Colazione a Istanbul

13/mar/2018 16:38:07 exfabbricadellebambole associazione Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 3 mesi fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

<!-- /* Style Definitions */ p.MsoNormal, li.MsoNormal, div.MsoNormal {mso-style-unhide:no; mso-style-qformat:yes; mso-style-parent:""; margin:0cm; margin-bottom:.0001pt; mso-pagination:widow-orphan; font-size:12.0pt; font-family:"Times New Roman"; mso-fareast-font-family:"Times New Roman";} .MsoChpDefault {mso-style-type:export-only; mso-default-props:yes; font-size:10.0pt; mso-ansi-font-size:10.0pt; mso-bidi-font-size:10.0pt;} @page WordSection1 {size:595.3pt 841.9pt; margin:70.85pt 2.0cm 2.0cm 2.0cm; mso-header-margin:35.4pt; mso-footer-margin:35.4pt; mso-paper-source:0;} div.WordSection1 {page:WordSection1;} -->

La vita quotidiana è un insieme di gesti quasi casuali di cui non si conosce mai il senso o l’ordine nello spazio e nel tempo.

I gesti quotidiani si fanno e si “buttano via” per farne degli altri.

Nella pittura di Enrico Porro troviamo questi piccoli gesti rubati all’intimità e poi conservati e raccontati in un diario di viaggio.

Nel suo raffinato lavoro c’è la ricerca di un sentimento chiaro, con un linguaggio chiaro, senza ombre, dove un filo di luce rubato dall’esterno traccia le linee guida di una poetica molto personale, dove declinare dei verbi al femminile: sentire, proteggere, racchiudere, pazientare, amare.

Come nella meticolosa lavorazione di un tappeto persiano, Enrico tesse eteree forme che racchiudono e proteggono.

Colazione a Istanbul è una mostra che ci porta in un viaggio alle porte d’oriente, dove  l’ascolto di se stessi invita alla meditazione.

C’è qualcosa di religioso che affiora dalle sue opere, selezionando la realtà, semplificandola e riducendola al silenzio.

I suoi quadri si svolgono su una distesa di grigio, dove si intravede la linea del racconto e un intrigante texture giallo oro ci rimanda a tappezzerie damascate, tessuti preziosi di case viste o intraviste nel corso del viaggio.

Con gli spazi vuoti, semplici e spogli ci offre una pace serena, una pace, però, che dà brividi, sussulti, voci e momenti di grande riflessione.

 

Luca Rendina

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl