Erminio Annunzi "Nel Buio si cela la Luce"

03/apr/2019 10:29:32 Studio De Angelis Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 3 mesi fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Red Lab Gallery/Miele

Via Solari 46, Milano

5 aprile – 10 maggio 2019

Ingresso libero

 

Opening: venerdì 5 aprile, dalle 18,30

 

Orari di apertura

da lunedì a venerdì 15.00-19.00

sabato 10.00-12.30; 15.00-19.00

 

Informazioni al pubblico | info@redlabgallery.com

 

Immagini ad alta risoluzione

 https://drive.google.com/drive/folders/1qj6ZZnp2EBwW9CrLxNN-ajdPOGjL-ROD 

 

“Per questo viaggio attraverso le immagini ho usato l’ambiente di natura in quanto simbolo delle difficoltà, icona di vita e morte e continua lotta tra il buio e la luce”

 (Erminio Annunzi)

Il bosco come spazio vivente, gli alberi come protagonisti assoluti e testimoni del tempo, la fotografia come espressione intima e poetica di un racconto autobiografico.

Red Lab Gallery/Miele, di via Solari 46 a Milano, presenta, dal 5 aprile al 10 maggio 2019, la mostra fotografica di Erminio Annunzi Nel Buio si cela la Luce, a cura di Gigliola Foschi.

Nel Buio si cela la Luce, penultima di quattro esposizioni personali unite dal tema “Ascoltare la Terra”, è il cammino interiore che l’autore compie in punta di piedi dentro se stesso attraverso i paesaggi notturni di una natura a lui molto vicina e cara, i boschi presso il fiume Ticino.

L’oscurità che diviene metafora delle oscurità di ognuno di noi, e che, per Erminio Annunzi, rappresenta la caducità dell’esistenza, la fragile dimensione umana, quello “oscuro sprofondamento” di fronte al quale si è trovato all’improvviso costringendolo a trovare la luce, speranza e fuga magica, come nelle fiabe.

La natura di Annunzi, centro della sua fotografia, appare nel silenzio notturno quasi invalicabile, indomita e divina nella maestosità di quel buio che amplifica sensazioni e silenzi, e trasforma il buio in paura, angoscia, tremore.

Gigliola Foschi: “Questo autore-alchimista sa trasformare la fotografia in un’avventura meditativa, in un percorso dentro di sé che è anche ascolto della natura e della sua voce. Tale viaggio interiore Annunzi lo compie anche grazie a un’immersione dentro il linguaggio fotografico, che lui indaga e rinnova dall’interno, secondo un processo creativo che si sviluppa dallo scatto alla elaborazione delle sue piccole e preziose stampe finali. Stampe che invitano alla vicinanza, a quell’ascolto e prossimità che nutrono il suo stesso vedere”. 

La ricerca fotografica di Erminio Annunzi, fortemente introspettiva ed evocativa, contiene tuttavia una fede profonda che si esprime in una luce delicata ma ben visibile che si appoggia su foglie, rami e tronchi con delicatezza, sebbene non si capisca bene da dove provenga. Una luce che dipana le tenebre e restituisce con gesto poetico la speranza in una vegetazione lussureggiante.  

I racconti fotografici all’interno della Red Lab Gallery vengono ulteriormente esaltati grazie a una innovativa modalità di allestimento, il sistema photoSHOWall: moduli-cornice che possono ospitare foto singole originali in tiratura limitata o scomposizioni inedite.

In occasione della mostra Nel Buio si cela la Luce il disegnatore Giovanni Manzoni espone in vetrina un lightbox site specific dal titolo "La Danza firmata in bianco" a cura di Michela Ongaretti, interpretando lo stesso tema con differenti strumenti ed esplorando con il proprio stile suggestioni comuni al mondo del fotografo Erminio Annunzi.

Durante tutte le inaugurazioni delle mostre del ciclo “Ascoltare la Terra”, lo chef Cristiano Bonolo proporrà ricette pensate per incoraggiare uno stile di vita sano e naturale, nel rispetto del Pianeta.

Il progetto “Ascoltare la Terra”, dopo le mostre di Bruna Rotunno, Ulderico Tramacere e Erminio Annunzi, avrà come ultima esposizione la mostra Atlas di Alessandra Baldoni (giugno/luglio 2019).

 

WORKSHOP / Sabato 5 Maggio, 14.30-17.30

“Manipolazione fotografica con pigmenti al Carbone e alla Grafite”

Sabato 5 maggio Erminio Annunzi terrà un workshop dedicato a quanti, nell’opera fotografica, non si limitano alla semplice riproduzione, ma cercano una maggiore profondità creativa in grado di rappresentare con efficacia il loro pensiero fotografico.

Grazie alla manipolazione con pigmenti al carbone e alla grafite, verrà mostrato come aggiungere ulteriore creatività alle fotografie e generare opere uniche, sia nella loro artigianalità sia nel loro particolare mood.

Verranno illustrati quali sono i supporti idonei (Carte cotone artistiche Acid Free) per questa tipologia tecnica, come si stendono i pigmenti e come si modella l’immagine tramite adeguate gomme artistiche.

Il materiale per lo svolgimento del WS sarà messo a disposizione direttamente dall’artista. Per iscrizioni: info@redlabgallery.com

 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl