Agency è stata quella di promuovere un contest finalizzato all’esposizione che non si costituisse come meccanismo di competizione tra i partecipanti, ma piuttosto come strumento di analisi, di consapevolezza e di testimonianza atto a stimolare e promuovere la creazione di memoria, la costruzione di valore e la condivisione collettiva. Questo “capitolo” fotografico si propone come mostra complementare del progetto, andando ad integrarlo arricchendone il messaggio con nuovi apporti autoriali interessanti e di forte adesione al mondo reale più contemporaneo.

 

-                  La realizzazione del Feeling Home Social Video”: in occasione dell’inaugurazione, in un'area dedicata della Galleria d’Arte Moderna, verranno allestite delle riprese video ove i visitatori saranno invitati ad esprimere liberamente le proprie idee sul concetto del “sentirsi a casa”, partecipando così al progetto in maniera diretta e personale.

La performance, ideata da Alessandro Vicario, ha riscosso un notevole successo di pubblico in occasione delle edizioni precedenti della mostra e la accompagna in tutte le sue edizioni, andando così a comporre un documento multimediale e culturale di particolare valore sociale e antropologico, che dopo ogni esposizione si arricchisce di ulteriori testimonianze.

 

Entrambe le iniziative si ispirano al principio di inclusività e di interazione con il pubblico che ha da sempre animato il progetto nel suo percorso, tappa dopo tappa. La visione di “Feeling Home” si allarga così a nuove visioni espandendo il senso di “casa”, di identità e di appartenenza.

 

Tutte le informazioni relative alla mostra e agli eventi collegati sono disponibili sul sito

www.eventofeelinghome.it

 

Sirti è un hub di innovazione nel campo dello sviluppo delle infrastrutture di rete. Fondata nel 1921, opera nei settori delle Telecomunicazioni, Energia, Trasporti e Digital Solutions con circa 4.100 dipendenti. Sirti è player di successo anche a livello internazionale in Europa e in Medio Oriente.  

 

Ufficio stampa GT Art

De Angelis Press, Milano | info@deangelispress.com

]]>
Explosion Protection Controllers Market to Record a Robust Growth Rate for the COVID-19 Period 2026 Sat, 19 Sep 2020 12:18:42 +0200 http://comunicati.net/comunicati/arte/arti_figurative/661719.html http://comunicati.net/comunicati/arte/arti_figurative/661719.html Ethan Smith Ethan Smith Report Summary:

The report titled "Explosion Protection Controllers  Market" offers a primary overview of the Explosion Protection Controllers  industry covering different product definitions, classifications, and participants in the industry chain structure. The quantitative and qualitative analysis is provided for the global Explosion Protection Controllers  market considering competitive landscape, development trends, and key critical success factors (CSFs) prevailing in the Explosion Protection Controllers  industry.

Historical  Forecast Period

2013 - 2017 – Historical Year for Explosion Protection Controllers  Market

2018 – Base Year for Explosion Protection Controllers  Market

2019-2027 – Forecast Period for Explosion Protection Controllers  Market

Key Developments in the Explosion Protection Controllers  Market

To describe Explosion Protection Controllers  Introduction, product type and application, market overview, market analysis by countries, market opportunities, market risk, market driving force;

To analyze the manufacturers of Explosion Protection Controllers , with profile, main business, news, sales, price, revenue and market share in 2016 and 2018;

To display the competitive situation among the top manufacturers in Global, with sales, revenue and market share in 2016 and 2018;

To show the market by type and application, with sales, price, revenue, market share and growth rate by type and application, from 2013 to 2019;
Get Access to sample pages @ https://www.trendsmarketresearch.com/report/sample/11977


To analyze the key countries by manufacturers, Type and Application, covering North America, Europe, Asia Pacific, Middle-East and South America, with sales, revenue and market share by manufacturers, types and applications;

Explosion Protection Controllers  market forecast, by countries, type and application, with sales, price, revenue and growth rate forecast, from 2018 to 2026;

To analyze the manufacturing cost, key raw materials and manufacturing process etc.

To analyze the industrial chain, sourcing strategy and downstream end users (buyers);

Todescribe Explosion Protection Controllers  sales channel, distributors, traders, dealers etc.

To describe Explosion Protection Controllers  Research Findings and Conclusion, Appendix, methodology and data source

Market Segment by Manufacturers, this report covers 

• Wattco

• CZ Explosion-proof

• R. STAHL

• Fike

Covid 19 Impact Analysis@  https://www.trendsmarketresearch.com/report/covid-19-analysis/11977 

• Bronkhorst

• ATEX Explosionsschutz

• H. Timm Elektronik

Market Segment by Countries, covering

• North America (United States, Canada, Mexico) Market Revenue and/or Volume

Europe (Germany, UK, France, Russia, Italy) Market Revenue and/or Volume

Asia Pacific (China, Japan, Korea, India, Southeast Asia) Market Revenue and/or Volume

Middle-East and Africa (Saudi Arabia, UAE, Egypt, Nigeria, South Africa) Market Revenue and/or Volume

South America (Brazil, Argentina, Colombia, etc.) Market Revenue and/or Volume

Market Segment by Type, covers

• Single-Zone Control Unit Type

• Multi-Zone Control Unit Type

Market Segment by Applications, can be divided into

• FPSO  Shipbuilding

• Offshore  Onshore

• HVAC  Sewage plants

• Landfills

• Chemistry  Pharmacy

• General Industry
Request For Report: https://www.trendsmarketresearch.com/report/analysis/OWL/explosion-protection-controllers-market
]]>
Remember to Join RSorder Autumn Big Savings to Get $18 Discount for Cheap RS Gold Tue, 15 Sep 2020 03:58:40 +0200 http://comunicati.net/comunicati/arte/arti_figurative/660623.html http://comunicati.net/comunicati/arte/arti_figurative/660623.html ownher ownher Some companies are trying to hire an in house writing group on a project, others cheap rs gold will bring in someone for example like me to work and build the story and world, and interact with their team on a regular basis to build the story.The great thing is that if you're going to pay that money for Hollywood voice talent, give them a line that's going to be like Schwarzenegger's 'Hasta la vista' or 'I'll be back'. Just three words and they can resonate and live forever. So even the small little lines which are sometimes just left as not being very important, those small little lines within a game can have power if crafted.Can you describe the process you go through in a project like Rage for example?At what stage are you brought in? Are you constantly re writing as gameplay elements are introduced, changed or removed?Rage was an interesting project because I would say work began four or five years ago,and began as something completely different.

Ghost Trick: Phantom Detective OK, there a trend here. This title is Phoenix Wright creator Shu Takumi new game. From what I read, players will essentially be a spirit who can possess objects. Watch the background change as you perform progressive moves. Just Sweat It Out: The popular Just Sweat mode gets an upgrade with more workout plans and playlists. Stay fit, have fun, and Just Dance.

Stories As the Kids Go Buy They agonize over price. They're thoughtful, not impulsive. They arrive at the mall with information and purpose. Commenting FAQs Commenting Guidelines Privacy Policy. BUT IT DEPENDS ON THE TYPE OF STOCK HE INVESTS IN. Hey Ryan, I would love to work with you, I see you are ready to go and take this to the next level.

Pancreatic cancer. Taking vitamin C together with beta carotene plus vitamin E does not prevent pancreatic cancer. High blood pressure during pregnancy (pre eclampsia). The unexpected connection to the Duchess of Cambridge has certainly had a positive effect on her career as a stripper. However, the perks of popularity have come with a price. According to Darling, she isn exactly treated with respect in the press, though, according to her, she doesn really pay much attention to such things..

Beat an egg and slowly pour it into the bubbling soup. It will become stringy as it cooks. "We've never developed a process like nixtamalization [soaking corn in an alkaline liquid before using it] to unlock the nutrients and alter the structure," Vikram Doctor, an editor at the leading Indian Economic Times newspaper who frequently writes about food, gave as one reason.

Want gold with big discount in this cool autumn? It's time to join RSorder Autumn Big Savings event to get up to $18 coupons for RuneScape gold, OSRS gold and other products from Sept 16 to Sept 22, 2020!

 

Four cash coupon codes:

$3 off code "RAD3" for $50+ orders.

$7 off code "RAD7" for $100+ orders.

$12 off code "RAD12" for $150+ orders.

$18 off code "RAD18" for $200+ orders.

 

Besides, long-term 5% off code "RSYK5" is also offered for U to buy Runescape 3 Gold / Osrs gold and all other products from https://www.rsorder.com/rs-gold at anytime.

]]>
ZINES a cura di Église e Block Design Thu, 10 Sep 2020 17:57:02 +0200 http://comunicati.net/comunicati/arte/arti_figurative/659972.html http://comunicati.net/comunicati/arte/arti_figurative/659972.html Église Église

S’inaugura sabato 26 settembre 2020 alle ore 17.00 presso Égliselab (via dei Credenzieri, 13 / vicolo San Gabriele - Palermo), luogo creativo interamente dedicato alla ricerca, ideazione e produzione di progetti fotografici e già attivo dal 2018, la seconda edizione di ZINES a cura di Église e Block Design.

Zines è un evento interamente dedicato alle zines e all'editoria indipendente e autoprodotta, sarà esposizione, vendita, conoscenza e scambio, dedicata a chi crede ancora nel valore e nella bellezza della carta stampata e alla sua capacità di comunicazione. Inoltre, sarà presente un curiosity box dedicato alla sola consultazione di fanzine italiane ed estere. 

 

Questo secondo appuntamento vede anche il consolidamento del rapporto tra le realtà palermitane e Balloon Project con la mostra “Sicily in twenty zines”, una selezione di 20 fanzine che raccontano la Sicilia, il suo patrimonio, la sua cultura e il paesaggio a cura di Giuseppe Mendolia Calella. La mostra sarà inaugurata con l’apertura di Zines, sabato 26 settembre alle ore 17.00.

 

La domenica nel giardino di Église si svolgerà un corner talk in cui gli autori racconteranno i processi creativi delle loro zines.
L’evento si concluderà con un collegamento, a partire dalle ore 19.00, via web con Whitephotolab, laboratorio per la stampa fine art e studio galleria fondato a Lecce da Federico Patrocinio, e il fotografo Angelo Ferrillo. Negli spazi di Whitephotolab si apre la Sunday Night Zine, una serata interamente dedicata al mondo dell’autoproduzione. Palermo e Lecce sono legate dal comune  di sostenere la fotografia e il self publishing, così gli organizzatori dei due eventi hanno deciso di incontrarsi virtualmente e accorciare le distanze, stare vicini per rafforzare le collaborazioni e le sinergie.

 

Ma cos'è una fanzine? 

 

Il termine inglese fanzine nasce dalla contrazione delle parole fan (da fanatic, appassionato) e magazine, si tratta di produzioni editoriali indipendenti; trattano di musica, politica, letteratura, poesia, illustrazione, foto-collage e, infine, progetti fotografici. Sono tipi di pubblicazioni tra le più varie, possono avere l’aspetto di mini riviste, di un biglietto del treno o del tram, possono essere arrotolate, a fisarmonica, mezza pagina, un quarto di foglio, spesso rilegate a mano.

La zine ha la capacità di creare impatto attraverso la successione, la scelta e la progettualità di immagini per raccontare una storia o infondere un’emozione nel fruitore.

Nell'epoca della rapidità digitale, pensare a un progetto che raccolga immagini, disegni e parole attraverso la sola carta stampata, sembra lontano dalla realtà, quasi obsoleto. Ma la stampa, a nostro avviso, si conferma sempre il miglior metodo per mantener viva la memoria, più soddisfacente e funzionale di qualsiasi altro strumento.

 

Autori: Claudia Agati (a cura di 2LAB – Self Publishing), Marco Airoldi, Fabrizio Alessi (a cura di Sarab Collective), Maria Bauer e Giuseppe Scafidi, Marco Belardinelli (a cura di Sarab Collective), Chiara Bruni, Viviana Bonura, Kristina Borinskaja, Iole Carollo, Emanuela Barilozzi Caruso, Gianluca Ceccarini (Sarab Collective), Confetti Zine, Gandolfo Gabriele David (Dimora OZ), Angelo Ferrillo, Lino Ganci, Miriam Iervolino, Claudio Kamel, Andrea Kantos (Dimora OZ), Valentina Parisi, Jessica Raimondi, Nahid Rezashateri (Sarab Collective), Rossana Rizza, Sara Rossatelli, Simona Scaduto, Carmelo Stompo (a cura di 2LAB – Self Publishing), Mattia Stompo (a cura di 2LAB – Self Publishing), Studio Pica, Francesca Todde (ed. Départ pour l’image), Peppe Tornetta, Michele Vaccaro.


Autori di Sicily in twenty zines: Vanessa Alessi, Calogero Barba, Luca Hugo Brucculeri, Giovanna Brogna Sonnino, Gesualdo Busacca, Laura Cantale, Gabriele D’Angelo, Pasquale De Sensi, Giorgio Distefano, Gabriele Fazio, Manuel Fois, Loly Ghirardi, Olga Gurgone e Valentina Scalzo, Angelo Licciardello e Sebastiano Sicurezza, Mario Margani e Andrea Nicolò, Giona Messina, Gianluca Monaco e Melania De Luca, Ettore Pinelli, Flavia Rossi, Federico Severino, Vincenzo Zancana.


]]>
La fantasia della Carità: opere di Fabio Agliardi Wed, 09 Sep 2020 16:22:13 +0200 http://comunicati.net/comunicati/arte/arti_figurative/659686.html http://comunicati.net/comunicati/arte/arti_figurative/659686.html RedazioneSB RedazioneSB

Lo scorso 12 giugno – data originariamente prevista per l’inaugurazione a Palazzo Creberg della mostra La fantasia della Carità – è stato pubblicato sui canali social della Fondazione il suggestivo video che consente la visita virtuale alla esposizione delle opere di Fabio Agliardi.

 

Da oltre dieci anni Fondazione Creberg ha ideato e realizzato un progetto culturale che ha come obiettivo la sensibilizzazione del pubblico – attraverso esposizioni artistiche itineranti che approfondiscono tematiche che riguardano la persona umana e l’ambiente circostante – collaborando con artisti contemporanei.

 

In stretta correlazione con i Curatori (Angelo Piazzoli, Segretario Generale di Fondazione Creberg, e Tarcisio Tironi, Direttore del MACS di Romano di Lombardia), Fabio Agliardi ha realizzato quindici pannelli (150x150 cm) dedicati al tema della misericordia. Nelle tele sono raffigurate le sette opere di misericordia corporale e le sette opere di misericordia spirituale, mentre il quindicesimo dipinto raffigura “La cura della Casa Comune”, innovativa opera di misericordia delineata da Papa Francesco nel suo messaggio del 1° settembre 2016 per la giornata mondiale dipreghiera per la cura del Creato. In tutti i dipinti sono state inserite rappresentazioni di luoghi o monumenti della città di Bergamo e della provincia, selezionati dall’artista per meglio esplicitare ilmessaggio.

 

A causa delle restrizioni sanitarie, la mostra La fantasia della Carità non è stata allestita nel Salone Principale di Palazzo Creberg; come già evidenziato in premessa, dal 12 giugno 2020 è stato pubblicato, sul sito (www.fondazionecreberg.it) e sui canali social della Fondazione, un video che consente una accurata visita virtuale.

 

Ora – grazie alla collaborazione della Fondazione Credito Bergamasco con il M.A.C.S. di Romano di Lombardia, con Grumello Arte e con la Parrocchia di Sant’ Andrea in Città Alta – l’esposizione sarà resa visibile al pubblico, dal vivo, riprendendo l’esperienza itinerante nel pieno rispetto delle normative sanitarie vigenti. Presso le sedi di mostra sarà distribuito gratuitamente ai visitatori il catalogo edito dalla Fondazione, il cui PDF sarà comunque visibile e scaricabile dal sito di Fondazione Creberg a partire dal 18 settembre 2020.

 

La prima tappa si terrà a Romano di Lombardia presso la Basilica di San Defendente (19 settembre – 11 ottobre) con presentazione il giorno 19 settembre alle ore 17.30.

 

Seguirà poi Grumello del Monte presso la Chiesa SS. Trinità (17 ottobre – 15 novembre) con presentazione il giorno 17 ottobre alle ore 16.00 nella Chiesa Parrocchiale.

 

L’ultima tappa sarà in Bergamo Alta presso la Chiesa di Sant’Andrea (28 novembre –

20 dicembre), con presentazione il giorno 27 novembre alle ore 18.00.

 

Grazie alla sensibilità della famiglia dell’artista – che ha dato seguito ad una intesa verbale intercorsa a suo tempo tra Fabio Agliardi e il Segretario Generale della Fondazione – le quindici opere sono state acquisite da Fondazione Creberg che, al termine del percorso espositivo itinerante, ne farà dono ad enti e associazioni del territorio che, a giudizio della Fondazione stessa, ne siano particolarmente meritevoli o per esercizio di una particolare opera di misericordia (raffigurata nel dipinto donato) o per rilevanza del ruolo sociale e civile svolto nellacomunità.

 

Mediante questo ulteriore gesto la Fondazione intende ricordare adeguatamente la figura di Fabio Agliardi, scomparso il 13 aprile 2020, Lunedì dell'Angelo, non superando gravi complicazioni derivanti da infezione da virus Covid 19; egli rappresenta dunque una delle vittime della terribile epidemia che così duramente ha colpito Bergamo e i nostriterritori.

 

 

 

«La mostra “La fantasia della Carità” – evidenzia Angelo Piazzoli – intende ricordare la persona e l'attività di Fabio Agliardi attraverso quindici opere, monumentali e intense, che mai avremmo pensato avrebbero costituito un mirabile testamento spirituale e artistico; la loro donazione a formazioni sociali e la loro collocazione in luoghi pubblici lascerà un segno diffuso della mostra e dei suoi intenti culturali in località del territorio ove le opere di carità vengono quotidianamente declinate nella vita reale».

]]>
La fantasia della Carità: opere di Fabio Agliardi Wed, 09 Sep 2020 16:09:45 +0200 http://comunicati.net/comunicati/arte/arti_figurative/659684.html http://comunicati.net/comunicati/arte/arti_figurative/659684.html RedazioneSB RedazioneSB

Lo scorso 12 giugno – data originariamente prevista per l’inaugurazione a Palazzo Creberg della mostra La fantasia della Carità – è stato pubblicato sui canali social della Fondazione il suggestivo video che consente la visita virtuale alla esposizione delle opere di Fabio Agliardi.

 

Da oltre dieci anni Fondazione Creberg ha ideato e realizzato un progetto culturale che ha come obiettivo la sensibilizzazione del pubblico – attraverso esposizioni artistiche itineranti che approfondiscono tematiche che riguardano la persona umana e l’ambiente circostante – collaborando con artisti contemporanei.

 

In stretta correlazione con i Curatori (Angelo Piazzoli, Segretario Generale di Fondazione Creberg, e Tarcisio Tironi, Direttore del MACS di Romano di Lombardia), Fabio Agliardi ha realizzato quindici pannelli (150x150 cm) dedicati al tema della misericordia. Nelle tele sono raffigurate le sette opere di misericordia corporale e le sette opere di misericordia spirituale, mentre il quindicesimo dipinto raffigura “La cura della Casa Comune”, innovativa opera di misericordia delineata da Papa Francesco nel suo messaggio del 1° settembre 2016 per la giornata mondiale dipreghiera per la cura del Creato. In tutti i dipinti sono state inserite rappresentazioni di luoghi o monumenti della città di Bergamo e della provincia, selezionati dall’artista per meglio esplicitare ilmessaggio.

 

Per l’approfondimento relativo alle caratteristiche della mostra e agli intendimenti ad essa sottostanti, si rinvia al comunicato stampa del 10 giugno 2020 (in allegato).

 

A causa delle restrizioni sanitarie, la mostra La fantasia della Carità non è stata allestita nel Salone Principale di Palazzo Creberg; come già evidenziato in premessa, dal 12 giugno 2020 è stato pubblicato, sul sito (www.fondazionecreberg.it) e sui canali social della Fondazione, un video che consente una accurata visita virtuale.

 

Ora – grazie alla collaborazione della Fondazione Credito Bergamasco con il M.A.C.S. di Romano di Lombardia, con Grumello Arte e con la Parrocchia di Sant’ Andrea in Città Alta – l’esposizione sarà resa visibile al pubblico, dal vivo, riprendendo l’esperienza itinerante nel pieno rispetto delle normative sanitarie vigenti. Presso le sedi di mostra sarà distribuito gratuitamente ai visitatori il catalogo edito dalla Fondazione, il cui PDF sarà comunque visibile e scaricabile dal sito di Fondazione Creberg a partire dal 18 settembre 2020.

 

La prima tappa si terrà a Romano di Lombardia presso la Basilica di San Defendente (19 settembre – 11 ottobre) con presentazione il giorno 19 settembre alle ore 17.30.

 

Seguirà poi Grumello del Monte presso la Chiesa SS. Trinità (17 ottobre – 15 novembre) con presentazione il giorno 17 ottobre alle ore 16.00 nella Chiesa Parrocchiale.

 

L’ultima tappa sarà in Bergamo Alta presso la Chiesa di Sant’Andrea (28 novembre –

20 dicembre), con presentazione il giorno 27 novembre alle ore 18.00.

 

Grazie alla sensibilità della famiglia dell’artista – che ha dato seguito ad una intesa verbale intercorsa a suo tempo tra Fabio Agliardi e il Segretario Generale della Fondazione – le quindici opere sono state acquisite da Fondazione Creberg che, al termine del percorso espositivo itinerante, ne farà dono ad enti e associazioni del territorio che, a giudizio della Fondazione stessa, ne siano particolarmente meritevoli o per esercizio di una particolare opera di misericordia (raffigurata nel dipinto donato) o per rilevanza del ruolo sociale e civile svolto nellacomunità.

 

Mediante questo ulteriore gesto la Fondazione intende ricordare adeguatamente la figura di Fabio Agliardi, scomparso il 13 aprile 2020, Lunedì dell'Angelo, non superando gravi complicazioni derivanti da infezione da virus Covid 19; egli rappresenta dunque una delle vittime della terribile epidemia che così duramente ha colpito Bergamo e i nostriterritori.

 

 

 

«La mostra “La fantasia della Carità” – evidenzia Angelo Piazzoli – intende ricordare la persona e l'attività di Fabio Agliardi attraverso quindici opere, monumentali e intense, che mai avremmo pensato avrebbero costituito un mirabile testamento spirituale e artistico; la loro donazione a formazioni sociali e la loro collocazione in luoghi pubblici lascerà un segno diffuso della mostra e dei suoi intenti culturali in località del territorio ove le opere di carità vengono quotidianamente declinate nella vita reale».

]]>
Sharing Our Dreaming Room Tue, 08 Sep 2020 17:05:01 +0200 http://comunicati.net/comunicati/arte/arti_figurative/659485.html http://comunicati.net/comunicati/arte/arti_figurative/659485.html z2o Galleria - Sara Zanin z2o Galleria - Sara Zanin  

Sharing Our Dreaming Room
Ahmed, Antufiev, Bettineschi, Calzolari, Camporesi, de Cataldo, Guido, Kaikkonen, Kintera, Kronenberg, Nagasawa, Panikanova, Pediconi, Poli Maramotti

17 settembre 2020 | h. 12 – 21
18 settembre 2020 | h. 12 – 19
19 settembre 2020 | h. 12 – 19

17 settembre > 31 ottobre 2020

 

Nel 1955 Arnold Bode lavora alla prima edizione di Documenta nella cittadina tedesca di Kassel, la guerra è da poco terminata e la città attraversa un periodo estremamente convulso dopo essere stata completamente rasa al suolo. Inizia un momento complesso che, a livello globale, sarà interessato da processi di ricostruzione su più fronti: sociale, politico, psicologico, economico e comunitario.

La straordinarietà del gesto di Bode - che segnerà l’inizio della storia di una delle rassegne d’arte contemporanea più note al mondo - si inserisce perfettamente nel tentativo di ricostruire un tessuto connettivo sia di ordine sociale che creativo.

Sharing Our Dreaming Room intende proporre un dialogo generazionale a più voci, una riflessione corale sulle tematiche del tempo e sulla abilità di restituire una dimensione creativa a ciò che ci circonda. L’epidemia globale, che ha coinvolto l’Italia in maniera drammatica a partire dal marzo scorso, ha innescato uno spettro più ampio di riflessioni e, con esse, un meccanismo di reazione molto spesso votato alla capacità di rinnovarsi e di guardare avanti.       

La mostra collettiva con cui z2o Sara Zanin inaugura la propria stagione espositiva mette insieme artisti e linguaggi trasversali per ricostruire un percorso discorsivo in cui lo scambio e la compenetrazione di idee fanno da guida a una rilettura degli spazi e del tempo.
Ahmed, Antufiev, Bettineschi, Calzolari, Camporesi, de Cataldo, Guido, Kaikkonen, Kintera, Kronenberg, Nagasawa, Panikanova, Pediconi, Poli Maramotti animeranno gli spazi espositivi della galleria, imprimendo i luoghi che occupiamo con contenuti mnestici, visivi, estetici che hanno l’obiettivo di sensibilizzare lo spazio che circonda lo spettatore.
Un nuovo inizio, dunque, che intende ancora una volta riportare al centro il visitatore e il suo rapporto di intima continuità con l’opera e l’artista.          
 

Alcuni dei lavori in mostra sono stati realizzati dagli artisti durante i mesi di clausura forzata all’interno dello spazio domestico; altri ancora entrano a pieno nell’indagine estetica e concettuale che conducono da sempre. In entrambi i casi, lo scambio e la continuità che emergono sono funzionali a rievocare un dialogo mai sopito tra l’opera, l’artista e chi si accinge a scrutarla.  

La mostra intende così porsi come una riflessione sul potere creativo e sul potenziale proattivo che gli eventi e l’attualità suscitano all’interno dell’arte contemporanea.

INFO:

Sharing Our Dreaming Room
con: Ahmed, Antufiev, Bettineschi, Calzolari, Camporesi, de Cataldo, Guido, Kaikkonen, Kintera, Kronenberg, Nagasawa, Panikanova, Pediconi, Poli Maramotti
Apertura straordinaria: giovedì 17 settembre, 12-21; venerdì 18 settembre, 12-19; sabato 19 settembre, 12-19;
Durata mostra: 17 settembre > 31 ottobre 2020
Luogo: z2o Sara Zanin, Via della Vetrina 21, Roma
Info e prenotazioni: info@z2ogalleria.it

 

_________________________________________________________________________________________

 

 

 

Sharing Our Dreaming Room
Ahmed, Antufiev, Bettineschi, Calzolari, Camporesi, de Cataldo, Guido, Kaikkonen, Kintera, Kronenberg, Nagasawa, Panikanova, Pediconi, Poli Maramott

17 September 2020 | h. noon – 9 pm
18 September 2020 | h. noon – 7 pm
19 September 2020 | h. noon – 7 pm

17 September > 31 October 2020

In 1955 Arnold Bode worked on the first edition of Documenta in the German town of Kassel, the war has just ended, and the city is going through an extremely turbulent period after being completely razed to the ground. A complex moment begins which, on a global level, will be affected by reconstruction processes on several fronts: social, political, psychological, economic and collective.

The extraordinary nature of Bode's gesture - which will mark the beginning of the history of one of the most famous contemporary art exhibitions in the world - fits perfectly in the attempt to reconstruct a connective tissue on both social and creative fronts.

Sharing Our Dreaming Room intends to propose a generational dialogue with several voices, a choral reflection on the themes of time and on the ability to restore a creative dimension to what surrounds us. The global epidemic, which has dramatically affected Italy since last March, has triggered a wider spectrum of reflections and, with them, a reaction mechanism very often devoted to the ability to renew and to look ahead.

The group show with which z2o Sara Zanin inaugurates its own exhibition season brings together artists and transversal languages ​​to reconstruct a discursive path in which the exchange and interpenetration of ideas guide a reinterpretation of space and time. Ahmed, Antufiev, Bettineschi, Calzolari, Camporesi, de Cataldo, Guido, Kaikkonen, Kintera, Kronenberg, Nagasawa, Panikanova, Pediconi, Poli Maramotti will animate the exhibition spaces of the gallery, imprinting the places we occupy with mnemonic, visual and aesthetic contents and with the aim of raising awareness of the space that surrounds the viewer.

A new beginning, therefore, which once again intends to bring the visitor and his/her relationship of intimate continuity with the work and the artist back to the center.

Some of the works on display were created by the artists during the months of forced seclusion within the domestic space; others enter fully into the aesthetic and conceptual investigation that they have always conducted. In both cases, the exchange and continuity that emerge are functional to evoke a never-dormant dialogue between the work, the artist and those who are about to scrutinize it.

The exhibition thus intends to act as a reflection on the creative power and proactive potential that events and current affairs arouse within contemporary art.

 

 

INFO:

Sharing Our Dreaming Room
with: Ahmed, Antufiev, Bettineschi, Calzolari, Camporesi, de Cataldo, Guido, Kaikkonen, Kintera, Kronenberg, Nagasawa, Panikanova, Pediconi, Poli Maramotti
Extraordinary opening: Thursday 17 September, noon-9 pm; Friday 18 September, noon-7 pm, Saturday 19 September, noon-7 pm;
Duration: 17 September > 31 October 2020
Location: z2o Sara Zanin, Via della Vetrina 21, Rome
Info and bookings: info@z2ogalleria.it

 

 

 

 

 


 

]]>
Afran, Il nudo è morto. L'abito è il monaco Thu, 27 Aug 2020 18:25:26 +0200 http://comunicati.net/comunicati/arte/arti_figurative/657626.html http://comunicati.net/comunicati/arte/arti_figurative/657626.html Maria Maria  

AFRAN

IL NUDO E’ MORTO

L’abito è il monaco

A cura di Susanna Gualazzini e Carlo Scagnelli

 

 

Galleria Biffi Arte PIACENZA

Salone d’Onore e Sala delle Colonne

5 Settembre - 7 Novembre 2020

Inaugurazione Sabato 5 Settembre, ore 17

In mostra alla Galleria Biffi Arte dal 5 settembre al 7 novembre, gli esiti recenti

dell’ispirazione di Afran, artista originario del Camerun ma dalle multiformi radici

culturali. Padre della Guinea Equatoriale, una moglie italiana, un pezzetto di vita in

Spagna e da anni in Italia, Afran ha avuto una formazione “occidentale”, ma non ha

mai perso di vista il dna della sua cultura d’origine. Che è poi quella Fang di cui,

all’inizio del ‘900, si innamorarono Picasso e Modigliani.

Per lungo tempo la pratica artistica con materiali multiformi e, pochi anni fa, la scelta

quasi esclusiva di un materiale non proprio ortodosso: il denim. Tessuto global e

metamorfico, il jeans incorpora tante latitudini e una storia di lungo corso: già nel

‘500 un blu ottenuto dal guado (una pianta tintorea di origine africana), veniva

utilizzato a Genova per tingere la tela destinata alle vele delle navi e usata per coprire

le merci durante il loro trasporto, oltre che per i vestiti dei marinai. Tessuto ideale per

la realizzazione di pantaloni da lavoro (prediletto, alla metà dell’Ottocento, dai

cercatori d’oro, dai cow boy e dai minatori), a partire dagli anni Sessanta del

Novecento il jeans si fa icona di protesta antiborghese per rinascere, verso la fine

degli anni Ottanta, come outfit glamour, con una nuova identità e in lussuose

contaminazioni.

Con questo complesso pedigree antropologico, nelle mani di Afran il denim si fa

materiale plastico, humus ideale di espressione: l’artista predilige quel jeans su cui è

rimasta in qualche modo imprigionata la memoria del corpo che lo ha abitato e con

questo outfit sformato, sbiadito, slabbrato, strappato, taglia, ricuce, intarsia e scava

nella carne del tessuto. Con una prodigiosa pratica del montaggio, rifila tracciando

nuove tramature, privilegiando le superfici più scabrose, quelle più disturbate da

cuciture, passanti, tasche, fibbie. Ed è così che il jeans (e il suo pantheon di accessori)

cambia fatalmente di segno, perde la sua democratica disinvoltura e si fa forma

scultorea. Nascono icone forti, spesso, come le definisce l’artista stesso “urlanti”,

eventualmente spaventevoli, figlie di ingegnosi sistemi di annodamenti e incastri, in

una estetica del montaggio, dell’uso e del riuso che guarda alle avanguardie artistiche

di primo Novecento, rinnovandone alcuni esiti.

Questa è la tecnica, ma è soprattutto la strada che porta Afran a compiere una

riflessione sul tema dell’identità, che da sempre gli è caro, proprio partendo dall’abito

inteso come metafora e come luogo di possibili trasmigrazioni semantiche. Se, come

in un gioco di scatole cinesi, il corpo abita un abito che è poi a sua volta involucro

che abita il mondo, allora il vestito può essere il palinsesto su cui tracciare la sintassi

della identità

Ma nel momento in cui questo involucro si fa sostanza, anima e carne viva

dell’uomo, allora è in atto una perdita che non può che essere, appunto, spaventevole.

Perché dichiarare la morte della nudità, parafrasando l’annuncio nietzschiano “Dio è

morto”, significa congedare la più intima parte di noi stessi.

Con questo materiale rinnovato, Afran, per la prima volta e proprio in occasione di

questa mostra, esplora un nuovo campo tematico e attinge alla classicità che tanta

parte ha avuto nella sua formazione: il jeans incontra il volto di un David che viene

da lontano, è quello di Michelangelo, o si innerva nelle morbidezze della Venere di

Milo o nella durezza del volto di Eracle. Oppure, e qui ancora una volta Afran

sperimenta e combina i linguaggi, compare dietro la griglia di colate cromatiche, nei

lavori a parete (Venere della sobrietà).

Completano il percorso espositivo due famiglie di istallazioni: i due Sartropodi in cui

ancora una volta l’artista sperimenta con i processi del ready made, e l’enorme

Scheletro di niente: il poetico assemblaggio di grucce appendiabiti si dispiega nello

spazio del Salone d’Onore della Galleria, come una sorta di gigantesco fossile: le

grucce vuote raccontano ancora una volta la storia di una assenza. L’abito se ne è

andato, lasciando dietro di sé la traccia nostalgica della sua transitoria ed effimera

esistenza.

La mostra è stata organizzata in collaborazione con la Galleria MA-EC (Milan Art & Events

Center) di Milano

La Galleria Biffi Arte nasce a Piacenza nel 2009 per desiderio del Presidente di Formec Biffi azienda leader nel settore alimentare, che nella creazione della Galleria testimonia e mantiene vivo lo storico legame tra il marchio Biffi, Milano 1852 e il mondo dell'arte: fu proprio intorno ai tavolini del Caffè Biffi, infatti, che Marinetti, Balla, Depero diedero vita al movimento Futurista, che avrebbe influenzato tanta cultura del Novecento. Nel corso degli anni Biffi Arte si è trasformata in polo culturale aperto all’espressione di tutte le arti, ponendosi come territorio di incontro fra gli artisti e la collettività, alla ricerca di una cultura libera e innovata. Per questo motivo nel programmare le proprie attività, Biffi Arte coltiva un’ampia pluralità di iniziative promuovendo, accanto all’allestimento di mostre, conferenze e incontri con filosofi, autori, critici e pensatori, eventi speciali, concerti e performance in collaborazione con istituzioni italiane e straniere.

L’azienda Formec Biffi

Biffi Arte è parte di Formec Biffi, un’azienda dal cuore lombardo ma attiva sui mercati del mondo. Orientata all’innovazione e alla sperimentazione del gusto, da sempre Formec Biffi guarda con speciale attenzione al mondo dell’arte, trovando nella sponsorship delle arti un territorio espressivo privilegiato per iniziative pubbliche offerte alla cittadinanza. E lo spirito che la sostiene è il principio per il quale le imprese possono svolgere un ruolo fondamentale per la promozione e la diffusione della cultura, aiutando anche e soprattutto i giovani artisti a diventare protagonisti del loro tempo.

“ La forza della nostra Galleria sta nel sodalizio che riesce a ospitare: è l’incontro fra le arti nella pluralità dei loro linguaggi, alla ricerca di percorsi trasversali, inattesi, sempre nuovi.

A questo incontro, estraneo alle logiche del profitto, le porte di Biffi Arte saranno sempre  aperte ”

Pietro Casella, fondatore di Formec Biffi

]]>
Afran, Il nudo è morto. L'abito è il monaco Thu, 27 Aug 2020 18:25:03 +0200 http://comunicati.net/comunicati/arte/arti_figurative/657625.html http://comunicati.net/comunicati/arte/arti_figurative/657625.html Maria Maria  

AFRAN

IL NUDO E’ MORTO

L’abito è il monaco

A cura di Susanna Gualazzini e Carlo Scagnelli

 

 

Galleria Biffi Arte PIACENZA

Salone d’Onore e Sala delle Colonne

5 Settembre - 7 Novembre 2020

Inaugurazione Sabato 5 Settembre, ore 17

In mostra alla Galleria Biffi Arte dal 5 settembre al 7 novembre, gli esiti recenti

dell’ispirazione di Afran, artista originario del Camerun ma dalle multiformi radici

culturali. Padre della Guinea Equatoriale, una moglie italiana, un pezzetto di vita in

Spagna e da anni in Italia, Afran ha avuto una formazione “occidentale”, ma non ha

mai perso di vista il dna della sua cultura d’origine. Che è poi quella Fang di cui,

all’inizio del ‘900, si innamorarono Picasso e Modigliani.

Per lungo tempo la pratica artistica con materiali multiformi e, pochi anni fa, la scelta

quasi esclusiva di un materiale non proprio ortodosso: il denim. Tessuto global e

metamorfico, il jeans incorpora tante latitudini e una storia di lungo corso: già nel

‘500 un blu ottenuto dal guado (una pianta tintorea di origine africana), veniva

utilizzato a Genova per tingere la tela destinata alle vele delle navi e usata per coprire

le merci durante il loro trasporto, oltre che per i vestiti dei marinai. Tessuto ideale per

la realizzazione di pantaloni da lavoro (prediletto, alla metà dell’Ottocento, dai

cercatori d’oro, dai cow boy e dai minatori), a partire dagli anni Sessanta del

Novecento il jeans si fa icona di protesta antiborghese per rinascere, verso la fine

degli anni Ottanta, come outfit glamour, con una nuova identità e in lussuose

contaminazioni.

Con questo complesso pedigree antropologico, nelle mani di Afran il denim si fa

materiale plastico, humus ideale di espressione: l’artista predilige quel jeans su cui è

rimasta in qualche modo imprigionata la memoria del corpo che lo ha abitato e con

questo outfit sformato, sbiadito, slabbrato, strappato, taglia, ricuce, intarsia e scava

nella carne del tessuto. Con una prodigiosa pratica del montaggio, rifila tracciando

nuove tramature, privilegiando le superfici più scabrose, quelle più disturbate da

cuciture, passanti, tasche, fibbie. Ed è così che il jeans (e il suo pantheon di accessori)

cambia fatalmente di segno, perde la sua democratica disinvoltura e si fa forma

scultorea. Nascono icone forti, spesso, come le definisce l’artista stesso “urlanti”,

eventualmente spaventevoli, figlie di ingegnosi sistemi di annodamenti e incastri, in

una estetica del montaggio, dell’uso e del riuso che guarda alle avanguardie artistiche

di primo Novecento, rinnovandone alcuni esiti.

Questa è la tecnica, ma è soprattutto la strada che porta Afran a compiere una

riflessione sul tema dell’identità, che da sempre gli è caro, proprio partendo dall’abito

inteso come metafora e come luogo di possibili trasmigrazioni semantiche. Se, come

in un gioco di scatole cinesi, il corpo abita un abito che è poi a sua volta involucro

che abita il mondo, allora il vestito può essere il palinsesto su cui tracciare la sintassi

della identità

Ma nel momento in cui questo involucro si fa sostanza, anima e carne viva

dell’uomo, allora è in atto una perdita che non può che essere, appunto, spaventevole.

Perché dichiarare la morte della nudità, parafrasando l’annuncio nietzschiano “Dio è

morto”, significa congedare la più intima parte di noi stessi.

Con questo materiale rinnovato, Afran, per la prima volta e proprio in occasione di

questa mostra, esplora un nuovo campo tematico e attinge alla classicità che tanta

parte ha avuto nella sua formazione: il jeans incontra il volto di un David che viene

da lontano, è quello di Michelangelo, o si innerva nelle morbidezze della Venere di

Milo o nella durezza del volto di Eracle. Oppure, e qui ancora una volta Afran

sperimenta e combina i linguaggi, compare dietro la griglia di colate cromatiche, nei

lavori a parete (Venere della sobrietà).

Completano il percorso espositivo due famiglie di istallazioni: i due Sartropodi in cui

ancora una volta l’artista sperimenta con i processi del ready made, e l’enorme

Scheletro di niente: il poetico assemblaggio di grucce appendiabiti si dispiega nello

spazio del Salone d’Onore della Galleria, come una sorta di gigantesco fossile: le

grucce vuote raccontano ancora una volta la storia di una assenza. L’abito se ne è

andato, lasciando dietro di sé la traccia nostalgica della sua transitoria ed effimera

esistenza.

La mostra è stata organizzata in collaborazione con la Galleria MA-EC (Milan Art & Events

Center) di Milano

La Galleria Biffi Arte nasce a Piacenza nel 2009 per desiderio del Presidente di Formec Biffi azienda leader nel settore alimentare, che nella creazione della Galleria testimonia e mantiene vivo lo storico legame tra il marchio Biffi, Milano 1852 e il mondo dell'arte: fu proprio intorno ai tavolini del Caffè Biffi, infatti, che Marinetti, Balla, Depero diedero vita al movimento Futurista, che avrebbe influenzato tanta cultura del Novecento. Nel corso degli anni Biffi Arte si è trasformata in polo culturale aperto all’espressione di tutte le arti, ponendosi come territorio di incontro fra gli artisti e la collettività, alla ricerca di una cultura libera e innovata. Per questo motivo nel programmare le proprie attività, Biffi Arte coltiva un’ampia pluralità di iniziative promuovendo, accanto all’allestimento di mostre, conferenze e incontri con filosofi, autori, critici e pensatori, eventi speciali, concerti e performance in collaborazione con istituzioni italiane e straniere.

L’azienda Formec Biffi

Biffi Arte è parte di Formec Biffi, un’azienda dal cuore lombardo ma attiva sui mercati del mondo. Orientata all’innovazione e alla sperimentazione del gusto, da sempre Formec Biffi guarda con speciale attenzione al mondo dell’arte, trovando nella sponsorship delle arti un territorio espressivo privilegiato per iniziative pubbliche offerte alla cittadinanza. E lo spirito che la sostiene è il principio per il quale le imprese possono svolgere un ruolo fondamentale per la promozione e la diffusione della cultura, aiutando anche e soprattutto i giovani artisti a diventare protagonisti del loro tempo.

“ La forza della nostra Galleria sta nel sodalizio che riesce a ospitare: è l’incontro fra le arti nella pluralità dei loro linguaggi, alla ricerca di percorsi trasversali, inattesi, sempre nuovi.

A questo incontro, estraneo alle logiche del profitto, le porte di Biffi Arte saranno sempre  aperte ”

Pietro Casella, fondatore di Formec Biffi

]]>
Genesis Tue, 25 Aug 2020 15:26:11 +0200 http://comunicati.net/comunicati/arte/arti_figurative/657167.html http://comunicati.net/comunicati/arte/arti_figurative/657167.html Arte Borgo Gallery Arte Borgo Gallery Venerdì 4 settembre 2020 alle ore 17.00 verrà inaugurata nella prestigiosa e suggestiva sede del Museo Bellini di Firenze in Lungarno Soderini 5 la mostra internazionale di arte contemporanea GENESIS.

Il termine “Genesis” di derivazione greca racchiude in sé il nostro concetto di nascita.  Il nodo centrale di una mostra che porta gli artisti a riflettere su temi che spaziano dalla creazione biblica del mondo fino alla rinascita fisica e spirituale di ognuno di noi.

Scultura, pittura, fotografia, ciascuna forma d’arte partecipa al dialogo degli artisti in un tempo, il nostro contemporaneo, nel quale la velocità e l’immediatezza hanno preso il posto della riflessione sulla nostra quotidianità, sulle nostre origini, mentre un nuovo insieme di valori e di spunti è necessario per riappropriarci del presente.

Attraverso le opere presenti in mostra, ciascun artista porta il suo tassello personale all’interno di un percorso unico, incentrato sulla necessità di un intervento umano ed artistico, trascendendo il proprio Io e proiettando, attraverso l’arte, una trasformazione interiore.

Artisti: E. AGOSTI, S. BOTTICELLI, L. BUNCH, M. Pacheco CIBILS, D.de SCORPIO, M. EMILOV, A. ESPOSITO, N. FAGGION, D. FERRARIS, L. FRIDMAN, E. FRUSCIANTE, K. GUDUSHAURI, U. KÄLBERER, M. LAMEI, S. LANDOLFI, M.L MAESANO, MAJD, A. OLASZ, A. PASTA, O. PEGORARO, Sal PONCE, A. ROLSING, S. SCHAWALDER, M. SACCHIERO, M. STAMATI, U. STRÖBITZER, A. TONELLI

Mostra arte contemporanea GENESIS

Ideazione e organizzazione Anna Isopo Arte Borgo Gallery – Roma

Presentazione critica Cinzia Folcarelli

 

Opening: venerdì 4 settembre 2020 ore 17.00

MUSEO BELLINI

Lungarno Soderini 5 - Firenze

Ingresso gratuito

 

Apertura al pubblico dal 4 al 18 settembre 2020

Orari mostra: dal lunedì al venerdì 10.30 | 12.00 – 15.30 | 18.00

sabato 15.30 | 18.00

 

info:

Arte Borgo Gallery Roma

345 - 22.28.110

info@arteborgo.it

www.arteborgo.it

 

Museo Bellini

Lungarno Soderini 5 Firenze

055 - 214031

]]>
Video Sound Art festival - X edizione Mon, 24 Aug 2020 15:28:57 +0200 http://comunicati.net/comunicati/arte/arti_figurative/656959.html http://comunicati.net/comunicati/arte/arti_figurative/656959.html Video Sound Art Video Sound Art X EDIZIONE 
THE REFLECTING POOL
Ho ancora tutto da mettermi  

16 settembre – 1 ottobre Piscina Romano
16 ottobre - 16 novembre Piscina Cozzi
23 novembre - 3 dicembre Piscina Cozzi 

OPEN CALL dal 5 agosto

 

VIDEO SOUND ART, il festival e centro di produzione dedicato all’arte contemporanea, a partire dal 16 settembre celebra i suoi 10 anni di attività con un ciclo di mostre monografiche, concerti e screening program nella cornice delle storiche piscine Giulio Romano e Cozzi di Milano.

Il progetto è stato realizzato con il sostegno di Fondazione Cariplo, Regione Lombardia, Ministero di Cultura del Cile e MiBACT e con la collaborazione di Milanosport e del Touring Club Italiano.

 

IL FESTIVAL
a cura di Laura Lamonea

Video Sound Art festival dal 2011 sostiene la nascita di nuove produzioni riflettendo sulle trasformazioni del linguaggio installativo come risultato di un processo di ibridazione delle discipline tradizionali: scultura, architettura, cinema, teatro.

Le opere nel corso degli anni sono state presentate al pubblico in contesti espositivi lontani dai circuiti distributivi ordinari, con l’intento di  testare la capacità di adattamento dei progetti artistici all’interno della società:  mostre collettive presso scuole pubbliche (Biennale Manifesta, PA, Liceo Volta, MI), sotterranei (Ex Albergo Diurno Venezia, MI - Ali Kazma) , sale teatrali (Teatro Franco Parenti | Bagni Misteriosi MI - Yuri Ancarani). Dieci anni di tentativi durante i quali gli artisti hanno partecipato allo sviluppo di modelli di condivisione sociale, rivisitando spazi pubblici, relazionandosi con visitatori casuali.   

Anche quest’anno la dimensione espositiva trasforma gli impianti sportivi delle piscine Romano e Cozzi, le storiche vasche di Milanosport, mettendo in dialogo le produzioni artistiche con il dibattito contemporaneo, e convivendo - durante i mesi autunnali- con le attività destinate allo sport.

 
THE REFLECTING POOL
Ho ancora tutto da mettermi  

Il titolo dell'intero ciclo di interventi è un omaggio al capolavoro di Bill Viola del 1977, e ne prende in prestito gli interrogativi: il rapporto dell'uomo con il mondo, la riflessione sul potere dell’immagine, l’acqua simbolo di avvicinamento ad un percorso iniziatico.  

Le mostre propongono uno sguardo sulle possibilità di rappresentazione del paesaggio postmoderno, registrano cambiamenti evidenziando personali aspettative sul futuro.

Ho ancora tutto da mettermi urlava già nel 1985 l’uomo postmoderno disegnato tra le pagine di Tondelli: un fluttuare di combinazioni, un missaggio di immagini e riferimenti al passato e al presente. 

Protagonista della prima sezione è l’artista cileno ENRIQUE RAMIREZ, finalista del premio Duchamp a cui Video Sound Art dedica la prima mostra personale in Italia in contemporanea al Pompidou di Parigi. Le atmosfere idilliache dei paesaggi di Ramirez sono spesso stravolte da una sovrapposizione di segni che trasformano fatti storici in mito, luoghi esistenti in visioni oniriche postmoderne. Attraversamenti abbaglianti nel deserto di sale in Bolivia, lunghe traversate oceaniche assumono le sembianze di  nuovi spazi concettuali.

Il percorso espositivo, composto da installazioni, film, sculture e fotografie, si snoda nei suggestivi spazi della piscina, creando un gioco di corrispondenze e suggestioni visive: gli spogliatoi, il medagliere, la palazzina liberty, fino all’immensa vasca che ospita tre schermi a bordo piscina.

In esposizione anche una selezione ad opera dell’artista di alcuni materiali dall’Archivio del Touring Club Italiano, oggetto della residenza dell’open call di quest’anno.

Ad arricchire la mostra sono in programma: nel giorno di apertura una performance sonora dell’artista, il primo fine settimana sonorizzazioni musicali a cura di Le Cannibale e per l’intera durata della mostra uno screening program che vede la partecipazione di diverse realtà cinematografiche operanti sul territorio.

La seconda monografica, prevista per i mesi di ottobre e novembre nella piscina Cozzi, è dedicata all’artista GIULIO FRIGO, ad oggi annoverato tra i giovani italiani più promettenti nel campo della pittura. Insieme alle opere pittoriche dell’artista sono previste sonorizzazioni e una performance live a cura dell'ensemble Sentieri Selvaggi. Il progetto è risultato vincitore per la qualità curatoriale nell’ambito del bando Exhibit Program, promosso dalla Direzione Generale di Creatività Contemporanea del MiBACT.

Nei mesi di novembre e dicembre, la piscina Cozzi diventa sede dell’esposizione delle opere vincitrici dell’open call 2020, realizzata in collaborazione con il Touring Club Italiano, con la speciale partecipazione di un guest artist.

 

OPEN CALL
L’immagine aperta
in collaborazione con il Touring Club Italiano

Video Sound Art continua a sostenere la creatività di giovani artisti e la nascita di nuove produzioni.

Partendo dal prezioso archivio del Touring Club Italiano, i partecipanti, attraverso operazioni di assemblaggio e postproduzione, possono organizzare i materiali e costruire con essi narrazioni visive per dare nuove fisionomie all’Archivio.

La chiamata è rivolta ad artisti, curatori, ricercatori e viaggiatori ed è aperta fino al 30 settembre. I lavori selezionati saranno presentati presso la Piscina Cozzi di Milano.

 

UN PUBLIC PROGRAM A PIÙ VOCI
con il coordinamento di Davide Francalanci


Il public program prevede la realizzazione di concerti, sonorizzazioni, performance e, per la prima volta, uno screening program con la partecipazione di numerose istituzioni culturali del territorio.

Il 17 e 18 settembre gli spazi interni ed esterni della mostra ospitano interventi musicali a cura di Le Cannibale, creatrice e produttrice di eventi musicali di rilievo nella storia dell’entertainment milanese dal 2011. Tra gli artisti ospiti: Gigi Masin, con Calypso il suo ultimo progetto discografico composto sull'isola greca di Gavdos che richiama i ritmi e le texture del paesaggio mediterraneo, e Marco Puccini, artista e sound designer, con un intervento di sonorizzazione ad hoc sull’opera Ocèan di Enrique Ramirez.

Nel corso delle serate, sempre all’aperto, Video Sound Art invita realtà che operano nel cinema a costruire un cartellone condiviso, tra queste la casa di produzione milanese Rosso Film, il Lake Como Film Festival e Filmmaker Festival. Un ciclo di proiezioni a più voci per raccontare da diverse angolazioni il cinema contemporaneo. 

Ad ottobre presso la piscina Cozzi sono in programma performance live e sonorizzazioni a cura dell'ensemble di musica contemporanea Sentieri Selvaggi, diretto dal compositore Carlo Boccadoro. Questi interventi musicali nascono in simbiosi con le opere dell'artista, creando un suggestivo gioco di rimandi e corrispondenze.

 

]]>
Video Sound Art festival - X edizione Mon, 24 Aug 2020 15:27:01 +0200 http://comunicati.net/comunicati/arte/arti_figurative/656957.html http://comunicati.net/comunicati/arte/arti_figurative/656957.html Video Sound Art Video Sound Art X EDIZIONE 
THE REFLECTING POOL
Ho ancora tutto da mettermi  


 

16 settembre – 1 ottobre Piscina Romano
16 ottobre - 16 novembre Piscina Cozzi
23 novembre - 3 dicembre Piscina Cozzi 

OPEN CALL dal 5 agosto

 

VIDEO SOUND ART, il festival e centro di produzione dedicato all’arte contemporanea, a partire dal 16 settembre celebra i suoi 10 anni di attività con un ciclo di mostre monografiche, concerti e screening program nella cornice delle storiche piscine Giulio Romano e Cozzi di Milano.

Il progetto è stato realizzato con il sostegno di Fondazione Cariplo, Regione Lombardia, Ministero di Cultura del Cile e MiBACT e con la collaborazione di Milanosport e del Touring Club Italiano.

 

IL FESTIVAL
a cura di Laura Lamonea

Video Sound Art festival dal 2011 sostiene la nascita di nuove produzioni riflettendo sulle trasformazioni del linguaggio installativo come risultato di un processo di ibridazione delle discipline tradizionali: scultura, architettura, cinema, teatro.

Le opere nel corso degli anni sono state presentate al pubblico in contesti espositivi lontani dai circuiti distributivi ordinari, con l’intento di  testare la capacità di adattamento dei progetti artistici all’interno della società:  mostre collettive presso scuole pubbliche (Biennale Manifesta, PA, Liceo Volta, MI), sotterranei (Ex Albergo Diurno Venezia, MI - Ali Kazma) , sale teatrali (Teatro Franco Parenti | Bagni Misteriosi MI - Yuri Ancarani). Dieci anni di tentativi durante i quali gli artisti hanno partecipato allo sviluppo di modelli di condivisione sociale, rivisitando spazi pubblici, relazionandosi con visitatori casuali.   

Anche quest’anno la dimensione espositiva trasforma gli impianti sportivi delle piscine Romano e Cozzi, le storiche vasche di Milanosport, mettendo in dialogo le produzioni artistiche con il dibattito contemporaneo, e convivendo - durante i mesi autunnali- con le attività destinate allo sport.

 
THE REFLECTING POOL
Ho ancora tutto da mettermi  

Il titolo dell'intero ciclo di interventi è un omaggio al capolavoro di Bill Viola del 1977, e ne prende in prestito gli interrogativi: il rapporto dell'uomo con il mondo, la riflessione sul potere dell’immagine, l’acqua simbolo di avvicinamento ad un percorso iniziatico.  

Le mostre propongono uno sguardo sulle possibilità di rappresentazione del paesaggio postmoderno, registrano cambiamenti evidenziando personali aspettative sul futuro.

Ho ancora tutto da mettermi urlava già nel 1985 l’uomo postmoderno disegnato tra le pagine di Tondelli: un fluttuare di combinazioni, un missaggio di immagini e riferimenti al passato e al presente. 

Protagonista della prima sezione è l’artista cileno ENRIQUE RAMIREZ, finalista del premio Duchamp a cui Video Sound Art dedica la prima mostra personale in Italia in contemporanea al Pompidou di Parigi. Le atmosfere idilliache dei paesaggi di Ramirez sono spesso stravolte da una sovrapposizione di segni che trasformano fatti storici in mito, luoghi esistenti in visioni oniriche postmoderne. Attraversamenti abbaglianti nel deserto di sale in Bolivia, lunghe traversate oceaniche assumono le sembianze di  nuovi spazi concettuali.

Il percorso espositivo, composto da installazioni, film, sculture e fotografie, si snoda nei suggestivi spazi della piscina, creando un gioco di corrispondenze e suggestioni visive: gli spogliatoi, il medagliere, la palazzina liberty, fino all’immensa vasca che ospita tre schermi a bordo piscina.

In esposizione anche una selezione ad opera dell’artista di alcuni materiali dall’Archivio del Touring Club Italiano, oggetto della residenza dell’open call di quest’anno.

Ad arricchire la mostra sono in programma: nel giorno di apertura una performance sonora dell’artista, il primo fine settimana sonorizzazioni musicali a cura di Le Cannibale e per l’intera durata della mostra uno screening program che vede la partecipazione di diverse realtà cinematografiche operanti sul territorio.

La seconda monografica, prevista per i mesi di ottobre e novembre nella piscina Cozzi, è dedicata all’artista GIULIO FRIGO, ad oggi annoverato tra i giovani italiani più promettenti nel campo della pittura. Insieme alle opere pittoriche dell’artista sono previste sonorizzazioni e una performance live a cura dell'ensemble Sentieri Selvaggi. Il progetto è risultato vincitore per la qualità curatoriale nell’ambito del bando Exhibit Program, promosso dalla Direzione Generale di Creatività Contemporanea del MiBACT.

Nei mesi di novembre e dicembre, la piscina Cozzi diventa sede dell’esposizione delle opere vincitrici dell’open call 2020, realizzata in collaborazione con il Touring Club Italiano, con la speciale partecipazione di un guest artist.

 

OPEN CALL
L’immagine aperta
in collaborazione con il Touring Club Italiano

Video Sound Art continua a sostenere la creatività di giovani artisti e la nascita di nuove produzioni.

Partendo dal prezioso archivio del Touring Club Italiano, i partecipanti, attraverso operazioni di assemblaggio e postproduzione, possono organizzare i materiali e costruire con essi narrazioni visive per dare nuove fisionomie all’Archivio.

La chiamata è rivolta ad artisti, curatori, ricercatori e viaggiatori ed è aperta fino al 30 settembre. I lavori selezionati saranno presentati presso la Piscina Cozzi di Milano.

 

UN PUBLIC PROGRAM A PIÙ VOCI
con il coordinamento di Davide Francalanci


Il public program prevede la realizzazione di concerti, sonorizzazioni, performance e, per la prima volta, uno screening program con la partecipazione di numerose istituzioni culturali del territorio.

Il 17 e 18 settembre gli spazi interni ed esterni della mostra ospitano interventi musicali a cura di Le Cannibale, creatrice e produttrice di eventi musicali di rilievo nella storia dell’entertainment milanese dal 2011. Tra gli artisti ospiti: Gigi Masin, con Calypso il suo ultimo progetto discografico composto sull'isola greca di Gavdos che richiama i ritmi e le texture del paesaggio mediterraneo, e Marco Puccini, artista e sound designer, con un intervento di sonorizzazione ad hoc sull’opera Ocèan di Enrique Ramirez.

Nel corso delle serate, sempre all’aperto, Video Sound Art invita realtà che operano nel cinema a costruire un cartellone condiviso, tra queste la casa di produzione milanese Rosso Film, il Lake Como Film Festival e Filmmaker Festival. Un ciclo di proiezioni a più voci per raccontare da diverse angolazioni il cinema contemporaneo. 

Ad ottobre presso la piscina Cozzi sono in programma performance live e sonorizzazioni a cura dell'ensemble di musica contemporanea Sentieri Selvaggi, diretto dal compositore Carlo Boccadoro. Questi interventi musicali nascono in simbiosi con le opere dell'artista, creando un suggestivo gioco di rimandi e corrispondenze.

 

 

]]>
Video Sound Art festival - X edizione Mon, 24 Aug 2020 15:26:17 +0200 http://comunicati.net/comunicati/arte/arti_figurative/656956.html http://comunicati.net/comunicati/arte/arti_figurative/656956.html Video Sound Art Video Sound Art X EDIZIONE 
THE REFLECTING POOL
Ho ancora tutto da mettermi  


16 settembre – 1 ottobre Piscina Romano
16 ottobre - 16 novembre Piscina Cozzi
23 novembre - 3 dicembre Piscina Cozzi 

OPEN CALL dal 5 agosto

 

VIDEO SOUND ART, il festival e centro di produzione dedicato all’arte contemporanea, a partire dal 16 settembre celebra i suoi 10 anni di attività con un ciclo di mostre monografiche, concerti e screening program nella cornice delle storiche piscine Giulio Romano e Cozzi di Milano.

Il progetto è stato realizzato con il sostegno di Fondazione Cariplo, Regione Lombardia, Ministero di Cultura del Cile e MiBACT e con la collaborazione di Milanosport e del Touring Club Italiano.

 

IL FESTIVAL
a cura di Laura Lamonea

Video Sound Art festival dal 2011 sostiene la nascita di nuove produzioni riflettendo sulle trasformazioni del linguaggio installativo come risultato di un processo di ibridazione delle discipline tradizionali: scultura, architettura, cinema, teatro.

Le opere nel corso degli anni sono state presentate al pubblico in contesti espositivi lontani dai circuiti distributivi ordinari, con l’intento di  testare la capacità di adattamento dei progetti artistici all’interno della società:  mostre collettive presso scuole pubbliche (Biennale Manifesta, PA, Liceo Volta, MI), sotterranei (Ex Albergo Diurno Venezia, MI - Ali Kazma) , sale teatrali (Teatro Franco Parenti | Bagni Misteriosi MI - Yuri Ancarani). Dieci anni di tentativi durante i quali gli artisti hanno partecipato allo sviluppo di modelli di condivisione sociale, rivisitando spazi pubblici, relazionandosi con visitatori casuali.   

Anche quest’anno la dimensione espositiva trasforma gli impianti sportivi delle piscine Romano e Cozzi, le storiche vasche di Milanosport, mettendo in dialogo le produzioni artistiche con il dibattito contemporaneo, e convivendo - durante i mesi autunnali- con le attività destinate allo sport.

 
THE REFLECTING POOL
Ho ancora tutto da mettermi  

Il titolo dell'intero ciclo di interventi è un omaggio al capolavoro di Bill Viola del 1977, e ne prende in prestito gli interrogativi: il rapporto dell'uomo con il mondo, la riflessione sul potere dell’immagine, l’acqua simbolo di avvicinamento ad un percorso iniziatico.  

Le mostre propongono uno sguardo sulle possibilità di rappresentazione del paesaggio postmoderno, registrano cambiamenti evidenziando personali aspettative sul futuro.

Ho ancora tutto da mettermi urlava già nel 1985 l’uomo postmoderno disegnato tra le pagine di Tondelli: un fluttuare di combinazioni, un missaggio di immagini e riferimenti al passato e al presente. 

Protagonista della prima sezione è l’artista cileno ENRIQUE RAMIREZ, finalista del premio Duchamp a cui Video Sound Art dedica la prima mostra personale in Italia in contemporanea al Pompidou di Parigi. Le atmosfere idilliache dei paesaggi di Ramirez sono spesso stravolte da una sovrapposizione di segni che trasformano fatti storici in mito, luoghi esistenti in visioni oniriche postmoderne. Attraversamenti abbaglianti nel deserto di sale in Bolivia, lunghe traversate oceaniche assumono le sembianze di  nuovi spazi concettuali.

Il percorso espositivo, composto da installazioni, film, sculture e fotografie, si snoda nei suggestivi spazi della piscina, creando un gioco di corrispondenze e suggestioni visive: gli spogliatoi, il medagliere, la palazzina liberty, fino all’immensa vasca che ospita tre schermi a bordo piscina.

In esposizione anche una selezione ad opera dell’artista di alcuni materiali dall’Archivio del Touring Club Italiano, oggetto della residenza dell’open call di quest’anno.

Ad arricchire la mostra sono in programma: nel giorno di apertura una performance sonora dell’artista, il primo fine settimana sonorizzazioni musicali a cura di Le Cannibale e per l’intera durata della mostra uno screening program che vede la partecipazione di diverse realtà cinematografiche operanti sul territorio.

La seconda monografica, prevista per i mesi di ottobre e novembre nella piscina Cozzi, è dedicata all’artista GIULIO FRIGO, ad oggi annoverato tra i giovani italiani più promettenti nel campo della pittura. Insieme alle opere pittoriche dell’artista sono previste sonorizzazioni e una performance live a cura dell'ensemble Sentieri Selvaggi. Il progetto è risultato vincitore per la qualità curatoriale nell’ambito del bando Exhibit Program, promosso dalla Direzione Generale di Creatività Contemporanea del MiBACT.

Nei mesi di novembre e dicembre, la piscina Cozzi diventa sede dell’esposizione delle opere vincitrici dell’open call 2020, realizzata in collaborazione con il Touring Club Italiano, con la speciale partecipazione di un guest artist.

 

OPEN CALL
L’immagine aperta
in collaborazione con il Touring Club Italiano

Video Sound Art continua a sostenere la creatività di giovani artisti e la nascita di nuove produzioni.

Partendo dal prezioso archivio del Touring Club Italiano, i partecipanti, attraverso operazioni di assemblaggio e postproduzione, possono organizzare i materiali e costruire con essi narrazioni visive per dare nuove fisionomie all’Archivio.

La chiamata è rivolta ad artisti, curatori, ricercatori e viaggiatori ed è aperta fino al 30 settembre. I lavori selezionati saranno presentati presso la Piscina Cozzi di Milano.

 

UN PUBLIC PROGRAM A PIÙ VOCI
con il coordinamento di Davide Francalanci


Il public program prevede la realizzazione di concerti, sonorizzazioni, performance e, per la prima volta, uno screening program con la partecipazione di numerose istituzioni culturali del territorio.

Il 17 e 18 settembre gli spazi interni ed esterni della mostra ospitano interventi musicali a cura di Le Cannibale, creatrice e produttrice di eventi musicali di rilievo nella storia dell’entertainment milanese dal 2011. Tra gli artisti ospiti: Gigi Masin, con Calypso il suo ultimo progetto discografico composto sull'isola greca di Gavdos che richiama i ritmi e le texture del paesaggio mediterraneo, e Marco Puccini, artista e sound designer, con un intervento di sonorizzazione ad hoc sull’opera Ocèan di Enrique Ramirez.

Nel corso delle serate, sempre all’aperto, Video Sound Art invita realtà che operano nel cinema a costruire un cartellone condiviso, tra queste la casa di produzione milanese Rosso Film, il Lake Como Film Festival e Filmmaker Festival. Un ciclo di proiezioni a più voci per raccontare da diverse angolazioni il cinema contemporaneo. 

Ad ottobre presso la piscina Cozzi sono in programma performance live e sonorizzazioni a cura dell'ensemble di musica contemporanea Sentieri Selvaggi, diretto dal compositore Carlo Boccadoro. Questi interventi musicali nascono in simbiosi con le opere dell'artista, creando un suggestivo gioco di rimandi e corrispondenze.

]]>
Video Sound Art festival Mon, 24 Aug 2020 15:25:55 +0200 http://comunicati.net/comunicati/arte/arti_figurative/656955.html http://comunicati.net/comunicati/arte/arti_figurative/656955.html Video Sound Art Video Sound Art X EDIZIONE 
THE REFLECTING POOL
Ho ancora tutto da mettermi  


16 settembre – 1 ottobre Piscina Romano
16 ottobre - 16 novembre Piscina Cozzi
23 novembre - 3 dicembre Piscina Cozzi 

OPEN CALL dal 5 agosto

 

VIDEO SOUND ART, il festival e centro di produzione dedicato all’arte contemporanea, a partire dal 16 settembre celebra i suoi 10 anni di attività con un ciclo di mostre monografiche, concerti e screening program nella cornice delle storiche piscine Giulio Romano e Cozzi di Milano.

Il progetto è stato realizzato con il sostegno di Fondazione Cariplo, Regione Lombardia, Ministero di Cultura del Cile e MiBACT e con la collaborazione di Milanosport e del Touring Club Italiano.

 

IL FESTIVAL
a cura di Laura Lamonea

Video Sound Art festival dal 2011 sostiene la nascita di nuove produzioni riflettendo sulle trasformazioni del linguaggio installativo come risultato di un processo di ibridazione delle discipline tradizionali: scultura, architettura, cinema, teatro.

Le opere nel corso degli anni sono state presentate al pubblico in contesti espositivi lontani dai circuiti distributivi ordinari, con l’intento di  testare la capacità di adattamento dei progetti artistici all’interno della società:  mostre collettive presso scuole pubbliche (Biennale Manifesta, PA, Liceo Volta, MI), sotterranei (Ex Albergo Diurno Venezia, MI - Ali Kazma) , sale teatrali (Teatro Franco Parenti | Bagni Misteriosi MI - Yuri Ancarani). Dieci anni di tentativi durante i quali gli artisti hanno partecipato allo sviluppo di modelli di condivisione sociale, rivisitando spazi pubblici, relazionandosi con visitatori casuali.   

Anche quest’anno la dimensione espositiva trasforma gli impianti sportivi delle piscine Romano e Cozzi, le storiche vasche di Milanosport, mettendo in dialogo le produzioni artistiche con il dibattito contemporaneo, e convivendo - durante i mesi autunnali- con le attività destinate allo sport.

 
THE REFLECTING POOL
Ho ancora tutto da mettermi  

Il titolo dell'intero ciclo di interventi è un omaggio al capolavoro di Bill Viola del 1977, e ne prende in prestito gli interrogativi: il rapporto dell'uomo con il mondo, la riflessione sul potere dell’immagine, l’acqua simbolo di avvicinamento ad un percorso iniziatico.  

Le mostre propongono uno sguardo sulle possibilità di rappresentazione del paesaggio postmoderno, registrano cambiamenti evidenziando personali aspettative sul futuro.

Ho ancora tutto da mettermi urlava già nel 1985 l’uomo postmoderno disegnato tra le pagine di Tondelli: un fluttuare di combinazioni, un missaggio di immagini e riferimenti al passato e al presente. 

Protagonista della prima sezione è l’artista cileno ENRIQUE RAMIREZ, finalista del premio Duchamp a cui Video Sound Art dedica la prima mostra personale in Italia in contemporanea al Pompidou di Parigi. Le atmosfere idilliache dei paesaggi di Ramirez sono spesso stravolte da una sovrapposizione di segni che trasformano fatti storici in mito, luoghi esistenti in visioni oniriche postmoderne. Attraversamenti abbaglianti nel deserto di sale in Bolivia, lunghe traversate oceaniche assumono le sembianze di  nuovi spazi concettuali.

Il percorso espositivo, composto da installazioni, film, sculture e fotografie, si snoda nei suggestivi spazi della piscina, creando un gioco di corrispondenze e suggestioni visive: gli spogliatoi, il medagliere, la palazzina liberty, fino all’immensa vasca che ospita tre schermi a bordo piscina.

In esposizione anche una selezione ad opera dell’artista di alcuni materiali dall’Archivio del Touring Club Italiano, oggetto della residenza dell’open call di quest’anno.

Ad arricchire la mostra sono in programma: nel giorno di apertura una performance sonora dell’artista, il primo fine settimana sonorizzazioni musicali a cura di Le Cannibale e per l’intera durata della mostra uno screening program che vede la partecipazione di diverse realtà cinematografiche operanti sul territorio.

La seconda monografica, prevista per i mesi di ottobre e novembre nella piscina Cozzi, è dedicata all’artista GIULIO FRIGO, ad oggi annoverato tra i giovani italiani più promettenti nel campo della pittura. Insieme alle opere pittoriche dell’artista sono previste sonorizzazioni e una performance live a cura dell'ensemble Sentieri Selvaggi. Il progetto è risultato vincitore per la qualità curatoriale nell’ambito del bando Exhibit Program, promosso dalla Direzione Generale di Creatività Contemporanea del MiBACT.

Nei mesi di novembre e dicembre, la piscina Cozzi diventa sede dell’esposizione delle opere vincitrici dell’open call 2020, realizzata in collaborazione con il Touring Club Italiano, con la speciale partecipazione di un guest artist.

 

OPEN CALL
L’immagine aperta
in collaborazione con il Touring Club Italiano

Video Sound Art continua a sostenere la creatività di giovani artisti e la nascita di nuove produzioni.

Partendo dal prezioso archivio del Touring Club Italiano, i partecipanti, attraverso operazioni di assemblaggio e postproduzione, possono organizzare i materiali e costruire con essi narrazioni visive per dare nuove fisionomie all’Archivio.

La chiamata è rivolta ad artisti, curatori, ricercatori e viaggiatori ed è aperta fino al 30 settembre. I lavori selezionati saranno presentati presso la Piscina Cozzi di Milano.

 

UN PUBLIC PROGRAM A PIÙ VOCI
con il coordinamento di Davide Francalanci


Il public program prevede la realizzazione di concerti, sonorizzazioni, performance e, per la prima volta, uno screening program con la partecipazione di numerose istituzioni culturali del territorio.

Il 17 e 18 settembre gli spazi interni ed esterni della mostra ospitano interventi musicali a cura di Le Cannibale, creatrice e produttrice di eventi musicali di rilievo nella storia dell’entertainment milanese dal 2011. Tra gli artisti ospiti: Gigi Masin, con Calypso il suo ultimo progetto discografico composto sull'isola greca di Gavdos che richiama i ritmi e le texture del paesaggio mediterraneo, e Marco Puccini, artista e sound designer, con un intervento di sonorizzazione ad hoc sull’opera Ocèan di Enrique Ramirez.

Nel corso delle serate, sempre all’aperto, Video Sound Art invita realtà che operano nel cinema a costruire un cartellone condiviso, tra queste la casa di produzione milanese Rosso Film, il Lake Como Film Festival e Filmmaker Festival. Un ciclo di proiezioni a più voci per raccontare da diverse angolazioni il cinema contemporaneo. 

Ad ottobre presso la piscina Cozzi sono in programma performance live e sonorizzazioni a cura dell'ensemble di musica contemporanea Sentieri Selvaggi, diretto dal compositore Carlo Boccadoro. Questi interventi musicali nascono in simbiosi con le opere dell'artista, creando un suggestivo gioco di rimandi e corrispondenze.

]]>
Video Sound Art festival Mon, 24 Aug 2020 15:23:35 +0200 http://comunicati.net/comunicati/arte/arti_figurative/656954.html http://comunicati.net/comunicati/arte/arti_figurative/656954.html Video Sound Art Video Sound Art X EDIZIONE 
THE REFLECTING POOL
Ho ancora tutto da mettermi  

16 settembre – 1 ottobre Piscina Romano
16 ottobre - 16 novembre Piscina Cozzi
23 novembre - 3 dicembre Piscina Cozzi 

OPEN CALL dal 5 agosto

 

VIDEO SOUND ART, il festival e centro di produzione dedicato all’arte contemporanea, a partire dal 16 settembre celebra i suoi 10 anni di attività con un ciclo di mostre monografiche, concerti e screening program nella cornice delle storiche piscine Giulio Romano e Cozzi di Milano.

Il progetto è stato realizzato con il sostegno di Fondazione Cariplo, Regione Lombardia, Ministero di Cultura del Cile e MiBACT e con la collaborazione di Milanosport e del Touring Club Italiano.

 

IL FESTIVAL
a cura di Laura Lamonea

Video Sound Art festival dal 2011 sostiene la nascita di nuove produzioni riflettendo sulle trasformazioni del linguaggio installativo come risultato di un processo di ibridazione delle discipline tradizionali: scultura, architettura, cinema, teatro.

Le opere nel corso degli anni sono state presentate al pubblico in contesti espositivi lontani dai circuiti distributivi ordinari, con l’intento di  testare la capacità di adattamento dei progetti artistici all’interno della società:  mostre collettive presso scuole pubbliche (Biennale Manifesta, PA, Liceo Volta, MI), sotterranei (Ex Albergo Diurno Venezia, MI - Ali Kazma) , sale teatrali (Teatro Franco Parenti | Bagni Misteriosi MI - Yuri Ancarani). Dieci anni di tentativi durante i quali gli artisti hanno partecipato allo sviluppo di modelli di condivisione sociale, rivisitando spazi pubblici, relazionandosi con visitatori casuali.   

Anche quest’anno la dimensione espositiva trasforma gli impianti sportivi delle piscine Romano e Cozzi, le storiche vasche di Milanosport, mettendo in dialogo le produzioni artistiche con il dibattito contemporaneo, e convivendo - durante i mesi autunnali- con le attività destinate allo sport.


THE REFLECTING POOL
Ho ancora tutto da mettermi  

Il titolo dell'intero ciclo di interventi è un omaggio al capolavoro di Bill Viola del 1977, e ne prende in prestito gli interrogativi: il rapporto dell'uomo con il mondo, la riflessione sul potere dell’immagine, l’acqua simbolo di avvicinamento ad un percorso iniziatico.  

Le mostre propongono uno sguardo sulle possibilità di rappresentazione del paesaggio postmoderno, registrano cambiamenti evidenziando personali aspettative sul futuro.

Ho ancora tutto da mettermi urlava già nel 1985 l’uomo postmoderno disegnato tra le pagine di Tondelli: un fluttuare di combinazioni, un missaggio di immagini e riferimenti al passato e al presente. 

Protagonista della prima sezione è l’artista cileno ENRIQUE RAMIREZ, finalista del premio Duchamp a cui Video Sound Art dedica la prima mostra personale in Italia in contemporanea al Pompidou di Parigi. Le atmosfere idilliache dei paesaggi di Ramirez sono spesso stravolte da una sovrapposizione di segni che trasformano fatti storici in mito, luoghi esistenti in visioni oniriche postmoderne. Attraversamenti abbaglianti nel deserto di sale in Bolivia, lunghe traversate oceaniche assumono le sembianze di  nuovi spazi concettuali.

Il percorso espositivo, composto da installazioni, film, sculture e fotografie, si snoda nei suggestivi spazi della piscina, creando un gioco di corrispondenze e suggestioni visive: gli spogliatoi, il medagliere, la palazzina liberty, fino all’immensa vasca che ospita tre schermi a bordo piscina.

In esposizione anche una selezione ad opera dell’artista di alcuni materiali dall’Archivio del Touring Club Italiano, oggetto della residenza dell’open call di quest’anno.

Ad arricchire la mostra sono in programma: nel giorno di apertura una performance sonora dell’artista, il primo fine settimana sonorizzazioni musicali a cura di Le Cannibale e per l’intera durata della mostra uno screening program che vede la partecipazione di diverse realtà cinematografiche operanti sul territorio.

La seconda monografica, prevista per i mesi di ottobre e novembre nella piscina Cozzi, è dedicata all’artista GIULIO FRIGO, ad oggi annoverato tra i giovani italiani più promettenti nel campo della pittura. Insieme alle opere pittoriche dell’artista sono previste sonorizzazioni e una performance live a cura dell'ensemble Sentieri Selvaggi. Il progetto è risultato vincitore per la qualità curatoriale nell’ambito del bando Exhibit Program, promosso dalla Direzione Generale di Creatività Contemporanea del MiBACT.

Nei mesi di novembre e dicembre, la piscina Cozzi diventa sede dell’esposizione delle opere vincitrici dell’open call 2020, realizzata in collaborazione con il Touring Club Italiano, con la speciale partecipazione di un guest artist.

 

OPEN CALL
L’immagine aperta
in collaborazione con il Touring Club Italiano

Video Sound Art continua a sostenere la creatività di giovani artisti e la nascita di nuove produzioni.

Partendo dal prezioso archivio del Touring Club Italiano, i partecipanti, attraverso operazioni di assemblaggio e postproduzione, possono organizzare i materiali e costruire con essi narrazioni visive per dare nuove fisionomie all’Archivio.

La chiamata è rivolta ad artisti, curatori, ricercatori e viaggiatori ed è aperta fino al 30 settembre. I lavori selezionati saranno presentati presso la Piscina Cozzi di Milano.

 

UN PUBLIC PROGRAM A PIÙ VOCI
con il coordinamento di Davide Francalanci


Il public program prevede la realizzazione di concerti, sonorizzazioni, performance e, per la prima volta, uno screening program con la partecipazione di numerose istituzioni culturali del territorio.

Il 17 e 18 settembre gli spazi interni ed esterni della mostra ospitano interventi musicali a cura di Le Cannibale, creatrice e produttrice di eventi musicali di rilievo nella storia dell’entertainment milanese dal 2011. Tra gli artisti ospiti: Gigi Masin, con Calypso il suo ultimo progetto discografico composto sull'isola greca di Gavdos che richiama i ritmi e le texture del paesaggio mediterraneo, e Marco Puccini, artista e sound designer, con un intervento di sonorizzazione ad hoc sull’opera Ocèan di Enrique Ramirez.

Nel corso delle serate, sempre all’aperto, Video Sound Art invita realtà che operano nel cinema a costruire un cartellone condiviso, tra queste la casa di produzione milanese Rosso Film, il Lake Como Film Festival e Filmmaker Festival. Un ciclo di proiezioni a più voci per raccontare da diverse angolazioni il cinema contemporaneo. 

Ad ottobre presso la piscina Cozzi sono in programma performance live e sonorizzazioni a cura dell'ensemble di musica contemporanea Sentieri Selvaggi, diretto dal compositore Carlo Boccadoro. Questi interventi musicali nascono in simbiosi con le opere dell'artista, creando un suggestivo gioco di rimandi e corrispondenze.

]]>
Global Clinical Decision Support System (CDSS) Market Set to Exhibit Huge Progress in Future Mon, 24 Aug 2020 10:46:51 +0200 http://comunicati.net/comunicati/arte/arti_figurative/656874.html http://comunicati.net/comunicati/arte/arti_figurative/656874.html P&S Intelligence P&S Intelligence The rising incidence of chronic diseases, surging geriatric population, and increasing requirement of patient monitoring services, especially in the remote regions of the developing nations, are some of the major factors responsible for the wide-scale adoption of clinical decision support systems across the world. These systems are mainly required for streamlining the clinical procedures in these countries. According to a report published by the United Nations Department of Economic and Social Affairs (UNDESA), the share of the worldwide geriatric population is expected to increase from 11.7% of the global population in 2013 to 21.1% by the end of 2050.

Driven by the above-mentioned factors, the global CDSS Market is expected to exhibit tremendous growth in the coming years. The clinical decision support systems (CDSSs) are basically computer-based information systems that are used for assisting the medical practitioners in implementing clinical guidelines at the point of care. These systems utilize patient information for providing evidence-based treatment recommendations to the medical care providers and help them in achieving improved clinical outcomes.

The Asia-Pacific (APAC) region is predicted to register rapid growth in the utilization of CDSS in various healthcare applications in future. This is attributed to the growing geriatric population and rising prevalence of chronic diseases in the region. In addition to this, the ballooning patient demand and rising life expectancy of the people in several APAC countries are expected to further boost the information technology (IT) investments being made in the healthcare industry in the region, which will in turn, fuel huge growth in the clinical decision support system market in the region over the next few years.

Thus, the demand for CDSS is certain to rise across the globe in the coming years on account of the growing need for patient monitoring systems, increasing incidence of chronic diseases, and rising utilization of advanced devices in healthcare applications all over the world.

]]>
Coronavirus Turmoil to Take Toll on Near-term Growth of Pest Control Services Fri, 21 Aug 2020 09:40:13 +0200 http://comunicati.net/comunicati/arte/arti_figurative/656542.html http://comunicati.net/comunicati/arte/arti_figurative/656542.html Ankush Nikam Ankush Nikam Pest Control Services Market: Global Industry Analysis 2015-2019 & Opportunity Assessment 2020-2030

A recent market study published by Future Market Insights on the pest control services market offers global industry analysis for 2015-2019 & opportunity assessment for 2020-2030. The study offers a comprehensive assessment of the most important market dynamics. After conducting a thorough research on the historical, as well as current growth parameters, the growth prospects of the market are obtained with maximum precision.

Market Segmentation

The global pest control services market is segmented in detail to cover every aspect of the market and present complete market intelligence to readers.

Service Type

Chemical Control Services

Organic

Synthetic

Mechanical Control Services

Other Pest Control Services

Sample of Research Report @ https://www.futuremarketinsights.com/reports/sample/rep-gb-260

Application

Rodent Control

Insect Control

Cockroaches

Ants

Bedbugs

Termites

Mosquitoes

Wasps

Flies

Other Insects Controls

Wildlife Control

Birds

Fleas

Other Applications

Pest Control Product

Insecticides

Rodenticides

Other Chemicals

Mechanical

Other Products

End User

Residential

Commercial

Agricultural

Region

North America

Latin America

Europe

East Asia

South Asia

Oceania

Middle East & Africa

Report Chapters

Chapter 01 - Executive Summary

The executive summary of the pest control services market includes the market country analysis, proprietary wheel of fortune, demand-side and supply-side trends, opportunity assessment, and recommendations on the global pest control services market.

Chapter 02 – Market Overview

Readers can find the detailed segmentation and definition of the pest control services market in this chapter, which will help them understand basic information about the pest control services market. This section also highlights the inclusions and exclusions, which help the reader understand the scope of the pest control services market report.

Chapter 03 – Key Market Trends

The report provides key market trends that are expected to impact market growth significantly during the forecast period. Detailed industry trends are provided in this section, along with key market developments or product innovations.

Chapter 04 – Why is Demand for Pest Control Increasing?

This chapter explains opportunities existing in the global pest control services market. It also identifies the most lucrative segment in the market between food processing and pharmaceuticals, offices, hospitality, retail, and healthcare and educational.

Chapter 05 - Impact of COVID-19 on the Market

This section provides an in-depth analysis on the impact of Covid-19 outbreak on global economy and its related effect across various countries. Readers can also find information on the impact of the pandemic on various sectors such as manufacturing and supply chain across the globe. The impact of the Covid-19 outbreak on the pest control services market is explained in this chapter. It also includes sales projection for the pest control services market during and after the crisis.

Chapter 06 – Maintaining the High Standards – Key Regulations & Frameworks

This section provides detailed analysis of the key regulations, certifications and other factors associated with pest control services and companies. It studies in detail the impact of various regulations implemented by leading international organizations on the market.

Chapter 07 – Key Success Factors

This section provides detailed analysis of the market strategy, strategic promotional strategies and customer educational programs – pest issues and basic biology of pest associated with the market.

Chapter 08 – Global Pest Control Services Market Demand (in Value or Size in US$ Mn) Analysis and Forecast 2015-2030

This chapter includes detailed analysis of the historical pest control services market (2015-2019), along with an opportunity analysis for the forecast period (2020-2030). Readers can also find the incremental opportunity for the current year (2020 – 2021) and absolute $ opportunity for the forecast period (2020–2030).This chapter provides details about the global pest control services market on the basis of services type, application, pest control products, end-user and region. In this chapter, readers can understand market attractive analysis for all segments. This chapter explains how the pest control services market is anticipated to grow across North America, Latin America, Europe, East Asia, South Asia, and Oceania, and the Middle East and Africa.

Chapter 09 – Market Background

The associated industry assessment of the global pest control services market is carried out in this section. In addition, this chapter explains key macroeconomic factors that are expected to influence the growth of the global pest control services market over the forecast period. Along with macroeconomic factors, this section also highlights the opportunity analysis for the market. It offers provides key market dynamics of the pest control services market, which include drivers, restraints, and trends. Moreover, it will help readers understand key trends followed by leading manufacturers in the pest control services market.

Chapter 10 - Global Pest Control Services Market Analysis 2015-2019 and Forecast 2020-2030

This chapter includes detailed analysis of the pest control services market for the historic year 2015-2019 and forecasted year 2020-2030. Moreover, readers can also find the increase incremental opportunity and CAGR associated with the global pest control services market.

Chapter 11 – Global Pest Control Services Market Analysis 2015-2019 and Forecast 2020-2030, by Service Type

This chapter provides details about the pest control services market on the basis of service type chemical control services (organic and synthetic), mechanical control services and other pest control services along with market attractiveness analysis.

Chapter 12 – Global Pest control services Market Analysis 2015-2019 and Forecast 2020-2030, by Application

Based on application, the pest control services market is segmented into rodent control, insect control (cockroaches, ants, bedbugs, termites, mosquitoes, wasps, flies, and other insect control), wildlife control (birds and fleas), and other application. Readers can find market attractiveness analysis, based on application.

Chapter 13 – Global Pest Control Services Market Analysis 2015-2019 and Forecast 2020-2030, by End-user

Based on end-user, the pest control services market is segmented into residential, commercial, and agricultural. Readers can find market attractiveness analysis, based on end-user.

Chapter 14 – Global Pest Control Services Market Analysis 2015-2019 and Forecast 2020-2030, by Pest Control Products

Based on pest control products, the pest control services market is segmented into insecticides, rodenticides, other chemicals, mechanical, and other products. Readers can find market attractiveness analysis, based on pest control products.

Chapter 15 – Global Pest Control Services Market Analysis 2015–2019 and Opportunity Assessment 2020-2030 by Region

This chapter explains how the pest control services market will grow across various geographic regions, such as North America, Latin America, Europe, South Asia, East Asia, Oceania, and the Middle East and Africa (MEA). Readers can find market attractiveness analysis, based on region.

Chapter 16 – North America Pest Control Services Market Analysis 2015-2019 & Forecast 2020-2030

This chapter includes a detailed analysis of the growth of the pest control services market in the North America region, along with a country-wise assessment that includes the U.S. and Canada. Readers can also find regional trends, opportunities, and market growth based on service type, application, end-User, pest control products and countries in the North America region.

Chapter 17 – Latin America Pest Control Services Market Analysis 2015-2019 & Forecast 2020-2030

Readers can find detailed information about several factors, such as the pricing analysis and regional trends, which are impacting growth of the pest control services market in the Latin America region. This chapter also includes growth prospects of the pest control services market in leading LATAM countries such as Brazil, Mexico and Rest of Latin America.

Chapter 18 –Europe Pest Control Services Market Analysis 2015-2019 & Forecast 2020-2030

Readers can find detailed information about several factors, such as the pricing analysis and regional trends, which are impacting growth of the pest control services market in the Europe region. This chapter also includes growth prospects of the pest control services market in leading Europe countries such as Germany, France, UK, Spain, Italy, BENELUX, Russia, Poland, Nordic and Rest of Europe.

Chapter 19 – South Asia Pest Control Services Market Analysis 2015-2019 & Forecast 2020-2030

This chapter includes a detailed analysis of the growth of the pest control services market in the South Asia region, along with a country-wise assessment that includes, India, Malaysia, Thailand, Indonesia, and Rest of South Asia. Readers can also find regional trends, restraints, and market growth of countries in the South Asia region.

Chapter 20 – East Asia Pest Control Services Market Analysis 2015-2019 & Forecast 2020-2030

This chapter includes a detailed analysis of the growth of the Pest control services market in East Asia region including the important growth prospects of the Pest control services market in several countries such as China, Hong Kong, Japan, and South Korea are included in this chapter.

Chapter 21 – Oceania Pest Control Services Market Analysis 2015 - 2019 & Forecast 2020 - 2030

In this chapter, Australia and New Zealand are among the leading countries in the Oceania region, which are the prime subjects of assessment to obtain the growth prospects of the Oceania pest control services market.

Chapter 22 – Middle East and Africa Pest Control Services Market Analysis 2015-2019 & Forecast 2020-2030

This chapter offers insights into how the pest control services market is expected to grow in major countries in the MEA region such as GCC Countries, South Africa, Northern Africa, and the Rest of MEA, during the forecast period 2020-2030.

Sample of Research Methodology Report @ https://www.futuremarketinsights.com/askus/rep-gb-260

Chapter 23 – Market Structure Analysis

In this chapter, readers can find detailed information about tier analysis and market concentration of the key players in the pest control services market along with their market presence analysis by region and product portfolio.

Chapter 24 – Competition Deep-Dive Analysis

In this chapter, readers can find a comprehensive list of leading manufacturers in the pest control services market, along with detailed information about each company, which includes company overview, revenue shares, strategic overview, and recent company developments. Some of the market players featured in the report are include Rollins, Inc., Rentokil Initial plc, Anticimex, Cook's Pest Control, Inc., ABC Home & Commercial Services, Animal Pest Management Services, Inc., Lloyd Pest Control, Green Earth Pest Control, LLC., Aptive Environmental, LLC, Home Paramount Pest Control, LLC., Dodson Pest Control, Environmental Pest Service, LLC., Truly Nolen of America, Inc.,  Florida Pest Control & Chemical, Massey Services, Inc., Arrow Exterminators, Ecolab, Inc., Green Pest Solutions, Apex Pest Control, Inc., Hulett Environmental Services, Plunkett's Pest Control, Senske, Inc. and others

Chapter 25 – Assumptions and Acronyms

This chapter includes a list of acronyms and assumptions that provide a base to the information and statistics included in the pest control services report.

Chapter 26 – Research Methodology

This chapter helps readers understand the research methodology followed to obtain various conclusions, as well as important qualitative and quantitative information, on the Pest control services market.

ABOUT US:

Future Market Insights is the premier provider of market intelligence and consulting services, serving clients in over 150 countries. FMI is headquartered in London, the global financial capital, and has delivery centers in the U.S. and India.

FMI’s research and consulting services help businesses around the globe navigate the challenges in a rapidly evolving marketplace with confidence and clarity. Our customized and syndicated market research reports deliver actionable insights that drive sustainable growth. We continuously track emerging trends and events in a broad range of end industries to ensure our clients prepare for the evolving needs of their consumers.

CONTACT US:

Future Market Insights

U.S. Office

616 Corporate Way, Suite 2-9018,

Valley Cottage, NY 10989,

United States

T: +1-347-918-3531

F: +1-845-579-5705

Web: https://www.futuremarketinsights.com

]]>
Heat Detection Systems Market to Witness Comprehensive Growth by COVID-19 Crisis 2013 - 2026 Tue, 18 Aug 2020 04:44:50 +0200 http://comunicati.net/comunicati/arte/arti_figurative/655929.html http://comunicati.net/comunicati/arte/arti_figurative/655929.html Ethan Smith Ethan Smith Report Summary:

 

The report titled "Heat Detection Systems  Market" offers a primary overview of the Heat Detection Systems  industry covering different product definitions, classifications, and participants in the industry chain structure. The quantitative and qualitative analysis is provided for the global Heat Detection Systems  market considering competitive landscape, development trends, and key critical success factors (CSFs) prevailing in the Heat Detection Systems  industry.

Get Access to sample pages: https://www.trendsmarketresearch.com/report/sample/11971

Historical  Forecast Period

 

2013 - 2017 – Historical Year for Heat Detection Systems  Market

 

2018 – Base Year for Heat Detection Systems  Market

 

2019-2027 – Forecast Period for Heat Detection Systems  Market

 

Key Developments in the Heat Detection Systems  Market

 

To describe Heat Detection Systems  Introduction, product type and application, market overview, market analysis by countries, market opportunities, market risk, market driving force;

 

To analyze the manufacturers of Heat Detection Systems , with profile, main business, news, sales, price, revenue and market share in 2016 and 2018;

 

To display the competitive situation among the top manufacturers in Global, with sales, revenue and market share in 2016 and 2018;

 

To show the market by type and application, with sales, price, revenue, market share and growth rate by type and application, from 2013 to 2019;

 

To analyze the key countries by manufacturers, Type and Application, covering North America, Europe, Asia Pacific, Middle-East and South America, with sales, revenue and market share by manufacturers, types and applications;

 

Heat Detection Systems  market forecast, by countries, type and application, with sales, price, revenue and growth rate forecast, from 2018 to 2026;

 

To analyze the manufacturing cost, key raw materials and manufacturing process etc.

 

To analyze the industrial chain, sourcing strategy and downstream end users (buyers);

 

Todescribe Heat Detection Systems  sales channel, distributors, traders, dealers etc.

 

To describe Heat Detection Systems  Research Findings and Conclusion, Appendix, methodology and data source

 

Market Segment by Manufacturers, this report covers 

 

• Apollo Fire

 

• Raychem

 

• Siemens

 

• Olympia Electronics

 

• Honeywell

 

• Caverion

 

• SD3

 

• Naffco

 

• Satel

 

• Zeta Alarms

 

• ZETTLER

 

• Protectowire

 

Market Segment by Countries, covering

 

• North America (United States, Canada, Mexico) Market Revenue and/or Volume

 

Europe (Germany, UK, France, Russia, Italy) Market Revenue and/or Volume

 

Asia Pacific (China, Japan, Korea, India, Southeast Asia) Market Revenue and/or Volume

 

Middle-East and Africa (Saudi Arabia, UAE, Egypt, Nigeria, South Africa) Market Revenue and/or Volume

 

South America (Brazil, Argentina, Colombia, etc.) Market Revenue and/or Volume

 

Market Segment by Type, covers

 

• Heat Detector Type

 

• Ionization Smoke Detector Type

 

• Photoelectric Smoke Detector Type

More Info of Impact COVID-19https://www.trendsmarketresearch.com/report/covid-19-analysis/11971

• Ionization/Photoelectric Smoke Detector Type

 

Market Segment by Applications, can be divided into

 

• General Construction

 

• High-Rise Building

 

• Multi-Winged Sructure

 

• Other

]]>
Insolita Mente Fri, 14 Aug 2020 15:36:54 +0200 http://comunicati.net/comunicati/arte/arti_figurative/655514.html http://comunicati.net/comunicati/arte/arti_figurative/655514.html MetaAlternativa MetaAlternativa

 

 

INSOLITA MENTE
Vania Elettra Tam

a cura di Carlo Micheli

22 agosto – 18 settembre 2020

Portopiccolo Art Gallery
strada Le Botteghe
34011 Portopiccolo Sistiana (TS)

Insolita Mente", a cura di Carlo Micheli, è la mostra che Vania ElettraTam inaugura nella splendida cornice di Portopiccolo a Trieste, dove espone, a 4 anni di distanza, all’Art Gallery di Fabio Fonda.


Lo fa con immagini stravaganti generate dall’innesto di vari elettrodomestici nelle teste (nella mente) delle dame del Pollaiolo creando così un anacronismo lampante, ma anche con la rappresentazione di pesci (pensieri) immersi all’interno o all’esterno della “boccia” cranica di donne contemporanee, oppure con ritratti maschili trasformati dall’inserimento di marchingegni casalinghi in “soldatini”.

 

Dunque la testa, la mente, è al centro dei nuovi cicli pittorici di Vania Elettra Tam, sia nel caso di Tecnologica-mente, il ciclo pittorico dove i crani non sono semplicemente sormontati ma si mutano in protuberanze elettroniche, dissacrante parodia de “l’uomo moltiplicato” marinettiano, sia in Natural-mente, la ricerca più recente e intima dell’artista, dove pesci allegorici, che simboleggiano differenti stati mentali, fluttuano in cerca di una condizione ottimale.

orari: 

martedì giorno di chiusura gli altri giorni dalle 17 alle 21
o su appuntamento
info@fabiofonda.art
+39 3492200426
#portopiccolo #lifeinportopiccolo
facebook.com/sistianaportopiccolo

]]>