SAVE THE DATE | Evgeny Antufiev @ Chiesa Delle Scalze, Napoli | Opening sabato 21 settembre 2019 ore 12.00

11/set/2019 12:34:07 z2o Galleria - Sara Zanin Contatta l'autore

 
Evgeny Antufiev
Dead Nations: Golden Age Version

a cura di Marina Dacci
 
Opening e performance sabato 21 settembre 2019 | ore 12.00
Performance ore 13.00
21 settembre - 25 ottobre 2019
 
Chiesa di San Giuseppe Delle Scalze
Salita Pontecorvo, Napoli

 
Cosa mettiamo della nostra storia in una capsula del tempo? 
Che tracce lasciamo?

La chiesa di San Giuseppe delle Scalze accoglie le opere di Evgeny Antufiev nel mistero della sua penombra e delle sue ferite.

Il progetto è un inventario, una spremitura della nostra identità, una narrazione per immagini di valori, fragilità, desiderio di potere e di immortalità che hanno caratterizzato l'andamento della nostra storia. ... Antufiev lascia tracce, una sorta di "eredità" di un'epoca finita o che sta per finire, ma che ha l'ambizione di rivolgersi a una qualche posterità, spinta da un horror vacui per paura di scomparire, di estinguersi.

L'artista si confronta con un'architettura religiosa; si interroga sull'idea di chiesa intesa non solo come luogo di preghiera, ma come depositaria di un racconto della storia umana, dell'essenza dell'umano: pregna di segni, di segreti da scoprire. Declina lo spazio come una capsula del tempo, una navicella in cui chi giunge dal futuro rinviene artefatti e oggetti simbolici che testimoniano ciò che l'uomo ha prodotto e ha voluto lasciare nel suo passaggio. L'immortalità nella memoria è cosa nota: qui Antico e Futuribile si mescolano in una sorta di game in cui aleggia il mistero.

Tutta la mostra è un racconto aperto a interpretazioni multiple che scardinano la dimensione spazio temporale in cui l'energia si sviluppa in un processo circolare grazie anche a una commistione formale tra il pop e la rilettura della cultura classica.

Al centro della navata una tenda, un tempio nel tempio, che accoglie la scacchiera del destino realizzata in ceramica e bronzo e un mosaico incompiuto con oggetti di scavo: reperti di un'antica civiltà. La tenda è segnata sulle pareti esterne da graffiti che richiamano la relazione tra permanenza e impermanenza.

Nei pressi dell'abside, è sospesa una gigantesca maschera d'oro, affiancata da due guerrieri: immagini illusorie che si presentano con prepotenza fluttuando in uno spazio dal tetto squarciato. Mistero sul futuro o riflessione amara sul presente?

Nella mostra la presenza potente dell'oro rimanda al suo valore simbolico e alla sacralità dell'immagine divina, ma anche ad un'irrefrenabile ricerca umana del potere e del denaro che spesso sono stati causa di declino e caduta nel corso della storia e coazione al consumo in quella attuale. Nel transetto e nelle nicchie laterali sono collocati vasi in ceramica di grande formato su cui sono inscritti segni e figure che riconducono al tema/desiderio di immortalità e due vetrine; la prima accoglie piccole fusioni di figure immaginifiche della nostra mitologia (o forse superfetazioni biologiche di cui siamo gli artefici?), la seconda ospita fusioni di forma esagonale come celle di un alveare. L'esagono, dal significato specifico nella geometria sacra delle antiche culture, è anche la forma dell'esagono solare: l'impronta magnetica del sole il suo ritmo che ha dato vita e dà vita al nostro universo.

Il colore dorato si ripresenta in molte opere: una parete della chiesa è trattata come una quinta teatrale; in altri spazi e pertugi dell'edificio sono collocati piccoli fiori, farfalle, uccelli, a testimoniare la costante tensione umana per una fusione col mondo naturale e la sua ambivalente complessità.

Infine un'opera ripropone come in un video game l'iconografia degli oggetti presenti nella chiesa: uno sguardo sul reale mediato dalla tecnologia, uno sguardo che, come in una science fiction, osserva dall'esterno la nostra storia passata e presente con gli occhi del futuro.

Durante l'inaugurazione dalla balconata della chiesa sarà eseguito un brano per sola voce composto dall'artista. Coriandoli dorati, sparati al termine dell'esecuzione canora, resteranno depositati sul pavimento della navata: frammenti di una festa consumata nel lusso di nazioni al declino.
Marina Dacci


La mostra ha ricevuto il matronato della Fondazione Donnaregina per le arti contemporanee / museo MADRE di Napoli.
 
Si ringraziano tutte le associazioni che formano il coordinamento Le Scalze per la disponibilità all'uso dello spazio e per la collaborazione.

 
 
 
Evgeny Antufiev (Kyzyl, Tuva, Russia, 1986) vive e lavora a Mosca.       
Dopo gli studi all'Institute of Contemporary Art (ICA) di Mosca, nel 2009 vince il Kandinsky Prize nella categoria "The young artist. Project of the Year".  
Nel 2019 è stato invitato a partecipare alla 5° edizione della Biennale degli Urali e ha preso parte alla mostra collettiva Jeunes artistes en Europe - Les métamorphoses presso la Fondazione Cartier di Parigi. 
Nel 2018 ha partecipato a Manifesta 12, a Palermo, con When art became part of the landscape. Chapter I, un progetto speciale per il Museo Salinas a cura di Marina Dacci e Giusi Diana. Successivamente, sempre nello stesso anno, ha realizzato una personale, When art became part of the landscape: part 3, presso il Multimedia Art Museum di Mosca e una bi-personale al Konekov Museum di Mosca. Nel corso del 2017 ha esposto al MHKA - Museum of Contemporary Art di Anversa, che ha acquisito i lavori, al MOSTYN Museum in Inghilterra, in collaborazione con la Collezione Maramotti e z2o Sara Zanin Gallery e alla Garage Triennale of Contemporary Art al Garage Museum di Mosca. Nel 2016 è stato invitato da Christian Jankowski a partecipare a Manifesta 11 con un progetto speciale. Nello stesso anno due suoi lavori sono stati battuti all'asta presso Phillips London e a settembre 2016 ha realizzato la performance presso la Whitechapel di Londra nella cornice di Cabaret Kultura With V-A-C Live. I suoi progetti sono stati presentati presso la z2o Sara Zanin Gallery di Roma 2015 e 2017, al MMOMA di Mosca 2015. Inoltre ha esposto con mostre personali alla Collezione Maramotti Reggio Emilia (2013) e al Multimedia Art Museum di Mosca (2014) ed ha partecipato a numerose mostre collettive in luoghi prestigiosi, tra cui il New Museum, New York (2011) e il Palais de Tokyo, Parigi (2012). 
I suoi lavori sono presenti in importanti musei e collezioni:
TATE Modern, Londra; Collezione Maramotti, Reggio Emilia; MHKA - Museum of Contemporary Art, Anversa, Belgio; Collezione Agovino, Napoli; Collezione De Iorio, Trento; Jean-Pierre Rammant Collection, Belgio; Vittorio Gaddi Collection, Lucca, Nomas Foundation, Roma.


z2o Sara Zanin Gallery - Via della Vetrina 21, 00186 Roma T +39 06 70452261
info@z2ogalleria.it z2ogalleria.it 

Opening Hours: Mon - Fri 1 - 7 pm (or by appointment); Sat by appointment


 

FOLLOW US


 

Like us on Facebook   Follow us on Twitter   View on Instagram  View our profile on LinkedIn  

z2o Galleria Sara Zanin, Via della Vetrina 21, Rome, 00186 Italy
Sent by info@z2ogalleria.it in collaboration with
Constant Contact
Try email marketing for free today!
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl