C.S. La strana coppia - bipersonale Hissenhoven e Fabius Tita - 18 sett | 4 ott 2018 - Galleria Francesco Zanuso - Milano

07/set/2018 20:37:38 Frattura Scomposta Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 6 mesi fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Alla cortese attenzione della redazione:

Martedì 18 settembre dalle 18 alle 21, la Galleria Francesco Zanuso in Corso di Porta Vigentina 26 a Milano, presenta "La strana coppia",
una doppia personale degli artisti Marie-Laure van Hissenhoven e Fabius Tita. La mostra si protrarrà fino a giovedì 4 ottobre.

In allegato il comunicato stampa ed alcune immagini.

Grazie per l'attenzione
Cordiali saluti

Sergio Curtacci
in collaborazione con Frattura Scomposta
www.fratturascomposta.it

_____________________________

La strana coppia
Marie-Laure van Hissenhoven e Fabius Tita

inaugurazione martedì 18 settembre dalle 18 alle 21
18 sett | 4 ott 2018

Galleria Francesco Zanuso
Corso di Porta Vigentina 26 - 20122 Milano

In mostra i romantici oli raffiguranti paesaggi immaginari e città ipertecnologiche della raffinata artista belga Marie-Laure van
Hissenhoven, si alternano alle potenti sculture metalliche che incarnano fiabistiche figure zoomorfe e antropomorfe realizzate
dell’artista romagnolo Fabius Tita.
Ad un primo sguardo potrebbe sembrare che la “strana coppia” non avesse nulla in comune, ma spingendoci più a fondo notiamo un fattore
che li unisce: entrambi celebrano l’umanità senza mai raffigurarla.

Marie-Laure van Hissenhoven (Uccle Belgio 1957) dipinge una mondo […] ove l’uomo è assente o virtuale -pur essendo il Demiurgo dei
manufatti rappresentati- ove regnano disincanto, isolamento, lontananze. L’assenza della figura, per contro, non significa disinteresse
dell’artista nei confronti della “dimensione umana” che sottende al contrario tutte le rappresentazioni, esclusa dall’artista per motivi
di salvaguardia. […] (Ferruccio Battolini)

Fabius Tita (Riccione 1951) costruisce macchine fisiognomiche che evocano l’uomo attraverso i suoi oggetti. […] Seguendo un istinto
animistico recupera l’essenza archetipa dell’oggetto stesso riconducendo e ricostruendo in esso la rappresentazione della figura umana,
animale e vegetale. Le sue sculture sembrano assumere un carattere individuale ed una vita propria diventando esseri narrativi, quasi
fossero figuranti di un teatro meccanico urbano o esseri che appartengono ad un micro mondo domestico immaginifico. […] (Grazia Bonomo)

da lunedì a venerdì 15 - 19
venerdì e in altri orari su appuntamento

+39 335 6379291
francesco.zanuso@gmail.com
www.galleriafrancescozanuso.com

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl