"Il mito antico dell'Eterno Femminino" conquista la platea di Sesto F.no

25/mag/2017 11.26.33 La Soffitta Spazio delle Arti Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 3 mesi fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Un successo la conferenza di Giselle Odette Ruben

tenutasi martedì 23 maggio in via Corsi Salviati

e collegata alla mostra “La Vergine e la Femme Fatale”


"Il mito antico dell'Eterno Femminino"

conquista la platea di Sesto Fiorentino


Si è completamente gremita la sala della sede dell'Associazione Archeosofica di Sesto Fiorentino in via Corsi Salviati che, martedì 23 maggio alle 21,30, ha ospitato la conferenza “Il mito antico dell'Eterno Femminino” a cura di Odette Giselle Ruben che ha voluto approfondire i temi già toccati nell'incontro dell'11 maggio alla biblioteca comunale Ernesto Ragionieri di Doccia.

Entrambi gli appuntamenti hanno preso spunto dalla ricca collezione di opere della mostra “La Vergine e la Femme Fatale”dedicata all'immaginario femminile nel Simbolismo e nell'Art Nouveau.Inaugurata lo scorso 26 marzo e organizzata da Comune di Sesto Fiorentino e La Soffitta Spazio delle Arti, l'esposizione è inserita nel progetto AltoBasso che unisce con un unico evento le due storiche sale d'arte della città: La Soffitta Spazio delle Arti del Circolo Arci-Unione Operaia di Colonnata (l'Alto) e il centro Antonio Berti di via Bernini (il Basso).

“Quando ho visto la mostra �“ ha esordito Odette Ruben �“ sono rimasta affascinata per la ricchezza della collezione e la varietà delle tecniche grafiche che si potevano ammirare. Vanno fatti i complimenti a chi ha organizzato, il coordinatore è Francesco Mariani, e a chi ha raccolto negli anni queste opere, il collezionista e curatore è Emanuele Bardazzi. Osservando bene è emerso subito che nel complesso si potevano leggere due visioni dell'Eterno Femminino, una antitetica all'altra: quella negativa, demoniaca, e quella solare, spirituale. E' per questo che ho voluto analizzare un argomento che è presente da sempre in tutte le culture, da quelle antiche sino ai giorni nostri, e che è centrale per sviluppare la coscienza umana”.

Odette Ruben ha spiegato il modo in cui è stata rappresentata la donna dall'era degli egizi sino alla scuola dei Preraffaelliti mettendo a confronto opere con figure morbose ad altre con immagini angeliche. Il pubblico è stato così accompagnato in un affascinante percorso che li ha portati a comprendere il significato profondo di Eterno Femminino partendo dai testi sacri che raccontano la creazione dell'Adamo e dell'Eva cosmici.

“Anche le opere d'arte �“ ha chiosato Odette Ruben �“ ci dicono, insomma, che dobbiamo fare un salto di livello interiore e armarci, come fa la stupenda Giovanna d'Arco di Eugène Grasset esposta alla mostra, per far nascere una società con qualità mentali, morali e progettuali basate su amore e fratellanza”.

La mostra “La Vergine e la Femme Fatale” è visitabile sino a domenica 28 maggio. Gli orari sono i seguenti: dalle 16 alle 19 sino a sabato, dalle 10 alle 12 e dalle 16 alle 19 domenica.



Sedi espositive

Centro espositivo “Antonio Berti” - Via Bernini, 57 - Sesto Fiorentino (FI)

La Soffitta Spazio delle Arti c/o Circolo Arci di Colonnata - Piazza M. Rapisardi, 6 - Sesto Fiorentino (FI)

Contatti stampa: ufficiostampa@lasoffittaspaziodellearti.it - g.rizzo@comune.sesto-fiorentino.fi.it

per info: 335.6136979

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl