Il sindaco di Cavriglia racconta la storia valdarnese di Giuliano Pini

25/mar/2018 15:49:27 La Soffitta Spazio delle Arti Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

E' forte il legame che si è creato fra Giuliano Pini

e Cavriglia, suo paese d'adozione nell'aretino



Il sindaco Degl'Innocenti o Sanni:

L'avere alcune sue opere in Comune

è un grande onore per noi”



Dal 25 marzo al 6 maggio Sesto Fiorentino ospita la mostra Giuliano Pini - Della libertà poetica organizzata dal Gruppo La Soffitta Spazio delle Arti del Circolo Arci-Unione Operaia di Colonnata con la collaborazione del Comune di Sesto Fiorentino e il patrocino del Comune di Cavriglia.

Per offrire una panoramica davvero completa della storia del grande artista fiorentino, non potevano mancare proprio le voci cavrigliesi, di quella cittadina, nel Valdarno aretino, dove Giuliano si è stabilito negli anni settanta e ottanta del secolo scorso insieme alla moglie Roberta. Lì ha instaurato rapporti umani fecondi e creato opere straordinarie.

A raccontare il Giuliano Pini di quegli anni è l'attuale primo cittadino di Cavriglia, Leonardo Degl'Innocenti o Sanni.

“ Per me �“ inizia il sindaco �“ è stato un onore aver avuto la possibilità di conoscere Giuliano Pini, artista che ha lasciato una traccia indelebile anche a Cavriglia.

  Negli anni trascorsi nel nostro Comune, infatti, Giuliano ha trovato slancio e vitalità artistica. Non solo. Vinta la riservatezza iniziale, il Maestro partecipò in maniera dinamica alle attività culturali, vivendo a pieno la nostra comunità, conoscendone e condividendone passioni e tradizioni. Un periodo al quale fu dedicata la mostra I miei anni a Cavriglia, ideata da Filippo Secciani e Ilaria Colzi, promossa nella primavera nel 2014 e ospitata nei locali del nostro Municipio. 

Nei giorni dell'esposizione, che coincisero con la mia elezione come sindaco, è maturata, grazie all'encomiabile generosità di Giuliano e dell'instancabile moglie Roberta,  la decisione di lasciare alcune opere della mostra ad impreziosire il palazzo comunale. Una scelta condivisa con reciproca soddisfazione dall'artista e dall'Amministrazione Comunale. Per me in quei giorni fu un gesto quasi spontaneo intitolare al Maestro, nel giugno 2014, la nostra sala della giunta”. 

“Nei secoli �“ prosegue Degl'Innocenti o Sanni �“ la nostra terra ha avuto l'opportunità e la fortuna di ospitare anche artisti e pittori di grande spessore. Tra questi c'è anche lui, uomo colto e sensibile che da queste parti con eleganza e discrezione ha lasciato profondamente il segno. Sarà nostro dovere continuare a celebrare la sua figura anche in futuro per tramandarne le qualità umane e artistiche a tutti coloro che non hanno avuto il privilegio di conoscerlo. Proprio in questi giorni abbiamo presentato il premio di pittura che porta il suo nome giunto nel 2018 alla seconda edizione.

Ad un anno dalla sua precoce scomparsa questo evento espositivo sarà particolarmente interessante, perché porterà di nuovo all'attenzione di tutti, le opere di un'artista che continuerà ad ispirare le nostre vite, a Cavriglia così come a Sesto Fiorentino”.

La mostra Giuliano Pini - Della libertà poeticaincarna l'ottava edizione del progetto culturale AltoBasso che unisce in un unico appuntamento espositivo le due “anime” artistiche di Sesto Fiorentino: La Soffitta Spazio delle Arti, storica galleria del Circolo Arci-Unione Operaia in piazza Mario Rapisardi a Colonnata (l'Alto) e il Centro espositivo Antonio Berti in via Bernini (il Basso).

L'antologica sarà inaugurata domenica 25 marzo alle ore 11 presso il Centro Espositivo Antonio Berti in via Bernini a Sesto Fiorentino. A seguire vi sarà l'apertura anche delle sale espositive de La Soffitta Spazio delle Arti.

L'orario di visita è il seguente: dal martedì al sabato 16-19; festivi 10,30-12,30 e 16-19; lunedì chiuso. L'ingresso è gratuito.



Sedi espositive

Centro Espositivo “Antonio Berti”  - Via Bernini, 35 - Sesto Fiorentino (FI)

La Soffitta Spazio delle Arti  c/o Circolo Arci di Colonnata - Piazza M. Rapisardi, 6 - Sesto Fiorentino (FI)

Ufficio stampa: ufficiostampa@lasoffittaspaziodellearti.it

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl