Riapre la mostra di Giorgio Butini a Sesto Fiorentino

20/mag/2020 12:08:21 La Soffitta Spazio delle Arti Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 30 giorni fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
 Riapre venerdì 22 maggio a Sesto Fiorentino 

presso La Soffitta Spazio delle Arti di Colonnata

la mostra dello scultore ex allievo di Antonio Berti


IL “di-VINO” DI GIORGIO BUTINI

Visitabile fino al 21 giugno


Venerdì 22 maggio riapre a Sesto Fiorentino, dopo due mesi di sospensione, la mostra di scultura di-VINO dedicata all’ultimo ciclo di opere dell’artista fiorentino Giorgio Butini.

Ad ospitare questo evento espositivo è La Soffitta Spazio delle Arti, la storica galleria del Circolo Arci-Unione Operaia di Colonnata. Il circolo riapre i battenti, dopo la chiusura per le misure anti Covid19 del 9 marzo scorso, rimettendo in funzione la pizzeria interna che fornirà, per ora, il solo servizio di asporto. Parallelamente, nel pieno rispetto delle norme sul contenimento del contagio, riapre anche la mostra di Butini che è ospitata al secondo piano della struttura nei locali de La Soffitta ed è stata inaugurata il primo marzo.

Per dare a tutti gli appassionati d’arte la possibilità di godere delle splendide opere esposte la rassegna è stata procrastinata sino al 21 giugno. L’accesso sarà consentito solo a chi indosserà la mascherina protettiva e ad un massimo di 5 persone per volta in modo da consentire il mantenimento della distanza di sicurezza nelle sale espositive.

Giorgio Butini è nato a Firenze il 25 febbraio 1965. Ha frequentato il Liceo artistico “Cavour” a Firenze, svolgendo contemporaneamente attività formative presso botteghe private di famosi artisti. Ha compiuto anche studi approfonditi sul corpo umano frequentando corsi di anatomia presso l’Università di Firenze. Nel 1982 ha conosciuto lo scultore sestese Antonio Berti e ha frequentare assiduamente la sua bottega. Dal 1985 al 1989 è entrato a far parte, come allievo, dell’Accademia privata dell’artista Raimondo Riachi a Firenze, ambiente che ho continuato a seguire come collaboratore dal 1990 al 1994. La formazione presso questa bottega gli ha permesso di acquisire una vasta esperienza in molteplici discipline e tecniche, specializzandomi sia come scultore sui materiali più vari (marmo, pietra, creta, bronzo, alabastro) che come pittore. La sua esperienza si è poi estesa anche all’arte orafa, e al restauro.

Nel dettaglio, in mostra si possono ammirare le opere di alcuni cicli particolari: Anima e veli, dedicate al dramma della Siria, realizzate in ghisa fusa e alte circa due metri; l’Aquila Salutis, una scultura realizzata per la città di L’Aquila e ricordo delle vittime del terremoto del 2009; di-VINO, che dà il titolo alla mostra: si tratta di un ciclo di dieci opere bronzee dedicate alla mitologia greca e legate al nettare della terra, il vino. Le creazioni di quest’ultimo ciclo sono state messe a disposizione dal collezionista Luca Niccolai.

La mostra di-VINO sarà aperta sino al 21 giugno, ad ingresso libero, con i seguenti orari: domenica 10,30-12,30 e 16-19, sabato e feriali 16-19, lunedì chiuso.


La Soffitta Spazio delle Arti

c/o Circolo Arci-Unione Operaia di Colonnata

Piazza Rapisardi, 6 - Sesto Fiorentino (FI) 

info: 335.6136979 - e-mail: ufficiostampa@lasoffittaspaziodellearti.it

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl